Cavo di riscaldamento del tetto: caratteristiche di installazione

Il cavo di riscaldamento per il tetto evita la formazione di ghiaccio sui tetti e sistemi di drenaggio durante il periodo di disgelo. Per creare un sistema di riscaldamento efficace, è necessario scegliere il giusto tipo di cavo, utilizzare attrezzature e accessori di qualità.

Vantaggi dell'utilizzo di un sistema di riscaldamento

A causa di improvvisi sbalzi di temperatura, le precipitazioni provocano la formazione di ghiaccioli e persino di grandi cumuli sui tetti delle case. Di conseguenza:

  • la caduta dei ghiaccioli minaccia la vita e la salute dei passanti;
  • sotto il peso di acqua ghiacciata danneggiato il tetto;
  • la formazione di ghiaccio nelle fognature porta alla loro distruzione prematura e può anche causare perdite nel tetto.

L'installazione del cavo scaldante sul tetto consente di affrontare con successo il gelo, evitando danni al materiale del tetto e alle strutture di supporto. Allo stesso tempo, non è necessario spendere regolarmente dei fondi significativi per pagare i servizi di alpinisti industriali per pulire il tetto da neve e ghiaccioli.

La gestione del sistema di riscaldamento del tetto è estremamente semplice grazie all'uso dell'automazione.

Tipi di cavi elettrici

Quando si sceglie un cavo elettrico per l'impianto di riscaldamento dovrebbe essere considerato:

  • specifiche tecniche;
  • la possibilità di modificare la lunghezza di installazione (il cavo con una lunghezza di segmento fissa è più difficile da installare);
  • specifiche di utilizzo (raccomandazioni del produttore relative al sito di installazione).

I produttori nazionali ed esteri offrono cavi elettrici di vario tipo:

  • resistivo;
  • blindate;
  • zona;
  • autoregolante.

Il cavo di riscaldamento resistivo per il tetto è caratterizzato da una lunghezza fissa di sezioni, che può essere di 10 - 200 metri. Potenza allocata - da 5 a 30 W / m. I vantaggi dei prodotti includono costi accessibili. Lo svantaggio è lo stesso trasferimento di calore lungo l'intera lunghezza, mentre diverse sezioni del tetto richiedono quantità diverse di calore. Di conseguenza, in alcune aree il sistema funzionerà inattivo, mentre in altri la sua capacità non sarà sufficiente per il riscaldamento richiesto della struttura.

Il cavo elettrico corazzato è un'invenzione abbastanza nuova. A differenza del resistivo, ha una temperatura di riscaldamento fino a 150 ° C e ha un'elevata resistenza meccanica. Viene utilizzato per l'installazione su tetti in uso, poiché installano un cavo scaldante di questo tipo su una base di cemento. Nel processo, è possibile regolare la lunghezza del segmento entro 1-2 metri.

Il cavo di zona è destinato principalmente all'installazione in tubi di scarico e grondaie. Come resistivo, lo zonale è caratterizzato da una potenza fissa di trasferimento del calore (fino a 200 W / m). In questo caso, il dispositivo dei cavi scaldanti sul tetto può essere eseguito con una lunghezza libera durante l'installazione.

L'autoregolazione è caratterizzata dalla capacità di adattarsi alle condizioni ambientali. Il trasferimento di calore varia nel range di 6-100 W / m e dipende completamente dalla quantità di ghiaccio nell'area di posa. Per montare il sistema di riscaldamento del tetto, una filettatura autoregolante può essere posata su segmenti di qualsiasi lunghezza - solo la lunghezza massima è limitata, che varia da 6 a 150 metri a seconda della marca.

Il cavo autoregolante paga per il suo alto costo durante il funzionamento del sistema, che ha meno necessità di linee di distribuzione e offre un notevole risparmio energetico.

Sistema di sbrinamento del tetto

Il sistema di riscaldamento del tetto comprende una gamma di dispositivi e componenti, tra cui:

  • cavo scaldante con elementi di fissaggio per il tipo di tetto appropriato;
  • imbuto per coperture elettriche;
  • elementi di ritenzione della neve che prevengono danni ai cavi;
  • linee di comunicazione (alimentazione e linee dati, ecc.);
  • sensori, regolatori di temperatura, sistemi di controllo automatico.
L'uso di dispositivi di spegnimento di sicurezza è obbligatorio! In caso di guasto dell'isolamento del cavo, un tale dispositivo disattiva immediatamente le linee di riscaldamento.

Principi di base dell'installazione

Esistono varie tecnologie per la posa delle filettature di riscaldamento, che vengono selezionate in base alle caratteristiche del rivestimento del tetto, alla dimensione degli elementi della diga.

Sui tetti spioventi si praticava la posa del serpente cavo. Se il rivestimento del tetto è fatto di lamiera profilata o altro materiale profilato, il filo deve avvolgersi su ciascuna onda inferiore del foglio.

Le regole di posa del cavo di riscaldamento sul tetto implicano l'installazione di un serpente con una larghezza di 50 cm Questo metodo di installazione consente di proteggere la parte necessaria del tetto dalla formazione di ghiaccio. La fase di posa del cavo scaldante sul tetto è di 10 cm.

Lungo i bordi del tetto, i fili possono essere disposti in linee orizzontali parallele alla grondaia. Installazione pratica di due o tre linee di cavi con un intervallo di 10 cm Questo metodo di installazione è più economico rispetto all'installazione di un serpente.

Considerando come posare correttamente il cavo scaldante sul tetto, si dovrebbe prestare attenzione ai principi di installazione dello scarico di riscaldamento. Questa è una fase necessaria nella disposizione del sistema di riscaldamento, poiché è necessario garantire il libero flusso di acqua formata nel processo di scioglimento della neve e del ghiaccio.

Se il diametro della grondaia o del tubo è di 80 mm, il filo di riscaldamento è montato su un'unica linea. Quando il diametro della grondaia o del tubo oltre 80 mm, è necessario allungare due linee parallele di riscaldamento ad una distanza di 10 cm l'una dall'altra.

Principi di montaggio

Il metodo di montaggio del cavo scaldante sul tetto è dettato dal tipo di materiale di copertura del tetto. Il vantaggio è raccomandato per dare i tipi di elementi di fissaggio che non violano l'integrità della copertura del tetto.

Una chiusura comune è la clip SLT-C, che viene installata utilizzando una vite o un chiodo autofilettanti. Per impermeabilizzare il foro risultante viene utilizzato un sigillante siliconico. Inoltre, è possibile utilizzare mastici o elementi di fissaggio con uno strato adesivo.

La copertura metallica a coste consente l'installazione di fermacavi SLT-C, fissati sui bordi del rivestimento. Se il tetto è piatto, il filo di riscaldamento è montato sulla griglia con l'aiuto di clip e bulloni con dadi, e quindi l'intera struttura è incollata alla superficie.

L'installazione del cavo sul tetto di tegole richiede l'uso di un nastro di fissaggio perforato, che viene posato sulla colla con l'entrata sotto la precedente fila di piastrelle di 75 mm. Il fissaggio del cavo scaldante a un tetto morbido può essere effettuato con clip, ma si consiglia di utilizzare un nastro adesivo in alluminio: un pezzo di nastro è incollato al coperchio, un cavo è steso su di esso e fissato sul secondo pezzo di nastro. È anche possibile montare i fili di riscaldamento nelle grondaie e in luoghi esposti al vento.

Gli elementi di fissaggio nella valle vengono eseguiti sui cavi in ​​tensione o incollati al materiale di copertura: è impossibile violare la tenuta dell'elemento di copertura. Per la sospensione del cavo nel sistema di gronda è utilizzato un set di SLT-D - deve essere montato sul tetto o sulla grondaia. Quando si posa una linea di riscaldamento, la parte finale del cavo è piegata verso l'alto di circa mezzo metro, quindi fissata con una fascetta.

Se il tetto spiovente non è dotato di una grondaia e durante il periodo di disgelo si formano dei ghiaccioli sul bordo, l'istruzione consente di tenere il cavo sotto il bordo del tetto - il riscaldamento "taglia" i ghiaccioli durante la loro formazione.

Numero di riparazione della casa 1

Scegli maestri affidabili senza intermediari e risparmia fino al 40%!

  1. Compila una domanda
  2. Ottieni offerte con i prezzi dei maestri
  3. Seleziona artisti per prezzo e recensioni
Pubblica un'attività e scopri i prezzi

Il problema di pulire il tetto dal manto nevoso e dal ghiaccio è facilmente risolvibile con l'aiuto di un sistema di riscaldamento speciale sul tetto. Oltre alle funzioni di conservazione del tetto e degli elementi di drenaggio dal rapido deterioramento, il riscaldamento del tetto garantisce la sicurezza delle persone che vanno sotto i ghiaccioli appesi in inverno e mettono a rischio la propria vita.

Tipi di cavi scaldanti che possono essere utilizzati per il tetto e il drenaggio

I moderni sistemi di riscaldamento elettrico del tetto definiscono tre tipi di cavi adatti a funzionare nelle condizioni climatiche della Russia. Tutti loro sono presentati e disponibili sul mercato da diversi produttori, sia nazionali che esteri. Secondo i suoi indicatori tecnici e operativi, i cavi scaldanti di fabbricazione russa sono superiori alle loro controparti.

Tipi di cavi scaldanti utilizzati per riscaldare il tetto:

  • Cavo scaldante single-core resistente
  • Cavo di riscaldamento resistente e resistente
  • Cavo autoregolante

Il cavo resistivo per il riscaldamento è realizzato in modo standard. All'interno il conduttore passa con una resistenza costante che, una volta riscaldata, fornisce una temperatura costante. In un cavo single-core, solo un nucleo di riscaldamento. In un cavo resistivo a due conduttori uno ha un nucleo di riscaldamento e il secondo è conduttivo.

Vantaggi dei cavi resistivi: prezzo basso, alti tassi di dissipazione del calore e lunga durata. Gli svantaggi di un cavo di riscaldamento di questo tipo: viene prodotta solo una certa lunghezza, il che crea disagi durante l'installazione; fallire a causa di danni localizzati al punto; È necessario installare un pannello di controllo aggiuntivo per l'impianto di riscaldamento.

Il cavo scaldante autoregolante è prodotto in un modo tecnologicamente più complesso. Usa un materiale speciale - la matrice. La matrice ha una proprietà unica. Ti permette di cambiare la resistenza a seconda della temperatura ambiente. Grazie a ciò, la dissipazione del calore del cavo è regolata.

I vantaggi dei cavi autoregolanti:

  • risparmio energetico rispetto a resistivo, soprattutto se l'inverno non era molto freddo
  • facilmente riparato - è possibile sostituire solo una parte di un cavo bruciato
  • Non è necessario installare un sensore di temperatura e un controller per lo spegnimento

La combinazione di cavi resistivi e autoregolanti dimostra la massima efficienza nel riscaldamento del tetto e dei sistemi di drenaggio. Un sistema resistivo con sensori di temperatura e umidità è posizionato sul tetto e un cavo scaldante autoregolante è installato nelle grondaie e negli scarichi del sistema di drenaggio.

Posa e installazione di cavi scaldanti sul tetto

L'impianto di riscaldamento del tetto è costituito da diversi componenti: cavi di riscaldamento, dispositivi per il tetto e il drenaggio, pannello di controllo, stazione termica o suoi elementi.

Il cavo scaldante non si adatta a tutta la superficie del tetto. È montato sui bordi del tetto e lungo la valle con speciali elementi di fissaggio a una profondità di 30-35 cm. Questi elementi di fissaggio possono essere acquistati nello stesso negozio o outlet in cui è stato acquistato il cavo.

Caratteristiche di posa del cavo di riscaldamento resistivo sul tetto:

  • Prima di montare sul tetto, misurare la resistenza dell'intera sezione. Deve corrispondere ai dati del passaporto.
  • La lunghezza di una sezione è fissa. Non può essere tagliato o aggiunto un nuovo cavo. Pertanto, è necessario disegnare attentamente e fare un piano di posa. Calcola ogni passo del ciclo a zigzag
  • È necessario installare un cavo single-core, tenendo conto del punto di ritorno sul luogo di connessione alla rete
  • Un cavo robusto che devi solo fissare con cura alla fine del tetto
  • Alla fine, assicurati di rimisurare la resistenza. Se ci sono cambiamenti, significa che il cavo è stato danneggiato. Deve essere rimosso dal tetto.

L'installazione del cavo autoregolante è più semplice. Viene posizionato sul tetto nello stesso modo a zig-zag con una profondità di 30-35 cm e con incrementi di 15-25 cm. La lunghezza di una sezione può variare da 0,3 a 150 m.

In un sistema di scarico, tutto è semplice: misurare la lunghezza del tubo o della grondaia, selezionare un sistema resistivo o tagliare la lunghezza necessaria del cavo autoregolante. Tutte le estremità dei cavi scaldanti devono essere collegate insieme sul tetto in un punto. Qui vengono anche alimentati i fili di contatto dei sensori di umidità-temperatura, che sono montati in un determinato punto dello scarico con la minore probabilità di caduta di detriti e fogliame.

Installazione del pannello di controllo del riscaldamento del tetto

Prima di iniziare l'installazione del riscaldamento del tetto, è necessario scegliere un luogo nella casa in cui si troverà il pannello di controllo dell'intero sistema di riscaldamento. Ci deve essere elettricità e messa a terra.

Set completo ottimale di una guardia di gestione:

  • All'ingresso di un automatico trifase
  • RCD per riscaldamento. Viene calcolato dalla potenza totale dell'impianto di riscaldamento, ma non inferiore a 30 A
  • RCD per i sistemi di controllo della temperatura e dell'umidità
  • termoregolatore
  • Luci di segnalazione

Questo si riferisce agli strumenti e ai materiali obbligatori. Inoltre, non dimenticare di beni di consumo e risorse. Per l'installazione di reti elettriche: cavi di potenza per il collegamento con cavi scaldanti, cavi di segnale per il collegamento di sensori e pannelli di controllo, scatole di cablaggio, giunti, materiali isolanti e sigillanti per garantire la sicurezza delle connessioni.

Per il fissaggio del cavo sul tetto e gli scarichi di drenaggio: elementi di fissaggio speciali, separatamente per il tetto e separatamente per lo scarico; viti per metallo e legno, cacciavite, metro a nastro, righello, set di cacciaviti, pinze, guanti di gomma.

Regole per il funzionamento dei sistemi di riscaldamento del tetto

Esistono alcune regole e raccomandazioni per il funzionamento degli impianti antigelo e di riscaldamento del tetto. La vita utile stimata del sistema è superiore a 15 anni.

Per fare ciò, segui queste regole:

  • Un cavo resistivo può facilmente bruciarsi se raccoglie detriti o foglie. Pertanto, nel periodo autunno-primavera, è necessario pulire il cavo e il tetto da questi strati. Questo è particolarmente importante da fare all'interno delle grondaie.
  • Il cavo autoregolante ha elevate correnti di avviamento. Se si utilizzano cavi più lunghi di 50 m, è necessario verificare il funzionamento dell'RCD prima di ogni inverno
  • La combinazione di sensori di temperatura e umidità consente di risparmiare energia il più possibile e consente di prolungare la durata dell'intero sistema

Se hai bisogno di consigli o assistenza di specialisti, puoi sempre contattare il servizio YouDo. Il lavoro professionale degli artisti Yuda è poco costoso e l'assistenza viene fornita tempestivamente.

Il dispositivo di antigelo del tetto e grondaie mediante cavo scaldante autoregolante

Perché ho bisogno di un drenaggio? Il sistema di drenaggio è installato sul tetto della casa per la rimozione organizzata dell'umidità dalla sua superficie.

L'acqua dalla pioggia o la neve sciolta scorre lungo le grondaie verso il luogo assegnato, non diffondendosi su tutto il tetto.

Tipicamente, il sistema è equipaggiato in modo tale che il flusso d'acqua sia diretto immediatamente verso la fognatura o il sistema di drenaggio.

L'acqua scorre attraverso le grondaie, cade nell'imbuto di troppo pieno, e poi si precipita attraverso il tubo di scarico nella fogna nel cortile.

Le fognature impediscono all'acqua di finire sotto il tetto, riscaldando le fondamenta dell'edificio. In assenza di dispositivi di drenaggio, soffitti e pareti iniziano a umidificare nella stanza, viene avviata la muffa.

La casa affronta una lenta distruzione. Per dotare la superficie del tetto della vostra casa di un sistema di scarico centralizzato è necessario evitare molti problemi.

L'acqua congelata nel canale di scarico impedisce alla neve sciolta di fuoriuscire. Appaiono i ghiaccioli e con essi il pericolo di lesioni e danni. Le persone possono soffrire se un'enorme massa di ghiaccio esce dalla grondaia. Rischi auto parcheggiate vicino alla casa. Sì, e drenare le grondaie, i tubi possono diventare inutilizzabili.

A proposito di installazione di scarichi può essere letto qui.

Perché le forme di gelo sul tetto?

Ci sono due ragioni principali:

  1. Se il giorno è caldo, la neve inizia a sciogliersi. L'acqua risultante scorre attraverso le grondaie. Di notte, quando la temperatura scende, l'acqua rimanente si trasforma in ghiaccio. Una tale differenza di temperatura in inverno e in primavera è osservata in città. Con l'accumulo di un gran numero di case l'aria è sempre più calda. Le grondaie in metallo, a volte, sono ricoperte da una spessa crosta di ghiaccio, che è molto difficile staccarsi dalla grondaia senza romperla.
  2. La causa della formazione del ghiaccio sono i tetti stessi, specialmente se il tetto è di tipo mansardato. Dal calore proveniente dalla casa, la neve si sta sciogliendo. L'acqua, che scorre verso la grondaia, si raffredda e si ghiaccia nuovamente. Per provocare lo scioglimento della neve può essere inaffidabile o meno secondo l'isolamento tecnologico realizzato. Attraverso le fessure e le giunture inaffidabili del materiale isolante, il calore interno fuoriesce, riscaldando la neve. Si trasforma in acqua e poi in ghiaccio.

Al fine di eliminare questo problema una volta per tutte, e per proteggere il sistema di drenaggio, è necessario predisporre il riscaldamento dei tubi di scarico. Esistono numerosi sistemi antighiaccio.

Ragioni per la formazione del ghiaccio

Quelli che tengono giù la neve dalla copertura e cavi di calore che servono a scaldare gli scarichi. La loro funzione principale è quella di liberare il tetto dalla crosta di ghiaccio, per evitare la formazione di pericolosi ghiaccioli.

Le moderne fognature devono necessariamente essere dotate di un sistema di antigelo sulla superficie del tetto. Com'è lei?

Il sistema di antigelivo del tetto e delle grondaie - che cos'è?

  1. Prevenzione della formazione di ghiaccio e ghiaccioli sulla cornice del tetto.
  2. Eliminare la necessità di pulire il tetto manualmente, che è pericoloso per l'uomo e porta a danneggiare il rivestimento durante la frantumazione del ghiaccio.
  3. Ridurre il rischio di collasso del ghiacciolo e lesioni fisiche.
  4. Mantenimento della stabilità durante il funzionamento degli elementi di drenaggio per tutto il periodo freddo dell'anno. Eliminando il rischio di allagamento delle fondamenta e la penetrazione di umidità all'interno della casa.
  5. Aumentare la vita delle grondaie, degli imbuti e dei tubi di scarico.
  6. La mancanza di deformazione della copertura e il rischio di perdite di acqua di fusione all'interno della struttura.

Lo schema di riscaldamento dell'edificio

Cavo di riscaldamento per coperture e grondaie: tipi e caratteristiche

Qualsiasi sistema antighiaccio presuppone la presenza di un cavo di riscaldamento per il riscaldamento delle grondaie e dei tubi di scarico, che fornisce uno scarico caldo e non consente all'acqua di cristallizzarsi in ghiaccio.

Esistono due tipi di cavi elettrici:

Tipo resistivo

Il cavo autoriscaldante è costituito da un materiale isolante multistrato. Nella cavità del cavo ci sono due conduttori di riscaldamento collegati a una fonte elettrica.

Questo tipo è un cavo convenzionale in un avvolgimento multistrato composto da:

  • guscio esterno in polimero;
  • sotto c'è uno schermo protettivo in filo di rame stagnato;
  • quindi il guscio polimerico interno;
  • conduttore o conduttore di riscaldamento inserito in nuclei isolanti in fluoropolimero.

Con il principio del lavoro ricorda TEN ordinaria casa.

Tale cavo per il riscaldamento ha una resistenza e una potenza costante, una temperatura di riscaldamento non regolata.

È richiesto, in possesso delle seguenti qualità positive:

  • prezzo basso;
  • semplicità nel montaggio sul tetto.

Questo tipo di cavo si riscalda ugualmente per tutta la sua lunghezza, il che riduce la sua efficienza. Sbrinare il forte destino del gelo richiede più potere. Possibile surriscaldamento del cavo e sua rottura.

Utilizzare un cavo autoriscaldante con maggiore potenza non è efficiente in termini di consumo energetico. Se la potenza viene ridotta, nelle fogne e sul tetto le aree di ghiaccio rimangono non congelate.

La flessibilità del cavo consente di collocarlo in qualsiasi configurazione. Se si fanno le onde di flessione più spesso e si posizionano l'un l'altro a una piccola distanza, è possibile aumentare la forza di riscaldamento. Ma se il nucleo è surriscaldato, il cavo danneggiato non può essere riparato.

Per evitare ciò, è spesso necessario pulire il tetto di terra e foglie cadute. La vita breve e l'elevato consumo energetico lo rendono impopolare. Sì, ed è usato più spesso su tetti con una vasta area.

Cavo scaldante autoregolante per drenaggio

La tecnologia di produzione del cavo autoregolante è più complessa.

La capacità di riscaldamento dipende dalla matrice, la cui azione consiste nella regolazione spontanea del riscaldamento a seconda della temperatura dell'aria.

La matrice si trova tra i due fili conduttori.

Con una grande quantità di neve e forte glaciazione del tetto, la potenza aumenta, con il riscaldamento si indebolisce il riscaldamento.

Questa funzione consente di risparmiare sul consumo di energia elettrica. Quando si forma una crosta di ghiaccio, l'elemento riscaldante installato nelle grondaie si accende automaticamente.

In assenza del bisogno mantiene il suo potere lineare. Funziona sempre in modo ottimale. Autoregolazione del riscaldamento, che porta al risparmio: il vantaggio più importante del filo di riscaldamento.

Soprattutto se il tempo è instabile in inverno e il regime di temperatura cambia spesso. Se una parte del cavo si brucia, viene tagliata e le parti di lavoro vengono ricollegate. Non è necessario installare un sensore di temperatura e il sistema di accensione e spegnimento.

Cavo scaldante autoregolante

Il termoconduttore è costituito da un guscio protettivo esterno, isolante termoplastico interno. Alla fine è la matrice semiconduttiva stessa e fili conduttivi. Questa è una tecnologia speciale per l'autoregolazione della potenza di riscaldamento.

Come scegliere un cavo di riscaldamento?

Il cavo di riscaldamento per lo scarico ha le seguenti caratteristiche: il resistivo non risponde alla temperatura ambiente, autoregolandosi a sua volta cambia il grado di riscaldamento in base alla temperatura ambiente, che consente di regolare il consumo energetico senza controllare il controllo di accensione e spegnimento.

Quando si avvia l'installazione di un sistema di riscaldamento, è necessario avere una chiara idea di:

  • come funziona il tetto;
  • cos'è un sistema di drenaggio;
  • che tipo di cavo di riscaldamento è il migliore per te?
  • quali sono le caratteristiche climatiche della tua zona;
  • quantità di precipitazioni, variazione di temperatura.

Puoi contattare gli esperti. Solo il sistema montato con competenza non fallirà con ulteriori operazioni.

Cosa è necessario preparare per l'installazione del cavo

A volte è consigliabile installare entrambi i tipi di cavo. Resistente sul tetto stesso, autoregolante nelle grondaie. Il fissaggio del cavo scaldante deve essere forte.

Per fare questo, prepara:

  • nastro di montaggio di dimensioni maggiori. Il cavo resistivo è posto a spirale con un passo di 25 cm e si autoregola con un passo di 50 cm.
  • tubo termorestringente. Con questo tubo, il cavo sarà collegato al sistema di scarico.
  • nastro per rivetti e nastro di montaggio ermetico. Nella cavità del cavo del tubo è fissato un nastro di montaggio con rivetti. E sulla superficie del tetto ermetico nastro di montaggio.

La superficie del tetto dove viene installato il cavo deve essere piana, senza spigoli vivi, in modo da non danneggiare il materiale. Quando acquisti un cavo, presta attenzione alla durata del servizio. Più è lungo, meglio è.

È consigliabile scegliere un produttore di tutti i componenti necessari del sistema anti-Livin.

Prima di acquistare un sistema di riscaldamento sul tetto, studia attentamente il tetto. Questo è fatto al fine di calcolare correttamente la potenza del conduttore.

Se il tetto non ha un rivestimento termico isolante, la potenza minima per metro lineare dovrebbe essere 40-50 watt. Se isolato, allora 25-30 W sono sufficienti.

Quanti metri di cavo avete bisogno per l'installazione?

Quindi, come calcolare il cavo di riscaldamento per lo scarico? Per fare ciò, misurare la lunghezza dello scarico orizzontalmente e moltiplicare per due. Misura le grondaie verticali e aggiungi questa figura alla prima. Quindi, moltiplicare il risultato per la potenza del cavo.

La potenza del cavo dipende direttamente dal materiale di cui sono fatte le grondaie. Per plastica - 20 watt per metro, per metallo - 25 watt, per legno - 18 watt.

Installazione del cavo di riscaldamento

Il materiale riscaldante è installato nella seguente sequenza:

  1. Il cavo della lunghezza richiesta viene tagliato, fornito con giunti. Disporre con cura e fissare le parti insieme.
  2. Collocato nella grondaia e fissato con nastro adesivo di montaggio. Resistivo dopo 25 cm, autoregolante dopo 50 cm.
  3. Il cavo inserito è fissato nel tubo di scarico con un nastro di montaggio o con un tubo termorestringente.
  4. Per gli imbuti utilizzare nastro adesivo con rivetti.
  5. Il cavo elettrico è collegato alla superficie del tetto con un nastro di montaggio con sigillante.
  6. Il quadro di controllo sul sistema è installato in un luogo specifico, comodo e accessibile.
  7. Collegare i nodi di controllo e riscaldamento. Controllare il meccanismo di sicurezza.
  8. Dopo aver collegato il tetto agli elementi riscaldanti, viene eseguito un controllo del funzionamento del sistema.

Sistema di riscaldamento del dispositivo

Installazione del cavo di riscaldamento

L'installazione competente del sistema di riscaldamento, seguendo le istruzioni di sicurezza e la protezione risolverà molti problemi con la formazione di ghiaccio sul tetto, la protezione del sistema di drenaggio dalle rotture, la casa da inondazioni, persone dalle ferite.

Video utile

Come collegare un cavo scaldante con le tue mani:

Cavo di riscaldamento per coperture

In inverno, durante il disgelo, il gelo si forma spesso sui tetti e nel sistema di drenaggio delle case private. Per evitare ciò, eseguire la copertura riscaldata.

I seguenti componenti sono necessari per l'organizzazione della struttura di riscaldamento:

  • cavo di riscaldamento;
  • raccordi;
  • testata finale;
  • dispositivi di installazione elettrica;
  • termostato;
  • scatole di montaggio di due tipi: per connessione e diramazione;
  • apparecchio per l'installazione su un tetto o sistema di drenaggio.

La struttura destinata al riscaldamento del tetto è montata sulla parte superiore del materiale del tetto (struttura aperta) o sotto di esso (sistema nascosto).

Il cavo è posto a serpentina sul fondo del tetto. È inoltre consentita la posa della struttura di riscaldamento in una linea parallela alla grondaia.

Cause di formazione di ghiaccio sul tetto

Uno dei motivi principali è l'organizzazione impropria del tetto. Se il suo isolamento è insufficiente, questo porta al fatto che il calore viene rilasciato attivamente attraverso il tetto, mentre riscalda il tetto a temperature superiori allo zero. La neve sul tetto inizia a sciogliersi dal fondo e l'acqua di fusione fluisce verso lo scarico formando una brina ghiacciata.

Un altro motivo sono i disgeli, che portano anche alla formazione di ghiaccio nelle aree di scarichi e ghiaccioli. I tetti contribuiscono alla formazione di ghiaccio e periodi con giornate di sole, quando a causa del riscaldamento solare la neve inizia a sciogliersi, e di sera e di notte, quando la temperatura scende, l'acqua di fusione si ghiaccia.

Vantaggi e svantaggi del design

L'organizzazione di un tetto riscaldato ha i suoi vantaggi e svantaggi.

dignità

  • L'incapacità di formare ghiaccioli, quindi il passaggio vicino alle case diventa più sicuro;
  • Il rinforzo del tetto non è richiesto, poiché viene eliminato il carico di neve supplementare;
  • L'eliminazione della congestione dal ghiaccio nel sistema di drenaggio, che può portare alla distruzione degli scarichi e alla formazione di ancora più ghiaccio a causa del fatto che l'acqua non può normalmente essere rimossa dal tetto;
  • Elimina la distruzione del materiale del tetto sotto l'influenza del ghiaccio;
  • Non è necessaria la pulizia meccanica di un tetto dalla neve;
  • Facile manutenzione del sistema di riscaldamento.

carenze

  • Costi aggiuntivi per componenti e installazione;
  • Costi aggiuntivi di energia elettrica per il sistema.

Attenzione! I tetti riscaldati possono essere accesi solo durante il disgelo, così come all'inizio della primavera o nel tardo autunno.

L'impianto di riscaldamento non può essere utilizzato a basse temperature, in quanto non solo non porterà alcun beneficio, ma potrebbe anche essere la causa della distruzione prematura dei materiali di copertura.

Se la temperatura dell'aria è superiore a + 5 ° C, l'impianto di riscaldamento si spegne.

Per il corretto funzionamento della struttura, gli elementi riscaldanti sono posizionati sul tetto e nel sistema di drenaggio (valle, grondaie, ecc.).

L'impianto di riscaldamento utilizza un cavo speciale. È in esso che l'energia elettrica viene convertita in calore. La quantità di calore (secondo la legge Joule-Lenz) dipende dalla forza della corrente che fluisce attraverso il conduttore e dalla resistenza del filo stesso.

Tipi di cavi scaldanti per il riscaldamento del tetto e delle grondaie

I seguenti requisiti sono posti sui conduttori utilizzati per riscaldare il tetto:

  • resistenza del rivestimento isolante esterno agli ultravioletti, alta umidità, esposizione alle alte e basse temperature, sollecitazioni meccaniche;
  • prestazioni elettriche stabili con improvvise fluttuazioni di temperatura;
  • è possibile utilizzare solo cavi schermati (schermo in alluminio solido o rete di rame);
  • potenza elettrica - da 20W / m a 50W / m.

Per organizzare il sistema antighiaccio, vengono utilizzati i seguenti tipi di cavi elettrici: resistivi e autoregolanti.

Cavo di riscaldamento resistivo per il riscaldamento del tetto

È costituito da un filo di rame (o lega di rame), con una resistenza costante e inserito in una guaina isolante.

La plastica resistente al calore è usata come isolante.

Per il collegamento alla scatola di saldatura, il cavo ha le cosiddette "estremità fredde", che sono fatte da 0,75m a 2m di lunghezza.

Area di utilizzo - riscaldamento di sezioni lunghe.

Il conduttore di riscaldamento resistivo deve essere conforme a GOST R IEC 60800-2012 "Cavi riscaldanti per una tensione nominale di 300/500 V per il riscaldamento dell'ambiente ed evitare la formazione di ghiaccio."

Gli elementi riscaldanti sono posizionati direttamente sul tetto secondo uno schema speciale o i set di riscaldamento sono realizzati da loro in condizioni di fabbrica.

Tale cavo ha una lunghezza fissa di sezione o sezione. A seconda dei parametri tecnici, la sua lunghezza varia da 10m a 200m.

Il cavo è costituito da uno, due o più conduttori isolati.

Ogni nucleo, a sua volta, è costituito da uno o più fili di rame. È consentito l'uso di fili in lega di rame.

Nelle costruzioni multi-core, i nuclei possono essere rettilinei o a spirale. I cavi single-core, rispetto ai cavi bipolari, hanno una radiazione elettromagnetica più elevata. Inoltre, un importante vantaggio dei conduttori a trefoli è la loro elevata affidabilità operativa.

A seconda del modello, il cavo di riscaldamento resistivo può essere consecutivo e zona.

Il cavo di riscaldamento consecutivo per uno scarico e un tetto

Questo conduttore è un conduttore di rame, coperto con una guaina isolante. La successiva è la calza schermante che, oltre a fornire protezione dalle radiazioni elettromagnetiche, funge da conduttore di messa a terra.

All'esterno il cavo è rivestito con isolamento in PVC senza cuciture.

vantaggi:

  • con il passaggio del riscaldamento uniforme corrente si verifica su tutta la lunghezza;
  • prezzo basso;
  • flessibilità e facilità di installazione;
  • lunga catena di riscaldamento.

svantaggi:

  • la possibilità di surriscaldamento degli elementi riscaldanti;
  • non può cambiare la lunghezza delle sezioni;
  • è vietato l'uso per un tetto con un tetto morbido (costruito);
  • non sovrapporre;
  • se c'è un danno in un sito, è necessaria la sostituzione dell'intera sezione;
  • lo stesso trasferimento di calore lungo l'intera lunghezza del conduttore porta al fatto che nel processo di lavoro in alcune aree il sistema funzionerà al minimo e in altri il riscaldamento sarà insufficiente, in quanto le singole sezioni del tetto vengono riscaldate dal sole in modo diverso.

La resistenza totale di un cavo seriale dipende dalla sua lunghezza. Pertanto, accorciare il conduttore comporta una diminuzione della resistenza e, di conseguenza, un aumento della generazione di calore.

Attenzione! Durante il funzionamento, è necessario monitorare la pulizia del cavo: pulirlo da foglie cadute e altri detriti, altrimenti si brucerà rapidamente.

Marcatura del cavo resistivo

Secondo GOST, la marcatura dovrebbe includere le seguenti informazioni:

  • nome del produttore;
  • tipo di conduttore;
  • valore di resistenza a una temperatura di 20 ° C per ogni metro di un cavo seriale o per una potenza di uscita di ogni metro di un conduttore di tipo parallelo per una determinata temperatura;
  • classe meccanica;
  • la tensione massima del conduttore in serie o la tensione nominale del filo zonale;
  • se necessario, contrassegnare "solo per la posa in cemento".

La marcatura, secondo GOST, viene applicata in uno dei seguenti modi:

  • stampaggio;
  • un metodo di stampa;
  • indentazione.

Può anche essere applicato su un'etichetta attaccata al cavo o posizionata sull'elemento interno del conduttore.

Cavo di zona

Un conduttore parallelo o zonale è costituito da due nuclei isolati conduttivi paralleli che si sviluppano a spirale attorno a un filo riscaldante in metallo (solitamente nichelcromo) ad alta resistenza.

Attraverso fori di contatto o finestre, è alternativamente collegato ai conduttori. Le finestre sono sfalsate l'una dall'altra in passi di 1 m. Quindi, si formano diverse zone termiche. Quando una qualsiasi parte del cavo scaldante si brucia, la seconda zona funziona.

Una spirale metallica in metallo ad alta resistenza si trova sopra i nuclei, è bloccata nelle finestre sui nuclei. Di conseguenza, il cavo stesso è una connessione parallela di singoli resistori.

Pertanto, il conduttore zonale può essere tagliato in sezioni direttamente sul luogo di installazione. Solo è necessario osservare la seguente condizione: la lunghezza della sezione deve essere un multiplo di 1,5-2m (lunghezza della zona conduttiva).

La lunghezza del conduttore zonale è determinata dal suo spessore e dalla sezione trasversale dei conduttori.

Il conduttore di zona ha gli stessi vantaggi del tipo sequenziale, solo che, a differenza di questo, questo filo può essere tagliato in sezioni di una certa lunghezza, poiché è diviso in zone indipendenti di rilascio del calore.

Gli svantaggi includono la possibilità di bruciare all'incrocio, bassa resistenza al danno meccanico. Per determinare la zona bruciata è necessario l'uso di termocamere. Inoltre, oltre al tipo sequenziale, durante il funzionamento, il calore viene generato uniformemente lungo l'intera lunghezza della sezione di riscaldamento.

Cavo autoregolante

Consiste di due conduttori di rame, tra i quali è una matrice di semiconduttori. Sopra è uno strato di isolamento fotopolimerico. L'isolamento è costituito da un dielettrico con una resistenza di 1MΩ. Inoltre, questo design è nel guscio schermante. Lo strato esterno è isolante. La plastica resistente al calore viene utilizzata come dielettrico per il guscio isolante esterno, che non viene distrutto dalle radiazioni UV.

La marcatura del cavo può contenere le lettere CT, CF o CR.

La prima lettera C indica la presenza di uno schermo in rame rivestito di stagno. La seconda lettera è la caratteristica del materiale isolante. Se la lettera contiene la lettera R, l'isolamento è in poliestere modificato, T è un isolante in fluoropolimero, X è etilene vinil acetato.

Lo schermo può essere in alluminio o rete metallica di rame.

A causa della presenza di due strati di isolamento, il conduttore ha una maggiore rigidità dielettrica. È anche meno suscettibile alla distruzione per azione meccanica.

Una matrice di semiconduttori cambia la sua resistenza al variare della temperatura ambiente. Con l'aumentare della temperatura ambiente, aumenta la resistenza della matrice stessa, che porta ad una diminuzione del riscaldamento del cavo di riscaldamento per il riscaldamento di grondaie e tetti.

Il principio di funzionamento della matrice di semiconduttori è il seguente. Gli elementi principali che regolano la sua resistenza sono le particelle di fuliggine che si trovano nella sostanza matrice. Al diminuire della temperatura ambiente, il volume della matrice diminuisce. La distanza tra le particelle di fuliggine è ridotta, e tra loro c'è un gran numero di percorsi conduttivi. A causa di ciò, la resistenza della matrice diminuisce e la potenza termica, rispettivamente, aumenta. Se la temperatura aumenta, avviene il contrario: la matrice nel volume aumenta, il numero di percorsi conduttivi diminuisce e anche la potenza del cavo stesso diminuisce. Pertanto, si verifica l'autoregolazione del sistema di preriscaldamento.

A causa di ciò, ciascuna sezione del cavo può avere una temperatura diversa, a seconda del grado di riscaldamento del tetto. L'uso di una struttura di riscaldamento basata su un filo autoregolante consente al sistema antigelo di funzionare in modo più efficiente rispetto a quando si utilizza una struttura basata su un cavo resistivo.

dignità

  • Il cavo autoregolante può essere tagliato in sezioni di una certa lunghezza direttamente durante l'installazione della struttura;
  • La regolazione automatica del conduttore di alimentazione, a seconda della temperatura ambiente, consente un funzionamento più efficiente del sistema;
  • Il risparmio dei costi energetici, rispetto all'uso del conduttore resistivo, è di circa il 10-15%.

carenze

  • Prezzo più alto (2-4 volte più alto), rispetto a un filo resistivo;
  • Nel tempo, l'invecchiamento della matrice porta ad un calo di potenza di 1 metro lineare di conduttore.

Per un funzionamento efficiente della struttura riscaldata, è imperativo installare i cavi non solo sul tetto, ma anche nelle grondaie e nei tubi.

Per le condotte vengono utilizzate costruzioni con potenza lineare da 10 a 60 W / m.

L'utilizzo di un sistema di riscaldamento "anti-ghiaccio" basato su cavi di riscaldamento contribuirà ad aumentare la durata del tetto e inoltre non consentirà la formazione di brina e ghiaccioli lungo i bordi del tetto e nei sistemi di scarico.

Cavo di riscaldamento per scarico e tetto: selezione e installazione nel sistema antighiaccio

In inverno, disgeli e periodi di bassa stagione, il lavoro dei sistemi di drenaggio è a rischio. Una formazione di ghiaccio si verifica nelle grondaie e nei tubi, che è in grado di crescere rapidamente e di formare intere gelate. Rallentano il sistema di drenaggio e talvolta lo bloccano completamente.

Inoltre, il ghiaccio ghiacciato aumenta il peso degli scarichi, causando il loro collasso e la loro rottura. Tali conseguenze possono essere evitate con l'aiuto di sistemi antighiaccio, il cui elemento principale è il cavo scaldante per il drenaggio e la copertura.

contenuto

Funzioni del cavo di riscaldamento

Iniziamo con i concetti principali. Cos'è un cavo di riscaldamento? È un conduttore di corrente in grado di convertire l'energia elettrica in energia termica. La quantità di calore prodotta dipende dalla forza della corrente e dalla resistenza del materiale conduttivo. Se ricordiamo il corso di fisica della scuola, risulta che ogni direttore ha questa capacità. Ma! Per il cablaggio dei cavi un simile effetto termico è indesiderabile, quindi, a causa del suo design, stanno cercando di ridurlo. E per il cavo di riscaldamento - al contrario. Più calore è in grado di convertire dall'elettricità, meglio è.

Nel sistema antighiaccio, il cavo scaldante svolge la funzione più importante di riscaldamento degli elementi di scarico e tetto, rendendo impossibile la formazione di ghiaccio, ghiaccioli e calotte nevose.

  • la formazione di ghiaccioli sulle grondaie e sui bordi del tetto;
  • blocco degli scarichi con ghiaccio;
  • collasso o deformazione delle grondaie sotto il peso di ghiaccio, ghiaccioli e masse di neve;
  • rottura di tubi sotto l'influenza del ghiaccio.

Caratteristiche di funzionamento dei cavi scaldanti

Cavi elettrici per il drenaggio di riscaldamento e coperture in condizioni difficili - sotto l'influenza di umidità, temperature negative, carichi meccanici. Pertanto, è necessario che i cavi abbiano le seguenti caratteristiche:

  • tenuta del guscio e resistenza all'umidità atmosferica;
  • resistenza alle radiazioni UV;
  • la capacità di non modificare le loro proprietà a temperature alte e basse (negative);
  • elevata resistenza meccanica per resistere a carichi da neve e ghiaccio;
  • sicurezza associata ad elevate proprietà di isolamento elettrico.

I cavi sono forniti in bobine o sezioni di riscaldamento finite - tagliare frammenti di una lunghezza fissa con un giunto e un cavo di alimentazione per il collegamento alla rete.

Sezioni: un'opzione più comoda, che è più facile da montare. Il cavo in bobine, di regola, viene utilizzato per il drenaggio e la copertura di configurazioni complesse, per le quali le sezioni standard non sono adatte.

Tipi di cavi scaldanti

I sistemi antighiaccio sono in grado di funzionare sulla base di due tipi di cavi scaldanti: resistivi e autoregolanti. Esaminiamo le caratteristiche di ciascuno di essi.

Digita # 1. Cavi resistivi

La versione più comune e tradizionale, caratterizzata dalla stessa potenza di uscita su tutta la lunghezza e dalla stessa dissipazione del calore. Cavi resistivi con dissipazione del calore di 15-30 W / m e temperatura di esercizio fino a 250 ° С sono utilizzati per il riscaldamento degli scarichi.

Il cavo resistivo per il riscaldamento delle grondaie ha una resistenza costante e viene riscaldato in modo uniforme su tutta la superficie. Il grado di riscaldamento dipende solo dalla forza della corrente, indipendentemente dalle condizioni esterne. E queste condizioni per diverse parti del cavo possono variare.

Ad esempio, una sezione del filo potrebbe essere sotto il cielo aperto, un'altra nel tubo, la terza, per nascondersi sotto il fogliame o sotto la neve. Per prevenire la comparsa di ghiaccio su ciascuno di questi siti è necessaria una diversa quantità di calore. Ma un cavo resistivo non può autoregolarsi e cambiare il grado di riscaldamento. Qualsiasi parte di essa avrà la stessa potenza e il medesimo grado di riscaldamento.

Pertanto, parte dell'energia termica del cavo sarà sprecata per riscaldare quelle parti del tubo e del tetto che sono già in condizioni "calde". A causa di ciò, il consumo di elettricità da parte di un cavo resistivo è sempre relativamente alto, ma in parte improduttivo.

A seconda del modello, i cavi resistivi sono divisi in 2 tipi: seriale e zonale.

Cavi seriali

La struttura del cavo seriale è molto semplice. Al suo interno, lungo l'intera lunghezza, un conduttore continuo si estende, coperto da un isolamento dall'alto. Una vena è un filo di rame.

In modo che non provochi radiazioni elettromagnetiche negative, uno schermo intrecciato viene posizionato sul filo. Inoltre, svolge il ruolo di grounding. Lo strato esterno del cavo resistivo è una guaina polimerica, che serve a prevenire cortocircuiti e proteggere da condizioni esterne.

Una caratteristica di un cavo seriale è che la sua resistenza totale è uguale alla somma delle resistenze di tutti i suoi pezzi. Pertanto, cambiando la lunghezza del filo, cambia anche la sua capacità termica.

Poiché il processo di trasferimento del calore non può essere regolato, richiede un monitoraggio costante del cavo, inclusa la pulizia dei detriti accumulati. Fogliame, rami e altri detriti possono causare surriscaldamento e burnout del cavo. Non è soggetto a recupero.

I cavi seriali possono essere a conduttore singolo e a due conduttori. Nel singolo conduttore c'è un nucleo. Nel due core: due conduttori, che corrono in parallelo e conducono correnti in direzioni opposte. Di conseguenza, si verifica il livellamento delle radiazioni elettromagnetiche, a causa del quale i cavi gemelli sono più sicuri.

I cavi di resistenza seriale hanno i seguenti punti di forza:

  • prezzo ragionevole;
  • flessibilità, che consente di posizionare il cavo su superfici di varie configurazioni;
  • installazione semplice, in cui non è necessario utilizzare le parti "extra".

Gli svantaggi includono la generazione di calore stabile, indipendente dalle condizioni meteorologiche, e il guasto dell'intero cavo durante l'autointersezione o il surriscaldamento in un punto.

Cavi di zona

Oltre al solito cavo resistivo, c'è una versione migliorata di esso - il cavo di zona (parallelo). Nella sua costruzione ci sono due conduttori isolati paralleli. Attorno a loro c'è un filo di riscaldamento a spirale con alta resistenza.

Questa bobina (solitamente nicromo) attraverso le finestre di contatto nell'isolante si chiude alternativamente al primo, quindi al secondo nucleo. Formata indipendente da ogni altra zona di dissipazione del calore. Se il cavo si surriscalda e brucia a un certo punto, solo una zona non funziona, il resto continua a funzionare.

Poiché il cavo di riscaldamento zonale per coperture e grondaie è una catena di aree indipendenti che generano calore, è possibile tagliarlo in frammenti direttamente nel luogo di installazione. In questo caso, la lunghezza dei pezzi tagliati dovrebbe essere un multiplo della dimensione della zona di generazione del calore (0,7-2 m).

Vantaggi dell'uso di un cavo di zona:

  • prezzo ragionevole;
  • zone di dissipazione del calore indipendenti, che consentono di non avere paura del surriscaldamento;
  • installazione semplice.

Tra i difetti, vi è una dissipazione del calore stabile (come con un cavo seriale) e il fatto che la dimensione dei pezzi tagliati per l'installazione dipende dalla lunghezza della zona di riscaldamento.

Digitare # 2. Cavi autoregolanti

Questo tipo di cavo ha un grande potenziale nel sistema di riscaldamento di grondaie e tetti.

La sua struttura è più complessa di quella della controparte resistiva. All'interno dell'elemento ci sono due fili conduttivi (come un cavo resistivo a due conduttori) collegati da uno strato di semiconduttore - una matrice. Successivamente, gli strati sono disposti come segue: isolamento interno in fotopolimero, guaina schermante (foglio o treccia metallica), isolamento esterno in plastica. Due strati di isolamento (interno ed esterno) rendono il cavo resistente agli urti e aumenta la sua rigidità dielettrica.

La principale caratteristica distintiva del cavo autoregolante è la matrice, che cambia la sua resistenza a seconda della temperatura ambiente. Maggiore è la temperatura ambiente, maggiore è la resistenza della matrice e minore riscaldamento del cavo stesso. E viceversa. Questo è l'effetto dell'autoregolamentazione.

Il cavo regola automaticamente e indipendentemente il consumo energetico e il grado di riscaldamento. In questo caso, ciascuna sezione del cavo opera in modo autonomo e indipendentemente dalle altre sezioni seleziona il grado di riscaldamento.

Il cavo con l'effetto di autoregolazione è più costoso resistivo di 2-4 volte. Ma ha molti vantaggi, il più notevole dei quali sono:

  • cambiare il grado di riscaldamento in base alle condizioni ambientali;
  • consumo energetico economico;
  • basso consumo energetico (circa 15-20 W / m in media);
  • durata associata a nessun rischio di surriscaldamento e burnout;
  • semplice installazione su qualsiasi tetto;
  • la possibilità di tagliare in pezzi adatti (lunghezza da 20 cm) direttamente nel luogo di installazione.

Oltre al prezzo elevato, il riscaldamento a lungo termine e un'elevata corrente di avviamento a basse temperature ambiente possono essere attribuiti agli svantaggi di questa opzione.

Design del sistema antighiaccio

Come già notato, il cavo è l'elemento principale (riscaldamento) del sistema antighiaccio di scarichi e tetti. Ma non l'unico. Per costruire un sistema completamente funzionale, utilizzare i seguenti componenti:

  • cavo di riscaldamento;
  • cavo utilizzato per alimentare la tensione (non si riscalda);
  • fissaggio;
  • raccordi;
  • alimentazione elettrica;
  • RCD;
  • termostato.

L'efficienza del sistema di riscaldamento dipende in gran parte dal termostato. Questo dispositivo consente di accendere e spegnere la sezione di riscaldamento (cavo), limitando il loro lavoro in una gamma prestabilita di condizioni meteorologiche. Per determinare il loro valore, il termostato può essere causato da sensori speciali installati in luoghi con il maggior accumulo di acqua.

Un termostato convenzionale è caratterizzato dalla presenza di un sensore di temperatura. Di norma, per i sistemi di piccole dimensioni, utilizzare un termostato a doppia banda con la possibilità di regolare la temperatura in ingresso e in uscita dal cavo.

Un termostato specializzato chiamato stazione meteorologica controlla il sistema in modo più efficace. Contiene diversi sensori che fissano non solo la temperatura, ma anche una serie di altri parametri che influiscono sulla formazione del ghiaccio. Ad esempio, l'umidità dell'aria, la presenza di umidità residua sui tubi e sul tetto. Le stazioni meteorologiche funzionano nella modalità dei programmi installati e consentono di risparmiare fino all'80% di elettricità.

Installazione del cavo di riscaldamento

Per l'installazione del sistema antighiaccio, i cavi scaldanti sono posati:

  • sul bordo del tetto;
  • nella valle;
  • lungo l'intersezione del tetto e delle pareti adiacenti;
  • in grondaie orizzontali;
  • in tubi di scarico verticali.

Le caratteristiche della posa dei cavi in ​​queste zone hanno le loro differenze e caratteristiche.

Ai margini del tetto

In questa zona, il cavo viene posato con un serpente in modo che sia 30 cm più alto del bordo del muro esterno: in questa situazione, l'altezza del serpente è 0,6, 0,9 o 1,2 m.

Quando si installa il cavo su una piastrella metallica, viene posta una bobina di filo in corrispondenza di ciascun punto inferiore dell'onda. L'installazione su un tetto in metallo faltsevoy richiede un approccio diverso. Il cavo sale lungo la prima cucitura all'altezza desiderata, quindi scende alla grondaia dall'altra parte della stessa cucitura. Passa attraverso lo scivolo, raggiunge la prossima cucitura e ripete il ciclo di nuovo.

Se sul tetto spiovente non ci sono grondaie, sul suo viso si possono formare crescite ghiacciate e ghiaccioli significativi. Per evitare che ciò accada, il cavo viene posto in uno dei due modi possibili: un loop "gocciolante" o un bordo "gocciolante".

Il design del gocciolatoio presuppone che l'acqua di fusione si scarichi e goccioli direttamente dal cavo. Per questo, il cavo è montato con un serpente in modo che penda dal bordo del tetto per 5-8 cm.

Lo schema della faccia "gocciolante" è organizzato secondo un principio simile. Solo il cavo è fissato sul bordo del tetto (gocciolatoio), ponendolo tradizionalmente serpente.

Nella valle e all'incrocio tra il tetto e il muro

Il gelo si forma facilmente nella valle e in altri luoghi all'incrocio delle pendenze del tetto. Il cavo qui è disposto in 2 fili, lungo un giunto, su 2/3 della sua lunghezza. A causa di ciò, si forma un passaggio senza congelamento attraverso il quale scorre la neve scongelata.

Un metodo simile di costruzione di un passaggio senza congelamento viene utilizzato per l'intersezione tra il tetto e il muro. Qui, il cavo viene anche disposto in 2 fili per 2/3 dell'altezza della pista. La distanza dal cavo alla parete è di 5-8 cm e la distanza tra i suoi fili è di 10-15 cm.

In grondaie

In una scanalatura orizzontale, il cavo viene posato su tutta la lunghezza in uno o più fili paralleli. Il numero di fili dipende dalla larghezza della grondaia. Se un vassoio di un cavo è sufficiente per inserire un vassoio largo fino a 10 cm, allora due fili sono già in un vassoio largo 10-20. Per una grondaia più ampia (più di 20 cm), il loro numero viene aumentato aggiungendo un filo per ogni 10 cm di larghezza. Posare il cavo in modo che vi sia uno spazio di 10-15 cm tra i fili.

Per il montaggio del cavo nelle grondaie usate nastro di montaggio o speciali clip di plastica. È anche possibile realizzare elementi di fissaggio nelle giuste quantità da soli: dal nastro di acciaio, che può essere facilmente modellato in una clip. Le clip e gli elementi del nastro di montaggio sono fissati alle pareti delle grondaie con viti. I fori risultanti sono sigillati con sigillante siliconico. Tra gli elementi di fissaggio osservare una distanza di 0,3-0,5 m.

Nei tubi di scarico

Il gelo si forma spesso negli imbuti di scarico, chiudendo il percorso per il flusso di acqua di fusione dal tetto. Pertanto, la posa dei cavi è obbligatoria qui. In un tubo con un diametro fino a 10 cm, viene posizionato un filo di cavo, con un diametro di 10-30 cm - due fili. All'ingresso del cavo del tubo è fissato alle pareti con staffe in acciaio.

Nelle parti superiore e inferiore del tubo, è necessario un riscaldamento rinforzato, che viene effettuato posando ulteriori trefoli di cavi - nella forma di un anello di "gocciolamento" o diverse spire a spirale.

Se la lunghezza del tubo supera i 3 metri, si utilizza una catena o un cavo con elementi di fissaggio per abbassare il cavo e fissarlo. La catena (cavo) è appesa a un gancio oa un'asta metallica avvitata negli elementi in legno del tetto, montata sulla grondaia.

Video utile sull'argomento

I principi base dell'installazione del cavo scaldante come parte del sistema antighiaccio sono illustrati nella storia del video:

Si scopre che non c'è niente di difficile nell'installazione di un cavo scaldante. Comprendendo le caratteristiche semplici dei cavi e le sfumature della loro installazione, è possibile realizzare un sistema anti-gelo affidabile in breve tempo.

Consumando un bel po 'di elettricità, questo design ti aiuterà a dimenticare i ghiaccioli e il gelo sulle fogne e sul tetto della tua casa per molto tempo.