Contenuto del trattamento delle acque reflue

1 Caratteristiche delle acque reflue 4

2 Tipi di inquinamento delle acque reflue 6

3 Metodi di trattamento delle acque reflue 8

3.1 Selezione del metodo di trattamento delle acque reflue. Pulizia fisica e chimica 10

Riferimenti 19

introduzione

Prima o poi inquinati da scarichi industriali o domestici, cadono nel terreno o nei bacini naturali. I sistemi di autopulizia naturale non sono in grado di riciclare l'inquinamento in tali volumi e in tale composizione, che sono caratteristici dei moderni effluenti industriali, agricoli e di altro tipo. Di conseguenza, in molti casi, quando non venivano prese misure tempestive per pulire l'effluente, molti bacini naturali si trasformavano in canali di drenaggio o vasche settiche originali - accumulatori di sostanze nocive. Gli ecosistemi acquatici avvelenati dagli scarichi in eccesso sono stati privati ​​di piante e animali in grado di purificare l'acqua e sono state necessarie notevoli spese per cercare di ripristinarli.

Di norma, ogni impresa o laboratorio ha una serie relativamente piccola di sostanze nocive scaricate con acque reflue. Il trattamento più efficace delle acque reflue da queste impurità in impianti di trattamento specializzati dello stesso negozio. Solo le acque reflue trattate in profondità possono essere scaricate nel sistema fognario comunale, che raccoglie tutte le acque reflue dall'impianto comunale di trattamento delle acque reflue.

Le acque reflue sono un ambiente favorevole per lo sviluppo di vari microrganismi, compresi gli agenti patogeni, che sono gli agenti e distributori responsabili delle malattie infettive. Inquinamento dell'ambiente, le acque reflue creano simultaneamente le condizioni per l'emergere di varie malattie e epidemie umane. Inoltre, le sostanze tossiche (acidi, alcali, sali ecc.) Che possono causare l'avvelenamento degli organismi viventi e la morte delle piante possono essere contenute nelle acque reflue. Le acque reflue dovrebbero essere rimosse dagli insediamenti, dalle città e dalle imprese industriali. Prima di essere scaricati nei corpi idrici, dovrebbero essere puliti, altrimenti i corpi idrici superficiali e le fonti sotterranee di acqua saranno inquinati e il loro uso per l'approvvigionamento idrico e per scopi domestici sarà impossibile.

Mostrare e rivelare metodi di trattamento delle acque reflue, studiare i principali processi fisico-chimici nel trattamento delle acque reflue.

Studiare i metodi di trattamento delle acque reflue;

Scegli un metodo per il trattamento delle acque reflue

1 Caratteristiche delle acque reflue

Le acque reflue sono l'acqua utilizzata per usi domestici, industriali o di altro tipo e inquinate da varie impurità che hanno modificato la loro composizione chimica iniziale e le proprietà fisiche, nonché l'acqua che scorre dal territorio degli insediamenti e delle imprese industriali a seguito di precipitazione o irrigazione delle strade.

Le acque reflue hanno le seguenti caratteristiche:

torbidità dell'acqua - determinata utilizzando il misuratore di torbidità: l'acqua da testare viene confrontata con una soluzione di riferimento preparata da caolino (o da terra infusore) in acqua distillata, espressa in mg / l;

colore dell'acqua - determinato confrontando l'intensità del colore dell'acqua di prova con una scala standard. È espresso in gradi di cromaticità. Come soluzione standard, viene utilizzata una soluzione di sali di cobalto;

residuo secco è la massa di sali e sostanze che rimangono dopo l'evaporazione dell'acqua (mg / l);

l'acidità è misurata in unità di pH. L'acqua naturale di solito ha una reazione alcalina (pH> 7);

durezza: dipende dal contenuto di sale di Ca2 e Mg2. Esistono tre tipi di durezza dell'acqua: generale, dovuta al contenuto di sali di calcio e magnesio, indipendentemente dal contenuto di anioni; costante a causa del contenuto di ioni Clˉ e ​​SO4²ˉ dopo bollitura per 1 ora (non viene rimosso); monouso (temporaneo) - viene eliminato mediante ebollizione. La durezza viene misurata in mg-eq / l di magnesio e sali di calcio (1 mg-eq corrisponde a 28 mg di CaO) e in gradi (1˚ è la quantità di sali di calcio e magnesio, corrispondenti a 10 mg di CaO in 1 l di acqua). 1˚ durezza = 10 mEq = 2.8˚ durezza;

ossigeno solubile - dipende dalla temperatura dell'acqua e dalla pressione barometrica, misurata in mg / l;

domanda biologica di ossigeno (BOD) - la quantità di ossigeno assorbita dai microrganismi nelle acque reflue. I criteri per la valutazione del BOD è il valore di ridurre la quantità di ossigeno disciolto in acqua per 5 o 20 giorni ad una temperatura di 20 ° C.

A seconda dell'origine delle specie e della composizione, le acque reflue sono divise in tre categorie principali: domestico, industriale e atmosferico.

Le acque reflue domestiche (dalle toilette, dalle docce, dalle cucine, dai bagni, dalle lavanderie, dalle mense, dagli ospedali, provengono da edifici residenziali e pubblici, oltre che da locali domestici) sono il risultato di attività pratiche e mezzi di sostentamento delle persone.

Le acque reflue industriali sono generate durante la produzione di vari beni, prodotti, prodotti, materiali, ecc. Comprendono soluzioni di processo esaurite, acque madri, fondi, acqua di processo e di lavaggio, condensatori barometrici dell'acqua, pompe per vuoto e sistemi di raffreddamento; miniera e cava acqua; acqua di trattamento delle acque, acqua delle attrezzature di lavaggio e locali industriali, nonché pulizia e raffreddamento dei gas di scarico, pulizia dei rifiuti solidi e trasporto.

La composizione delle acque reflue industriali dipende dalla natura del processo di produzione ed è caratterizzata da una grande diversità. A seconda della composizione delle impurità e della specificità della loro azione sui corpi idrici, le acque reflue possono essere suddivise nei seguenti gruppi:

1) Acqua contenente impurezze inorganiche con specifiche proprietà tossiche. Questo include acque reflue da metallurgia, negozi galvanici, imprese di costruzione di macchine, industrie minerarie e di estrazione del carbone, impianti per la produzione di acidi, prodotti e materiali da costruzione, fertilizzanti minerali e altri. Possono causare un cambiamento nel pH dei corpi idrici dell'acqua. I sali di metalli pesanti sono tossici per gli organismi acquatici.

2) Acque in cui le impurità inorganiche non hanno un effetto tossico. Questo gruppo comprende acque reflue provenienti da piante per la preparazione di minerali, cementerie e altre. Impurezze di questo tipo sono sospese. Per i bacini di particolare pericolo, queste acque non rappresentano.

3) Acqua contenente sostanza organica non tossica. Ciò include le acque reflue principalmente dall'industria alimentare (carne, pesce, latticini), pasta di legno e carta, microbiologica, industria chimica, gomma, plastica e altre piante. Quando entrano nel serbatoio, l'ossidabilità aumenta, BOD, la concentrazione di ossigeno disciolto diminuisce.

4) Acqua contenente sostanze organiche con proprietà tossiche specifiche. Questo gruppo comprende acque reflue provenienti da industrie produttrici di petrolio, raffinazione del petrolio, tessile, industria leggera, farmaceutica, fabbriche per la produzione di zucchero, alimenti in scatola, prodotti di sintesi organici e altri.

Le acque reflue atmosferiche si formano nel processo di precipitazioni e scioglimento delle nevi, sia nelle aree residenziali degli insediamenti e nelle imprese industriali, stazioni di servizio, ecc. Spesso queste acque sono chiamate pioggia o acqua piovana, perché nella maggior parte dei casi si formano i costi massimi (stimati) a causa di forti piogge.

In pratica, viene utilizzato anche il concetto di acque reflue urbane, che è una miscela di acque reflue domestiche e industriali.

Tipi di acque reflue e loro caratteristiche

L'acqua, che è stata utilizzata per varie esigenze e ha ricevuto ulteriori contaminanti, che hanno cambiato la sua composizione chimica e le proprietà fisiche, è chiamata acqua di scarico.

Per origine, le acque reflue possono essere classificate come segue: domestico, industriale e atmosferico.

Le acque reflue domestiche sono generate negli edifici residenziali, amministrativi e municipali (bagni, lavanderia, ecc.), Nonché nei locali domestici delle imprese industriali. Questa è l'acqua di scarico che entra nella rete di drenaggio da apparecchi sanitari (lavandini, lavelli o lavandini, vasche da bagno, servizi igienici e scale).

Le acque reflue industriali sono generate durante la produzione di un prodotto commerciale. Questi includono soluzioni di processo esaurite, acqua di processo e di lavaggio, condensatori barometrici dell'acqua, pompe per vuoto e sistemi di raffreddamento; miniera e cava acqua; acqua di trattamento delle acque, acqua delle attrezzature di lavaggio e locali industriali, nonché pulizia e raffreddamento dei gas di scarico, pulizia dei rifiuti solidi e trasporto.

Le acque reflue atmosferiche si formano nel processo di pioggia e neve che si scioglie. Spesso queste acque sono chiamate piogge o acque piovane, perché nella maggior parte dei casi i costi massimi (stimati) si formano a causa di forti piogge.

Le principali caratteristiche delle acque reflue sono: la quantità di acque reflue, caratterizzate da flusso, misurate in l / s o m 3 / s, m 3 / h, m 3 / turno, m 3 / giorno, ecc.;

Tipi (componenti) di inquinamento e il loro contenuto nelle acque reflue, caratterizzato dalla concentrazione di inquinamento, misurata in mg / lo g / m 3. Una caratteristica importante delle acque reflue è il grado di uniformità (o irregolarità) della loro formazione e il loro ingresso nel sistema di drenaggio. Di solito, è determinato dall'irregolarità nell'afflusso delle acque reflue nell'ora del giorno e dai cambiamenti nel lavoro di un'impresa industriale e nel giorno dell'anno. Queste caratteristiche sono prese in considerazione durante la progettazione di sistemi di drenaggio.

Le acque reflue domestiche contengono inquinamento di origine minerale e organica. Quelli e altri sono in stati non sciolti e disciolti. La parte di contaminanti non dissolti trattenuta durante le analisi su filtri di carta è chiamata solidi sospesi. L'inquinamento più pericoloso di origine organica. Nelle acque reflue domestiche i solidi sospesi di origine organica contengono in media 100-300 mg / l. Il contenuto di inquinanti organici nello stato disciolto è stimato dai valori della domanda biochimica di ossigeno (MIC) e della domanda chimica di ossigeno (COD). Le acque reflue domestiche hanno un BOD = 100-400 mg / l, e COD = 150-600 mg / l, e possono essere valutate come molto inquinate.

Le acque reflue industriali di varie industrie contengono vari inquinanti.

Le acque reflue degli impianti di metallurgia ferrosa contengono: sostanze inorganiche sospese; scorie, ferro e olii 200-250 mg / l (produzione difficile); acido solforico e solfato di ferro; fenolo, resina.

Le piante di pasta di cellulosa e di carta contengono: solidi sospesi. Questo è principalmente fibra di legno e cellulosa.

Le acque reflue delle imprese dell'industria pesante contengono principalmente inquinamento di origine minerale e industria alimentare e leggera - inquinamento di origine biologica. La quantità e la disomogenea formazione di acque reflue scaricate da imprese di varie industrie è molto diversa.

L'acqua piovana contiene quantità significative di impurità minerali non disciolte e inquinamento di origine organica. L'acqua piovana del BOD raggiunge 50-60 mg / l. La ricerca ha dimostrato che l'acqua piovana può essere una grande fonte di inquinamento idrico.

Differenti gradi di inquinamento delle acque reflue, varie irregolarità e il numero delle loro formazioni proposte nella progettazione dell'importante compito di deviazione congiunta o separata di alcuni tipi di acque reflue, congiunte o separate il loro trattamento

Schemi di reti di drenaggio.

Le reti di drenaggio sono progettate come condotte autogonfiabili con riempimento parziale. Per garantire che il movimento delle condotte idriche sia eseguito con una pendenza in direzione del movimento dell'acqua. Per evitare che le tubazioni di sepoltura significative vengano rilevate in direzioni che coincidono con la pendenza della superficie terrestre. Questa condizione per la progettazione di condotte è decisiva nello sviluppo di schemi per reti di drenaggio.

Nello schema della rete di drenaggio della struttura servita, vengono applicati tutti i gasdotti e i collettori della rete progettata. Gli schemi delle reti di drenaggio dipendono principalmente dal terreno e dalla posizione del bacino (se il serbatoio è un fiume, quindi la direzione del flusso d'acqua in esso). La posizione dell'impianto di trattamento delle acque reflue, vale a dire il luogo in cui devono essere trasportate le acque reflue, dipende dalla posizione del serbatoio e dalla direzione del movimento dell'acqua.

I diagrammi di rete dipendono anche dalle condizioni geologiche e idrogeologiche della costruzione di condotte. La profondità delle condotte dipende dal tipo di suolo, dalla sua profondità e proprietà fisiche, dalla presenza di acque sotterranee e da altre condizioni, che a sua volta influiscono sulla scelta delle stazioni di pompaggio e sul loro numero per un determinato oggetto. Schemi di reti di drenaggio:

perpendicolare ai collettori dei bacini di drenaggio sono tracciati perpendicolarmente alla direzione del flusso d'acqua nel serbatoio. Questo schema viene utilizzato quando la pendenza della superficie della terra al serbatoio e la rimozione di acque reflue che non devono essere pulite (pioggia, condizionalmente pulita);

robusti - i bacini idrografici sono tracciati perpendicolarmente alla direzione del flusso d'acqua nel serbatoio e intercettati dal collettore principale, tracciati parallelamente al fiume. Questo schema è utilizzato con una caduta regolare del terreno verso il serbatoio e la necessità di un trattamento delle acque reflue;

I collettori paralleli dei bacini delle acque reflue sono tracciati parallelamente o con un piccolo angolo rispetto alla direzione del flusso d'acqua nel serbatoio e sono intercettati dal collettore principale che trasporta le acque reflue verso l'impianto di trattamento delle acque reflue perpendicolare alla direzione del flusso d'acqua nel serbatoio. Permette di escludere l'aumento della velocità dell'acqua nei collettori dei bacini di drenaggio, causando la distruzione delle condotte;

il territorio servito è diviso in due zone: dall'alto, le acque reflue vengono scaricate per gravità dall'impianto di trattamento e dal fondo vengono pompate dalla stazione di pompaggio. Ciascuna delle zone ha uno schema simile a uno degli schemi elencati. Lo schema di zona viene utilizzato in caso di caduta piccola o irregolare del terreno verso il serbatoio e l'assenza di possibilità di rimozione della fognatura di una parte dell'area di servizio (ad esempio, la zona inferiore) per gravità;

radiale: il trattamento delle acque reflue viene effettuato in due o più impianti di trattamento. Questo schema di rete è dovuto alla presenza di un sistema fognario decentralizzato. Lo schema radiale della rete, così come lo schema decentralizzato di smaltimento delle acque, viene utilizzato per terreni complessi e nelle grandi città.

Cosa si intende per acque reflue

L'uomo non può fare a meno dell'acqua in tutti gli aspetti. Il consumo di acqua viene effettuato per mantenere la vita, nella vita di tutti i giorni, nell'estrazione di minerali e nella produzione di un'ampia varietà di nomi di prodotti. Un'enorme quantità di risorse liquide nel processo di utilizzo è inquinata. Tali fluidi sono chiamati acque reflue.

Le acque reflue non trattate mettono in pericolo le persone.

Definizione e classificazione

Per fornire una descrizione dettagliata di tutti i liquidi inquinati, è necessario determinare esattamente quale sia l'acqua di scarico. Le acque reflue sono tutti i tipi di acqua proveniente dai territori delle strutture produttive e gli insediamenti con caratteristiche e proprietà degradate a causa dell'attività umana, nonché le precipitazioni atmosferiche (pioggia, neve, grandine) che sono incontrollate o attraverso il sistema fognario vengono rimosse per il riciclaggio, l'uso secondario e lo scarico in la natura.

La classificazione delle acque reflue è piuttosto varia ed estesa. Tutti gli scarichi sono classificati in tipi e tipi in base ai seguenti parametri:

  • fonte di origine;
  • sulla composizione dell'inquinamento;
  • concentrazione di inquinamento;
  • da acidità e tossicità.

Secondo la fonte di istruzione, si distinguono i seguenti tipi di acque reflue:

Gli scarichi domestici e di superficie hanno una composizione vicina allo stesso. I fluidi industriali possiedono un'ampia varietà e possono essere classificati in sottospecie.

In base alla composizione dell'inquinamento, l'effluente è suddiviso nei seguenti tipi di liquidi:

  • con impurità organiche;
  • con minerale;
  • misto, minerale-organico.

Secondo gli indicatori di concentrazione, le acque reflue sono divise in quattro tipi: a basso inquinamento, a medio inquinato, altamente inquinato, pericoloso. Il criterio di misura è il parametro pH. Per acidità e tossicità, viene utilizzata anche una suddivisione in base al grado di concentrazione, da debole a forte.

caratteristica

Parametri chiave che caratterizzano le acque reflue:

  1. Volume di sospensioni.
  2. La densità degli elementi sedimentari.
  3. Concentrazione di prodotti raffinati.
  4. Il contenuto dei singoli elementi: fosfato, azoto di ammonio.
  5. La concentrazione di grasso e tensioattivo.
  6. COD.
  7. BOD.
  8. pH.

Indicatori chiave della qualità delle acque reflue - COD, BOD e pH.

Il consumo di ossigeno chimico (COD) è un indicatore della concentrazione di sostanze organiche in un liquido. Calcolato in milligrammi di ossigeno, la cui quantità è stata consumata per eseguire processi organici ossidativi in ​​un litro di H2O. È determinato da numerosi metodi di laboratorio ed è un indicatore chiave del grado di inquinamento delle acque reflue.

Consumo biologico di ossigeno (BOD) - Indicatori quantitativi di ossigeno consumati da processi ossidativi biologici di natura aerobica sotto l'azione di microrganismi. Il parametro chiave per determinare la contaminazione di un liquido con composti organici.

L'indicatore è calcolato per un certo periodo di tempo (BOD 5 - consumo di ossigeno per 5 giorni). I processi di ossidazione per un tempo impostato vengono prodotti in condizioni senza accesso alla luce, con indici di temperatura di 20 gradi.

Il pH dell'idrogeno è una misura dell'attività di ioni idrogeno in un liquido. L'utilizzo dell'indicatore è determinato dall'acidità dell'effluente. L'ambiente acido è a pH inferiore a 7, alcalino - a pH superiore a 7.

Come parte dell'effluente, possono essere rilasciati inquinanti conservativi e non conservativi. Le sostanze conservative non entrano in reazioni chimiche, non possono essere decomposte come risultato di processi di purificazione biologica. Gli oggetti non conservativi possono essere eliminati mediante processi biologici autopulenti.

Le acque reflue contengono vari inquinanti.

  • organico;
  • biologica;
  • inorganico.

Gli inquinanti biologici comprendono microrganismi (virus e batteri), alghe, lieviti, formazioni fungine e piante. Fonti di inquinamento chimico sono prodotti di raffinazione del petrolio, tensioattivi sintetici, pesticidi, metalli pesanti, diossine, fenoli, sostanze contenenti azoto, ecc. Suolo, scorie, sabbia, limo, ecc. - sono sostanze inquinanti fisiche.

L'inquinamento da rifiuti può essere caratterizzato da parametri dimensionali di particelle inquinanti:

  1. Grandi particelle insolubili (da 0,1 mm).
  2. Sospensioni ed emulsioni di schiuma (da 0,1 μm a 0,1 mm).
  3. Elementi calloidi (fino a 0,1 μm).
  4. Solubile (fino a 0,1 nm).

Acque reflue domestiche

Drenanti che si formano come risultato della vita umana quotidiana. La composizione è uniforme: elementi calloinditi allo stato disciolto e sostanze organiche non disciolte. La concentrazione di inquinanti è determinata dal valore di diluizione dell'acqua pulita dal sistema idraulico.

Le acque reflue domestiche sono classificate in due tipi: fecale e domestico. Le acque reflue domestiche provengono da cucine, bagni, bagni, bagni, lavanderie, edifici per la ristorazione e strutture mediche. La composizione di tali liquidi include principalmente escrezioni fisiologiche umane, rifiuti economici di natura organica (proteine, grassi, carboidrati e prodotti di decomposizione).

Un posto speciale nella composizione ha inquinanti biologici che rappresentano una seria minaccia per l'uomo. Questi sono i microrganismi più semplici, uova di elminto, funghi e batteri. Le sostanze inorganiche nell'acqua contengono sale.

Nell'inquinamento delle acque reflue domestiche di natura organica raggiunge il 45-58%. Tali liquidi vengono scaricati nei siti di lavorazione e scarico attraverso reti fognarie centralizzate o private.

Caratteristiche delle acque reflue domestiche:

  1. Aspetto: bianco opaco, colore grigio, scarsa trasparenza, odore fecale sgradevole.
  2. Composizione chimica - elementi minerali e organici.
  3. Le sostanze sono sospese, calloidi e solubili.
  4. Alti livelli di contaminazione microbica - lievito, funghi, piccole alghe, uova elmintiche, batteri, virus patogeni.
  5. Il pH medio è 7,2-7,8.

Effluente industriale

Le acque reflue industriali si formano a seguito di attività tecniche nelle imprese. Sono divisi in due tipi: condizionatamente pulito e inquinato. I liquidi condizionati sono usati per raffreddare le unità di lavoro. I liquidi contaminati sono utilizzati nelle reazioni di produzione, vengono lavati con materie prime, prodotti fabbricati, ecc. Durante questi processi, il liquido assorbe diversi contaminanti pericolosi.

Acque reflue industriali - il risultato di varie imprese

Per un buon esempio, vale la pena considerare la composizione degli effluenti industriali nelle imprese metalmeccaniche e metallurgiche. Il liquido entra nel sistema fognario da varie officine (fonderia, termica, assemblaggio, meccanica).

I principali inquinanti sono le impurità meccaniche (polvere, sporco, sabbia, incrostazioni, nonché oli, metalli pesanti, acidi). Sono scaricati attraverso uno speciale sistema di scarico industriale o attraverso una rete fognaria centralizzata.

Scarichi di superficie

Il deflusso superficiale include prodotti di precipitazione. Sono suddivisi in pioggia e neve scongelata (scioglimento di neve, ghiaccio e grandine). Spesso indicato come acqua piovana. L'acqua di lavaggio di strade, fontane e sistemi di drenaggio equivale a scarichi di superficie. Sono derivati ​​utilizzando reti fognarie.

La composizione dei liquidi atmosferici è monotona, contiene principalmente sostanze minerali con una piccola quantità di elementi organici. La concentrazione dipende dai luoghi di precipitazione dei liquidi atmosferici, dalla presenza di produzione pericolosa, dalla natura e dalla composizione della superficie su cui cadono, dalla durata e dall'intensità delle precipitazioni.

Pioggia e acqua di fusione prima di entrare nel sistema fognario tempesta assorbono tutti gli inquinanti che sono nel terreno e sulla superficie (campi, strade, marciapiedi, ecc.). Pertanto, la composizione di tale effluente può avere piccole concentrazioni di sostanze non uniformi, sebbene in un quadro quantitativo generale, questi liquidi sono molto omogenei nel contenuto di sostanze inquinanti.

rete fognaria

Tutti gli scarichi devono essere scaricati nei siti di contaminazione e scarico attraverso le reti fognarie. Diversi tipi di sistemi fognari vengono utilizzati a seconda della posizione: industriale, acqua piovana e domestico. Le reti domestiche di raccolta delle acque reflue sono centralizzate e autonome. I sistemi di fognatura sono divisi in due tipi: interno ed esterno.

Sono interne quelle reti che si trovano all'interno di qualsiasi edificio o edificio. Comprendono: colonne montacarichi, canali di scarico, tubi di derivazione, vassoi di raccolta interni, dispositivi di ispezione e pozzi. I sistemi esterni includono tubi, pozzi, impianti di trattamento delle acque reflue, attrezzature di pompaggio e tutti gli altri oggetti funzionali all'esterno degli edifici.

Le acque reflue esterne sono divise in tre tipi:

Nel sistema di iniezione all-well, i liquidi della tempesta, domestici e domestici vengono scaricati insieme attraverso le stesse reti tecniche. In un sistema separato, i prodotti di precipitazione e scioglimento della neve vengono rimossi separatamente dai liquidi domestici. Nel sistema semi-partizionato, scarichi e sedimenti vengono scaricati separatamente, ma collegati in un unico collettore di pulizia.

Le reti fognarie autonome sono utilizzate per il ritiro dei run-off nelle case di campagna, nelle case estive, nelle strutture industriali e in altre strutture in cui il sistema centralizzato non è stato collegato.

Tipi di sistemi fognari autonomi:

  1. Pozzi neri.
  2. Armadi a secco.
  3. Carri armati settici
  4. Installazione di filtri.

Il sistema centrale di fognatura comprende i seguenti componenti:

  • dispositivi interni dell'edificio per la rimozione di scarichi;
  • sistema di quarto intra esterno;
  • sistema stradale all'aperto;
  • attrezzature di pompaggio e pressione;
  • strutture per il trattamento;
  • sistemi di scarico in serbatoi e terreno.

Metodi per la pulizia e l'utilizzo di scarichi

Vengono applicati vari metodi di rimozione, decomposizione, distruzione e disinfezione per eliminare l'inquinamento dalle acque reflue.

Vari metodi sono usati per il trattamento delle acque reflue.

  1. Fisico.
  2. Chimico (reagente).
  3. Fisico-chimica (flottazione, coagulazione, sedimentazione, adsorbimento).
  4. Trattamento UV
  5. Biologica.

I metodi di pulizia più semplici, economici e più comunemente usati sono fisici. Sono basati su metodi di gravità e filtrazione. I metodi chimici si basano sull'aggiunta di reagenti speciali al liquido per provocare processi distruttivi, ossidanti, di scissione e altri nel liquido inquinato. Sotto i metodi biologici si riferisce ai processi con l'uso di microrganismi.

Dopo la pulizia, i liquami possono essere riutilizzati o scaricati in bacini e terreno. Alle imprese ci sono sistemi circolari e chiusi dove viene fatto uso ripetuto e pulizia degli scarichi.

In strutture specializzate per la rimozione dell'inquinamento, le acque reflue domestiche dopo la completa depurazione sono spesso utilizzate come risorsa per l'irrigazione di terreni agricoli. Una pulizia profonda con l'utilizzo di tutti i metodi consente di pulire gli scarichi fino allo stato in cui l'acqua è idonea per l'alimentazione della rete idrica.

Acque reflue e la loro breve descrizione

Principale> Astratto> Ecologia

Acque reflue e la loro breve descrizione

Gli elementi principali dei sistemi di drenaggio

Sistemi di drenaggio urbano

Sistemi di acque reflue industriali

Valutazione ambientale e tecnico-economica dei sistemi di acque reflue

1. Acque reflue e la loro breve descrizione

Le acque reflue sono acqua dolce, che ha cambiato le sue proprietà fisico-chimiche dopo l'uso nelle attività domestiche e produttive di una persona e richiede diversione.

Per origine, le acque reflue possono essere classificate come segue: domestico, industriale e atmosferico.

Le acque reflue domestiche sono generate negli edifici residenziali, amministrativi e municipali, nonché nei locali domestici delle imprese industriali. Questa è l'acqua di scarico che entra nella rete di drenaggio dagli elettrodomestici. Le caratteristiche della formazione di queste acque reflue sono ben note.

Le acque reflue industriali vengono generate durante la produzione di vari beni, prodotti, prodotti, materiali, ecc. Comprendono soluzioni di processo esaurite, liquori madri, residui di distillazione, acqua di processo e di lavaggio, condensatori barometrici dell'acqua; miniera e cava acqua; acqua di trattamento delle acque, acqua delle attrezzature di lavaggio e locali industriali, nonché pulizia e raffreddamento dei gas di scarico, pulizia dei rifiuti solidi e trasporto.

Le acque reflue atmosferiche si formano nel processo di piogge e neve che si scioglie, sia nelle zone residenziali degli insediamenti, sia nel territorio di imprese industriali, stazioni di servizio, ecc. Spesso queste acque sono chiamate pioggia o acqua piovana, poiché nella maggior parte dei casi i costi massimi si formano a causa della perdita docce (piogge).

Le principali caratteristiche delle acque reflue sono: la quantità di acque reflue, caratterizzate da flusso, misurate in l / s o m 3 / s, m 3 / h, m 3 / turno, m 3 / giorno, ecc.; tipi di inquinamento e il loro contenuto nelle acque reflue, caratterizzato dalla concentrazione di inquinamento, misurata in mg / lo g / m 3. Una caratteristica importante delle acque reflue è il grado di uniformità della loro formazione e ammissione al sistema di drenaggio. Di solito è determinato dal flusso irregolare delle acque reflue entro l'ora del giorno all'anno. Queste caratteristiche sono prese in considerazione durante la progettazione di sistemi di drenaggio.

Le acque reflue domestiche contengono inquinamento di origine minerale e organica. Quelli e altri sono in stati non dissolti, dissolti e colloidali. La parte di contaminanti non dissolti trattenuta durante le analisi su filtri di carta è chiamata solidi sospesi. I maggiori rischi per la salute sono l'inquinamento di origine organica. Nelle acque reflue domestiche i solidi sospesi di origine organica contengono in media 100... 300 mg / l. Il contenuto di inquinanti organici in uno stato disciolto è stimato dai valori della domanda di ossigeno biochimico (BOD) e della domanda chimica di ossigeno (COD). Le acque reflue domestiche hanno un BOD = 100... 400 mg / l, e COD = 150... 600 mg / l, e possono essere valutate come molto inquinate. Durante lo stoccaggio, possono dissolversi in 12-24 ore (a t = 20 ° C).

Nelle città, il consumo di acqua per abitante per 1 ha dell'area dei quarti è di solito 0,3-2 l / se 10.000-60000 m 3 / anno. Entrano nella rete di drenaggio in modo relativamente diseguale, entro l'ora del giorno e entro il giorno dell'anno. Durante il giorno, il consumo è superiore a quello notturno, le spese in ore del giorno possono variare di 2-5 volte.

Durante l'anno, in un giorno separato, il costo dell'acqua domestica varia solo leggermente, solo 1.1-1.2 volte.

Le acque reflue industriali di varie industrie differiscono in modo significativo sia nella composizione degli inquinanti che nella loro concentrazione. L'acqua piovana contiene quantità significative di impurità minerali non disciolte e inquinamento di origine organica. Il BOD dell'acqua piovana raggiunge 50-60 mg / l. La ricerca ha dimostrato che l'acqua piovana può essere una fonte di inquinamento idrico. Il consumo di acqua piovana da 1 ha dell'area della città raggiunge 150 l / s (una volta all'anno) e 300 l / s (una volta ogni 10 anni). Questo è 50-300 volte il consumo di acqua per uso domestico. Allo stesso tempo, il consumo totale di acqua piovana per l'anno è di 1500-2000 m 3 per 1 ettaro, vale a dire 5-30 volte meno del consumo di acqua domestica. La formazione di acqua piovana è molto irregolare. Il loro consumo varia da zero a un valore massimo di 300 l / s.

Il concetto di "acque reflue urbane" è ampiamente utilizzato. Si riferisce a una miscela di acque reflue domestiche e industriali. In realtà, non c'è acqua puramente domestica. Le acque reflue delle città contengono sempre componenti dell'inquinamento caratteristico delle acque reflue industriali. Nel risolvere i problemi di smaltimento e trattamento delle acque reflue urbane, questo deve essere preso in considerazione.

Tutte le acque di scarico di cui sopra richiedono una pulizia obbligatoria quando sono scaricate in corpi idrici aperti, poiché contengono varie sostanze inquinanti in concentrazioni molto più elevate del massimo consentito. Differenti gradi di inquinamento delle acque reflue e la natura della loro formazione sono proposti nella progettazione dell'importante compito di deviazione congiunta o separata di alcuni tipi di acque reflue, di giunti o di separare il loro trattamento.

Gli elementi principali dei sistemi di drenaggio

Schemi di drenaggio degli insediamenti sono sviluppati sul piano generale delle città in scala 1: 5000-1: 20.000 con contorni in 1-2 m indicando quarti e passi carrai, schemi di drenaggio per imprese industriali - sul piano generale in scala 1: 1000-1: 5000 con contorni fino a 0 5-1 m. Nella fig. 1.1 mostra lo schema generale di drenaggio della città.

Il sistema di drenaggio è costituito dai seguenti elementi principali:

Reti interne di drenaggio in edifici dotati di apparecchiature sanitarie;

Pubblicato su ref.rf
Nei forge shop, le acque reflue si generano quando l'utensile viene raffreddato: forgiatura delle unità di saldatura, accessori del forno e depolverazione dell'aria negli impianti di lavaggio. Gli scarichi hanno una piccola quantità di sostanze inquinanti, principalmente contengono vari oli,

Nelle fabbriche di automobili, le acque reflue si formano principalmente quando l'apparecchiatura viene raffreddata, quando viene incisa e placcata elettroliticamente, e anche quando si lavano i prodotti. La composizione delle acque reflue di varie imprese di costruzione di macchine è presentata in Tabella. 4.1-4.3.

La composizione e le proprietà dell'impianto di ingegneria dell'acqua

Acque reflue e la loro breve descrizione

Principale> Astratto> Ecologia

Acque reflue e la loro breve descrizione

Gli elementi principali dei sistemi di drenaggio

Sistemi di drenaggio urbano

Sistemi di acque reflue industriali

Valutazione ambientale e tecnico-economica dei sistemi di acque reflue

1. Acque reflue e la loro breve descrizione

Le acque reflue sono acqua dolce, che ha cambiato le sue proprietà fisico-chimiche dopo l'uso nelle attività domestiche e produttive di una persona e richiede diversione.

Per origine, le acque reflue possono essere classificate come segue: domestico, industriale e atmosferico.

Le acque reflue domestiche sono generate negli edifici residenziali, amministrativi e municipali, nonché nei locali domestici delle imprese industriali. Questa è l'acqua di scarico che entra nella rete di drenaggio dagli elettrodomestici. Le caratteristiche della formazione di queste acque reflue sono ben note.

Le acque reflue industriali vengono generate durante la produzione di vari beni, prodotti, prodotti, materiali, ecc. Comprendono soluzioni di processo esaurite, liquori madri, residui di distillazione, acqua di processo e di lavaggio, condensatori barometrici dell'acqua; miniera e cava acqua; acqua di trattamento delle acque, acqua delle attrezzature di lavaggio e locali industriali, nonché pulizia e raffreddamento dei gas di scarico, pulizia dei rifiuti solidi e trasporto.

Le acque reflue atmosferiche si formano nel processo di piogge e neve che si scioglie, sia nelle zone residenziali degli insediamenti, sia nel territorio di imprese industriali, stazioni di servizio, ecc. Spesso queste acque sono chiamate pioggia o acqua piovana, poiché nella maggior parte dei casi i costi massimi si formano a causa della perdita docce (piogge).

Le principali caratteristiche delle acque reflue sono: la quantità di acque reflue, caratterizzate da flusso, misurate in l / s o m 3 / s, m 3 / h, m 3 / turno, m 3 / giorno, ecc.; tipi di inquinamento e il loro contenuto nelle acque reflue, caratterizzato dalla concentrazione di inquinamento, misurata in mg / lo g / m 3. Una caratteristica importante delle acque reflue è il grado di uniformità della loro formazione e ammissione al sistema di drenaggio. Di solito è determinato dal flusso irregolare delle acque reflue entro l'ora del giorno all'anno. Queste caratteristiche sono prese in considerazione durante la progettazione di sistemi di drenaggio.

Le acque reflue domestiche contengono inquinamento di origine minerale e organica. Quelli e altri sono in stati non dissolti, dissolti e colloidali. La parte di contaminanti non dissolti trattenuta durante le analisi su filtri di carta è chiamata solidi sospesi. I maggiori rischi per la salute sono l'inquinamento di origine organica. Nelle acque reflue domestiche i solidi sospesi di origine organica contengono in media 100... 300 mg / l. Il contenuto di inquinanti organici in uno stato disciolto è stimato dai valori della domanda di ossigeno biochimico (BOD) e della domanda chimica di ossigeno (COD). Le acque reflue domestiche hanno un BOD = 100... 400 mg / l, e COD = 150... 600 mg / l, e possono essere valutate come molto inquinate. Durante lo stoccaggio, possono dissolversi in 12-24 ore (a t = 20 ° C).

Nelle città, il consumo di acqua per abitante per 1 ha dell'area dei quarti è di solito 0,3-2 l / se 10.000-60000 m 3 / anno. Entrano nella rete di drenaggio in modo relativamente diseguale, entro l'ora del giorno e entro il giorno dell'anno. Durante il giorno, il consumo è superiore a quello notturno, le spese in ore del giorno possono variare di 2-5 volte.

Durante l'anno, in un giorno separato, il costo dell'acqua domestica varia solo leggermente, solo 1.1-1.2 volte.

Le acque reflue industriali di varie industrie differiscono in modo significativo sia nella composizione degli inquinanti che nella loro concentrazione. L'acqua piovana contiene quantità significative di impurità minerali non disciolte e inquinamento di origine organica. Il BOD dell'acqua piovana raggiunge 50-60 mg / l. La ricerca ha dimostrato che l'acqua piovana può essere una fonte di inquinamento idrico. Il consumo di acqua piovana da 1 ha dell'area della città raggiunge 150 l / s (una volta all'anno) e 300 l / s (una volta ogni 10 anni). Questo è 50-300 volte il consumo di acqua per uso domestico. Allo stesso tempo, il consumo totale di acqua piovana per l'anno è di 1500-2000 m 3 per 1 ettaro, vale a dire 5-30 volte meno del consumo di acqua domestica. La formazione di acqua piovana è molto irregolare. Il loro consumo varia da zero a un valore massimo di 300 l / s.

Il concetto di "acque reflue urbane" è ampiamente utilizzato. Si riferisce a una miscela di acque reflue domestiche e industriali. In realtà, non c'è acqua puramente domestica. Le acque reflue delle città contengono sempre componenti dell'inquinamento caratteristico delle acque reflue industriali. Nel risolvere i problemi di smaltimento e trattamento delle acque reflue urbane, questo deve essere preso in considerazione.

Tutte le acque di scarico di cui sopra richiedono una pulizia obbligatoria quando sono scaricate in corpi idrici aperti, poiché contengono varie sostanze inquinanti in concentrazioni molto più elevate del massimo consentito. Differenti gradi di inquinamento delle acque reflue e la natura della loro formazione sono proposti nella progettazione dell'importante compito di deviazione congiunta o separata di alcuni tipi di acque reflue, di giunti o di separare il loro trattamento.

Gli elementi principali dei sistemi di drenaggio

Schemi di drenaggio degli insediamenti sono sviluppati sul piano generale delle città in scala 1: 5000-1: 20.000 con contorni in 1-2 m indicando quarti e passi carrai, schemi di drenaggio per imprese industriali - sul piano generale in scala 1: 1000-1: 5000 con contorni fino a 0 5-1 m. Nella fig. 1.1 mostra lo schema generale di drenaggio della città.

Il sistema di drenaggio è costituito dai seguenti elementi principali:

Reti interne di drenaggio in edifici dotati di apparecchiature sanitarie;

Caratteristiche generali delle acque reflue; requisiti di pulizia

Le acque reflue sono acqua dolce, che ha cambiato le sue proprietà fisico-chimiche dopo l'uso nelle attività domestiche e produttive di una persona e richiede diversione.

Per origine, le acque reflue possono essere classificate come segue: domestico, industriale e atmosferico.

Le acque reflue domestiche sono generate negli edifici residenziali, amministrativi e municipali, nonché nei locali domestici delle imprese industriali. Questa è l'acqua di scarico che entra nella rete di drenaggio dagli elettrodomestici.

Le acque reflue industriali vengono generate durante la produzione di vari beni, prodotti, prodotti, materiali, ecc. Comprendono soluzioni di processo esaurite, liquori madri, residui di distillazione, acqua di processo e di lavaggio, condensatori barometrici dell'acqua; miniera e cava acqua; acqua di trattamento delle acque, acqua delle attrezzature di lavaggio e locali industriali, nonché pulizia e raffreddamento dei gas di scarico, pulizia dei rifiuti solidi e trasporto.

Le acque reflue atmosferiche si formano nel processo di piogge e neve che si scioglie, sia nelle zone residenziali degli insediamenti, sia nel territorio di imprese industriali, stazioni di servizio, ecc. Spesso queste acque sono chiamate pioggia o acqua piovana, poiché nella maggior parte dei casi i costi massimi si formano a causa della perdita docce (piogge).

Le principali caratteristiche delle acque reflue sono: la quantità di acque reflue, caratterizzate da flusso, misurate in l / s o m 3 / s, m 3 / h, m 3 / turno, m 3 / giorno, ecc.; tipi di inquinamento e il loro contenuto nelle acque reflue, caratterizzato dalla concentrazione di inquinamento, misurata in mg / lo g / m 3. Una caratteristica importante delle acque reflue è il grado di uniformità della loro formazione e ammissione al sistema di drenaggio. Di solito è determinato dal flusso irregolare delle acque reflue entro l'ora del giorno all'anno.

Le acque reflue domestiche contengono inquinamento di origine minerale e organica. Quelli e altri sono in stati non dissolti, dissolti e colloidali. La parte di contaminanti non dissolti trattenuta durante le analisi su filtri di carta è chiamata solidi sospesi. I maggiori rischi per la salute sono l'inquinamento di origine organica. Il contenuto di inquinanti organici in uno stato disciolto è stimato dai valori della domanda di ossigeno biochimico (BOD) e della domanda chimica di ossigeno (COD). Le acque reflue industriali di varie industrie differiscono in modo significativo sia nella composizione degli inquinanti che nella loro concentrazione. L'acqua piovana contiene quantità significative di impurità minerali non disciolte e inquinamento di origine organica. Il BOD dell'acqua piovana raggiunge 50-60 mg / l. La ricerca ha dimostrato che l'acqua piovana può essere una fonte di inquinamento idrico. Il consumo di acqua piovana da 1 ha dell'area della città raggiunge 150 l / s (una volta all'anno) e 300 l / s (una volta ogni 10 anni). Questo è 50-300 volte il consumo di acqua per uso domestico. Allo stesso tempo, il consumo totale di acqua piovana per l'anno è di 1500-2000 m 3 per 1 ettaro, vale a dire 5-30 volte meno del consumo di acqua domestica. La formazione di acqua piovana è molto irregolare. Il loro consumo varia da zero a un valore massimo di 300 l / s.

Il principio del trattamento delle acque reflue è un processo complesso e articolato. Ad oggi, esistono diversi metodi di lavorazione dei liquidi: biologici, fisici, chimici e fisico-chimici.

Il metodo fisico prevede la purificazione primaria delle prugne. Le particelle estranee vengono catturate e separate usando griglie e setacci. Di conseguenza, elementi più pesanti si depositano sul fondo del serbatoio, mentre quelli più leggeri rimangono sulla superficie, dove raccolgono dispositivi speciali. Il metodo chimico consiste nell'utilizzare reagenti speciali che reagiscono e si decompongono o neutralizzano con sostanze inquinanti. Il metodo fisico-chimico consente di rimuovere le impurità inorganiche e organiche dall'effluente utilizzando filtri combinati.

Il principio più profondo del trattamento delle acque reflue è biologico. La sua essenza è usare i meccanismi naturali di decomposizione delle sostanze organiche. Un gran numero di batteri e microrganismi assorbono i composti organici contenuti nell'effluente. Gli aggregati più popolari sono il chiarificatore biologico e i biofiltri. Poiché la salute delle persone dipende direttamente dal grado di trasformazione dei liquidi, lo stato ha requisiti rigorosi per il trattamento delle acque reflue. Il loro elenco è contenuto nei documenti normativi: SanPiN 2.1.4.544-96 "Requisiti di qualità per l'approvvigionamento idrico decentralizzato. Protezione sanitaria delle fonti "e SanPin 2.1.5.980-00" Requisiti igienici per la protezione delle acque superficiali ".

Acque reflue e la loro breve descrizione

Le acque reflue sono acque dolci che hanno cambiato le loro proprietà fisico-chimiche dopo essere state utilizzate nelle attività domestiche e industriali di una persona. [1, p. 9]

Classificazione delle acque reflue

Esistono tre categorie principali di acque reflue, a seconda dell'origine:

Le acque reflue domestiche confluiscono nella rete di drenaggio da edifici residenziali, locali domestici di imprese industriali, impianti di ristorazione pubblica e istituzioni mediche. Nella composizione di tali acque si distinguono acque reflue fecali e domestiche, inquinate da vari rifiuti domestici, detergenti.

Le acque reflue industriali sono generate come risultato di processi tecnologici. La qualità delle acque reflue e la concentrazione degli inquinanti sono determinate dai seguenti fattori: tipo di produzione industriale e materie prime, modalità dei processi tecnologici. La maggior parte delle imprese ha un inquinamento sia minerale che organico delle acque reflue in varie proporzioni.

Le acque reflue atmosferiche si formano a causa delle precipitazioni. Questa categoria di acque reflue include acqua di disgelo e acqua proveniente dall'irrigazione delle strade. Nelle acque dell'atmosfera c'è un'alta concentrazione di sabbia di quarzo, particelle di argilla, spazzatura e prodotti petroliferi lavati dalle strade della città. La contaminazione del territorio delle imprese industriali porta alla comparsa di impurità nelle acque piovane caratteristiche di questa produzione. Una caratteristica distintiva del deflusso della tempesta è la sua episodicità e una marcata disuguaglianza nel consumo e nella concentrazione di sostanze inquinanti. [1, p. 157, 158]

Le acque reflue industriali, a differenza dell'atmosfera e della casa, non hanno una composizione costante e possono essere suddivise:

1) dalla composizione degli inquinanti:

-contaminato principalmente da impurità minerali;

-contaminato principalmente da impurità organiche;

-contaminato da impurità sia minerali che organiche;

2) in base alla concentrazione di inquinanti:

-con il contenuto di impurità 1-500 mg / l;

-con il contenuto di impurità 500 - 5000 mg / l;

-con il contenuto di impurità 5000-30000 mg / l;

-con il contenuto di impurità superiore a 30.000 mg / l;

3) per proprietà inquinanti:

-non aggressivo (pH 6,5--8);

-leggermente aggressivo (leggermente alcalino - pH 8-9 e leggermente acido - pH 6--6,5);

-fortemente aggressivo (fortemente alcalino - pH> 9 e fortemente acido - pH

DomostroyImpianto idraulico e costruzione

  • Mercoledì 28 dicembre 2016 6:30
  • Postato da: Sereg985
  • Commenta
  • Categoria: acque reflue
  • Link per postare
  • http://firmmy.ru/

Tipi di acque reflue e loro breve descrizione

L'acqua dolce è chiamata acqua di scarico, che è cambiata a causa di
attività domestiche e industriali dell'uomo loro
proprietà fisico-chimiche e biochimiche. Per origine rifiuti
le acque sono suddivise nelle seguenti classi: domestico, industriale e
acque di scarico delle acque meteoriche.

Acque reflue domestiche - residenziali, amministrative e
edifici pubblici, dai locali di servizio degli impianti di produzione.
Le caratteristiche della loro educazione sono ben note a tutti.

Le acque reflue industriali vengono generate durante la produzione.
attività di imprese, fabbriche, complessi, centrali elettriche, autolavaggi
e così via La composizione di tali acque è varia e contiene spese
soluzioni di processo e di magazzino, acqua di lavaggio e acqua di raffreddamento
sistemi, trattamento delle acque, carriera, ecc.

Quest'ultimo tipo implica acque reflue formate in
il processo di scioglimento della neve e le precipitazioni sia in residenziale che in
aree industriali. Queste acque reflue sono spesso chiamate anche acqua piovana e
atmosferico.

Le principali caratteristiche delle acque reflue sono:

• tipi di inquinamento e loro concentrazione (contenuto) nelle acque reflue
• la quantità di acque reflue, il tasso di ricezione, il consumo
• grado di uniformità di distribuzione (frequenza) dell'inquinante
componente

Nelle acque reflue domestiche contiene minerali e
inquinanti organici in soluzione
stati colloidali e indisciolti. Diverso grado di inquinamento in
ogni singolo caso richiede un approccio speciale unico a
progettazione del sistema di trattamento delle acque reflue. Ma l'eterogeneità della composizione e
il fenomeno della dispersione di sostanze porta al fatto che la depurazione al cento per cento
l'acqua di scarico è impossibile È governato dal MPC (massimo
concentrazioni ammissibili) e SanPiNs (norme e norme sanitarie).

Come tutto funziona:

I liquami che entrano in una fossa settica moderna vengono puliti a una velocità di 250 l / h. Il processo di pulizia avviene autonomamente senza l'intervento umano.

Descrizione delle attrezzature per i liquami in presenza di acque sotterranee nel sito.

SCHEMI E SISTEMI DI FORNITURA DELL'ACQUA

SCHEMI E SISTEMI DI FORNITURA DELL'ACQUA

ACQUE REFLUE E LORO CARATTERISTICHE

Le acque reflue sono acqua dolce, che ha cambiato le sue proprietà fisico-chimiche dopo l'uso nelle attività domestiche e produttive di una persona e richiede diversione.

Per origine, le acque reflue possono essere classificate in ambienti domestici, industriali e atmosferici.

Le acque reflue domestiche sono generate negli edifici residenziali, amministrativi e municipali (bagni, lavanderia, ecc.), Nonché nei locali domestici delle imprese industriali. Si tratta di acque che entrano nella rete di drenaggio da apparecchi sanitari (lavandini, lavelli o lavandini, vasche da bagno, scodelle e scoli a pavimento - apparecchi da pavimento con griglia). Le caratteristiche della formazione di queste acque reflue sono ben note.

Le acque reflue industriali sono generate durante la produzione di vari beni, prodotti, prodotti, materiali, ecc. Comprendono soluzioni di processo esaurite, acque madri, fondi, acqua di processo e di lavaggio, condensatori barometrici dell'acqua, pompe per vuoto e sistemi di raffreddamento; miniera e cava acqua; acqua per il trattamento delle acque, acqua delle attrezzature di lavaggio e locali industriali, nonché pulizia e raffreddamento dei rifiuti gassosi, pulizia dei rifiuti solidi e dal loro trasporto.

Le acque reflue atmosferiche si formano nel processo di precipitazioni e scioglimento della neve sia nelle aree residenziali degli insediamenti che nelle imprese industriali, nelle stazioni di servizio, ecc. Spesso queste acque sono chiamate pioggia o acqua piovana, poiché nella maggior parte dei casi i costi massimi (stimati) si formano in a seguito di precipitazioni.

Le principali caratteristiche delle acque reflue sono: la quantità di acque reflue, caratterizzate da flusso, misurate in l / s o m 3 / s, m 3 / h, m 3 / turno, m 3 / giorno, ecc.; tipi (componenti) di inquinamento e il loro contenuto in acque reflue, caratterizzati dalla concentrazione di inquinamento, misurata in mg / lo g / m 3. Una caratteristica importante delle acque reflue è il grado di uniformità (o disuniformità) della loro formazione e il loro flusso nel sistema di drenaggio. Di solito è determinato dal flusso irregolare delle acque reflue entro l'ora del giorno all'anno. Queste caratteristiche sono prese in considerazione durante la progettazione di sistemi di drenaggio.

Le acque reflue domestiche contengono inquinamento di origine minerale e organica. Quelli e altri sono in stati non dissolti, dissolti e colloidali. La parte di contaminanti non dissolti trattenuta durante le analisi su filtri di carta è chiamata solidi sospesi. I maggiori rischi per la salute sono l'inquinamento di origine organica. Nelle acque reflue domestiche i solidi sospesi di origine organica contengono in media 100-300 mg / l. Il contenuto di inquinanti organici nello stato disciolto è stimato dai valori della domanda biochimica di ossigeno (MIC) e della domanda chimica di ossigeno (COD). Le acque reflue domestiche hanno un BOD = 100-400 mg / l, e COD = 150-600 mg / l - possono essere valutate come molto inquinate. Durante lo stoccaggio, possono dissolversi in 12-24 ore (a 7 = 20 ° C).

Le acque reflue industriali di varie industrie contengono vari inquinanti. Diversi e la concentrazione dei loro regimi di inquinamento e di drenaggio.

L'acqua piovana contiene quantità significative di impurità minerali non disciolte e inquinamento di origine organica. L'acqua piovana del BOD raggiunge 50-60 mg / l. La ricerca ha dimostrato che l'acqua piovana può essere una fonte di inquinamento idrico. Il consumo di acqua piovana da 1 ha dell'area della città raggiunge 150 l / s (una volta all'anno) e 300 l / s (una volta ogni 10 anni). Questo è 50-300 volte il consumo di acqua per uso domestico. Allo stesso tempo, il consumo totale di acqua piovana all'anno è di 1.500-2.000 m 3 per 1 ettaro, vale a dire 5-30 volte meno del consumo di acqua domestica. La formazione (precipitazione) delle acque piovane si verifica in modo molto disuguale. Il loro consumo varia da zero (in tempo asciutto) a un valore massimo di 300 l / s (durante il periodo di forti piogge).

Il concetto di "acque reflue municipali" è ampiamente utilizzato. Si riferisce a una miscela di acque reflue domestiche e industriali. In realtà, non c'è acqua puramente domestica. Le acque reflue delle città contengono sempre componenti dell'inquinamento caratteristico delle acque reflue industriali (prodotti petroliferi, acidi, alcali, sali, ecc.). Nel risolvere i problemi di smaltimento e trattamento delle acque reflue urbane, questo deve essere preso in considerazione.

Differenti gradi di inquinamento delle acque reflue e la natura della loro formazione sono proposti nella progettazione dell'importante compito di deviazione congiunta o separata di alcuni tipi di acque reflue, di giunti o di separare il loro trattamento.

Il modello fisico delle acque reflue è un sistema "liquido-solido" a due fasi e qualsiasi tecnologia di trattamento delle acque comporta l'estrazione di solidi. Le leggi della termodinamica indicano che l'acqua è facilmente inquinata e questo processo non richiede un notevole consumo di energia. Al contrario, i processi di purificazione dell'acqua sono implementati utilizzando vari processi complessi con consumo specifico di energia notevole. Il sistema "liquido-solido" è caratterizzato dall'entropia, che esprime l'energia latente necessaria per il trattamento delle acque reflue. Maggiore è la concentrazione di inquinamento e maggiore è l'eterogeneità della composizione, maggiore è l'entropia e maggiore è il costo energetico del trattamento delle acque.

Da qui segue la regola della termodinamica applicata alle tecnologie di smaltimento delle acque, trattamento delle acque reflue e trattamento dei fanghi, che garantisce un consumo energetico minimo per l'implementazione di questi processi.

Non è razionale mescolare flussi di acque reflue ad alta temperatura e bassa temperatura contenenti solo inquinamento minerale o organico, con concentrazioni elevate o basse di solidi, aventi origine tossica o inerte.

L'eterogeneità della composizione dell'inquinamento delle acque reflue e gli effetti della dissipazione al variare dello stato energetico del sistema contribuiscono al fatto che il trattamento delle acque reflue al cento per cento è impossibile, e quindi è governato dai valori delle concentrazioni massime ammissibili (MPC).