Forum per ecologisti

Forum per ecologisti

Messaggio Tatyana S. »17 marzo 2009, 01:31

Re: MPC di potassio in acqua per uso domestico

Messaggio SE »17 marzo 2009, 01:32

MPC sospesa in acqua

Post Elza »17 marzo 2009, 01:32

Oggetto: MPC ha sospeso la materia in acqua

Messaggio di fuoco »17 marzo 2009, 01:32

Oggetto: MPC ha sospeso la materia in acqua

Post Elza »17 marzo 2009, 01:32

Oggetto: MPC ha sospeso la materia in acqua

Messaggio Olga_M »17 marzo 2009, 01:32

Norme per l'acqua (hozbyt, bere, allevamento ittico)

Pubblica INNA-eco »17 marzo 2009, 01:32

Oggetto: MPC ha sospeso la materia in acqua

Messaggio ro_ »17 marzo 2009, 01:32

Norme per l'acqua (hozbyt, bere, allevamento ittico)

Pubblica INNA-eco »17 marzo 2009, 01:32

Messaggio tanita »17 marzo 2009, 01:33

Re: MAC

Messaggio olga spb »17 marzo 2009, 01:33

responsabilità

Il forum "Forum for Ecologists" è disponibile al pubblico per tutti gli utenti registrati e opera in conformità con la legislazione vigente della Federazione Russa.
L'amministrazione del forum non controlla e non può essere ritenuta responsabile per le informazioni pubblicate dagli utenti nel forum Forum per gli ecologisti.
Allo stesso tempo, l'amministrazione del forum ha un atteggiamento molto negativo nei confronti della violazione del copyright sul territorio del forum per gli ecologisti.
Pertanto, se sei il proprietario di diritti di proprietà esclusivi, tra cui:

1.2 Concentrazioni massime ammissibili di sostanze nocive

I MAC sono stabiliti per vari habitat di organismi viventi (aria-terra, acqua, suolo), per prodotti alimentari, ecc.

2.1.1. PDK di sostanze nocive nell'atmosfera

Per la valutazione sanitaria dell'aria, vengono stabiliti diversi tipi di MPC: nell'aria dell'area di lavoro - MPCRZ(impianti di produzione); sul territorio di un'impresa industriale - MPCpp(in genere viene preso il valore 0.3PDCRZ); nell'aria atmosferica dell'insediamento - MPCinsediamento.

Le specifiche dell'istituzione di MPCRZe MPCinsediamentoconsiste nel fatto che nel primo caso la sostanza agisce per adulti in buona salute per un periodo di tempo limitato dalla giornata lavorativa e dall'esperienza lavorativa, e nel secondo caso per tutte le persone 24 ore su 24 e per tutta la vita. Pertanto, due valori MAC sono impostati nell'aria di un'area popolata (Figura 2): MAC giornalieri mediSS(al fine di prevenire effetti tossici generali sul corpo umano) e MPC massimo una tantumm(per prevenire reazioni riflesse negli esseri umani con un'esposizione di 20 minuti agli inquinanti).

Fig. 2 - Approccio alla definizione di MPC

MPCRZ> MPCNP. Ad esempio, MPC di anidride solforosa sono i seguenti:

Attualmente, ci sono "concentrazioni massime ammissibili di gas nocivi, vapori e aerosol nell'aria dell'area di lavoro" e "concentrazioni massime ammissibili di sostanze nocive nell'aria atmosferica delle aree popolate". Il secondo documento normativo include i MAC per più di 100 inquinanti, alcuni dei quali sono riportati nell'appendice.

1.2.2 PDK di sostanze nocive nell'ambiente acquatico

Nel nostro paese non esistono standard nazionali uniformi per la qualità dell'acqua, poiché la sua idoneità è determinata dalle esigenze specifiche dei singoli tipi di utilizzo dell'acqua.

La qualità delle acque superficiali è normalizzata per uso domestico, potabile, domestico e della pesca. Per le prime due categorie, le norme igienico-sanitarie sono decisive (Tabella 2).

Per l'acqua sono state stabilite concentrazioni massime ammissibili di oltre 960 composti chimici raggruppati in tre gruppi in base ai seguenti indicatori limitanti di rischio: sanitario-tossicologico (pp.), Sanitario generale (totale) e organolettico (org.). L'MPC di alcune sostanze nocive nell'ambiente acquatico è riportato nell'Appendice. I più alti requisiti per l'acqua potabile.Lo standard statale per l'acqua utilizzata per bere, "Acqua Potabile" determina la qualità organolettica della qualità dell'acqua favorevole per l'uomo: gusto, odore, colore, trasparenza, così come l'innocuità della sua composizione chimica e sicurezza epidemiologica.Gli stessi requisiti sono imposti all'acqua da qualsiasi fonte di approvvigionamento idrico indipendentemente dal metodo di trattamento e dalla progettazione del sistema di presa dell'acqua e di approvvigionamento idrico.L'acqua potabile in qualsiasi momento dell'anno non deve contenere meno di 4 mg / dm 3 di ossigeno e la presenza di impurità minerali in esso contenute (mg / dm 3) non deve superare: 350 cloruri; solfati - 50; ferro totale (Fe 2+ e Fe 3+) - 0.3; manganese (Mn 2+) - 0,1; rame (Cu 2+) - 1,0; zinco (Zn 2+) - 5.0; alluminio (Al 3+) - 5.0; residuo secco - 1000.

Tabella 2 - Requisiti generali per la composizione e le proprietà dell'acqua dei corpi idrici utilizzati per uso domestico, potabile e domestico

Capitolo 3. Qualità ambientale

3.4. Qualità dell'acqua

3.4.5. Razionamento dell'inquinamento idrico

Il razionamento della qualità dell'acqua consiste nello stabilire per l'acqua di un oggetto d'acqua indicatori ammissibili della sua composizione e proprietà che garantiscano la sicurezza per la salute pubblica, condizioni favorevoli per l'uso dell'acqua e il benessere ecologico del corpo idrico.

La concentrazione massima ammissibile (MPC) delle sostanze nell'acqua è la concentrazione di una sostanza, oltre la quale diventa inadatta per uno o più tipi di utilizzo dell'acqua.

Concentrazione massima ammissibile (MACnel) sostanze nell'acqua del serbatoio di uso domestico e culturale e dell'acqua - è la concentrazione di una sostanza nociva in acqua che non dovrebbe influenzare direttamente o indirettamente il corpo umano per tutta la sua vita e la salute delle generazioni successive e non dovrebbe compromettere le condizioni igieniche del consumo idrico.

Concentrazione massima ammissibile (MACBP) sostanze nell'acqua del bacino idrico utilizzato per la pesca - è la concentrazione della sostanza nociva nell'acqua, che non dovrebbe avere un effetto nocivo sulle popolazioni di pesci, in particolare di pesci industriali.

Ai fini della regolamentazione razionale, il Ministero delle risorse naturali della Federazione Russa ha stabilito i seguenti tipi di utilizzo dell'acqua:

· Acqua potabile. L'uso di corpi idrici o dei loro appezzamenti come fonti di approvvigionamento di acqua potabile, nonché per la fornitura di imprese dell'industria alimentare, è indicato come uso di acqua potabile. In conformità con Sanitary Rules and Regulations SanPin 2.1.4.559-96, l'acqua potabile deve essere epidemica e resistente alle radiazioni, innocua per composizione chimica e deve avere proprietà organolettiche favorevoli;

· Uso dell'acqua domestico. L'uso dell'acqua culturale e domestica include l'uso di corpi idrici per il nuoto, lo sport e la ricreazione della popolazione. I requisiti per la qualità dell'acqua stabiliti per uso dell'acqua culturale e di comunità si applicano a tutte le sezioni di corpi idrici entro i confini delle aree popolate, indipendentemente dal tipo di utilizzo di oggetti per l'habitat, la riproduzione e la migrazione di pesci e altri organismi acquatici;

· Uso dell'acqua di pesca. La gestione delle acque di pesca è associata alla pesca e all'allevamento di pesci e di altri abitanti dell'ambiente acquatico.

MAC nell'acqua potabile e per usi culturali e domestici (MACc) stabilire tenendo conto di tre indicatori di danno:

MPC in acqua per uso in acqua della pesca (MPCBP) stabilito tenendo conto dei cinque indicatori di pericolosità:

Indicatore tossicologico sanitario caratterizza gli effetti dannosi sul corpo umano.

L'indicatore sanitario (tutto sanitario) determina l'effetto di una sostanza sui processi di auto-purificazione naturale dell'acqua a causa di reazioni biochimiche e chimiche con la partecipazione della microflora naturale.

L'indicatore organolettico del danno caratterizza la capacità di una sostanza di modificare le proprietà organolettiche dell'acqua.

L'indicatore tossicologico determina la tossicità di sostanze nocive per gli organismi viventi che vivono in un corpo idrico.

L'indicatore del rischio di pesca determina il deterioramento della qualità del pesce commerciale.

Quando più sostanze entrano nei corpi idrici con lo stesso segnale di pericolo e tenendo conto degli inquinanti che entrano nei corpi idrici da altre fonti di inquinamento, la somma del rapporto delle concentrazioni Cio ciascuna delle sostanze nel corpo idrico del MAC corrispondente non dovrebbe eccedere una, cioè (f 3.20):

Il significato dell'indicatore di pericolo Ps per corpi idrici uguali a quelli per l'aria (vedi f 3.20).

In termini reali, l'effetto nocivo può essere molto più dannoso di quello determinato dalla sommatoria semplice a causa della formazione di nuove sostanze più tossiche durante le reazioni chimiche o aumentando l'effetto a temperature elevate.

Molto spesso, un indice idrochimico di inquinamento idrico da parte di un WPI viene utilizzato per valutare la qualità dei corpi idrici (Riferimento..., 1999).

L'indice di inquinamento idrico è generalmente calcolato in base a 6-7 indicatori, che possono essere considerati idrochimici. Indicatori come concentrazione di ossigeno disciolto, pH, pH, consumo biologico di ossigeno BOD5 sono richiesti:

dove Cio - concentrazione di inquinanti; N è il numero di indicatori utilizzati per calcolare l'indice; MPCio - il valore stabilito per il tipo di corpo idrico pertinente.

MAC di un certo numero di sostanze nocive per gli oggetti d'acqua di bere e le installazioni domestiche sono date in Tavola. 3.22. Per l'acqua, le concentrazioni massime ammissibili sono fissate per quasi 1000 sostanze.

MPC di sostanze nocive in oggetti di acqua potabile

Concentrazioni massime ammissibili (MPC) di acque reflue

Come risultato dei processi di produzione di un'impresa, le acque reflue sono formate con varie caratteristiche che richiedono la pulizia prima dello scarico nel sistema fognario.

Secondo la portata delle attività produttive, acque reflue possono contenere una varietà di contaminanti. Ad esempio, acque reflue metallurgica piante contengono metalli colorati e ferro, minerali sospesi, solfati, cloruri, resine, oli, acido solforico e solfato di ferro.

Le acque reflue delle raffinerie di petrolio sono inquinate da petrolio e prodotti petroliferi, cloruri, solidi sospesi.

Le industrie del coke-chimico scaricano resine, oli, fenoli, ammoniaca, cianuri, rodanidi, sali e una grande quantità di acidi inorganici, solidi sospesi.

Le acque reflue dell'industria della cellulosa e della carta contengono materia organica, fibre, caolino e altri composti.

I principali inquinanti delle società di ingegneria delle acque reflue includono cianuro, cromo, olio e incrostazioni.

Gli inquinanti delle imprese tessili sono coloranti, tensioattivi anionici e non ionici.

MAC regionali nella Federazione Russa e nell'Unione Europea

Indicatori della qualità dell'acqua, prodotti chimici

Concentrazioni massime ammissibili di MPC di acque reflue di imprese industriali:

Composizione dell'acqua

Proprietà chimiche dell'acqua

ossidabilità

L'ossidabilità indica la quantità di ossigeno in milligrammi richiesta per l'ossidazione di materia organica contenuta in 1 dm³ di acqua.

Le acque di superficie e sotterranee hanno ossidabilità diversa: nelle acque sotterranee, l'entità dell'ossidabilità è insignificante, ad eccezione delle acque paludose e delle acque dei giacimenti petroliferi. L'ossidabilità dei fiumi di montagna è inferiore a quella delle pianure. Il più alto valore di ossidabilità (fino a decine di mg / dm³) è nei fiumi con acqua di palude.

L'entità dell'ossidabilità cambia regolarmente durante l'anno. L'ossidabilità è caratterizzata da diversi valori: permanganato, bicromato, ossidabilità dei iodati (a seconda dell'ossidante utilizzato).

Il MPC di ossidazione dell'acqua ha i seguenti significati: il consumo di ossigeno chimico o l'ossidabilità del bicromato (COD) dei corpi di acqua potabile non deve superare i 15 mg di O₂ / dm³. Per i serbatoi nelle aree ricreative, il valore COD non deve superare 30 mg O₂ / dm³.

il pH

L'indice di idrogeno (pH) dell'acqua naturale mostra il contenuto quantitativo dell'acido carbonico e dei suoi ioni.

Gli standard sanitari e igienici per i serbatoi di diversi tipi di utilizzo dell'acqua (potabile, pesca, aree ricreative) impostano il pH MPC nell'intervallo compreso tra 6,5-8,5.

La concentrazione di ioni idrogeno, espressa in pH, è uno degli indicatori più importanti della qualità dell'acqua. Il valore del pH è cruciale nel corso di numerosi processi chimici e biologici in acqua naturale. È il valore del pH che determina quali piante e organismi si svilupperanno in una determinata acqua, come gli elementi migreranno, il grado di corrosività dell'acqua nei confronti di strutture metalliche e in calcestruzzo dipende anche da questo valore.

Il valore del pH determina le vie di conversione dei nutrienti e il grado di tossicità degli inquinanti.

Durezza dell'acqua

La durezza dell'acqua naturale si manifesta a causa del contenuto di sali disciolti di calcio e magnesio in esso contenuti. Il contenuto totale di ioni di calcio e magnesio è la durezza totale. La rigidità può essere espressa in più unità, in pratica viene spesso utilizzato il valore di mg-eq / dm³.

L'elevata rigidità influisce sulle caratteristiche domestiche e sul sapore dell'acqua, ha un effetto negativo sulla salute umana.

L'MPC sulla durezza dell'acqua potabile è normalizzato ad un valore di 10,0 mg-eq / dm³.

Per i sistemi tecnici di riscaldamento ad acqua impongono requisiti più rigidi sulla rigidità di essi a causa della probabilità di formazione di incrostazioni nei condotti.

ammoniaca

La presenza di ammoniaca nell'acqua naturale è dovuta alla decomposizione di sostanze organiche contenenti azoto. Se si forma ammoniaca in acqua durante la decomposizione dei residui organici (contaminazione fecale), allora tale acqua non è adatta per bere. L'ammoniaca è determinata in acqua dal contenuto di ioni di ammonio NH₄⁺.

MPC di ammoniaca in acqua è 2,0 mg / dm³.

nitrito

I nitriti NO₂⁻ sono un prodotto intermedio dell'ossidazione biologica dell'ammoniaca ai nitrati. I processi di nitrificazione sono possibili solo in condizioni aerobiche, altrimenti i processi naturali seguono il percorso della denitrificazione - la riduzione dei nitrati in azoto e ammoniaca.

I nitriti nelle acque superficiali sono sotto forma di ioni nitrito, nelle acque acide possono essere parzialmente sotto forma di acido nitroso non dissociato (HN0₂).

Il contenuto di nitriti nelle acque superficiali è significativamente inferiore a quello delle acque di origine sotterranea. Le acque sotterranee delle falde acquifere superiori possono contenere nitriti fino a decimi di milligrammo per litro.

L'MPC di nitrito in acqua è 3,3 mg / dm³ (per lo ione nitrito) o 1 mg / dm³ in termini di azoto ammonico. Per la pesca, le norme sono 0,08 mg / dm³ per lo ione nitrito o 0,02 mg / dm³ in termini di azoto.

nitrati

Rispetto agli altri composti dell'azoto, i nitrati sono i meno tossici, ma in concentrazioni significative causano effetti nocivi sugli organismi. Il principale pericolo dei nitrati è la loro capacità di accumularsi nel corpo e di ossidarsi fino a nitriti e nitrosammine, che sono molto più tossici e possono causare l'avvelenamento da nitrati secondario e terziario.

L'accumulo di grandi quantità di nitrati nel corpo contribuisce allo sviluppo della metaemoglobinemia. I nitrati reagiscono con l'emoglobina nel sangue e formano la metaemoglobina, che non tollera ossigeno e, quindi, causa la carenza di ossigeno nei tessuti e negli organi.

La concentrazione subliminale di nitrato di ammonio, che non ha effetti dannosi sul regime sanitario del giacimento, è di 10 mg / dm³.

Per la pesca, le dannose concentrazioni di nitrati di ammonio per varie specie di pesci iniziano con valori dell'ordine di centinaia di milligrammi per litro.

L'MPC dei nitrati per l'acqua potabile è di 45 mg / dm³, per i corpi idrici della pesca - 40 mg / dm³ per i nitrati o 9,1 mg / dm³ per l'azoto.

cloruri

I cloruri in concentrazioni elevate compromettono il gusto dell'acqua e ad alte concentrazioni rendono l'acqua inadatta a bere. Per motivi tecnici ed economici, il contenuto di cloruro è anche rigorosamente standardizzato. Acqua in cui molti cloruri non sono adatti all'irrigazione delle piantagioni agricole.

L'MPC di cloruri nell'acqua potabile non deve superare i 350 mg / dm³, nell'acqua dei corpi idrici della pesca - 300 mg / dm³.

solfati

I solfati nell'acqua potabile peggiorano le sue caratteristiche organolettiche, ad alte concentrazioni hanno un effetto fisiologico sul corpo umano. I solfati sono usati in medicina come lassativo, quindi il loro contenuto nell'acqua potabile è rigorosamente standardizzato.

Anche il contenuto di solfati nell'acqua di processo è soggetto a controllo. In presenza di calcio, i solfati formano una schiuma, che è importante considerare quando si prepara l'acqua che alimenta le centrali elettriche a vapore.

Il contenuto di solfati nell'acqua industriale e potabile può essere un fattore favorevole o indesiderabile.

Il solfato di magnesio viene determinato in acqua a piacere con un contenuto da 400 a 600 mg / dm³, solfato di calcio - da 250 a 800 mg / dm³.

La concentrazione massima ammissibile di solfati per acqua potabile è di 500 mg / dm³, per le acque dei corpi idrici della pesca - 100 mg / dm³.

Non ci sono dati affidabili sull'effetto dei solfati sui processi di corrosione, ma si nota che quando il contenuto di solfati in acqua supera 200 mg / dm³, il piombo viene lisciviato dai tubi di piombo.

ferro

I composti di ferro entrano nell'acqua naturale da fonti naturali e antropogeniche. Quantità significative di ferro entrano nei serbatoi insieme alle acque reflue provenienti dalle industrie metallurgiche, chimiche, tessili e agricole.

Quando la concentrazione di ferro supera i 2 mg / dm³, le caratteristiche organolettiche dell'acqua si deteriorano - in particolare, appare il gusto astringente.

L'alto contenuto di ferro rende l'acqua inadatta per bere e per scopi tecnici.

L'MPC di ferro nell'acqua potabile è 0,3 mg / dm³, mentre l'organolettico limita gli indicatori di pericolo. Per le acque dei corpi idrici della pesca - 0,1 mg / dm³, l'indicatore di rischio limite è tossicologico.

Alte concentrazioni di fluoro si osservano nelle acque reflue delle industrie del vetro, metallurgiche e chimiche (nella produzione di fertilizzanti, acciaio, alluminio, ecc.), Nonché nelle imprese minerarie.

Il contenuto di fluoruro nell'acqua potabile è normalizzato. Il fluoruro elevato nell'acqua potabile causa una malattia delle ossa - fluorosi. La carenza di fluoro è anche pericolosa. Nelle aree in cui il contenuto di fluoro nell'acqua potabile viene ridotto (meno di 0,01 mg / dm³), le persone sviluppano più spesso carie dentale.

L'MPC per fluoro nell'acqua potabile è 1,5 mg / dm³, con un indicatore sanitario e tossicologico limitativo.

alcalinità

L'alcalinità è un indicatore logicamente opposto all'acidità. L'alcalinità delle acque naturali e industriali è la capacità degli ioni in essi contenuti di neutralizzare una quantità equivalente di acidi forti.

Gli indicatori di alcalinità dell'acqua devono essere considerati quando si prepara il reagente di acqua, nei processi di approvvigionamento idrico, quando si erogano reagenti chimici.

Se si aumenta la concentrazione di metalli alcalino-terrosi, è necessaria la conoscenza dell'alcalinità dell'acqua quando si determina l'idoneità dell'acqua per i sistemi di irrigazione.

L'alcalinità dell'acqua e del pH sono usati nel calcolo dell'equilibrio dell'acido carbonico e nella determinazione della concentrazione di ioni carbonato.

calcio

L'assunzione di calcio nelle acque naturali proviene da fonti naturali e artificiali. Una grande quantità di calcio entra nei bacini naturali con gli effluenti delle industrie metallurgiche, chimiche, del vetro e dei silicati, nonché nel deflusso dalla superficie dei terreni agricoli, dove sono stati utilizzati fertilizzanti minerali.

Il MPC di calcio nell'acqua dei bacini di pesca è di 180 mg / dm³.

Gli ioni di calcio sono ioni di durezza che formano una scala solida in presenza di solfati, carbonati e altri ioni. Pertanto, il contenuto di calcio nelle acque industriali che alimenta le centrali elettriche a vapore è strettamente controllato.

Il contenuto quantitativo degli ioni di calcio in acqua deve essere considerato quando si studia l'equilibrio carbonato-calcio, nonché quando si analizzano l'origine e la composizione chimica delle acque naturali.

alluminio

L'alluminio è noto come un metallo argentato. Nelle acque naturali è presente in residui sotto forma di ioni o sali insolubili. Fonti di ingresso di alluminio nelle acque naturali: acque reflue provenienti dalla produzione metallurgica, lavorazione della bauxite. Nei processi di trattamento delle acque, i composti di alluminio sono usati come coagulanti.

I composti di alluminio disciolto sono altamente tossici, possono accumularsi nel corpo e causare gravi danni al sistema nervoso.

Il MPC di alluminio nell'acqua potabile non deve superare 0,5 mg / dm³.

magnesio

Il magnesio è uno degli elementi biogenici più importanti e svolge un ruolo importante nell'attività vitale degli organismi viventi.

Fonti antropogeniche di magnesio in acque naturali - acque reflue da metallurgia, tessile, industria dei silicati.

Magnesio in MPC nell'acqua potabile - 40 mg / dm³.

sodio

Il sodio è un metallo alcalino e nutriente. In piccole quantità, gli ioni di sodio svolgono importanti funzioni fisiologiche in un organismo vivente: in alte concentrazioni, il sodio provoca la distruzione dei reni.

Nelle acque reflue, il sodio entra nelle acque naturali principalmente da terreni agricoli irrigui.

La concentrazione massima ammissibile di sodio nell'acqua potabile è di 200 mg / dm³.

manganese

L'elemento manganese si trova in natura sotto forma di composti minerali, e per gli organismi viventi è un oligoelemento, cioè in piccole quantità è necessario per la loro attività vitale.

Una quantità significativa di manganese nei bacini naturali si verifica con le fognature delle industrie metallurgiche e chimiche, le industrie minerarie e di trasformazione e la produzione di mine.

MPC di ioni di manganese nell'acqua potabile - 0,1 mg / dm³, con un indicatore di rischio organolettico limitante.

L'eccessiva assunzione di manganese nel corpo umano viola il metabolismo del ferro, con avvelenamento grave, sono possibili gravi disturbi mentali. Il manganese è in grado di accumularsi gradualmente nei tessuti del corpo, causando malattie specifiche.

Cloro residuo

L'ipoclorito di sodio utilizzato per la disinfezione dell'acqua è presente in acqua sotto forma di acido ipocloroso o ione ipoclorito. L'uso del cloro per disinfettare l'acqua potabile e le acque reflue, nonostante le critiche al metodo, è ancora ampiamente utilizzato.

La clorurazione viene anche utilizzata nei processi di produzione di carta, cotone, per disinfettare le unità di refrigerazione.

In acque naturali, il cloro attivo non dovrebbe essere presente.

La concentrazione massima consentita di cloro libero nell'acqua potabile è 0,3 - 0,5 mg / dm³.

Idrocarburi (prodotti petroliferi)

I prodotti petroliferi sono uno degli inquinanti più pericolosi dei corpi idrici naturali. I prodotti petroliferi entrano nelle acque naturali in diversi modi: a seguito di fuoriuscite di petrolio in caso di incidente di petroliere; con acque reflue dell'industria petrolifera e del gas; con acque reflue di industrie chimiche, metallurgiche e altre industrie pesanti; con acque reflue domestiche.

Piccole quantità di idrocarburi si formano come risultato della decomposizione biologica degli organismi viventi.

Per il controllo sanitario e igienico, vengono determinati gli indicatori del contenuto di olio disciolto, emulsionato e assorbito, poiché ogni specie elencata ha un effetto diverso sugli organismi viventi.

I prodotti petroliferi disciolti ed emulsionati hanno un diverso effetto negativo sulla flora e sulla fauna dei corpi idrici, sulla salute umana e sullo stato fisico-chimico generale della biogeocenosi.

MPC di prodotti petroliferi per acqua potabile -0,3 mg / dm³, mentre l'organolettico è limitato agli indicatori di pericolo. Per i bacini di pesca, l'MPC dei prodotti petroliferi 0,05 mg / dm³.

polifosfati

I sali polifosfati sono utilizzati nei processi di trattamento delle acque per addolcire l'acqua industriale, come componente di prodotti chimici domestici, come catalizzatore o inibitore di reazioni chimiche, come additivo alimentare.

L'MPC di polifosfati per acqua potabile per uso domestico è 3,5 mg / dm³, mentre l'organolettico è il rischio limitante.

silicio

Il silicio è un elemento comune nella crosta terrestre e fa parte di molti minerali. Per il corpo umano è un elemento traccia.

Un contenuto significativo di silicio è osservato nelle acque reflue dell'industria ceramica, del cemento, del vetro e dei silicati, nella produzione di materiali leganti.

Limite massimo di concentrazione di silicio nell'acqua potabile: 10 mg / dm³.

Solfuri e idrogeno solforato

Solfuri - composti contenenti zolfo, sali di acido idrogeno solforato H₂S. Nelle acque naturali, il contenuto di idrogeno solforato consente di valutare l'inquinamento organico, poiché l'idrogeno solforato si forma durante il decadimento delle proteine.

Fonti antropogeniche di idrogeno solforato e solfuri - acque reflue domestiche, acque reflue di industrie metallurgiche, chimiche e cellulosiche.

Un'elevata concentrazione di idrogeno solforato conferisce all'acqua un caratteristico odore sgradevole (uova marce) e proprietà tossiche, l'acqua diventa inadatta a fini tecnici e domestici.

MPC per i solfuri - il contenuto di acido solfidrico e solfuri nelle acque di pesca è inaccettabile.

stronzio

Il metallo chimicamente attivo, nella sua forma naturale, è un oligoelemento di organismi vegetali e animali.

L'aumento dell'assunzione di stronzio nel corpo altera il metabolismo del calcio nel corpo. Forse lo sviluppo di rachitismo stronzio o "malattia urovskaya", in cui vi è ritardo di crescita e articolazione delle articolazioni.

Gli isotopi radioattivi dello stronzio causano un effetto cancerogeno o malattia da radiazioni negli esseri umani.

Il MPC di stronzio naturale nell'acqua potabile è 7 mg / dm³, con un indicatore sanitario e tossicologico limitante.

Concentrazioni massime ammissibili di MPC

MPC di acque reflue

Durante il funzionamento di apparecchiature industriali, si forma acqua di scarico, con caratteristiche diverse che richiedono un trattamento speciale prima di essere scaricata nei sistemi fognari. Gli inquinanti più comuni nelle acque superficiali sono i prodotti petroliferi, i fenoli, le sostanze organiche facilmente ossidate, i composti di rame, zinco, ammonio e nitrato nitrico, lignina, potassio xantato, anilina, metil mercaptano, formaldeide, ecc. Ad esempio, le acque reflue degli impianti di metallurgia ferrosa e non ferrosa sono inquinate un gran numero di sostanze minerali sospese, contengono metalli non ferrosi e ferro, solfati, cloruri, resine e oli, acido solforico, solfato di ferro. Le raffinerie di petrolio e i giacimenti petroliferi scaricano olio e prodotti petroliferi, cloruri, solidi sospesi, è possibile la presenza di ferro e idrogeno solforato. Il liquame delle piante coke-chimiche è di grande pericolo: resine, oli, fenoli, ammoniaca, cianuri, rodanidi, una grande quantità di sali di acidi inorganici e solidi sospesi. Per acque reflue fortemente inquinate che sono difficili da pulire, includere gli effluenti liquidi dalla polpa e dalle cartiere: materia organica disciolta, fibre, caolino, ecc. La costruzione di macchine e gli impianti automobilistici scaricano cianuri, cromo, oli e incrostazioni. I principali inquinanti delle imprese tessili sono i coloranti e i tensioattivi anionici e non ionici (sostanze tensioattive).

Tablitsa.1. MAC regionali nella Federazione Russa e nell'Unione Europea

Norme e regolamenti per il trattamento delle acque

Il trattamento delle acque è il processo di rimozione di tutti i tipi di inquinanti chimici e biologici, solidi sospesi e gas che inquinano l'acqua dolce.

Al fine di depurare le acque reflue da inquinanti indesiderati, nella maggior parte dei casi viene effettuato un trattamento a più livelli.

Monitoraggio delle acque reflue

Il compito principale del monitoraggio dello stato delle acque reflue è quello di prevenire l'inquinamento delle acque superficiali.

SanPiN prescrive l'attuazione di condizioni rigorose per il contenuto di impurità nocive nell'effluente, che viene scaricato nei corpi idrici.

La possibilità di effettuare il rilascio di acque reflue nel serbatoio è determinata da questi indicatori:

Tab.1 Valori ammessi degli indicatori per SanPiN 2.1.5.980-00

Il contenuto di sostanze nelle acque reflue, effluente MPC

L'effluente MPC è un indicatore stabilito dalla legge che caratterizza il massimo contenuto possibile di varie sostanze in acqua, atmosfera, suolo.

Una persona può usare l'acqua senza conseguenze per lungo tempo, solo se tali indicatori non vengono superati in acqua, e come per gli scarichi, questo non significa applicazione diretta. Questo tiene conto di un altro fattore.

Tutti i sistemi fognari sono di tipo aperto. E per ottenere l'eliminazione assoluta dello scarico dei rifiuti nelle fogne è quasi impossibile.

Pertanto, sono stati approvati MPC per lo scarico delle acque reflue. Sono stati calcolati dalle condizioni di scarico sicuro dei rifiuti.

Nelle acque reflue, prima di essere scaricate nel sistema fognario, è necessario controllare il contenuto di varie sostanze, in particolare i metalli pesanti in forma pura, i loro sali.

Sono queste impurità ad avere l'effetto più distruttivo sulla salute umana e animale.

Requisiti per gli effluenti industriali

Secondo i documenti normativi, è vietato scaricare acque reflue che contengano:

  • Sostanze la cui decomposizione può causare la formazione di gas esplosivi nel sistema fognario. È vietato entrare nelle fognature: ossidi di carbonio, acido solfidrico, cianuri vari e altri).
  • Sostanze combustibili, vari tipi di carburanti e lubrificanti, resine, grassi insolubili.
  • Sostanze radioattive
  • Varie sostanze biologiche che possono causare contaminazione batterica.
  • Sostanze che sono difficili da ossidare biologicamente.
  • Sono anche vietati i composti chimici per i quali non è determinata la massima concentrazione ammissibile di acque reflue!

Concentrazioni massime consentite di acque reflue

I MPC delle acque reflue sono misurati in mg / litro e sono:

  • Sostanze in uno stato sospeso - 500
  • BOD (completo) - 500
  • COD - 800
  • Il saldo è denso - 2000, tra cui:
  • Sulfati -500
  • Cloruri - 350
  • Sostanze da cui è possibile estrarre l'etere - 20

Inoltre, l'effluente delle imprese dovrebbe avere una temperatura non superiore a 40 gradi e un'acidità neutra di 6,5-8,5 pH.

Attenzione! Il superamento di MPC delle acque reflue porta all'imposizione di sanzioni per un'impresa o un individuo.

Qualche parola sulle acque reflue domestiche

Pertanto, MPC si applica anche alle acque reflue domestiche. L'opinione secondo cui tali requisiti si applicano solo agli stabilimenti di produzione è errata, poiché sono esenti da metalli pesanti o sostanze radioattive, ma non da materiale organico. È anche possibile il contenuto dell'effluente, dei solfati e dei cloruri.

Attrezzature per il trattamento delle acque reflue

Solo un'attitudine responsabile al problema della pulizia dei rifiuti domestici e industriali può portare a un miglioramento della situazione ecologica nella vostra zona. Questo è particolarmente vero per le aree con elevato stress antropogenico.

Esistono vari modi per pulire le acque reflue contaminate. Base: meccanica, fisica, chimica, fisico-chimica, biologica (biochimica), complessa.

Gli impianti integrati di trattamento delle acque sono progettati per la preparazione di acqua potabile, trattamento delle acque piovane, acque reflue domestiche e industriali.

Acque reflue MPC: requisiti e standard

Il problema del trattamento delle acque reflue è stato a lungo uno dei principali problemi della sicurezza ambientale. Sfortunatamente, sia su scala industriale che nelle condizioni di utilizzo delle reti fognarie domestiche, spesso si presta un'attenzione insufficiente alla preparazione preliminare delle fognature.

Pertanto, tutti i tipi di rifiuti cadono spesso nel sistema fognario centrale, in cui le concentrazioni massime ammissibili di acque reflue (valori massimi consentiti) vengono significativamente superate in base a vari criteri.

Criteri per la valutazione dello stato delle acque reflue

Il compito principale del monitoraggio dello stato delle acque reflue è quello di prevenire l'inquinamento delle acque superficiali. I requisiti delle acque di scarico SanPiN in questa materia mettono condizioni piuttosto difficili sul contenuto di impurità nocive negli effluenti, che vengono scaricati nei corpi idrici.

Le caratteristiche principali sono:

  • La quantità di impurità sospese e galleggianti.
  • Acque reflue BOD, la caratteristica determina la quantità di ossigeno necessaria per l'ossidazione biochimica di materia organica presente nell'effluente. Cioè, più sono inquinati gli scarichi, maggiore sarà questo valore.
  • Le acque reflue COD, determinano la quantità di ossigeno richiesta per la decomposizione chimica delle impurità organiche.
  • Il contenuto di varie sostanze chimiche che possono danneggiare sia l'uomo che l'ambiente.
  • Scarichi di acidità.

Valori ammessi degli indicatori per SanPiN 2.1.5.980-00

Sulla base di questi indicatori, si determina se è possibile scaricare le acque reflue in corpi idrici.

Contenuto di sostanze, il concetto di effluente MPC

Allora, cos'è - MPC drena?

Questo è un indicatore statutario che caratterizza il massimo contenuto possibile di varie sostanze in acqua, atmosfera e suolo.

Se tali indicatori non vengono superati in acqua, allora una persona può applicarla senza conseguenze per molto tempo. È chiaro che per quanto riguarda gli scarichi, non stiamo parlando dell'applicazione diretta. Qui un altro fattore gioca un ruolo.

Qualsiasi sistema fognario è un sistema di tipo aperto. Sì, ci sono un certo numero di imprese, il cui ciclo tecnologico comporta il riutilizzo delle acque reflue, ma per ottenere l'eliminazione assoluta dello smaltimento dei rifiuti nelle fogne è quasi impossibile.

Pertanto, sono stati approvati MPC per lo scarico delle acque reflue. Sono stati calcolati dalle condizioni di scarico sicuro dei rifiuti.

Nelle acque reflue, il contenuto di una varietà di sostanze deve essere controllato prima di essere scaricato nel sistema fognario. Particolare attenzione dovrebbe essere rivolta al contenuto di metalli pesanti nella loro forma pura, i loro sali.

Tali sostanze hanno l'effetto più distruttivo.

Requisiti delle acque reflue

Secondo gli attuali documenti normativi, inoltre, è impossibile scaricare liquami nel sistema fognario della città, che contiene:

  • Sostanze la cui decomposizione può causare la formazione di gas esplosivi nel sistema fognario (monossido di carbonio, idrogeno solforato, vari cianuri e altri). Le norme MPC nelle acque reflue non consentono la presenza di tali sostanze nell'effluente.
  • Sostanze combustibili, inclusi vari tipi di carburanti e lubrificanti, resine, grassi insolubili.
  • Sostanze con proprietà radioattive.
  • Varie inclusioni di natura biologica che possono causare contaminazione batterica.
  • Elementi chimici che avranno un effetto dannoso sui materiali utilizzati nella costruzione del sistema fognario.
  • Tutti i tipi di inquinamento che contribuiscono alla distruzione dei liquami e portano alla formazione di blocchi, depositi sulle pareti di tubi e collettori.
  • Sostanze che sono difficili da ossidare biologicamente.
  • I composti chimici per i quali non è determinato un MPC per le acque reflue non possono essere scaricati nel sistema fognario. Le eccezioni sono le sostanze per le quali sono determinate le concentrazioni massime ammissibili dei contenuti in serbatoi, che sono destinati all'uso domestico.

Indicatori che devono essere conformi agli scarichi

Le concentrazioni massime ammissibili di acque reflue sono misurate in mg / litro e sono:

  • Sostanze in uno stato sospeso - 500.
  • BOD (completo) - 500.
  • COD - 800.
  • Il saldo è denso - 2000, tra cui:
    • Sulfati -500.
    • Cloruri - 350.
    • Sostanze da cui è possibile estrarre l'etere - 20.

Inoltre, le acque reflue dovrebbero avere una temperatura non superiore a 40 gradi, acidità neutra (6,5-8,5 pH).

Il superamento di MPC delle acque reflue porta all'imposizione di sanzioni per un'impresa o un individuo.

Qualche parola sulle acque reflue domestiche

Assolutamente errato è il punto di vista secondo cui tali requisiti si applicano solo alle imprese manifatturiere. Molto spesso, i dipendenti delle aziende idriche urbane trovano illegali intercettazioni nei sistemi di drenaggio delle acque piovane e nei sistemi di drenaggio.

E se non ha senso cercare metalli pesanti o sostanze radioattive nei rifiuti domestici, non sono risparmiati dalla presenza di materiale organico. Pertanto, MPC si applica anche legalmente alle acque reflue domestiche.

E se si tratta di grandi complessi di edifici privati, il cui riscaldamento viene effettuato utilizzando sale caldaie, il cui processo tecnologico comporta lo scarico di fluidi di processo nel sistema fognario, esiste già una domanda sul contenuto di solfati e cloruri nelle fognature. Cioè, potrebbe essere possibile chiedersi se sarà necessario depurare le acque reflue dai fosfati e altri sali.

Attrezzature per il controllo delle acque reflue

Quando si collega la rete fognaria dell'impresa al sistema fognario della città, è necessario garantire la presenza di uno speciale pozzetto di controllo. Allo stesso tempo, deve essere collocato al di fuori dell'impresa al fine di garantirne il libero accesso da parte delle autorità di controllo.

Tali pozzi dovrebbero essere dotati di dispositivi per il campionamento degli effluenti. Se necessario, i sistemi di controllo automatico sullo stato delle acque reflue dovrebbero essere installati in aziende potenzialmente pericolose.

Lo scarico nel sistema urbano di rifiuti, in cui almeno un indicatore supera la concentrazione massima ammissibile, non è consentito.

In caso di presenza di una grande quantità di sali negli scarichi delle fognature, è necessario provvedere alla loro pulizia preliminare o eseguire la procedura di dissalazione.

Solo un atteggiamento generale responsabile nei confronti dei problemi di pulizia dei rifiuti domestici e industriali può portare a un miglioramento della situazione ecologica nella vostra zona. Questo è particolarmente vero per le aree con elevato stress antropogenico.

ECOLOGIA DIRECTORY

informazioni

Sostanze sospese

Sostanze sospese. Le sostanze sospese sono chiamate particelle grandi (¿> M0 4 mm), ritardate dai filtri di carta. Caratterizzano la contaminazione dell'acqua con argilla, sabbia, varie rocce di silicati, ecc. Le acque superficiali, le acque dei bacini aperti, sono contaminate da queste impurità. La quantità di sostanza sospesa nell'acqua dipende dalle condizioni della fonte e dal periodo dell'anno. Di norma, quando la neve si scioglie e le forti piogge cadono, grandi quantità di sostanza sospesa vengono lavate in corpi idrici aperti. Le acque sotterranee contengono meno sostanze sospese; da loro sono liberati dalla penetrazione attraverso il suolo [. ]

La rimozione dei solidi sospesi dai chiarificanti secondari è di 15 mg / l [19, Tabella. 32]. [. ]

La maggior parte dei solidi sospesi (40-60%) nelle vasche di sedimentazione precipitano per 1,5 ore, nella maggior parte dei casi la capacità delle vasche di decantazione viene calcolata per questo tempo [. ]

Le sostanze di acque reflue non disciolte intrappolate su un filtro di carta sono chiamate solidi sospesi. La concentrazione di impurità è abbastanza diversa. La classificazione del loro stato disperso in fase è riportata nella tabella 2. [. ]

Le sostanze non dissolte nelle acque reflue intrappolate su un filtro di carta sono chiamate solidi sospesi. ]

Sst - la concentrazione di sostanze sospese nelle acque reflue, in cui le condizioni della loro discesa nel serbatoio soddisferanno i requisiti sanitari, g / m3 (mg / l); a è il fattore di miscelazione in base al design del dispositivo prodotto, alla velocità e al getto del flusso di acqua in un fiume, alla profondità del serbatoio, al profilo del fondo e ad altre caratteristiche del serbatoio. Il valore di un sempre <1 до места смешения, которое находится на некотором расстоянии вниз по реке от места выпуска сточных вод ( а указывает на степень полноты смешения и разбавления сточных вод).[. ]

Per la pulizia profonda di sostanze sospese e disciolte si utilizzano filtri di vari disegni con un carico di sabbia, pietrisco, antracite, granuli plastici. Alle concentrazioni iniziali di solidi sospesi e al MIC 15. 20 mg / l, l'efficienza di purificazione per le sostanze sospese è 0,75. 0.9 e per MIC - 0.5. 0.6. Per la pulizia profonda di contaminanti biologicamente ossidabili, vengono utilizzati bacini biologici che riducono la concentrazione di MIC a 3. 5 mg / l. L'inquinamento biologicamente non ossidabile può essere rimosso dalle acque reflue mediante l'assorbimento e gli impianti di scambio ionico. ]

Filtrazione: rimozione di materia sospesa dalla massa d'acqua facendola passare attraverso uno strato di materiale poroso o attraverso una griglia con una certa dimensione di fori. Usando la filtrazione, purificare le acque reflue contenenti impurità solide finemente disperse in una bassa concentrazione. Viene anche usato dopo i metodi di purificazione fisico-chimici e biologici, poiché alcuni di essi sono accompagnati dal rilascio di impurità meccaniche nel liquido da purificare. ]

Il confronto del contenuto di PCDD / F su sostanze in sospensione e componenti idriche di campioni di acque reflue ci ha permesso di determinare il modello di distribuzione di PCDD / F nel sistema di acque reflue delle imprese di sintesi organoclorurata. È stato stabilito che nel sistema di acque reflue delle imprese di sintesi organoclorica, dove si possono osservare alte concentrazioni di composti organoclorurati, prodotti petroliferi e solventi organici, fino al 48% PCDD / F può essere nello stato assorbito e fino al 52% nello stato disciolto o come soluzioni colloidale, principalmente a causa della presenza di 2,3,7,8-TCDF. [. ]

Il confronto del contenuto di PCDD / F su sostanze in sospensione e componenti idriche di campioni di acque reflue ci ha permesso di determinare il modello di distribuzione di PCDD / F nel sistema di acque reflue delle imprese di sintesi organoclorurata. È stato stabilito che nel sistema di acque reflue delle imprese di sintesi organoclorica, dove si possono osservare alte concentrazioni di composti organoclorurati, prodotti petroliferi e solventi organici, fino al 48% PCDD / F può essere nello stato assorbito e fino al 52% nello stato disciolto o come soluzioni colloidale, principalmente a causa della presenza di 2,3,7,8-TCDF. [. ]

Con una tale durata, la rimozione dei solidi sospesi dai chiarificanti secondari sarà di 12,9 mg / l [19, Tabella. 32], che non supera il valore calcolato consentito (26 mg / l). [. ]

La quantità di inquinanti scaricati nel 1994 nelle acque reflue industriali e domestiche era di 104 mila tonnellate, di cui il 73% sono solfati e cloruri, il 20% sostanze organiche e biogeniche, il 7% SPAV, sostanze sospese, prodotti petroliferi e altri. Va notato che in termini di rischio ambientale totale, lo scarico di metalli pesanti è più pericoloso, in secondo luogo sono le sostanze biologiche e biogeniche e, in terzo luogo, i prodotti petroliferi e i fenoli [20]. In generale, la qualità dell'acqua delle prese d'acqua urbane è caratterizzata da un costante eccesso di contenuto di solfati, composti dell'azoto, manganese e prodotti petroliferi; occasionalmente osservato eccesso di zinco, rame e altri ingredienti. La più alta qualità dell'acqua è rilevata nel consumo di acqua Izyaksky, l'acqua del Nord e l'assunzione di acqua di Kovshov è un po 'peggiore. L'acqua del Sud, che fornisce circa il 30% del volume di approvvigionamento idrico urbano, è costantemente minacciata da sostanze inquinanti (prodotti petroliferi, nitrati e sali di ammonio) [17]. ]

Sdo, G - la concentrazione massima ammissibile (MPC) dei solidi sospesi nei corpi idrici, g / m3. [. ]

Le acque reflue con contaminazione dei solidi sospesi fino a 2000 mg / le di prodotti petroliferi illimitati possono essere ricevute per la pulizia. [. ]

Dopo aver lavato le macchine e i meccanismi, l'acqua contiene 800 - 3000 g / m3 di particelle di sporco in sospensione e 50 - 900 g / m3 di prodotti petroliferi. Quando si utilizza benzina al piombo, il piombo tetraetile tossico può essere rilasciato nell'acqua e il suo contenuto nelle acque reflue è inaccettabile. Secondo gli standard sanitari, nelle acque di scarico sono consentite non più di 0,25 - 0,75 g / m3 di solidi sospesi e 0,05 - 0,30 g / m3 di prodotti petroliferi: quando si riutilizza l'acqua per il lavaggio delle auto, deve essere ulteriormente purificata. [. ]

Le emissioni chimiche nelle acque reflue dell'impianto sono solidi sospesi e prodotti petroliferi - classe di pericolo IV, che viene monitorata ogni 10 giorni [. ]

La concentrazione di contaminanti nell'acqua di scarico è presa: per i solidi sospesi - 1000-1500 (1250 in media), per BPCm - 600-900 mg / l (in media 750 mg / l). [. ]

Con un maggiore contenuto nelle acque reflue di sostanze difficili da sedimentare, vasche di sedimentazione - i chiarificatori sono usati come strutture di sedimentazione primaria. I chiarificatori possono lavorare con o senza coagulazione preliminare e aerazione delle acque reflue (Tabella 2.11). [. ]

Per il trattamento biologico delle acque reflue dopo la rimozione di sostanze sospese da loro in impianti di depurazione domestici e piccoli impianti di trattamento delle acque reflue contemporaneamente è stato consigliato l'uso di biofiltri. Qui parliamo anche di costruzioni che si sono dimostrate efficaci nel trattamento delle acque reflue domestiche e industriali provenienti dagli insediamenti o dalle imprese industriali. Queste strutture sono tipiche per il trattamento biologico. ]

Durante l'elettro-flottazione, l'acqua che entra nel trattamento, contenente particelle sospese, viene introdotta in un serbatoio relativamente poco profondo e viene riempita per metà. Sul fondo del serbatoio vi è un canale di scarico per l'acqua, elettrodi positivi e negativi e un raschietto per rimuovere le sospensioni solide dalla superficie del serbatoio. Uno schema tipico per tale pulizia è mostrato in Fig. Sotto lo schema W-12, e l'acqua entra nella parte inferiore della cella di flottazione, passa tra gli elettrodi e viene scaricata dal centro della camera. Nello schema Ш-12, б il liquido grezzo si sposta dall'alto verso il basso verso le bolle di gas emergenti, l'acqua viene scaricata dal fondo della camera. Una corrente continua a bassa tensione viene fatta passare attraverso gli elettrodi. Come risultato dell'elettrolisi dell'acqua, si formano piccole bolle di gas omogenee (idrogeno e ossigeno) che si sollevano intrappolando particelle sospese e formano uno strato sospeso sull'intera area del serbatoio. Il periodo di tempo in cui l'acqua si trova nell'elettroflotter, la densità di corrente e la quantità di sostanze sospese sono valori correlati. È stato dimostrato sperimentalmente che con una differenza di potenziale di 10 V, una densità di corrente di 100 A / m2 e un tempo di flottazione di 20 minuti, è possibile purificare acque reflue con una concentrazione iniziale di solidi sospesi fino a 10.000 mg / l. A concentrazioni più elevate di solidi sospesi, la durata del trattamento delle acque dovrebbe essere aumentata [16]. [. ]

Indicatori stimati di inquinamento delle acque di fusione [2]: BPKb - 85-95 mg / l, solidi sospesi - 2500-3000, prodotti petroliferi - 35-40 mg / l [. ]

Il trattamento approfondito delle acque reflue comporta la riduzione della concentrazione di solidi sospesi nelle acque reflue trattate; riduzione della MIC, il contenuto di elementi biogenici; disinfezione delle acque reflue; saturazione delle acque reflue trattate con ossigeno durante la loro discesa nei bacini artificiali di valore della pesca. ]

Tuttavia, anche con i regimi di galleggiamento più efficaci, il contenuto di sostanza in sospensione residua è di almeno 10-15 mg / l. Per lo scarico in serbatoi e per alcuni oggetti di acqua di circolazione, un tale grado di purificazione non è sufficiente, e in questi casi l'unico metodo accettabile di ulteriore purificazione è il filtraggio attraverso uno strato di materiale granulare o poroso (solitamente sabbia di quarzo). ]

L'acqua di scarico entra nel tamburo e passa attraverso i fori nella camera. Sostanze sospese vengono trattenute sulla superficie interna del tamburo e, quando risciacquate con acqua di lavaggio, inserire il vassoio. Il tamburo ruota ad una frequenza di 6-20 min-1. Il tasso di filtrazione dei microfiltri è 25-45 m3 / (m: '- h). Quando la concentrazione di particelle sospese è di 15-20 mg / l, l'efficienza di pulizia è del 50-60%. L'effetto di pulizia dipende dalla composizione e dalle proprietà delle acque reflue, dalle dimensioni delle celle della griglia e dalla modalità di funzionamento dei microfiltri (carico idraulico, perdite di carico, intensità di risciacquo, ecc.) [. ]

La formazione della composizione chimica delle acque naturali è il processo di scambio di sostanze chimiche di acque naturali con altri ambienti (atmosfera, rocce, suolo, flora e fauna) in diverse condizioni fisiografiche, a seguito del quale le acque disciolte vengono trasferite o estratte da esse. sostanze gassose, colloidali e sospese [. ]

Allo stato attuale, la possibilità di utilizzare filtri granulari con vari, inclusi nuovi materiali filtranti (antracite, argilla espansa, roccia bruciata, schiuma-poliestere e caricamento di poliuretano, ecc.) È in fase di studio per la più fine purificazione di sostanze sospese. ]

I principali inquinatori del deflusso superficiale e delle acque reflue industriali sono solidi sospesi e prodotti petroliferi. La concentrazione dell'inquinamento può essere presa per analogia con la concentrazione dell'inquinamento dell'acqua piovana negli allevamenti atomici-mobili, secondo la gestione del bacino di Mosca-Oka, per le sostanze sospese 2150 mg / le prodotti petroliferi 200 mg / l. Tutta la parte contaminata del deflusso superficiale dovrebbe essere consegnata all'impianto di trattamento [. ]

Il sistema di trattamento dell'acqua è composto da due parti; 1) camere, filtri e altri dispositivi per separare le sostanze sospese dalla soda (sabbia, limo, ecc.) Con la loro successiva rimozione dal territorio dell'azienda; 2) dispositivi per separare i prodotti petroliferi dall'acqua e scaricarli o bruciarli. Il piombo tetraetile, se necessario, viene neutralizzato principalmente con l'aiuto dell'ozono, per il quale scopo includono ozonizzatori nel sistema di trattamento dell'acqua. Il sistema di trattamento delle acque più comune (Fig. 12.11) comprende un decantatore di fango con dispositivi per il suo scarico dallo sporco e un separatore di gasolio. Un colono di fango di solito consiste di due camere. Nella prima camera, la sedimentazione naturale di particelle, principalmente sabbia, avviene sotto l'azione del proprio peso (trappola di sabbia), nella seconda camera si depositano particelle leggere di limo, che sono pre-coarse con la coagulazione. All'acqua si aggiungono sostanze speciali (coagulanti: solfato di alluminio e calce, ecc.) Che, se combinati con sali d'acqua, formano scaglie che assorbono particelle sospese e precipitano insieme a loro. La rimozione dello sporco dai pozzi di fango con una capacità superiore a 5,5 m3 / h deve essere meccanizzata (ascensori idraulici, pompe di fango, benne, trasportatori). La separazione dei prodotti petroliferi dall'acqua nel separatore di gasolio avviene a causa del diverso peso specifico dei liquidi: i prodotti petroliferi vengono scaricati dal livello superiore e l'acqua pulita viene prelevata dai livelli inferiori della camera. Il sistema di trattamento dell'acqua utilizza aria compressa per miscelare acqua (sparging) in un serbatoio di fango e in un separatore di gasolio. [. ]

La profonda purificazione delle acque reflue trattate biologicamente dai microfiltri a giogo fornisce una riduzione del contenuto di solidi sospesi del 50-70% e del MIC del 30-40% del loro contenuto totale nell'acqua in entrata. Allo stesso tempo, la quantità di ossigeno disciolto praticamente non diminuisce, il che è un vantaggio dei microfiltri rispetto ai filtri a sabbia. Con l'uso di microfiltri nel sistema di pulizia profonda, è possibile ridurre il numero di coloni secondari, riducendo la durata della permanenza di acque reflue in essi fino a 30 minuti o sostituendo il primo stadio di stagni biologici con microfiltri, riducendo l'area di stagni, costi di capitale e costi operativi. L'utilizzo di microfiltri per il trattamento dei liquami profondi dopo le vasche di sedimentazione secondaria riduce l'area degli stagni biologici, che per le stazioni con una capacità di 50-200 mila m3 / giorno offre risparmi di 285-764 mila rubli / anno [. ]

Il ritiro dei prodotti petroliferi recuperati viene effettuato da una vasca di decantazione, un filtro idrofobo, un elettroflotter; rimozione dei solidi sospesi - dal serbatoio dell'acqua di origine e dall'elettroflatore [. ]

Per il trattamento anaerobico, la temperatura ottimale è 20-40 ° C e le acque reflue della seguente composizione, mg / l: COD - 1000-10000; BOD - 50-5000; solidi sospesi - fino a 5.000; (LN4 + - 14) < 1700; Б042 < 200; Са2+ < 2000; катио-нов < 4000 (Ван Старкенбург).[. ]

L'inquinamento atmosferico da parte degli impianti di asfalto è essenziale, poiché le emissioni di queste imprese contengono sostanze cancerogene. Gli impianti di miscelazione dell'asfalto di varie capacità attualmente funzionanti in Russia emettono da 70 a 300 tonnellate di solidi sospesi all'anno. Un'indagine per campione ha dimostrato che l'attrezzatura per la pulizia su nessuno di essi non funziona in modo efficace a causa di un'impronta costruttiva, di condizioni tecniche insoddisfacenti e di una manutenzione ordinaria incompleta. ]

La valutazione dell'effetto meccanico sulla coagulazione del sol di ferro solforoso in acqua salata (densità 1,04 e 1,17) è stata data dal contenuto di sostanza sospesa residua dopo agitazione per 20 minuti, seguita dalla sedimentazione dell'acqua per 30 minuti. I campioni di acqua per l'analisi del contenuto residuo di ferro solforoso sono stati prelevati dalla media altezza dei cilindri. ]

VA Levshin et al. [95J hanno anche dimostrato che i limiti appropriati per l'applicabilità di questo metodo quando si utilizza un singolo coagulante sono: per i solidi sospesi 5000-8000 mg / l; su olio e prodotti petroliferi 800-900 mg / l. [. ]

La principale differenza di questo analizzatore dall'APK-01M precedentemente rilasciato è che il nuovo dispositivo è adatto a lavorare su acque reflue purificate da solidi sospesi fino a 40 mg / l, e il suo intervallo può essere aumentato a 10 mg di cloro per 1 litro. [. ]

Il volume totale delle acque reflue è di 20-30 m3 / giorno. Gli scarichi sono un sistema colloide stabile che non si stratifica nemmeno durante il giorno; quando filtrano le sostanze sospese passano nel filtrato; quando viene applicato con acido solforico per distruggere il sistema colloidale in un terreno acido (pH 2,0-2,5), i greggi galleggiano e, con agitazione, si osserva la formazione di un precipitato. Per convertire i composti di metalli disciolti in una forma insolubile, le acque reflue vengono trattate con calce sotto forma di latte di calce Ca (OH) 2. Allo stesso tempo si formano idrossidi di metallo e carbonati [. ]

Un ulteriore aumento del grado di chiarificazione dell'acqua è ostacolato da alcuni dei suoi componenti, che possiedono le proprietà dei tensioattivi. Pertanto, per una purificazione ancora più profonda dalle sostanze sospese (fino alla loro concentrazione residua non superiore a 20 mg / l) dovrebbero essere utilizzate altre strutture. In particolare, presso l'impianto chimico Krivoy Rog Coke, Giprokoks ha progettato l'impianto di trattamento delle acque reflue, comprese le macchine di flottazione e chiarificatori, che dovrebbe fornire il grado di purificazione richiesto dalle sostanze sospese. ]

Le apparecchiature principali delle stazioni di filtraggio sono filtri a tamburo a rete e filtri con carico granulare, progettati per rimuovere le sostanze sospese dalle acque reflue trattate. Entrambi i tipi di dispositivi di filtraggio sono ineguali nell'efficienza del trattamento dell'acqua. I filtri a tamburo di rete non consentono una profonda depurazione dell'acqua, pertanto, vengono solitamente utilizzati come apparecchiature ausiliarie, installate davanti a filtri granulari per isolare le impurità di grandi dimensioni. I filtri con carico granulare, che forniscono un alto grado di rimozione dei solidi sospesi dall'acqua, possono funzionare sia in modo indipendente che insieme ai microfiltri. [. ]

In assenza dei dati necessari sulla composizione della pioggia e delle acque di fusione dai territori degli insediamenti, è permesso prendere per i calcoli preliminari: BODfilled - 40-60 mg / l; concentrazioni di sostanza in sospensione - 200-400 mg / l; concentrazione di inquinamento negli effluenti dai territori delle imprese industriali - in base ai dati di imprese simili [19]. [. ]

Queste carenze sono assenti negli idrocicloni aperti (a flusso libero) che funzionano a velocità di ingresso relativamente basse, in modo che la perdita di pressione in essi sia di circa 0,5 m di acqua. Art. A causa delle basse velocità periferiche, le sostanze sospese negli idrocicloni aperti vengono rimosse principalmente a causa delle forze gravitazionali piuttosto che delle forze centrifughe [. ]

In alcune stazioni di filtraggio, invece di filtri a tamburo (micro-sifoni), vengono installati micro filtri dotati di un foglio filtrante con una dimensione della maglia più piccola (35-40 micron) e quindi forniscono un maggiore effetto di rimozione delle sostanze sospese dalle acque reflue. In alcuni casi, i microfiltri sono usati come strutture separate [4, 17]. [. ]

I risultati di studi sull'effetto del contenuto di olio nel fango originale sul grado di lavaggio con acqua sono mostrati in Fig. 61. Dai dati ottenuti si può notare che quando il contenuto di olio è superiore al 5%, il grado di lavaggio praticamente non cambia e raggiunge una media del 70 - 75%. La contaminazione delle acque reflue con i solidi sospesi aumenta con l'aumentare del contenuto di olio fino al 5%, quindi si stabilizza e rimane allo stesso livello (vedi Fig. 61). [. ]

Gli elementi di lavoro dei coloni tubolari sono tubi con un diametro di 25-50 mm e una lunghezza di 0,6-1 m. I tubi possono essere installati con un'inclinazione piccola (fino a 5 °) e grande (45-60 °). Il serbatoio di sedimentazione tubolare a vaschetta inclinata funziona periodicamente, cioè viene dapprima sistemato e quindi i tubi vengono scaricati dal sedimento. Tali fosse settiche sono utilizzate per chiarire le acque reflue con un basso contenuto di solidi sospesi con una portata di 100-10.000 m3 / giorno. L'efficienza di pulizia raggiunge l'80-85%. [. ]

La velocità orizzontale v dell'acqua nel pozzetto non deve superare 12 mm / s, e quando si depositano acque reflue, contenenti principalmente sospensioni organiche, in particolare trucioli di lattice, fibre tessili, ecc., Non deve essere superiore a 1,5-2 mm! S. Coprire la velocità di deposizione dei fanghi organici raramente supera 0,5 mm / s, ed è spesso nell'intervallo di 0,05-0,2 mm] s. Se la maggior parte dei solidi sospesi consiste di scaglie di idrati di ossidi di ferro, alluminio, cromo e altri, formate durante la neutralizzazione o la coagulazione delle acque reflue, il tasso di deposizione che comprende può essere assunto in assenza di dati sperimentali pari a 0,4-0,6 mm / sec. velocità orizzontale del movimento dell'acqua - 3 - 5 mm! sec. [. ]

Il parametro più significativo della valutazione economica dovrebbe essere considerato il coefficiente di efficienza economica degli investimenti di capitale, che determina il profitto di 1 sfregamento. Concentrandosi su questo fattore, si può affermare che per le stazioni con un throughput medio di 100 mila m3 / giorno, gli impianti di trattamento saranno i più convenienti, dove la durata della lavorazione primaria a una concentrazione di sostanze sospese di 150 mg / l sarà di 0,5 h, alla loro concentrazione 200-250 mg / l - 1,5 h (impianto di trattamento con digestori) con una quantità di acque reflue industriali nel flusso totale di almeno il 40%. [. ]

Biofiltri anaerobici. Questo nuovo tipo di biofiltro è un serbatoio chiuso con un carico, attraverso il quale l'acqua viene filtrata da un flusso verso l'alto, senza accesso all'aria di ossigeno. I biofiltri anaerobici sul principio di funzionamento occupano una posizione intermedia tra biofiltri convenzionali e serbatoi di metano. Il biofilm in essi è fissato sul materiale di caricamento; i processi di ossidazione sono accompagnati dalla meta formazione. I biofiltri anaerobici possono essere utilizzati per il trattamento di acque reflue altamente concentrate che non contengono solidi sospesi o li contengono in piccole quantità. Questi biofiltri non sono ancora stati studiati in funzione, ci sono solo progetti sperimentali [. ]

Nella prima serie di esperimenti, è stato studiato l'effetto del consumo di acqua di lavaggio sul grado di lavaggio dell'olio dai fanghi (a una temperatura dell'acqua costante di 40, 60, 80 e 100 ° С, rispettivamente). Il contenuto di olio nel fango originale era del 7,5% con un tasso di umidità totale del 15%. Come un tipico esempio in fig. 59 mostra i risultati di esperimenti sul lavaggio del fango con acqua con una temperatura di 100 ° C. Dipendenze simili sono state ottenute per acque con una temperatura di 80 e 60 ° C. Dai dati ottenuti risulta evidente che con l'aumento del volume dell'agente di lavaggio, il grado di lavaggio aumenta anche regolarmente, raggiungendo un valore massimo quando il rapporto tra la massa dei fanghi (W) e il volume dell'acqua di lavaggio (W) come 1: 10. Con un'ulteriore diminuzione del valore del rapporto W: W, il grado di lavaggio non cambia e rimane allo stesso livello. Dopo il lavaggio dei fanghi, le acque di scarico contaminate da sostanze in sospensione non superano lo 0,55% e con un volume crescente di acqua di lavaggio tende ad aumentare leggermente. In base ai risultati di questa serie di esperimenti, per ulteriori ricerche, è stato scelto il rapporto W: W - 1:10 [. ]

In questo caso, tuttavia, una maggiore distruzione dei granuli dell'adsorbente è possibile a causa di notevoli tensioni termiche, quindi, in pratica, viene spesso usato il trattamento del carbone attivo con vapore. Nella fig. Dopo la preparazione dell'adsorbente, il liquido viene separato dall'adsorbente attraverso le griglie 4 nella parte di uscita 5 della tramoggia attraverso il collettore 2. Il dispositivo di raccolta 6 per scaricare l'acqua purificata viene realizzato sotto forma di un anello con una superficie forata protetta da una griglia 7 che non passa i grani di carbone attivo. Un gorgogliatore è installato all'interno del collettore anulare per fornire periodicamente aria (acqua) e quindi pulire la superficie perforata di solidi sospesi o grani fini di carbone [. ]