Gli svantaggi dei tubi in polipropilene nel riscaldamento domestico

Il polipropilene è oggi il materiale più popolare sul mercato. Ciò è dovuto principalmente alla sua qualità speciale, ma al suo prezzo piacevole. Ma per tutto ciò che è disponibile alla fine a volte devi pagare. Pertanto, in questo articolo imparerai 9 svantaggi del riscaldamento domestico con tubi in polipropilene.

Ampia espansione lineare

Se hai intenzione di riscaldare con tubi di polipropilene, posali immediatamente usando solo il montaggio a filo. Cioè, tutti i tubi che dovrai nascondere nel muro e nel massetto, e preferibilmente in isolamento.

Il principale problema del polipropilene è la sua espansione lineare. È di circa 2,5 mm per metro lineare. E se assemblate tubi piatti, durante il funzionamento sono sicuri di "galleggiare" da qualche parte. Anche se li aggiusti spesso. E se questi tubi si trovano all'esterno, è improbabile che apprezziate tale immagine.

Problemi di saldatura dei tubi

Collegare il tubo PPR tra di loro con il cosiddetto metodo di saldatura o sull'altro metodo di saldatura. Da un lato, questo è un modo abbastanza semplice e conveniente per connettersi, ma allo stesso tempo richiede un approccio serio e responsabile. Molti installatori si riferiscono a questa procedura in malafede, saldando tutto a caso. Di conseguenza, puoi ottenere solo un'immagine del genere:

Tali situazioni sono le stesse per gli installatori esperti. E la cosa più triste è che è impossibile sapere se il giunto si è rivelato normale o no fino a quando non taglierai il tubo a metà.

Avevamo un caso in cui invitavamo una brigata di terze parti per installare un locale caldaia di tubi CPD. I ragazzi hanno torto il ferro di saldatura alla temperatura massima, sebbene ogni tubo abbia i propri limiti di temperatura. Sono stati ripetutamente avvertiti di questo. Ma lo facevano ancora a modo loro. In apparenza, tutte le connessioni sono state fatte perfettamente, ma alla fine, dopo aver avviato la caldaia, alcune di esse hanno iniziato a scorrere. Ho dovuto rifare

Un gran numero di articolazioni

La cosa più importante che non mi piace nell'organizzazione del riscaldamento con tubi in polipropilene è un gran numero di giunti. La casa media può talvolta avere 200-300 giunti e la maggior parte si nasconde nel massetto e nei muri. E ogni articolazione è un fattore umano che può giocare uno scherzo crudele. E in qualsiasi momento qualsiasi articolazione può dare una perdita. Bene, se sarà fuori. Ma come mostra la pratica, molto spesso l'articolazione inizia a fluire all'interno.

E tenendo conto della costante espansione lineare del tubo, il giunto può anche perdere la sua tenuta. Ma sarà corretto notare che tali situazioni non sempre si verificano, ma hanno un posto dove stare.

Vita di servizio materiale

Chi non lo direbbe, ma i tubi in polipropilene hanno una vita breve. Il produttore ha espresso la vita utile del tubo in 50 anni. Ma la pratica dimostra che dopo 15 anni, l'invecchiamento della pipa sta già iniziando a farsi sentire. Può rompersi, può fuoriuscire articolazioni e così via.

Ma più il polipropilene è che viene rapidamente riparato.

Tubi di polipropilene con fibra di vetro

I tubi PPR sono suddivisi in tubi per l'alimentazione di acqua calda e fredda (immediatamente e riscaldamento). In precedenza, il tubo CPD per il riscaldamento rinforzato con un foglio di alluminio speciale. Ma questo ha portato a prezzi più elevati per il prodotto finito. Nel corso del tempo, apparvero tubi con fibra di vetro, che alla fine sostituirono tubi simili con alluminio.

Pochi sanno, ma facendo riscaldamento domestico con tubi di polipropilene con fibra di vetro, si corre un piccolo rischio. La vetroresina tende a rompersi. A volte basta gettare il tubo sul pavimento per danneggiare lo strato di rinforzo.

È anche impossibile lavorare con un tubo del genere a bassa temperatura, poiché la fibra di vetro diventa fragile e subisce una rapida frattura. E lui, svolge non solo la funzione di rinforzo, ma anche una specie di barriera all'ossigeno.

Proprio come sappiamo, tali tubi sono conservati in normali magazzini e nessuno sta guardando il microclima posto per la conservazione dei tubi.

Pertanto, tutto è semplice. La vetroresina è buona, ma bisogna stare attenti.

Tubi con foglio di alluminio

Come è stato scritto sopra, il foglio di alluminio funge da compensatore per l'espansione del tubo e da una barriera di diffusione. Il foglio di alluminio si trova sia vicino alla superficie del tubo che nel mezzo. Tutto dipende dalla marca specifica di tubi.

Per poter saldare un tubo del genere, è necessario innanzitutto pulirlo. Se la lamina è posizionata al centro, quindi, rimuovendola, il tubo diventerà molto sottile e il composto potrebbe essere di scarsa qualità se saldato. Pertanto, se stai ancora pensando di fare il riscaldamento domestico con un tubo di polipropilene con un foglio di alluminio, allora prendi il tubo dove il foglio si trova più vicino alla superficie.

Pericolo di versamento nel massetto

È piuttosto pericoloso versare il nudo tubo di polipropilene nel massetto a causa della sua espansione lineare. Se, quando riscaldato, la pipa non ha un posto dove "camminare", allora c'è la possibilità che qualcosa possa accadere ad essa. Pertanto, idealmente, questa pipa è meglio da riempire isolatamente. E infatti, ora è meglio isolare tutti i tubi di riscaldamento.

Prodotti sagomati

Il principale svantaggio dei prodotti sagomati per il riscaldamento con tubi in polipropilene si può distinguere per il loro spessore. Diventano più spessi del tubo stesso. Ciò crea alcuni inconvenienti durante l'installazione dell'isolamento e quando si utilizza il tubo nel massetto. A volte l'altezza è così limitata che a volte può essere nascosto un oggetto dalla forma ingrandita.

Polipropilene con metallo

Molti prodotti sagomati in polipropilene sono dotati di un inserto metallico con una filettatura. Non è facile ottenere un composto ideale di metallo dalla plastica. Pertanto, ci sono casi in cui tali composti danno una perdita solo nei punti tra il ppr e il metallo.

Cosa è importante capire se si intende riscaldare con tubi di polipropilene. In effetti, questa è una buona roba per i tuoi soldi. Ma aspettarsi qualcosa di speciale da lui non vale la pena. C'è un'alta probabilità di perdite periodiche e guasti, che in questo caso sono abbastanza facilmente eliminati (se il tubo si trova all'esterno).

La particolarità di questo materiale è che non sempre il problema si manifesta immediatamente. Siamo in grado di montare, pressurizzare il sistema e assicurarsi che sia ben stretto e che nulla scorra da nessuna parte. E nel processo di funzionamento si forma improvvisamente una perdita. Questo non è un momento piacevole.

Per montare questo tubo di riscaldamento o no, dipende da voi. Molte persone montano e non sopravvivono. Abbiamo deciso di prepararti un po '.

Come scegliere tubi di polipropilene per il riscaldamento e come installarli

Sempre più popolari per i sistemi di riscaldamento nel mercato delle costruzioni stanno acquisendo controparti polimeriche moderne di tubi metallici. Come scegliere tubi di polipropilene per il riscaldamento e cosa dovresti sapere sulle loro proprietà e caratteristiche, descriveremo in dettaglio qui di seguito.

L'installazione di sistemi di riscaldamento comporta l'uso di alta qualità e ben collaudate nel funzionamento dei materiali. Nonostante la lunga esperienza nell'utilizzo di tubi in acciaio, oggi sempre più spesso optano per tubi in polipropilene per il riscaldamento.

Compongono una concorrenza degna per i predecessori, combinano un prezzo accessibile e soddisfano pienamente tutti i requisiti necessari. Successivamente, parleremo di come sono fatti i tubi in polipropilene e parleremo dettagliatamente delle loro proprietà distintive.

Tubi in polipropilene per riscaldamento: tipi, caratteristiche, proprietà

Più recentemente, durante l'installazione di impianti di riscaldamento, sono stati utilizzati tubi in polipropilene ordinario o, come vengono chiamati, tubi ppr. Tuttavia, nel tempo, è diventato chiaro che questo materiale non è adatto a questi scopi. Sotto l'influenza della pressione e delle alte temperature, i tubi in polipropilene per riscaldamento sono diventati molto sensibili alla deformazione.

E la loro vita operativa alla fine si è rivelata molto più bassa rispetto a quella indicata dai produttori. Una soluzione eccellente è stata la particolare modernizzazione di questi tubi: l'uso della tecnologia di rinforzo nella loro fabbricazione. Ciò ha permesso di correggere le carenze esistenti, mantenendo tutti i vantaggi dei prodotti in polipropilene. Vedi anche: "Caratteristiche e caratteristiche dei tubi in polipropilene, tipi di materiali".

Ad oggi, ci sono i seguenti tipi di tubi in polipropilene rinforzato:

  • con alluminio - sono realizzati con un foglio di alluminio che, a seconda della tecnologia di produzione, può essere sulla superficie del tubo o tra strati di propilene (la cosiddetta tecnologia a sandwich) e impedisce alle tubazioni di avere effetti negativi di eccessiva dilatazione termica;
  • con fibra di vetro - nella cui fabbricazione si ottiene la monoliticità della struttura grazie al composto forte e modellato di polipropilene e fibra di vetro. Questo, a sua volta, conferisce al tubo una resistenza speciale e non porta alla delaminazione né durante l'installazione né durante ulteriori operazioni.

È importante tenere presente che i tubi in polipropilene per il riscaldamento con rinforzo in alluminio devono essere accuratamente puliti in anticipo, al fine di evitare la delaminazione nei siti di saldatura e per l'uso successivo.

I tubi con rinforzo in fibra di vetro sono privi di tale inconveniente, quindi non devono essere puliti prima della saldatura.

Al fine di ridurre al minimo l'acquisto di contraffazioni ed evitare i momenti associati alla scarsa qualità dei tubi (ad esempio, la loro forte separazione), i prodotti dovrebbero essere selezionati solo da produttori affidabili e fornitori affidabili.

Sfortunatamente, la tecnologia di rinforzo dei tubi in polipropilene non è in grado di impedire completamente l'influenza della dilatazione termica e la successiva deformazione da essa provocata. Pertanto, fare una scelta a favore di un particolare tipo di prodotto dovrebbe essere basata sulle risorse materiali disponibili e sulle preferenze individuali.

Inoltre, è molto importante sapere che i tubi in polipropilene saranno i più adatti per i sistemi di riscaldamento. Il fatto è che i tubi in polivinilcloruro (PVC) o polietilene a bassa pressione (HDPE) a causa dell'eccessiva morbidezza sono più adatti per l'organizzazione della fornitura di acqua fredda o, in alcuni casi, di acque luride. A questo proposito, tali vantaggi dei tubi in polipropilene come leggerezza, durata e affidabilità sono evidenti e servono come ulteriore vantaggio a favore della loro acquisizione.

Le principali caratteristiche tecniche dei tubi in polipropilene per il riscaldamento includono:

  1. Resistenza alla pressione. Questa proprietà dipende completamente dalla temperatura del liquido di raffreddamento: più è alto, minore è la pressione nel sistema. Pertanto, la maggior parte dei tubi in polipropilene può sopportare pressioni entro 4-6 atm ad una temperatura del liquido di raffreddamento di 70 ° C.
  2. Resistenza alle alte temperature. Di norma, i tubi in polipropilene trasferiscono facilmente fluttuazioni a breve termine della temperatura del liquido di raffreddamento a 95ºС. Ovviamente, tali cadute nei sistemi di riscaldamento residenziale sono l'eccezione. Poiché la temperatura di rammollimento del polimero è 110-140 ° C e il punto di fusione è 140-170 °, ciò conferma ancora una volta l'opportunità di utilizzare tubi in polipropilene per il riscaldamento (leggi anche: "Caratteristiche dei tubi polimerici per riscaldamento, caratteristiche di connessione e installazione").
  3. Resistente alla corrosione. La mancanza di risposta al contatto costante con l'acqua, la presenza di superfici lisce che impediscono l'accumulo di sali, rendono i tubi in polipropilene degni concorrenti rispetto ad altri prodotti.
  4. Bassa conducibilità termica A questo proposito, la condensa non si forma sui tubi e la temperatura della superficie sarà praticamente uguale alla temperatura del trasportatore di calore.
  5. Lungo periodo operativo. Secondo i produttori, la vita utile accettabile dei tubi in polipropilene è di circa 50 anni, mentre per i tubi in acciaio questa cifra va dai 20 ai 30 anni. Naturalmente, questa proprietà sarà influenzata dalla disposizione dell'impianto di riscaldamento, dalla pressione di esercizio e dalle cadute di temperatura del liquido di raffreddamento.

Inoltre, i raccordi, i raccordi e le dimensioni dei tubi corretti e affidabili influiscono direttamente sul funzionamento efficace e affidabile del sistema di riscaldamento. Successivamente, parleremo di quale tubo di polipropilene scegliere per il riscaldamento, in base ai suoi parametri di base.

Scegliere un tubo in polipropilene: cosa cercare

Il parametro principale a cui prestare attenzione quando si scelgono tubi in polipropilene è il diametro. Questo perché in ciascun sistema gli indicatori di pressione sono diversi, rispettivamente, e le tubazioni devono essere adatte per ogni caso specifico.

In base alle dimensioni della sezione interna, i tubi in PP per il riscaldamento sono:

  • fino a 16 mm - nei loro parametri sono ottimali per il riscaldamento a pavimento e gli adattatori possono essere utilizzati per compensare l'insufficiente flessibilità dei prodotti;
  • 20 -25 mm- sono eccellenti per l'installazione di impianti di riscaldamento in abitazioni o appartamenti privati, tenendo conto che i tubi con una sezione trasversale di 20 mm sono adatti per un semplice sistema di riscaldamento, mentre per i montanti devono essere selezionati tubi con una sezione trasversale di 25 mm;
  • 25 -32 mm- ottimale per l'installazione di impianti di riscaldamento centralizzati in condomini;
  • da 200 mm - trovano la loro applicazione nei sistemi di riscaldamento di grandi magazzini, ospedali, scuole e altri oggetti socialmente significativi con un numero sufficientemente ampio di visitatori.

Oltre al diametro dei tubi, è necessario prestare particolare attenzione alla marcatura indicata dal produttore. Di solito appare quando i simboli PN sono seguiti dalla designazione numerica della pressione ammissibile nel sistema. Vedi anche: "Quali sono i tipi di tubi in polipropilene, la produzione di materiali e il campo di applicazione."

Quindi, secondo la marcatura, si distinguono i seguenti tipi di tubi in polipropilene per il riscaldamento:

  • PN10 - per loro, la pressione massima ammissibile è di 1 MPa ad una temperatura del liquido di raffreddamento di 20ºС per i sistemi di alimentazione dell'acqua calda e di 45ºС per un pavimento riscaldato. A causa delle pareti piuttosto sottili (fino a 10 mm) si sconsiglia l'uso per i sistemi di riscaldamento di locali residenziali;
  • PN16 - per questa varietà, il valore di pressione massima consentita è di 1,6 MPa ad una temperatura del liquido di raffreddamento di 60ºС. Lo spessore delle pareti di questi tubi, di regola, è superiore a 3,4 mm, tuttavia un forte aumento della temperatura del liquido di raffreddamento può ridurre significativamente la loro durata. In questo contesto, sarà molto più sicuro installare tubi più durevoli per l'impianto di riscaldamento in una casa o in un appartamento;
  • PN20 - indica la possibilità di utilizzo in sistemi con una pressione di 2 MPa ad una temperatura di 80 ° C di refrigerante. Se lo spessore delle pareti di tali tubi è compreso tra 16 e 18,5 mm, possono essere scelti in modo sicuro per l'organizzazione della fornitura di acqua calda;
  • PN25 - può essere utilizzato in impianti con una pressione massima consentita di 2,5 MPa, sono disponibili solo con uno strato rinforzato e hanno caratteristiche eccellenti. Pertanto, sono i più ottimali per l'installazione di vari tipi di sistemi di riscaldamento.
    Per acquistare tubi in polipropilene per il riscaldamento e ottenere consigli tecnici sulla progettazione del sistema presso la vostra struttura, visitare il sito web del Gruppo Agpipe, il rappresentante ufficiale della pianta tedesca aquatherm GmbH

Una volta deciso quale tubo di polipropilene per il riscaldamento è più adatto, è possibile procedere all'installazione diretta e all'installazione del sistema. Quindi, considera in dettaglio il processo di creazione dei propri sistemi di riscaldamento delle mani nelle case e negli appartamenti.

Impianto di riscaldamento nell'appartamento: istruzioni per la sua creazione

A volte ci sono situazioni in cui potrebbe essere necessario sostituire i tubi di riscaldamento nell'appartamento. Nonostante la complessità di tali eventi, in base alle regole e seguendo un rigoroso algoritmo di installazione, è possibile eseguire questo lavoro in modo indipendente senza l'aiuto di esperti.

Inizialmente, è necessario pensare al tipo di sistema che dovrebbe essere installato. Non solo il costo finale, che è determinato dal numero di radiatori, tubi e accessori di fissaggio, ma anche la qualità del riscaldamento, dipende dal fatto che sia un tubo singolo o un tubo doppio. Pertanto, quando si installa un sistema a due tubi, potrebbe essere necessario un numero elevato di radiatori e, se si prevede di installare più di 8 pezzi, in questo caso i tubi con una sezione trasversale di 32 mm saranno ottimali.

L'installazione di un sistema monotubo sarà più economica, tuttavia, con questa configurazione di cablaggio, è probabile che la temperatura del portatore di calore in ogni radiatore sarà inferiore alla precedente. Per minimizzare questo effetto, sarà necessario installare termostati per regolare la potenza di ciascuno dei radiatori.

Indipendentemente dal tipo di sistema scelto, è estremamente importante provvedere all'installazione delle gru Mayevsky nella parte superiore del radiatore per lo scarico dell'aria. I fori inferiori devono essere tappati con tappi, avendo precedentemente pulito l'ingresso di possibile contaminazione, versamento di vernice. Questo articolo si applica anche ai nuovi radiatori.

Scegliere l'hardware di montaggio (raccordi, morsetti, spine di accoppiamento, raccordi a T, adattatori) deve essere conforme allo schema di riscaldamento selezionato.

Pre-spogliare il foglio di tubi in polipropilene rinforzato con alluminio, è possibile procedere al loro collegamento utilizzando una speciale saldatrice. È importante osservare l'intervallo di tempo necessario, di norma, diverso per ogni tipo di tubi in pp per il riscaldamento. Quindi, per i tubi reflow con una sezione trasversale di 25-32 mm, saranno sufficienti 7-8 secondi.

Per ottenere un funzionamento efficace e di alta qualità del sistema, è necessario attenersi rigorosamente al seguente piano d'azione:

  1. Coordinare le azioni correttive con le utilities rilevanti per poter spegnere l'acqua e scaricarla.
  2. Se possibile, avvisare i residenti i cui appartamenti si trovano al piano sopra e sotto. Tuttavia, se non è possibile sostituire completamente il riser a causa di circostanze, è possibile utilizzare adattatori speciali da ghisa a tubi di plastica.
  3. Smontare le vecchie comunicazioni dell'impianto di riscaldamento, osservando la massima cura e precisione. Si consiglia di non trascurare le precauzioni di sicurezza e indossare occhiali di sicurezza e un respiratore. Il fatto è che con l'uso prolungato, la ghisa diventa molto fragile e con un movimento incurante o improvviso dei suoi frammenti può entrare nel tubo e interrompere il movimento del liquido di raffreddamento.
  4. Procedere all'installazione di un nuovo sistema installando nuovi radiatori lungo il perimetro specificato.
  5. Assemblare i tubi in polipropilene e collegare i termosifoni a loro (più: "Come collegare il radiatore di riscaldamento a tubi di polipropilene - i metodi utilizzati dai raccordi").
  6. Controllare il sistema per integrità e tenuta. In questo caso, si dovrebbe prestare attenzione al fatto che se il sistema appena installato è a due tubi, il refrigerante dovrebbe spostarsi nella direzione opposta durante il controllo. E la pressione in caso di test dovrebbe essere circa 1,5 volte superiore alla fonte usuale.

Sistema di riscaldamento in una casa privata: un piano di azione approssimativo

Anche l'installazione dell'impianto di riscaldamento in una casa privata, per analogia con la versione precedente, richiede un'attenta pianificazione e preparazione preliminare. Nota che in questo caso l'opzione preferita è il cablaggio a due tubi. Per cominciare, dovresti decidere il tipo di elemento riscaldante (caldaia).

Di regola, sono:

  • combustibile solido;
  • gas;
  • elettrico

Le caldaie a combustibile solido sono piuttosto difficili da mantenere, ed è meglio affidare loro la connessione del sistema di riscaldamento da parte dei professionisti. L'uso di caldaie a gas è rilevante se c'è un gasdotto collegato alla casa. Rispetto alle versioni precedenti, la caldaia elettrica installata in questo caso è la più sicura.

Un fattore importante nella situazione con l'installazione del riscaldamento in una casa privata sarà il tipo di movimento del refrigerante nel sistema.

La divisione in circolazione è generalmente accettata:

  • naturale (gravitazionale);
  • forzato (pompaggio).

Nel primo caso, nello schema del sistema di riscaldamento, è necessario prevedere la presenza di una presa d'aria e di un vaso di espansione per evitare brusche cadute di pressione. Allo stesso tempo, si consiglia di installare il serbatoio di espansione in una stanza calda per evitare il congelamento del refrigerante.

Va inoltre tenuto presente che con un'installazione relativamente semplice, i sistemi con circolazione naturale del liquido di raffreddamento sono caratterizzati da alcuni inconvenienti. Quindi, sono inclusi nel lavoro per un lungo periodo e la loro lunghezza totale non deve superare i 30 m.

Un aspetto importante quando si installa un sistema di riscaldamento affidabile è il corretto posizionamento del cosiddetto tubo derivato: un tubo verticale collegato alla caldaia. Scegliendo un tubo in polipropilene adatto, puoi concentrarti sui seguenti valori: ad esempio, se il diametro del tubo di alimentazione è di 32 mm, per un tubo è necessario scegliere un tubo con una sezione di almeno 40 mm.

Dopo che è stato possibile determinare quali tubi per il riscaldamento del polipropilene sono migliori, è possibile procedere al passaggio successivo: collegarli con i radiatori.

Per fare ciò, selezionare uno dei metodi esistenti:

La variante con il collegamento inferiore (questo schema è anche chiamato "Leningrado") implica il collegamento di entrambi i tubi di alimentazione e di scarico sul fondo del radiatore. Per gli edifici a più piani, un tale sistema non è raccomandato. Ma può essere efficace in una casa privata, soprattutto perché, se lo si desidera, il cablaggio inferiore può essere nascosto nello spazio sotto il pavimento.

In caso di collegamento laterale, i tubi di alimentazione e di scarico si trovano su un lato del radiatore, uno in alto e uno in basso. Questo schema si trova più spesso nei condomini ed è caratterizzato da sufficiente efficienza.

Il tipo di connessione diagonale prevede il collegamento del tubo di alimentazione con il tubo del radiatore superiore e il tubo di scarico - con il tubo inferiore. Questo schema sarà ottimale su circuiti sufficientemente lunghi, nel caso di installazione di 10 o più radiatori. Va notato che la perdita di calore nell'ambito di tale schema, di regola, non supera il 2%.

Riassumendo, possiamo tranquillamente affermare che raccordi e tubi in polipropilene per il riscaldamento non sono solo economici, ma anche componenti affidabili e di alta qualità. Eccellente conduttività termica, resistenza al calore e caratteristiche di lunga durata li rendono degni concorrenti per i tubi in acciaio. E il più affidabile dei tipi presentati di prodotti polimerici sarà tubi di polipropilene rinforzati. Acquisizioni riuscite!

Installazione di riscaldamento da tubi in polipropilene: come realizzare un sistema di riscaldamento da polipropilene

I tubi in polipropilene stanno diventando sempre più un valido sostituto per le controparti in acciaio e ghisa tra quelle precedentemente utilizzate nell'impianto idraulico. Molte case private costruite sono ora dotate di sistemi di riscaldamento, acqua fredda e acqua calda, montati sulla base di polipropilene.

Inoltre, l'installazione di riscaldamento da tubi in polipropilene è facile da eseguire in modo indipendente. In ogni caso, è molto più semplice costruire un sistema di plastica piuttosto che uno di metallo.

Riscaldamento a base di polipropilene

Se si decide di realizzare un sistema di riscaldamento o qualche altro tubo di polipropilene, il master, oltre alle maniche di plastica, avrà bisogno di attrezzature aggiuntive.

In particolare, sono richiesti i seguenti materiali, attrezzature e strumenti:

  • cesoie per tubi o tagliatubi;
  • impianto idraulico di saldatura;
  • estrattore di fogli;
  • nastro sigillante (fluoroplastico);
  • coltello affilato;
  • agenti sgrassanti (per esempio salviette Tangit);
  • gamma di accessori richiesti;
  • metro a nastro e pennarello;
  • elementi di fissaggio, viti e tasselli.

Si dovrebbe prestare attenzione al materiale principale: tubi in PP, dai quali si suppone che crei un sistema di riscaldamento. Perché il sistema di riscaldamento di tubi in polipropilene può essere assemblato sulla base del materiale di diverse classi.

La scelta specifica dell'assemblaggio dipende dalle condizioni operative previste.

Classificazione e parametri di progettazione

Gli standard esistenti di GOST (ISO10508) stabiliscono una classificazione dei manicotti in polipropilene, sulla base del quale questo materiale può essere utilizzato in determinate condizioni operative.

I manicotti sono divisi in 4 classi (1, 2, 4, 5) secondo i tipici ambiti di applicazione e in base ai valori di pressione di esercizio (4,6,8,10 ATI):

  • classe 1 (sistemi di acqua calda fino a 60 °);
  • classe 2 (sistemi di acqua calda fino a 70 ° C);
  • classe 4 (riscaldamento a pavimento e sistemi di riscaldamento fino a 70 ° С);
  • classe 5 (sistemi di radiatori fino a 90 ° С).

Ad esempio, i tubi in polipropilene sono necessari per realizzare un sistema di riscaldamento a bassa temperatura. Quindi, mediante la designazione sulla superficie esterna del tubo, è possibile determinare il materiale appropriato.

Per questo caso, i tubi con la designazione - Classe 4/10, che corrisponde al limite di temperatura di 70 ° C e il limite consentito di pressione di esercizio - 10 ATI, sono abbastanza adatti.

L'industria, di regola, fa prodotti di appuntamento universale. I prodotti realizzati sono supportati da un'ampia classificazione. Nella documentazione di tale materiale la classificazione è indicata dall'elenco standard dei parametri ammessi (Classe 1/10, 2/10, 4/10, 5/8 bar).

Così, sperando di fare il riscaldamento nella casa di polipropilene con le proprie mani, il materiale principale viene solitamente scelto dal maestro in proporzione diretta:

  • da parametri operativi pianificati;
  • dai metodi di riscaldamento del liquido di raffreddamento;
  • dal sistema normativo applicabile.

È anche auspicabile calcolare la vita del futuro sistema di riscaldamento, utilizzando i parametri:

  • Valori massimi Trab e Prab;
  • spessore della parete del tubo;
  • diametro esterno;
  • fattore di sicurezza;
  • durata della stagione di riscaldamento.

In media, la vita del polipropilene dovrebbe essere di almeno 40 anni.

Come viene assemblato il sistema dai tubi in PP?

Considerare come realizzare un sistema di riscaldamento in polipropilene con le regole e le regole di installazione. L'inizio della produzione della rete dovrebbe essere preceduto da un'attenta ispezione di tutti i dettagli dell'insieme del sistema futuro. I componenti (tubi, raccordi) devono essere in forma corretta: puliti, senza danni.

Si consiglia di utilizzare parti di un solo produttore. La temperatura ambiente del luogo di lavoro è di almeno + 5 ° С.

Le parti in polipropilene del sistema possono essere unite tra loro con uno dei tre tipi di saldatura:

Alcune parti del sistema di riscaldamento in polipropilene possono essere collegate da un giunto filettato. A tale scopo vengono utilizzati raccordi speciali con parti filettate.

È vietata la filettatura autoformata su tubi di polipropilene. Le connessioni filettate devono essere sigillate con nastro in teflon. L'uso di lino o di traino su polipropilene non è praticato.

Caratteristiche del lavoro di installazione

Tutti i manicotti utilizzati nell'installazione, in caso di montaggio su misura, vengono tagliati con le forbici o un tagliatubi appositamente progettato per questo scopo.

Il lavoro con questo strumento è accompagnato da un taglio pulito, che è un punto importante per creare una connessione di qualità.

Se è necessario eseguire una transizione plastica-metallo, è necessario utilizzare solo transizioni di montaggio dotate di un manicotto filettato in ottone (nichelato) (interno o esterno) sulle tubazioni di alimentazione e riscaldamento dell'acqua calda. Il serraggio di tali collegamenti viene eseguito tramite i tasti del nastro, se non esiste un profilo per una chiave standard.

Tradizionalmente, il riscaldamento da polipropilene, anche con le proprie mani, viene raccolto con il metodo di legare con un apparecchio di saldatura a polifusione. Il set operativo di dispositivi di questo tipo contiene un gruppo di ugelli realizzati per diversi diametri di un tubo di plastica.

È necessario scegliere gli ugelli adatti, installarli sulla piastra riscaldante e fissarli con le viti.

Il regolatore di corrente della saldatrice per polifusione è impostato sulla temperatura di lavoro - di regola 250-270 ° С. Devi attendere che il dispositivo si scaldi completamente. Il raggiungimento della modalità operativa è indicato da un LED di controllo.

Alcuni dispositivi hanno un termometro a contatto, che determina la temperatura di riscaldamento con una precisione di un grado.

Procedura di saldatura di polipropilene

Passo dopo passo tutte le azioni si svolgono di solito come segue:

  1. Misura e taglia il pezzo di manica desiderato.
  2. Utilizzando un coltello affilato, smussare sulla superficie di lavoro con un angolo di 30-40 °.
  3. Misurare l'area dell'ingresso della manica all'interno del raccordo e segnare il bordo con un pennarello.
  4. Lasciare anche segni assiali sui dettagli per evitare spostamenti rotatori.
  5. Utilizzando un trimmer, rimuovere gli strati di plastica (superiore) e alluminio (centrale) sulla parte del tubo del giunto.
  6. Sgrassare le superfici di lavoro (saldate) con un agente speciale.
  7. Procedere alla procedura di riscaldamento delle parti.

Il raccordo viene prima collocato sul pannello con l'ugello, data la dimensione più spessa delle pareti di questa parte rispetto al tubo. Il raccordo deve aderire saldamente al corpo dell'ugello della saldatrice. Se c'è una ruota libera (gioco, penzoloni) - il raccordo deve essere scartato.

Successivamente all'interno dell'altra ugello inserire l'estremità trattata del tubo di polipropilene. La densità di atterraggio qui deve anche soddisfare il criterio di contatto uniforme su tutta la circonferenza. Entrambe le parti sono mantenute su una piastra di riscaldamento per il tempo indicato nella tabella:

Trascorsi i secondi di controllo, le parti vengono rimosse dagli ugelli e collegate mediante un'entrata uniforme e uniforme del tubo all'interno del raccordo (escluso spostamento assiale).

L'entrata del tubo nella cavità del raccordo viene eseguita fino al segno di riferimento. Tuttavia, la connessione fino all'arresto non lo fa. È necessario lasciare un gioco interno di circa 1 mm.

Dopo aver articolato le parti, il giunto deve rimanere fisso (fisso) per almeno 20 secondi. Durante questo periodo di tempo, la plastica fusa si indurisce e si forma un giunto forte e resistente.

Per raggiungere la piena resistenza del sito saldato deve essere sostenuto senza carico per almeno 1 ora. Questa tecnica esegue l'assemblaggio dell'intero sistema di riscaldamento, creando brevi sezioni e combinandole in nodi e linee principali.

Contabilità per espansione lineare (compressione)

Le fluttuazioni delle temperature esterne ed interne portano inevitabilmente all'espansione lineare o alla contrazione del polipropilene. Queste funzionalità dovrebbero essere considerate durante il processo di installazione. Se i cambiamenti lineari caratteristici nelle tubazioni dell'impianto di riscaldamento non sono adeguatamente compensati, questa condizione si tradurrà in una riduzione della durata di servizio dell'intero gruppo.

La compensazione della dilatazione lineare per i prodotti in polipropilene è ottenuta grazie alle proprietà di flessibilità del materiale stesso. È solo necessario posare correttamente le linee del tronco. Un'installazione corretta significa garantire la libertà di movimento della tubazione all'interno dell'ampiezza dell'espansione lineare.

Come garantire una tale installazione? Molto semplice È necessario includere compensatori speciali, morsetti di fissaggio standard costituiti da elementi fissi e mobili nel kit di montaggio.

L'espansione lineare può anche essere compensata dalla precompressione della pipeline. Questo approccio riduce la lunghezza dell'estensione. La direzione della prestress è esattamente l'opposto dell'espansione lineare.

Caratteristiche installazione del tronco

La posa delle linee di polipropilene avviene secondo le norme (GOST 21.602-79, GOST 21.602-2003), che determinano la pendenza minima della linea verso il punto più basso allo 0,5%. Allo stesso tempo nel punto inferiore richiede il posizionamento dell'unità di scarico con una valvola di scarico.

Le tubazioni devono essere divise in sezioni con la possibilità di tagliare queste sezioni utilizzando valvole di intercettazione, ad esempio in caso di incidente. Le valvole di regolazione e le valvole di intercettazione prima di installarle sul sito devono necessariamente verificare le prestazioni e la qualità della chiusura / apertura.

Durante il montaggio dei riser, è necessario prestare particolare attenzione ai supporti fissi e alla costruzione di un corretto schema di compensazione dell'espansione lineare. Il parametro di compensazione richiesto del riser può essere fornito in due modi:

  1. Supporti mobili
  2. Ciclo di compensazione.

Per la variante del riscaldamento del dispositivo nel quadro di un normale immobile domestico, di norma viene utilizzato solo il primo metodo. Supporti fissi sono posizionati sul riser nell'area sottostante e sopra il tee o nei punti dei giunti del tubo di accoppiamento. Questa montatura elimina il cedimento del montante.

Le linee del sistema di riscaldamento sono soggette a isolamento, compresi raccordi e valvole. Le eccezioni sono sezioni di tubi posate direttamente in un'area residenziale, infatti, essendo una continuazione di radiatori di riscaldamento. Come isolamento, è conveniente usare tubi isolanti in poliuretano espanso.

Video utile sull'argomento

Nell'esempio del riscaldamento delle tubature del radiatore, viene mostrato il processo di lavorazione e saldatura dei prodotti in polipropilene con l'ausilio di strumenti speciali.

L'aspetto dei tubi realizzati sulla base del polipropilene e il loro uso pratico possono ridurre significativamente l'intensità di lavoro dell'installazione sul dispositivo degli impianti di riscaldamento, incluse le proprie mani. Questo materiale moderno apre maggiori opportunità per i proprietari di case private, dove gli impianti di riscaldamento sono alimentati da fonti domestiche - caldaie elettriche, a gas, a legna.

Tubi in polipropilene per impianti di riscaldamento domestico: tipi, specifiche, tipi di sistemi

I sistemi di riscaldamento per impieghi gravosi di tubi metallici stanno gradualmente diventando un ricordo del passato. Sono sostituiti da materiali polimerici. I tubi in polipropilene hanno qualità eccellenti: la loro gamma è piuttosto ampia e le caratteristiche tecniche di ogni tipo sono diverse. Per capire quali tubi di polipropilene per il riscaldamento sono migliori, è necessario comprendere le proprietà del materiale e i requisiti per l'impianto di riscaldamento stesso.

I tubi di polipropilene sono installati negli impianti di riscaldamento di case e appartamenti privati

Tipi di tubi di propilene: che è meglio per il riscaldamento?

Un decennio fa, il polipropilene convenzionale (PPR) era comunemente usato per installare sistemi di riscaldamento. Ma nella sua forma pura, questo materiale non si è manifestato nel modo migliore, motivo per cui la sua valutazione è ora piuttosto bassa. La durata del polipropilene era significativamente diversa da quella dichiarata e la pressione e le alte temperature divennero la causa della sua deformazione. L'uso del rinforzo ha permesso di preservare i vantaggi del polipropilene e di ridurlo a gravi inconvenienti. Pertanto, ora i migliori tubi in polipropilene per il riscaldamento includono quanto segue:

Tubi in PPR con rinforzo in alluminio. L'uso del foglio di alluminio ha letteralmente dato una nuova vita ai tubi di riscaldamento in polipropilene. Lo strato di metallo che contiene il polimero, proteggendolo dall'eccessiva espansione. Uno strato di foglio di alluminio può essere posizionato sia sulla superficie del tubo che nel mezzo tra due strati di propilene ("sandwich"). Tali prodotti devono essere rimossi, altrimenti l'alluminio e il PPR saranno separati l'uno dall'altro nel sito di saldatura.

È importante! Quando si scelgono tubi in polipropilene di qualità insufficiente per il riscaldamento con uno strato intermedio in alluminio, c'è un grande rischio di attaccare il materiale: tali prodotti sono facili da falsificare. Acquista tubi PPR rinforzati solo da fornitori affidabili.

Tubi in PPR con rinforzo in fibra di vetro. Prodotti di altissima qualità e durevoli. Eccellente grado di affidabilità è raggiunto grazie alla solidità della struttura. Tali tubi, a differenza dell'alluminio rinforzato, sono letteralmente espressi, e quindi meritano una valutazione elevata e un sacco di feedback positivi. La vetroresina è in realtà un composito di polipropilene, quindi il rinforzo non si staccerà dalle pareti del tubo principale in nessuna circostanza. Di conseguenza, un tale tubo di propilene per il riscaldamento non può essere rimosso prima dell'installazione.

Di tutti i tipi di tubi in polipropilene, i modelli con uno strato di rinforzo sono più adatti per il riscaldamento.

Il rinforzo riesce a ridurre efficacemente l'effetto dell'espansione termica, ma, sfortunatamente, non lo elimina completamente. Sia quelli che altri tubi in polipropilene come mezzo per l'installazione del riscaldamento hanno caratteristiche abbastanza buone: una guida sul budget e le preferenze personali ti aiuteranno a scegliere tra loro.

Caratteristiche tecniche dei tubi in polipropilene per il riscaldamento

Sul mercato ci sono molte varianti di tubi in polimero, ma per acqua calda e riscaldamento si consiglia di utilizzare solo polipropilene. Materiali come PVC o HDPE sono troppo morbidi per questi scopi, sono più adatti per l'acqua fredda, alcuni - per le fognature. Le caratteristiche principali che consentono di utilizzare tubi in polipropilene negli impianti di riscaldamento sono ad alta resistenza con sufficiente leggerezza, nonché la capacità di mantenere le prestazioni in ambienti corrosivi.

Tubo in polipropilene, adatto al riscaldamento di una casa o di un appartamento privato, ha le seguenti caratteristiche tecniche:

Capacità di resistere a forti pressioni. In generale, le pipe PPR possono essere installate su qualsiasi sistema attualmente esistente. La pressione che i tubi di polipropilene per il riscaldamento possono sopportare dipende direttamente dalla temperatura di funzionamento costante dell'acqua: più forte è il riscaldamento, minore sarà la pressione consentita. La maggior parte dei prodotti in polipropilene sopportano tranquillamente una pressione di 4-6 atmosfere, mentre il sistema si riscalda fino a +70 gradi.

I tubi in PP sono adatti per l'installazione in qualsiasi sistema di riscaldamento, in quanto sono in grado di sopportare la pressione mantenuta nelle reti

Resistente al calore. Il funzionamento ottimale del tubo di riscaldamento in polipropilene sarà assicurato anche a una temperatura ambiente di -15 gradi. Questo indicatore non è particolarmente importante nella pratica, ma dimostra ancora una volta la forza dei prodotti PPR. Le caratteristiche di temperatura di questi tubi saranno le seguenti:

  • temperatura di fragilità - da -5 a -15 gradi;
  • la temperatura di rammollimento del polimero è di 110-140 gradi;
  • punto di fusione - da 140 a 170 gradi.

Queste caratteristiche chiariscono che l'uso di tubi in polipropilene di alta qualità per il riscaldamento è giustificato e sicuro in tutti i sistemi moderni. Il sistema di riscaldamento può riscaldarsi fino al livello specificato di ammorbidimento solo a temperature molto elevate del refrigerante (fino a 95 gradi) e si verifica in casi molto rari. Le fluttuazioni della temperatura a breve termine possono essere consentite senza danneggiare l'integrità del polipropilene.

Basso livello di conduttività termica. La condensa non si forma sulla superficie dei tubi di riscaldamento in polipropilene a causa di questa proprietà. La temperatura del tubo stesso sarà il più vicino possibile alla temperatura del liquido di raffreddamento.

Resistenza alla corrosione I tubi in polipropilene per il riscaldamento sono molto più adatti a sopportare l'influenza di vari ambienti sfavorevoli. A differenza dei prodotti in metallo, non reagiscono al contatto prolungato con l'umidità. Sali e altre impurità, che si trovano solo nell'acqua del rubinetto, non sono affatto terribili per il polipropilene. Affinché il polipropilene si decomponga, il materiale deve reagire con un acido potente. Che nelle condizioni di vita, ovviamente, non succede.

Per l'ininterrotta operazione di riscaldamento e la sua durata, è importante selezionare correttamente i raccordi per tubi

Lunga durata. I fabbricanti promettono che quando si usano tubi di polipropilene per il riscaldamento sull'installazione di nuovi progetti non si dovrà pensare per 50 anni. Si tratta di una cifra piuttosto elevata, poiché la durata di vita di, ad esempio, i tubi in acciaio di solito non supera i 20-30 anni. I tubi in ghisa hanno una vita utile più lunga, ma la loro installazione non è popolare ora.

La durata operativa di un tubo di riscaldamento in polipropilene dipenderà da fattori quali la pressione costante, la progettazione del sistema e la presenza di differenze di temperatura. Inoltre, il modo in cui la scelta degli elementi di collegamento è stata effettuata correttamente influenza direttamente le prestazioni dei tubi di riscaldamento in polipropilene.

Come scegliere i tubi in polipropilene per il riscaldamento: diametri e manometro

Quando si pianifica il riscaldamento del polipropilene, il criterio principale per la scelta dei tubi è il loro diametro. La scelta dei tubi per questo parametro è giustificata poiché ogni diametro è progettato per una certa pressione nel sistema e il suo scopo. Considera esattamente quali varianti esistono:

  • fino a 16 mm. I piccoli diametri di tubi PPR sono una buona scelta per creare un sistema di pavimenti caldi. La mancanza di flessibilità nel polipropilene complica in qualche modo la connessione del riscaldamento a pavimento, ma gli adattatori possono essere utilizzati per correggere questa carenza.
  • 20-25 mm. Questo tipo di prodotti in polipropilene è ottimale per il riscaldamento di una casa o di una rete privata in un appartamento. Il sistema semplice è montato utilizzando tubi con un diametro di 20 mm, per i riser saranno necessari tubi da 25 mm.
  • 25-32 mm. Applicare quando è necessario collegare il riscaldamento centrale nei condomini.
  • da 200 mm. Tali tubi in polipropilene sono utilizzati per il riscaldamento di luoghi affollati: ospedali, alberghi, edifici universitari e scuole, grandi magazzini.

Un altro elemento nell'assortimento di tubi in polipropilene per il riscaldamento sarà la loro etichettatura. Ha la forma PN **, dove ** sono le caratteristiche tecniche della pressione a cui questi prodotti resistono:

  • PN10. È consentita una pressione di 1 MPa, una temperatura dell'acqua costante non deve superare i 45 gradi nelle condizioni di funzionamento in un sistema di riscaldamento a pavimento e 20 gradi per i sistemi di alimentazione dell'acqua calda. Il tipo più economico di polipropilene per il riscaldamento, che è meglio non usare per il sistema principale in un appartamento o per riscaldare una casa privata. Tali tubi sono prodotti solo con una parete sottile (1,9-10 mm);
  • PN16. Pressione di trasferimento fino a 1,6 MPa, l'aumento della temperatura è consentito fino a 60 gradi. Con salti di temperatura bruschi, la durata di tali tubi PPR può essere ridotta al minimo. Se è possibile mettere tali tubi in polipropilene per il riscaldamento dipende da voi, ma per la riassicurazione è meglio trasformare la vostra scelta in modelli più durevoli. Lo spessore delle loro pareti inizia da 3,4 mm;
  • PN20. Opzione universale: mantenere la pressione di esercizio di 2 MPa, la temperatura di riscaldamento del liquido di raffreddamento - 80 gradi. Questo tipo è meglio scegliere per la fornitura di acqua calda, con uno spessore della parete compreso tra 16 e 18,5 mm;
  • PN25. I tubi in polipropilene più efficaci per il riscaldamento con eccellenti caratteristiche tecniche. Resistono a una pressione che raggiunge 2,5 MPa e sono disponibili solo con rinforzo.

Il diametro del tubo è un importante criterio di selezione nella pianificazione del sistema di riscaldamento

Riscaldamento di tubi in polipropilene fai da te nell'appartamento

Per i residenti di condomini, vi è una situazione familiare quando è necessario sostituire la vecchia conduttura in ghisa. Sostituire tubi di riscaldamento in un appartamento è un evento piuttosto complicato, ma anche qui è possibile fare a meno dell'aiuto di professionisti.

Un nuovo sistema di riscaldamento progettato autonomamente in un appartamento può avere una buona capacità di lavoro, se si seguono la procedura e le norme di sicurezza. Sostituire i vecchi tubi di riscaldamento in un appartamento con polipropilene sarà simile a questo:

  • coordinamento delle opere con i servizi comunali. La prima e molto importante fase, che ti darà il permesso di interrompere l'approvvigionamento idrico e scaricarlo dal sistema;
  • coordinamento del lavoro con gli inquilini dell'appartamento sopra e sotto il tuo. La sostituzione dei riser sarà necessaria non solo nell'appartamento in cui viene eseguita la riparazione. Tuttavia, se lo smontaggio del riser non è possibile, è possibile selezionare adattatori speciali da tubi in ghisa a quelli in plastica;
  • smantellare il vecchio sistema di riscaldamento I vecchi tubi in ghisa possono essere smantellati abbastanza bene, ma questa procedura richiede il rispetto di alcune norme di sicurezza. La fragilità della ghisa dipende da quanto tempo è stato utilizzato il sistema. I vecchi tubi si rompono molto rapidamente, rompendosi in piccoli pezzi. Quando si colpisce con un martello di metallo dal ferro, i frammenti volano via, che possono entrare nella tubazione: il sistema di approvvigionamento idrico può bloccarsi. Pertanto, per tali scopi è meglio scegliere un calcio in gomma o legno, che probabilmente tutti troveranno a casa. Devono essere eseguiti lavori di smontaggio, indossando un respiratore e occhiali;
  • si sta formando uno schema di un nuovo sistema, un radiatore viene appeso lungo un dato perimetro;
  • assemblaggio di tubi di riscaldamento in polipropilene e radiatori di collegamento;
  • controllare il sistema per la tenuta. La procedura di prova viene eseguita sotto forte pressione - 1,5 volte superiore alla normale pressione operativa. Se il vecchio sistema è stato sostituito con uno nuovo a due tubi, l'acqua deve essere avviata nella direzione opposta durante il controllo.

Nei condomini, è possibile sostituire i tubi di riscaldamento in metallo con tubi di polipropilene, completamente o parzialmente

Il primo passo è scegliere il tipo ottimale di sistema. L'impianto di riscaldamento può essere monotubo o bifilare. Il numero di radiatori e, di conseguenza, il costo del lavoro dipenderà da questo. Un sistema a due tubi richiede un numero maggiore di radiatori: se ne sono presenti più di 8, per tale riscaldamento verrà utilizzato un tubo di polipropilene con un diametro di 32 mm. Se si sceglie un sistema di riscaldamento domestico a un tubo in tubi di polipropilene, il costo della sua sistemazione diminuirà, ma il calore non sarà distribuito uniformemente. Ogni radiatore successivo sarà più fresco rispetto al precedente. Il circuito può essere integrato con valvole termostatiche che regolano la potenza di ciascun radiatore.

Qualunque sia il sistema di riscaldamento previsto, è necessario individuare una valvola di sfiato nella parte superiore del radiatore, la valvola Mayevsky. Nelle parti inferiori del foro sono tappati.

È importante! Quando si avvita la spina nell'ingresso del radiatore, è necessario pulire la lama da fuoriuscite di vernice e altri contaminanti. Questo vale anche per i nuovi radiatori.

Inoltre, la sostituzione del sistema di riscaldamento da tubi in polipropilene viene effettuata con l'aiuto di raccordi, morsetti, giunti (spine, angoli, Tee). Quale tipo di elementi di fissaggio e elementi di collegamento richiederanno la sostituzione delle tubazioni dipende dal tipo di impianto di riscaldamento scelto. Sostituzione di tubi in polipropilene utilizzando una saldatrice. Il tempo di riscaldamento per ciascun tipo di tubo PPR sarà diverso. I tubi in polipropilene più comuni da 25 mm e 32 mm richiedono 7-8 secondi per il reflow. Se si sta sostituendo con tubi PPR rinforzati in alluminio, non dimenticare di pulire la pellicola prima della saldatura.

Il numero di tubi per il riscaldamento di una casa privata dipende dal tipo di impianto di riscaldamento

Riscaldamento da polipropilene fai da te in una casa privata

Per una casa privata, la scelta migliore sarebbe un sistema a due tubi. Dal punto di vista dell'estetica, è meglio fare una versione chiusa della posizione del sistema, ma tecnicamente è abbastanza difficile nascondere i tubi nel muro.

Lo sviluppo di uno schema di riscaldamento in tubi di polipropilene include anche la fonte di calore di una casa privata. La caldaia può essere a combustibile solido, gas o elettrico. Quelli elettrici sono considerati i più sicuri - se si prevede di costruire un sistema di riscaldamento utilizzando tubi di polipropilene con le proprie mani, è meglio scegliere questa opzione. La caldaia a combustibile solido è difficile da mantenere, e il collegamento di tubi di riscaldamento ad esso richiede competenze speciali - per questo, è meglio invitare professionisti. Una connessione a una caldaia a gas ha senso se il gas viene trasportato in casa.

Ciò che conta è quale metodo di circolazione sarà scelto per il sistema di riscaldamento domestico. C'è un sistema di pompaggio e circolazione per gravità. Nel primo caso, l'alimentazione e la circolazione dell'acqua nel sistema si verificheranno a causa del funzionamento della pompa. Se viene utilizzata la circolazione gravitazionale (naturale), è imperativo installare una presa d'aria e un serbatoio di espansione per proteggersi dai picchi di pressione. Se lo schema di riscaldamento implica il cablaggio superiore, questi elementi del sistema sono installati nella soffitta della casa.

È importante! Nella qualità del sistema di riscaldamento, è importante installare correttamente il collettore booster (tubo) - la sezione del tubo verticale collegata alla caldaia di riscaldamento. Quale tipo di tubo in polipropilene dovrebbe essere scelto per il collettore di riscaldamento booster determinerà il diametro del resto della struttura: con un tubo principale da 32 mm, il diametro dell'ugello sarà di almeno 40 mm.

Il sistema di riscaldamento gravitazionale (naturale) in polipropilene durevole è molto semplice e abbastanza resistente, il suo dispositivo non richiede costi aggiuntivi per le attrezzature di pompaggio. Ma il sistema gravitazionale presenta anche alcuni inconvenienti, tra cui un raggio d'azione limitato (non supera i 30 m) e un tempo molto lungo da includere nel lavoro.

Per una casa con una vasta area, è necessario installare un sistema con circolazione forzata, ma avrà bisogno di più consumabili

Il sistema gravitazionale può essere scelto per una piccola casa privata, a condizione che il serbatoio di espansione si trovi in ​​una stanza relativamente calda (per evitare che l'acqua si congeli).

Il radiatore del sistema di riscaldamento è collegato a tubi in polipropilene nei modi seguenti:

Lo schema diagonale prevede il collegamento del tubo di alimentazione all'ugello superiore, collegando il tubo di uscita all'ugello del radiatore inferiore. È interessante notare che la perdita di calore con questo metodo non supera il 2%. La connessione diagonale viene utilizzata con circuiti estesi (10-12 radiatori). Con un tipo di connessione laterale, sia il tubo di alimentazione che quello di scarico si trovano sullo stesso lato del radiatore: l'ingresso è nella parte superiore e l'uscita è nella parte inferiore. Questo metodo è molto efficace e viene spesso utilizzato nei condomini. Lo schema inferiore ("Leningrado"), in cui la connessione del radiatore avviene secondo il principio "dal basso verso l'alto" non è raccomandato per edifici a più piani, ma è accettabile per quelli autonomi. Se necessario, il cablaggio inferiore può essere nascosto nel pavimento.

Sulla base delle informazioni fornite, la risposta alla domanda "È possibile utilizzare tubi in polipropilene per il dispositivo dell'impianto di riscaldamento" sarà abbastanza chiara. I prodotti PPR non sono solo un budget ma anche un'opzione completamente affidabile. Nella valutazione dei tubi in polipropilene per i moderni sistemi di riscaldamento, i prodotti rinforzati occupano un posto speciale e tali disegni sono la scelta migliore.