Rapporto dimensionale standard SDR

SDR è il rapporto dimensionale standard (inglese), o in russo la relazione dimensionale standard è la caratteristica geometrica adimensionale di un tubo di plastica, numericamente uguale al rapporto tra il diametro nominale DN di un tubo e lo spessore nominale EN della sua parete:

Il significato di questa caratteristica è che stabilisce una corrispondenza inequivocabile tra la pressione di un liquido o di un gas all'interno del tubo e lo sforzo di trazione nella parete del tubo.

Come mostrato nella pagina della serie di tubi S, la tensione σ nella parete del tubo dipende dalla pressione all'interno del tubo secondo la seguente formula:

Dalla definizione di SDR, ne consegue che il diametro nominale DN può essere espresso in termini di SDR e EN:

Sostituendo questa espressione nella formula precedente, otteniamo:

Come si può vedere, la relazione tra la pressione P e la tensione σ è proporzionale e il fattore di proporzionalità include solo l'SDR e nessun altro parametro.

In altre parole, se il materiale del tubo è noto (o meglio è noto il suo valore MRS a lungo termine), il valore SDR indica in modo inequivocabile la massima pressione operativa MAOP di questo tubo.

La pressione nominale di esercizio PN, per la quale vengono prodotte le tubazioni, è un intervallo di dimensioni discrete: 3,2, 4,0, 5,0, 6,3, 7,5, 8,0, 10,0, 12,5, 16,0, 20,0, 25,0 bar.

Pertanto, l'SDR è un intervallo di dimensioni standardizzato: 41.0, 33.0, 26.0, 21.0, 17.6, 17.0, 13.6, 11.0, 9.0, 7.4.

Il rapporto di dimensioni SDR standard viene utilizzato nella marcatura dei tubi come una delle caratteristiche più informative di un tubo.

Invece di SDR, la serie S viene talvolta utilizzata per contrassegnare i tubi, che è un coefficiente di proporzionalità diretto tra MAOP e SDR. Tuttavia, la formula per determinare S attraverso il diametro DN e lo spessore della parete EN del tubo è difficile da memorizzare. Pertanto, l'SDR è usato più spesso.

Cos'è la pipa SDR?

L'etichettatura dei tubi in polietilene include sempre il parametro SDR. Questo è un requisito GOST. Esempio di marcatura di tubi secondo GOST:

GOST 18599-2001 ci dice:

3.7 Rapporto dimensionale standard SDR: il rapporto tra il diametro nominale del tubo esterno d e lo spessore nominale della parete e.

Cos'è l'SDR?

SDR (dall'inglese Standard Dimension Ratio - coefficiente dimensionale standard) è una caratteristica di un tubo in polimero, che è il risultato del rapporto tra il diametro esterno del tubo e lo spessore della parete.

Questo valore è inversamente proporzionale allo spessore delle pareti del tubo, ovvero i prodotti con pareti sottili hanno un indice SDR più alto e viceversa - un tubo con una parete spessa presenta un SDR più piccolo.

Tubi con lo stesso diametro esterno ma diversi SDR avranno spessori di parete diversi. SDR indica non solo lo spessore del muro, ma anche le possibilità di questo tubo. I tubi con un SDR inferiore possono sopportare carichi pesanti e pressioni.

Ad oggi vengono prodotte pipe con SDR da 6 a 41.

Cos'è questo indicatore - SDR per tubi?

Rapporto dimensionale standard o Rapporto dimensionale standard, una combinazione che ha dato origine a questa abbreviazione. Stiamo parlando di SDR per tubi in polietilene, e la formula più semplice, per definizione, è:

Dove dn è il diametro esterno, en è lo spessore della parete del tubo. Quindi, comprendiamo che più sottile è il tubo, più grande è l'SDR e viceversa. Infatti, è possibile calcolare lo spessore della parete specificato nell'etichetta SDR, poiché questo indicatore standard è 41, 33, 26, 21, 17.6 e inferiore, fino a 9 - tutti sono SDR di diverso spessore di tubi. Inoltre, il rapporto dimensionale standard dipende da un altro indicatore, vale a dire la serie di tubi:

dove S è la serie.

Cos'è una serie?

Per fabbricato in conformità con GOST 8032 domestico e corrispondenti a lui tubi esteri S è il valore normalizzato e dipende dalla dimensione del prodotto. Aiuterà a determinare quante volte la sollecitazione nella parete del tubo dalla pressione di esercizio applicata MOR supera questa pressione di esercizio. Ad esempio, una serie di 2,5 dice: due volte e mezzo la tensione consentita sopra l'MPA.

La massima pressione di esercizio vera e propria, alla quale (a un valore costante) la durata utile di un tubo raggiunge i 50 o 100 anni dichiarati dal costruttore, è calcolata come:

Dove MRS è la resistenza minima di PE in funzionamento a lungo termine, e C è il fattore di sicurezza. Abbiamo già familiarità con l'SDR. C può essere 1,25 (per tubi freddi), 2 o 3,15 per tubi caldi o per il trasporto di gas esplosivi. Su una serie di attenzioni quando si sceglie di non pagare in modo particolare. È sufficiente selezionare i tubi per MRS e SDR, se le condizioni operative sono già note.

Indice SDR in polietilene

Acquistando tubi in polietilene per i sistemi di comunicazione dei dispositivi per uso domestico o industriale, è possibile vedere i segni su di essi con una serie di dati diversi su un particolare prodotto. Contiene:

  • informazioni sul produttore del tubo,
  • numero di standard GOST, in base al quale è stato realizzato,
  • abbreviazione "PE", nel senso che i tubi sono fatti di polietilene - un polimero termoplastico dell'idrocarburo "etilene", e il suo marchio (PE-100, PE-80, ecc.),
  • il diametro del prodotto e lo spessore del materiale delle sue pareti,
  • così come l'abbreviazione SDR con un indice specifico.

In questo caso, l'SDR dei tubi in polietilene è il valore di resistenza grazie al quale è possibile determinare con maggiore precisione le capacità dei prodotti per tubi.

Cos'è l'SDR

L'SDR (dall'inglese Standard Dimension Ratio - coefficiente dimensionale standard) è una caratteristica dimensionale di un tubo in polimero, che è il risultato del rapporto tra il diametro esterno e lo spessore della parete in polietilene. Questo valore è inversamente proporzionale allo spessore delle pareti del tubo, ovvero i prodotti con un indice SDR di grandi dimensioni hanno pareti più sottili e viceversa: un tubo con pareti spesse è indicato da un SDR più piccolo.

Tubi dello stesso diametro con pareti più spesse possono sopportare carichi molto maggiori, che sono causati durante il funzionamento dai seguenti fattori tecnici e naturali:

  • pressione interna dei contenuti
  • compressioni esterne, ad esempio quando il tubo è pieno di terra,
  • influenze meccaniche esterne, come movimenti di terra stagionali, ecc.

Cioè, SDR simultaneamente con lo spessore dello strato di polietilene indica il carico o la pressione (interna ed esterna) per questo tubo.

Qual è la differenza tra i tubi con indice SDR diverso

Differenze generali

Attualmente vengono prodotti tubi in polietilene con SDR da 6 a 41, per i quali sono possibili i carichi, come mostrato nella seguente tabella per "classi di pressione":

Pertanto, il coefficiente dimensionale standard può essere utilizzato per determinare lo scopo del tubo per sistemi specifici - pressione e senza pressione, vale a dire:

  • Tubi con un indice SDR 26-41 sono usati per fognature a flusso libero (a gravità);
  • Con gli indicatori 21-26, possono già essere utilizzati per l'approvvigionamento idrico interno a bassa pressione di edifici bassi;
  • I prodotti indicizzati da 11 a 17 possono servire per la costruzione di sistemi di irrigazione e di approvvigionamento idrico a bassa pressione;
  • I tubi con un SDR superiore a 9 sono adatti per sistemi a pressione progettati per l'approvvigionamento idrico, l'installazione di fognature a pressione e persino gasdotti.

esempi

Tubi in polietilene della stessa marca con SDR diversi possono presentare differenze significative. Quindi, per la marca più popolare di polietilene PE-80 è:

  1. PE 80 SDR 13.6 - molto durevole, può essere utilizzato per costruire sistemi di approvvigionamento idrico a lungo termine;
  2. PE 80 SDR 17 sono considerati prodotti con indicatori medi e sono raccomandati per l'installazione in sistemi di alimentazione idrica di rete, dove la loro resistenza è sufficiente, e il peso ridotto e il basso costo fanno risparmiare sui lavori di installazione;
  3. PE 80 SDR 21 non è raccomandato per sistemi a pressione, instillazione nel terreno e dispositivi per gasdotti, poiché hanno bassa resistenza alla compressione e pressione interna.

IMPORTANTE! Quando si sceglie una pipa con SDR, assicurarsi di considerare la marca di polietilene da cui è composta. Anche per gli stessi coefficienti dimensionali, un tubo di qualità superiore sarà più resistente e più resistente alle sollecitazioni meccaniche. Ad esempio, PE 100 SDR 17, a differenza del PE 80 con lo stesso indice, può essere utilizzato per condotte di acqua e gas a pressione.

Che cos'è la pipa SDR e tutto su di essa

Cosa significa SDR nella marcatura dei tubi?

SDR è una relazione dimensionale standard.

SDR si riferisce al rapporto tra il diametro esterno del tubo nominale e lo spessore nominale della parete. Fa parte dell'etichettatura dei tubi in polietilene.

GOST 18599-2001 per condotte di pressione in PE 63, PE 80 e PE 100 definisce le seguenti relazioni dimensionali standard:

L'indice SDR è inversamente proporzionale. Ciò significa che i prodotti con un numero maggiore di SDR hanno pareti piuttosto sottili e le condotte con un indice SDR inferiore hanno pareti più spesse.

Perché hai bisogno di SDR?

Per selezionare il tubo polimerico desiderato per scopi specifici, è necessario conoscere le sue caratteristiche. Questo aiuterà a capire come si comporterà il tubo in condizioni specifiche. Ad esempio, cos'è l'SDR, quanta pressione può sopportare all'interno o all'esterno, come si comporta quando il terreno cambia e la temperatura scende. Se il tubo ha pareti spesse, può essere più resistente alle influenze interne ed esterne. L'indice SDR consente di conoscere lo spessore delle pareti e tenere conto di quanta pressione può sopportare.

I tubi in polimero con SDR 6 sono in grado di resistere alla pressione più elevata. La pressione ammissibile per i tubi di questo tipo è di 25 atmosfere,

SDR 13,6 - 10 atm

I tubi con gli indici SDR 33 e SDR 41 sono in grado di resistere a pressioni fino a 4 atmosfere.

Sulla base di questi dati, è necessario prendere in considerazione i tubi con cui l'indicatore SDR può essere utilizzato nelle condizioni richieste. Ad esempio, i prodotti con un indice SDR da 6 a 9 sono utilizzati in sistemi di pressione in cui vi è alta pressione: fognature, condutture di gas e acqua.

I tubi SDR da 11 a 17.6 possono essere utilizzati in sistemi di irrigazione o sistemi di approvvigionamento idrico con meno pressione. I prodotti con SDR da 21 a 26 possono essere installati in edifici bassi per l'approvvigionamento idrico. I tubi con un indice di SDR 33 e SDR 41 sono generalmente utilizzati per sistemi senza pressione dell'acqua (fognature).

Quando si scelgono tubi in polimero, oltre all'indicatore SDR, si dovrebbe tenere conto anche della marca di polietilene utilizzata nella produzione. I tubi di un grado più elevato di polietilene, a parità di condizioni, saranno più forti e quindi potrebbero essere più resistenti alle influenze esterne e interne.

Ad esempio, un tubo in polietilene a bassa pressione (HDPE) in PE 100 sarà più resistente del PE 80, con indici SDR uguali. Indicatore SDR 17 tubi in PE 100 significa che un tale prodotto può essere utilizzato per sistemi di approvvigionamento idrico o in tubi del gas con una pressione sufficientemente alta. Al contrario, le stesse tubazioni, ma da PE 80, con l'indice SDR 17, possono essere utilizzate solo in case "low-rise" e private, dove la loro forza è abbastanza, e la convenienza comparativa consentirà di ridurre leggermente il costo del lavoro di riparazione.

relazione dimensionale standard (SDR)

3.12 Rapporto dimensionale standard (SDR): rapporto tra il diametro esterno nominale di un tubo in polimero e il suo spessore nominale della parete.

Termini di riferimento del vocabolario di documentazione normativa e tecnica. academic.ru. 2015.

Scopri qual è il "rapporto dimensionale standard (SDR)" in altri dizionari:

Rapporto dimensionale standard SDR - Rapporto dimensionale standard SDR: una quantità adimensionale numericamente uguale al rapporto tra il diametro esterno nominale del tubo d e lo spessore nominale della parete e. I valori SDR e S sono correlati come segue: SDR = 2S +...... Glossario dei termini e specifiche

Rapporto dimensionale standard - 3.1.1 Rapporto dimensionale standard SDR: rapporto tra il diametro esterno nominale del tubo d e lo spessore nominale della parete e Fonte: GOST R 50838 95: tubi in polietilene per gasdotti. Condizioni tecniche del documento originale... Vocabolario dei termini di documentazione normativa e tecnica

Rapporto dimensionale standard del tubo, SDR - 3.1 Rapporto dimensionale standard del tubo, SDR: il rapporto tra il diametro esterno nominale del tubo d e lo spessore nominale della parete E. I dettagli dell'SDR sono considerati uguali all'SDR del tubo. Fonte... Termini di riferimento del vocabolario della documentazione normativa e tecnica

Rapporto di quota dimensionale standard - 3.1.4. rapporto di parti dimensionali standard; SDR: i dettagli SDR sono considerati uguali all'SDR della pipe. (1) Fonte... Vocabolario dei termini della documentazione normativa e tecnica

standard - 3,34 valore standard: il valore del parametro che influenza il dispositivo (o il parametro del dispositivo stesso) selezionato come standard quando il valore del parametro che influenza il dispositivo (o parametro del dispositivo stesso) al quale il coefficiente di correzione...... Dizionario di riferimento della documentazione normativa e tecnica

SDR è il rapporto dimensionale standard del diametro esterno nominale del tubo rispetto allo spessore nominale della parete; Fonte... Termini di riferimento del vocabolario della documentazione normativa e tecnica

GOST R 50838-95: tubi in polietilene per gasdotti. Specifiche tecniche - Terminologia GOST R 50838 95: tubi in polietilene per gasdotti. Specifiche del documento originale: 3.1.6 gas combustibili: combustibile a base di idrocarburi, che si trova allo stato gassoso alla temperatura di 15 ° C e alla pressione atmosferica. 3... Termini di riferimento del vocabolario della documentazione normativa e tecnica

GOST R 52134-2003: tubi di pressione in materiale termoplastico e relative parti di collegamento per sistemi di alimentazione idrica e riscaldamento. Specifiche generali - Terminologia GOST R 52134 2003: Tubi a pressione di materiali termoplastici e loro parti di collegamento per sistemi di approvvigionamento idrico e riscaldamento. Condizioni tecniche generali del documento originale: fattore di sicurezza C: una quantità adimensionale che ha...... Glossario di termini di riferimento della documentazione normativa e tecnica

GOST R 51613-2000: tubi a pressione realizzati in polivinilcloruro non plastificato. Specifiche tecniche - Terminologia GOST R 51613 2000: tubi di pressione di polivinilcloruro non plastificato. Condizioni tecniche del documento originale: 3.6 fattore di sicurezza C: il coefficiente scelto nella progettazione di condotte idriche uguale a 2,5, che...... Glossario-libro di riferimento della documentazione di termini e norme

2: - Terminologia 2 :: Attivazione di radiazioni Radiazione, dopo l'esposizione di cui il materiale diventa radioattivo Definizioni del termine da vari documenti: Attivazione radiazione 4.27 Punto di riferimento antropometrico: Punto di controllo... Dizionario di riferimento di documentazione normativa e tecnica

La relazione dimensionale standard è sdr


GOST R 52134-2003

STATO STANDARD DELLA FEDERAZIONE RUSSA

Data di introduzione 2004-03-01

1 SVILUPPATO da una partnership senza scopo di lucro per lo sviluppo di sistemi di condutture polimeriche (NP RPTS) e l'impresa statale unitaria federale - Centro di metodologia, razionamento e standardizzazione (FGUP TsNS) con la partecipazione di: Impresa statale unitaria di Mosca "Istituto di ricerca e sviluppo di Mosca" (SUE NIIMostroy ), CJSC NPP Mayak-93, CJSC Agrigazpolimer, LLC Firma Bir Peks, DOOO Ufa Impianto di archiviazione sanitaria, LLC Van.Tubo, CJSC Musharaka, LLC Gazenergoservis, FGUP NPP Istok ", LLC Russtroyp gomma ", LLC" Elekam-Plastic ", LLC NPF" Exprom-T "e un gruppo di specialisti

3 FIRMA LA PRIMA VOLTA

introduzione


Questo standard "Tubi di pressione di materiali termoplastici e loro parti di collegamento per sistemi di approvvigionamento idrico e di riscaldamento, condizioni tecniche generali" è stato sviluppato per la prima volta.

ISO 9080: 2003 Sistemi di tubazioni e canalizzazioni in plastica - Tubi termoplastici - Determinazione della resistenza idrostatica a lungo termine di materiali termoplastici sotto forma di tubo mediante estrapolazione;

DIN 16892: 2000 "Tubi reticolato in polietilene (PE-X) - Requisiti generali, prove" - ​​"Tubi in polietilene reticolato (PE-X) - Requisiti e prove generali";

1 Scopo


Questo standard si applica ai tubi a pressione di materiali termoplastici di sezione circolare (di seguito denominati tubi) e raccordi (di seguito denominati accessori) che trasportano acqua, compresa l'acqua potabile, e destinati a sistemi di approvvigionamento di acqua calda e fredda e riscaldamento di edifici di vario genere.

2 riferimenti normativi


Questo standard utilizza i riferimenti ai seguenti documenti normativi.

GOST 27078-86 Tubi da materiali termoplastici. Metodi per determinare la variazione della lunghezza del tubo dopo il riscaldamento

3 Termini e definizioni


In questo standard, i seguenti termini vengono utilizzati con le definizioni corrispondenti:

6 resistenza minima a lungo termine MRS, MPa: il valore del limite di confidenza inferiore a una temperatura di 20 ° C per 50 anni, arrotondato al valore inferiore più vicino della serie R10 o R20 secondo GOST 8032 e ISO 12162, a seconda del valore.


dove - la resistenza minima a lungo termine, MPa;


dov'è una serie di tubi.


dove è la tensione nominale;


dove - la resistenza minima a lungo termine, MPa;


dove si trova la tensione calcolata nella parete del tubo, MPa, per una data classe di operazioni, determinata secondo la regola del minatore specificata nell'appendice A di questo standard;

4 parametri e dimensioni di base

4.1 I diametri esterni nominali e gli spessori nominali delle pareti dei tubi in funzione delle serie nominali e delle relazioni dimensionali standard sono elencati nella Tabella 1.

SDR per tubi in polietilene. Caratteristiche di resistenza del tubo in PE.

SDR per tubi in polietilene. Caratteristiche di resistenza del tubo in PE.

I tubi in polietilene sono spesso etichettati con caratteristiche SDR: un rapporto dimensionale standard. Pertanto, i produttori di tubi in polietilene possono classificare le caratteristiche di resistenza ("classi di pressione") per tubi diversi dello stesso diametro. SDR è il rapporto tra diametro del tubo e spessore della parete, vale a dire

D = diametro esterno del tubo (mm)

s = spessore della parete del tubo (mm)

SDR 15 significa che il diametro esterno del tubo è 15 volte lo spessore e non significa che il tubo resista a 15 atmosfere.

  • più alto è l'SDR, più sottile è la parete del tubo rispetto al diametro esterno, vale a dire il "più debole" del tubo.
  • più basso è l'SDR, più spessa è la parete del tubo rispetto al diametro, ad es. il "più forte" il tubo

Di conseguenza, un tubo con un SDR inferiore ha una classe di pressione più alta rispetto a un tubo con un SDR alto.

Tubi in polipropilene GOST R 52134-2003

Nuovi materiali: nuovi standard. Quando acquisti una serie di tubi in polipropilene, dovresti sapere cosa significano i simboli e quali sono gli standard dietro di loro.

I tubi in polipropilene devono essere conformi a GOST R 52134-2003

Tubi, raccordi e accessori in polipropilene sono utilizzati negli impianti idraulici e di riscaldamento a causa della versatilità del materiale e delle sue eccellenti proprietà prestazionali. Tubazioni leggere che non sono sensibili all'effetto dannoso dell'umidità e della corrosione, che non vengono distrutte dall'azione dei prodotti chimici, con una permeabilità costante durante l'intero ciclo di vita - tutto ciò conferisce al polipropilene.

Tuttavia, solo la conformità con gli standard di qualità approvati di produzione, imballaggio, etichettatura consente di ottenere tale risultato. Solo i tubi prodotti in conformità con tutte le disposizioni tecniche avranno tutti i benefici concordati a causa delle materie prime e dei metodi di lavorazione iniziali.

Standard GOST R 52134-2003: le principali disposizioni del documento

GOST R 52134-2003 è l'unico standard che regola la qualità e determina le caratteristiche dei tubi realizzati in vari materiali termoplastici, nonché raccordi e elementi di connessione utilizzati nei sistemi di riscaldamento e di approvvigionamento idrico. Lo standard riguarda i tubi realizzati con tali materiali termoplastici:

  • PVC polivinilcloruro non plastificato (PVC-U, NPVH) e clorurato (PVC-C, CPVH);
  • polipropilene e suoi copolimeri (omopolimero, copolimero a blocchi, copolimero casuale);
  • polietilene (PE, PE);
  • polibutene (PB, PB);
  • polietilene reticolato (PE-X, PE-C).

Per i precedenti copolimeri di polipropilene, si usano le seguenti convenzioni:

  • omopolimero o PP tipo 1 (PP-H, PP-G);
  • copolimero a blocchi o PP tipo 2 (PP-B, PP-B);
  • copolimero casuale o PP tipo 3 (PP-R, PP-R).

Il documento, che è l'unico standard di qualità accettato per i tubi termoplastici, regola tali disposizioni come le caratteristiche dimensionali dei tubi, nonché le condizioni operative e le proprietà che determinano la durata di servizio. Questi includono fattori di sicurezza per i materiali, limitando le temperature operative e le pressioni che determinano se un tubo appartiene a una particolare classe.

Guidato dal documento, è possibile valutare la qualità delle prestazioni dei tubi, dal momento che è stato sviluppato uno standard uniforme, sul quale è necessario fare affidamento sul controllo.

Inoltre, GOST R 52134-2003 viene utilizzato per calcolare lo spessore delle pareti dei tubi - conoscendo le condizioni di utilizzo e la durata richiesta del tubo, è possibile calcolare quale dovrebbe essere il tubo e di quale materiale dovrebbero essere realizzati.

Allo stesso tempo, GOST R 52134-2003 non contraddice GOST 18599 e GOST 51613 - gli standard di qualità dei tubi in PE e PVC, questi documenti si completano a vicenda. Nel compilarlo, sono stati presi in considerazione gli standard internazionali di qualità e i requisiti per la produzione e il calcolo dei tubi termoplastici.

Tubi in polipropilene GOST R 52134 2003

Esistono requisiti generali applicabili ai tubi in polipropilene per la disposizione dei sistemi di riscaldamento e di approvvigionamento idrico:

  • questi dovrebbero essere tubi di pressione;
  • avere una sezione trasversale circolare in sezione trasversale;
  • servire per il trasporto sia di acqua potabile che di processo, il liquido di raffreddamento;
  • utilizzato in edifici residenziali e non residenziali di diversi valori, così come nella produzione.

I tubi in polipropilene per acqua e sistemi di riscaldamento sono disponibili in diametri da 10 a 1600 mm. Tubi con diametro esterno non superiore a 160 mm possono essere prodotti sia sotto forma di sezioni diritte che avvolte su bobine. Tubi con un diametro di 180 mm e più sono prodotti rigorosamente in forma di lunghezze diritte fino a 24 m.

I lati interno ed esterno dei tubi in polipropilene devono essere lisci, le onde longitudinali e le bande sono consentite in modo che non riflettano sul diametro complessivo. I tubi devono essere dipinti uniformemente, nel colore corrispondente a quello specificato nel documento normativo. Non dovrebbero esserci striature, striature, inclusioni e difetti meccanici - crepe, inclusioni di materiali estranei. L'aspetto del tubo finito viene controllato su un campione di controllo approvato secondo lo standard.

I tubi devono essere testati per verificare la stabilità della temperatura e la pressione interna costante usando rispettivamente i metodi "aria nell'aria" e "acqua nell'acqua".

Simboli e marcatura di tubi in PVC

I parametri principali dei tubi includono i concetti e le lettere qui sotto.

Il diametro esterno del tubo d, mm, è il valore nominale.

Lo spessore della parete e, mm, è il valore nominale.

I valori nominali corrispondono ai valori minimi accettabili.

Resistenza del tubo a lungo termine per quanto riguarda il materiale MRS, MPa - indica la pressione che la parete del tubo può sopportare a carico interno costante per 50 anni di funzionamento a t = 20 ° С, arrotondato a R 10 o R 20 se è inferiore o superiore a 10 MPa rispettivamente.

Sforzi di progettazione s, MPa - indica il limite di pressione consentito nella parete del tubo a un carico interno costante per 50 anni di funzionamento a t = 20 ° С, arrotondato a R 10 o R 20, se uguale o inferiore a 10 MPa, tenendo conto del coefficiente margine di sicurezza del materiale.

Pressione di esercizio massima pРMS, MPa - limite di pressione ammissibile a carico interno costante per 50 anni di funzionamento a t = 20 ° С, arrotondato a R 10 o R 20, se uguale o inferiore a 10 MPa, rispettivamente, a seconda della classe e della tensione nominale pipe.

Una serie di tubi S è una quantità che rappresenta il rapporto tra s e pPMS.

Il rapporto di dimensioni standard di SDR è determinato dal rapporto tra d e, anch'esso uguale a 2S + 1.

Il valore nominale PN, bar - uguale a pРMS, espresso nell'unità di misura, viene utilizzato solo nella classificazione delle tubazioni;

Pressione massima di esercizio alla temperatura impostata MOP, MPa - limite della pressione ammissibile in un tubo come parte di una tubazione a un carico interno costante per 50 anni di funzionamento;

L'opacità dei tubi H,% - è determinata da una prova per il passaggio di un flusso luminoso attraverso la parete del tubo, pari al rapporto tra il flusso luminoso trasmesso e la sorgente inizialmente emessa.

La tabella 1 mostra la dipendenza dei valori nominali dello spessore della parete e del diametro esterno dei tubi delle serie e degli SDR. Tutti i parametri elencati nella tabella sono stati calcolati in base alla serie e possono differire dai dati tabulari, in base agli standard specificati nei documenti.

Allo stesso tempo, le deviazioni dai valori nominali specificati nella Tabella 1 non devono superare i limiti di errore specificati nella norma, che differiscono in base alla serie e all'SDR del tubo, nonché al diametro esterno e allo spessore della parete. È possibile fabbricare tubi in polipropilene con altre deviazioni limitanti solo previo rispetto del consumatore e con calcoli accurati.

Il simbolo (marcatura) di un tubo di polipropilene include informazioni sul copolimero, la resistenza minima a lungo termine dell'MRS, il rapporto di dimensioni standard SDR, i valori nominali di e ed d, la classe S e la pressione massima di esercizio nel tubo.

Ad esempio, il simbolo di un tubo in polipropilene omopolimero con MRS = 5,0 MPa, SDR 6, d = 16 mm, e = 2 mm, S 1, pРMS = 1,0 MPa si presenta così:

Tubo PP-H 50 SDR 6 - 16 x 2 classe 1 / 1.0 MPa GOST 52134-2003.

Requisiti per raccordi per il collegamento di tubi in polipropilene

Per il collegamento di prodotti in polipropilene, si utilizzano raccordi degli stessi copolimeri, è inoltre possibile aggiungere metallo a seconda del tipo di connessione.

Per il giunto saldato vengono utilizzati raccordi in PP-H, PP-B, PP-R, che collegano tubi realizzati nello stesso copolimero. Allo stesso tempo ci sono 2 modi di saldatura: a forma di cavità e elettrosaldati.

Alina Vorobyova, esperta

Giunti di tubi meccanici implicano l'uso di raccordi in polipropilene con l'aggiunta di metallo. Ci sono flange, compressione, stampa, filettatura. In ogni caso, le caratteristiche costruttive dei raccordi e la loro forma dovrebbero corrispondere a quelle specificate nei documenti per questo tipo di prodotto.

I raccordi, così come i tubi, devono essere lisci, senza inclusioni estranee, bolle e difetti meccanici, dipinti uniformemente nel colore specificato nei documenti. La resistenza dei composti alla pressione verrà verificata a temperature diverse, in base alle caratteristiche dei tubi che verranno collegati mediante raccordi.

Le giunzioni dei raccordi con tubi devono essere sigillate per 5.000 cicli di utilizzo, se si parla alternativamente di acqua calda e fredda (t = 10... 90 ° C) e 1000 cicli, se l'acqua con t = 23 ± 2 ° circola attraverso i tubi C. Anche i collegamenti devono essere resistenti alla tensione e alla pressione costante nei tubi.

Completezza e confezione

I tubi in polipropilene vengono completati con raccordi in quantità determinate dal cliente o forniti senza di essi. È obbligatorio includere nel pacchetto il documento normativo che conferma la qualità e la conformità di tubi e raccordi alle norme.

La marcatura sui tubi viene applicata ad intervalli di almeno 1 m. Se il tubo ha un diametro esterno inferiore a 16 mm, l'etichettatura è possibile con l'aiuto delle etichette. Oltre alle caratteristiche del tubo, la marcatura deve includere informazioni sul produttore, il numero di lotto in cui il prodotto è stato fabbricato e la data di fabbricazione, nonché il numero totale di tubi nel pacchetto.

I tubi sono imballati secondo le norme stabilite in modo che durante lo stoccaggio e il trasporto sia garantita la loro integrità e sicurezza di tutti i prodotti nel pacchetto. Se il cliente non ha indicato il retro e le estremità delle tubazioni avvolte sulle bobine devono essere fissate, le sezioni di tubi diritti sono legate in pacchetti.

Come si può vedere, ogni fase, dal calcolo alla produzione, all'etichettatura e al confezionamento di tubi e raccordi in polipropilene, ha i suoi standard stabiliti. Solo il rispetto di questi garantisce al cliente un prodotto di qualità e la conoscenza di ciò che i tubi di polipropilene dovrebbero essere, sarà utile a chiunque abbia intenzione di lavorare con loro. La presenza di un unico standard semplifica notevolmente il processo di selezione delle tubazioni e l'osservanza di tutte le sottigliezze tecniche nell'installazione e nella disposizione degli impianti idraulici e di riscaldamento garantisce un funzionamento lungo e stabile.

Hai usato tubi in copolimero di polipropilene prima? Lo sapevate che tutti i tubi devono soddisfare uno standard di stato unificato, o non erano interessati a questo? Hai imparato qualcosa di nuovo per te stesso, hai trovato delle disposizioni a cui presterai sicuramente attenzione in futuro? Hai incontrato produttori di bassa qualità i cui prodotti chiaramente non rispettavano gli standard? La risposta a queste domande può condividere i commenti.

Lavori di costruzione

GOST R 52134-2003: tubi di pressione in materiale termoplastico e relative parti di collegamento per sistemi di alimentazione idrica e riscaldamento. Specifiche generali (sostituite da GOST 32415-2013)

Data di introduzione: 01.03.2004

GOST R 52134-2003

STATO STANDARD DELLA FEDERAZIONE RUSSA

TUBI DI PRESSIONE DA TERMOPLASTICI E PARTI DI CONNESSIONE PER LORO IMPIANTI DI RISCALDAMENTO E RISCALDAMENTO DELL'ACQUA

Condizioni tecniche generali

TUBI TERMOPLASTICI A PRESSIONE E LORO ELEMENTI DI GIUNZIONE

PER IMPIANTI DI ACQUA E RISCALDAMENTO

Specifiche generali

OKSTU 2248, 4926

Data di introduzione 2004-03-01

prefazione

1 SVILUPPATO da una partnership no profit per lo sviluppo di sistemi di condutture polimeriche (NP RPTS) e l'impresa statale unitaria federale - Centro di metodologia, razionamento e standardizzazione (FGUP TsNS) con la partecipazione di: Impresa statale unitaria di Mosca "Istituto di ricerca e sviluppo di Mosca" (GUP "NIIMostroy" ), CJSC NPP Mayak-93, CJSC Agrigazpolimer, LLC Firma Bir Peks, DOOO Ufa impianto di siepi sanitari, LLC Van.Tubo, CJSC Musharaka, LLC Gazenergoservice, FGUP NPP Fonte ", Oh A proposito di "Russtroyplastik", LLC "Elek-plastica", NPF "Expro-T" e un gruppo di esperti

INTRODOTTO dall'Ufficio di regolamentazione tecnica, standardizzazione e certificazione in edilizia e alloggi e servizi pubblici di Gosstroy della Russia

2 ACCETTATO E INTRODOTTO PER LA RISOLUZIONE N. 111 del 25 giugno 2003 del Gosstroy della Russia

3 FIRMA LA PRIMA VOLTA

introduzione

Questo standard "Tubi di pressione di materiali termoplastici e loro parti di collegamento per l'approvvigionamento idrico e sistemi di riscaldamento. Condizioni tecniche generali "è stato sviluppato per la prima volta.

Lo standard comprende tubi dei seguenti materiali termoplastici: polietilene, polivinilcloruro non plastificato, polipropilene e copolimeri di propilene, polietilene reticolato, cloruro di polivinile clorurato, polibutene.

Lo standard stabilisce i requisiti per le tubazioni dei materiali specificati, per i raccordi e le loro connessioni, vale a dire per i sistemi di alimentazione idrica e le tubazioni di riscaldamento in generale.

Lo standard regola le dimensioni dei tubi e i parametri che ne determinano la durata di servizio:

- resistenza a lungo termine dei materiali - sotto forma di grafici della relazione "tempo - stress nella parete del tubo - temperatura";

- condizioni operative (classi) determinate dal complesso di temperature e dal tempo della loro esposizione, nonché dalle pressioni;

- fattori di sicurezza.

Lo standard fornisce un metodo per calcolare lo spessore minimo della parete del tubo in base alla resistenza a lungo termine del materiale del tubo e alla classe di funzionamento. È stato sviluppato un approccio unificato al controllo di qualità delle tubazioni, è stata presentata l'intera gamma di metodi di prova che consentono di valutarli con la massima sicurezza.

Questo standard in termini di requisiti per i tubi a pressione in polietilene e polivinilcloruro non plastificato non è in contraddizione con GOST 18599 e GOST R 51613, tuttavia contiene requisiti per i raccordi per il loro collegamento e stabilisce i parametri di funzionamento dei sistemi di tubazioni per un'area specifica della loro applicazione.

Lo standard per i tubi a pressione in materiale termoplastico e le loro parti di collegamento per l'approvvigionamento idrico e gli impianti di riscaldamento è stato sviluppato tenendo conto delle seguenti norme internazionali:

ISO 161-1: 1996 "Tubi termoplastici per fluidi - Diametri nominali esterni e pressione nominale - Parte 1: Serie metrica" ​​- "Tubi termoplastici per il trasporto di fluidi - Diametri nominali esterni e valori nominali di pressione - Parte 1: Serie metrica" ;

ISO 4065: 1996 "Tubi in materiale termoplastico - Tavolo universale per spessori" - "Tubi di materiali termoplastici - Tabella generale dello spessore della parete";

ISO 9080: 2003 Sistemi di tubazioni e canalizzazioni in plastica - Tubi termoplastici - Determinazione della resistenza idrostatica a lungo termine di materiali termoplastici sotto forma di tubo mediante estrapolazione;

ISO 10508: 1995 "Tubi e raccordi termoplastici per impianti di acqua calda e fredda" - "Tubi e raccordi da materiali termoplastici per sistemi di alimentazione di acqua calda e fredda";

ISO 11922-1: 1997 "Tubi termoplastici per fluidi - Dimensioni e tolleranze - Parte 1: Serie metrica" ​​- "Tubi termoplastici per il trasporto di fluidi. Dimensioni e tolleranze - Parte 1: Serie metrica;

ISO 13760: 1998 "Regola del minimizzatore - Metodo di calcolo del danno cumulativo" - "Tubi di plastica per il trasporto di liquidi in pressione - Regola dei minatori - Metodo di calcolo per determinare il danno accumulato";

DIN 8061: 1994 "Tubi di polivinilcloruro non plastificato - Requisiti generali di qualità e prove" - ​​"Tubi in PVC non plastificati - Requisiti e prove generali";

DIN 8074: 1999 "Tubi in polietilene (PE) - PE 63, PE 80, PE 100, PE-HD - Dimensioni" - "Tubi in polietilene (PE) - PE 63, PE 80, PE 100, PE-HD - Dimensioni" ;

DIN 8075: 1999 "Tubi in polietilene (PE) - PE 63, PE 80, PE 100, PE-HD - Requisiti generali di qualità e prove" - ​​"Tubi in polietilene (PE) - PE 63, PE 80, PE 100, PE- HD - Requisiti e prove generali ";

DIN 8077: 1997 "Tubi in polipropilene (PP) - РР-Н (Tour 1), РР-В (Tour 2), PP-R (Tour 3) - Dimensioni" - "Tubi in polipropilene (PP) - Tipo PP 1, PP tipo 2, PP tipo 3 - Dimensioni ";

DIN 8078: 1996 "Tubi in polipropilene (PP) - PP-H (Tipo 1), PP-B (Tipo 2), PP-R (Tipo 3) - Requisiti generali di qualità e prove" - ​​"Tubi in polipropilene (PP) - PP tipo 1, PP tipo 2, PP tipo 3 - Requisiti generali e prove ";

DIN 8079: 1997 "Tubi di cloruro di polivinile clorurato (PVC-C) - PVC-C 250 - Dimensioni" - "Tubi clorurati di cloruro di polivinile (PVC-C) - PVC-C 250 - Dimensioni";

DIN 8080: 2000 "Tubi clorurati di polivinilcloruro (PVC-C) - Requisiti generali di qualità e prove" - ​​"Tubi clorurati di cloruro di polivinile (PVC-C) - Requisiti e prove generali";

DIN 16892: 2000 "Tubi reticolato in polietilene (PE-X) - Requisiti generali, prove" - ​​"Tubi in polietilene reticolato (PE-X) - Requisiti e prove generali";

DIN 16893: 2000 "Tubi reticolato in polietilene (PE-X) - Dimensioni" - "Tubi in polietilene reticolato (PE-X) - Dimensioni";

DIN 16968: 1996 "Tubi in polibutilene (PB) - Requisiti generali di qualità e prove" - ​​"Tubi in polibutene (PB) - Requisiti e prove generali";

DIN 16969: 1997 "Tubi in polibutilene (PB) - PB 125 - Dimensioni" - "Tubi in polibutene (PB) - PB 125 - Dimensioni".

Nello sviluppo della norma ha preso parte: N.G. Kulikhina, Dr. Tech. Scienze YY Golovach, D.S. Kulikhin, M.N. Baymukanov, Cand. tehn. Scienze A.Ya. Dobromyslov (Partnership senza scopo di lucro per lo sviluppo di sistemi di condutture polimeriche), Cand. tehn. Scienze AV Sladkov (SUE "NIIMosstroy"), cand. tehn. Scienze V.E. Bukhin (ZAO Stroipolimer NPO), B.G. Kalininsky (Firma Vir Peke LLC), Dr. Tech. Scienze E.Yu. Bukharev (ZAO NPP "Mayak-93"), V.I. Ilintsy (LLC Van.Tubo), A-O.M. Akhmedov, S.A. Aydaev (Musharaka CJSC), G.M. Nikonov (Gazenergoservis LLC), A.V. Pigin, O.A. Zaikin (CJSC Agrigazpolimer), V.A. Korneev (LLC "Akvart"), cand. tehn. Scienze A.O. Shestopal (Batex Plus CJSC), V.A. Glukharev (Gosstroy of Russia), L.S. Vasilyeva (FSUE CNS).

1 Scopo

Questo standard si applica ai tubi a pressione di materiali termoplastici di sezione circolare (di seguito denominati tubi) e raccordi (di seguito denominati accessori) che trasportano acqua, compresa l'acqua potabile, e destinati a sistemi di approvvigionamento di acqua calda e fredda e riscaldamento di edifici di vario genere.

2 riferimenti normativi

Questo standard utilizza i riferimenti ai seguenti documenti normativi.

SNiP 2.04.01-85 * Approvvigionamento idrico interno e fognatura di edifici

SNiP 3.05.01-85 Sistemi sanitari interni

SNiP 21-01-97 * Sicurezza antincendio di edifici e strutture

SNiP 41-01-2003 Riscaldamento, ventilazione e aria condizionata

SP 40-101-96 Progettazione e installazione di condotte in polipropilene "Copolimero casuale"

GOST 12.1.005-88 SSBT. Requisiti generali sanitari e igienici per l'aria dell'area di lavoro

GOST 12.1.007-76 SSBT. Sostanze nocive Classificazione e requisiti generali di sicurezza

GOST 12.3.030-83 SSBT. Riciclaggio della plastica. Requisiti di sicurezza

GOST 2226-88 * Sacchetti di carta. Condizioni tecniche

GOST 8032-84 Numeri preferiti e serie di numeri preferiti

GOST 10354-82 * Pellicola di polietilene. Condizioni tecniche

GOST 10708-82 Pendolo di Copra. Condizioni tecniche

GOST 11262-80 materie plastiche. Metodo di prova di trazione

GOST 11645-73 Plastica. Metodo per la determinazione dell'indice di scorrimento della fusione di materiali termoplastici

GOST 12423-66 Materie plastiche. Condizioni di condizionamento e test del campione

GOST 13511-91E Scatole di cartone ondulato per alimenti, fiammiferi, tabacco e detergenti. Condizioni tecniche

GOST 14192-96 Marcatura del carico

GOST 15150-69 * Macchine, dispositivi e altri prodotti tecnici. Esecuzioni per varie regioni climatiche. Categorie, condizioni operative, stoccaggio e trasporto in termini di impatto dei fattori climatici ambientali

GOST 18599-2001 Tubi a pressione realizzati in polietilene. Condizioni tecniche

GOST 21650-76 Mezzi per il fissaggio di merce imballata in pacchetti di trasporto. Requisiti generali

GOST 24157-80 Tubi di plastica. Metodo per la determinazione della resistenza a pressione interna costante

GOST 26277-84 Materie plastiche. Requisiti generali per la produzione di campioni mediante lavorazione

GOST 27077-86 Parti di collegamento in materiale termoplastico. Metodi per determinare i cambiamenti nell'aspetto dopo il riscaldamento

GOST 27078-86 Tubi termoplastici. Metodi per determinare la variazione della lunghezza del tubo dopo il riscaldamento

GOST 29325-92 (ISO 3126-74) Tubi di plastica. dimensionamento

GOST R 50825-95 (ISO 2507-72) Tubi e raccordi realizzati in polivinilcloruro non plastificato. Determinazione della temperatura di rammollimento di Vic

GOST R 51613-2000 Tubi a pressione realizzati in polivinilcloruro non plastificato. Condizioni tecniche

3 Termini e definizioni

In questo standard, i seguenti termini vengono utilizzati con le definizioni corrispondenti:

Materiali termoplastici (termoplastici): un gruppo di materiali polimerici che, quando riscaldati sopra il punto di fusione, mantengono la capacità di entrare in uno stato plastico. In questo standard, il polietilene reticolato è classificato come un gruppo termoplastico.

diametro esterno medio dcf., mm: parte della divisione della circonferenza del tubo, misurata dal diametro esterno in qualsiasi sezione trasversale, per il numero p (p = 3.142), arrotondato a 0.1 mm.

diametro esterno nominale d, mm: dimensioni nominali adottate per la classificazione di tubi da materiali termoplastici e tutti i componenti dei sistemi di tubazioni, corrispondente al valore minimo ammissibile del diametro esterno medio del tubo.

spessore nominale della parete e, mm: dimensione nominale corrispondente allo spessore minimo ammissibile della parete del tubo in qualsiasi punto della sua sezione trasversale.

Resistenza a lungo termine MRS, MPa: caratteristiche di un materiale del tubo che è numericamente uguale alla tensione di parete generata da una pressione interna costante che il tubo può resistere ad un intervallo di confidenza inferiore del 97,5% per 50 anni ad una temperatura di 20 ° C, arrotondato secondo GOST 8032 al valore inferiore più vicino della serie R 10, se il valore di tensione non è superiore a 10 MPa o alla serie R 20, se questo valore è superiore a 10 MPa.

tensione nominale ss, MPa: sollecitazione ammissibile nella parete del tubo per 50 anni a una temperatura di 20 ° C, tenendo conto del fattore di sicurezza C, determinato dalla seguente formula, seguita da arrotondamento secondo GOST 8032 al valore inferiore più vicino della riga R 10 se questo valore non è superiore a 10 MPa o R 20, se è superiore a 10 MPa

dove MRS è la forza minima a lungo termine, MPa;

C - fattore di sicurezza secondo la tabella 27.

fattore di sicurezza C: una quantità adimensionale che ha un valore maggiore di uno, tenendo conto delle peculiarità del funzionamento della pipeline, nonché delle sue proprietà che differiscono da quelle prese in considerazione durante il calcolo della MRS.

serie di tubi S (nominale): una quantità senza dimensione definita come il rapporto tra la tensione nominale ss alla massima pressione di esercizio ammissibile pPMS.

Rapporto dimensionale standard SDR: una quantità adimensionale che è numericamente uguale al rapporto tra il diametro esterno nominale del tubo d e lo spessore nominale della parete E. I valori di SDR e S sono correlati come segue:

dove S è una serie di tubi.

massima pressione di esercizio ammissibile pPMS, MPa: il valore massimo di una pressione interna costante di acqua in un tubo a una temperatura di 20 ° C per 50 anni, arrotondato secondo GOST 8032 al valore inferiore più vicino della serie R 10, se questo valore non supera 10 MPa o la serie R 20, se è superiore a 10 MPa associato ad una serie di tubi S con la seguente equazione:

dove ss - tensione nominale;

pressione nominale PN, bar: valore nominale utilizzato per classificare i tubi da termoplastici, numericamente uguale alla pressione di esercizio massima consentita, espressa in bar (1 bar = 0.1 MPa).

massima pressione di esercizio a temperatura costante MOP, MPa: il valore massimo della pressione interna costante dell'acqua nella condotta durante la vita di servizio di 50 anni, determinata dalla seguente formula:

dove MRS è la forza minima a lungo termine, MPa;

C - fattore di sicurezza;

SDR - rapporto dimensionale standard;

Ct - coefficiente di riduzione della pressione massima di esercizio a una temperatura dell'acqua superiore a 20 ° C (5.2.8).

massima pressione di esercizio a condizioni di temperatura variabile pMax, MPa: pressione massima dell'acqua in un tubo in condizioni operative specificate, determinata dalla seguente formula:

dove s0 - lo sforzo stimato nella parete del tubo, MPa, per una determinata classe di operazioni, determinata dalla regola Minatore specificata nell'appendice A di questo standard;

pipe opacity N,%: il rapporto tra il flusso luminoso trasmesso attraverso il campione e il flusso luminoso della sorgente, espresso in percentuale.

L'abbreviazione delle denominazioni abbreviate dei materiali e dei parametri dei tubi è fornita in inglese in conformità con gli standard internazionali al fine di preservare l'unità delle designazioni.

In questo standard, vengono adottate le seguenti abbreviazioni di materiali per tubi (designazione abbreviata di materiali per tubi in russo come indicato tra parentesi):

PE (PE) - polietilene;

PVC-U (NPVH) - cloruro di polivinile non plastificato;

PP-N (PP-G o PP tipo 1) - polipropilene omopolimero;

PP-B (PP-B o PP tipo 2) - copolimero a blocchi di polipropilene;

PP-R (PP-R o PP tipo 3) - copolimero casuale polipropilene;

RE-X (PE-C) - polietilene reticolato;

RV (PB) - polibutene;

PVC-C (CPVH) - cloruro di polivinile clorurato.

4 parametri e dimensioni di base

4.1 I diametri esterni nominali d e gli spessori nominali delle pareti delle tubazioni elettroniche, in base alla serie nominale S e ai rapporti dimensionale standard SDR, sono elencati nella Tabella 1.

Gli spessori nominali della parete del tubo indicati nella tabella sono stati determinati in base alle serie calcolate. È consentito installare altri diametri nominali e serie di tubi in conformità con i documenti normativi per i prodotti.

4.2 Le deviazioni massime del diametro esterno medio e l'ovalità ammissibile dei tubi sono mostrate nella Tabella 2 e le deviazioni massime dello spessore delle pareti sono riportate nella Tabella 3.

4.3 I tubi in PE, PP-N, PP-B, PP-R con diametro non superiore a 160 mm e anche PE-X e PB sono prodotti in sezioni rettilinee, in bobine e bobine e tubi in PE, PP-N, PP-B, PP-R con un diametro di 180 mm e oltre, e tubi in PVC-U e PVC-C - solo sotto forma di sezioni diritte. Le dimensioni lineari dei tubi e le loro deviazioni massime sono mostrate nella Tabella 4.

È consentito, in accordo con il cliente, la produzione di tubi di altre lunghezze e altre deviazioni massime.

Il diametro interno della bobina deve essere di almeno venti del diametro esterno del tubo.

4.4 La massa calcolata di tubi da PP-H, PP-B, PP-R, PE-X, PB, PVC-C delle serie più comunemente utilizzate è riportata nell'Appendice B e le tubazioni in PE e PVC-U devono corrispondere a quelle specificate in GOST 18599 e GOST R 51613.

4.5 Il simbolo del tubo è costituito dalla parola "tubo", l'abbreviazione del materiale con l'indicazione di dieci volte il valore MRS, il tipo di reticolazione per tubi PE-X, la dimensione SDR standard con un trattino, il diametro esterno nominale e lo spessore nominale della parete del tubo in millimetri, la classe di funzionamento, il massimo pressione nominale o nominale (per tubi in PE e PVC-U) in MPa o bar e numero di questo standard.

Il simbolo dei tubi in PE e PVC-U dovrebbe includere, se necessario, l'indicazione "bere".

Esempio di un simbolo di un tubo in polipropilene copolimero casuale con resistenza minima a lungo termine MRS = 8.0 MPa, SDR 11, diametro esterno nominale di 20 mm, spessore nominale della parete di 1.9 mm, classe operativa 1, pressione massima di esercizio 1.0 MPa.

Lo stesso, tubi in polietilene con una resistenza minima a lungo termine di MRS = 6,3 MPa, SDR 11, diametro esterno nominale 200 mm, spessore parete nominale 18,2 mm, classe operativa HV, pressione nominale PN 10 bar:

Tubo PE 63 SDR 11- 200'18.2 classe HV / PN 10 potabile GOST R 52134-2003.

Consentito di includere nei requisiti delle pipe simbolo in conformità con la documentazione normativa per i prodotti.