ПУЭ-7 p.2.3.83-2.3.101 LINEE DI CAVI DI POSA IN TERRA

Quando si posano linee di cavi direttamente nel terreno, i cavi devono essere posati in trincee e avere letti sul fondo, e lo strato superiore viene riempito con uno strato di terra sottile, che non contiene pietre, detriti e scorie.

I cavi devono essere protetti da danni meccanici mediante rivestimento a una tensione di 35 kV e superiore con lastre di cemento armato con uno spessore di almeno 50 mm; a tensione inferiore a 35 kV - mediante piastre o mattoni ordinari in terracotta in uno strato lungo la linea del cavo; quando si scava una trincea con un meccanismo di scavo con una larghezza della fresa inferiore a 250 mm, così come per un cavo - lungo il percorso della linea del cavo. Non è consentito l'uso di silicati, mattoni d'argilla o forati.

Durante la posa a una profondità di 1-1,2 m, cavi da 20 kV e inferiori (eccetto per i cavi delle reti elettriche cittadine) è consentito non proteggerli da danni meccanici.

Cavi fino a 1 kV dovrebbero avere tale protezione solo in aree in cui è probabile un danno meccanico (ad esempio, in aree di scavo frequenti). I marciapiedi in asfalto delle strade, ecc. Sono considerati come luoghi in cui i vuoti sono fatti in rari casi. Per linee di cavi fino a 20 kV, eccetto linee superiori a 1 kV che forniscono ricevitori elettrici di categoria I, è consentito in trincee il numero di linee di cavo non più di due per utilizzare nastri di plastica di segnale anziché mattoni che soddisfano i requisiti tecnici approvati dal Ministero dell'Energia dell'URSS. Non è consentito l'uso di nastri di segnale alle intersezioni di linee di cavi con comunicazioni ingegneristiche e sopra giunti di cavi ad una distanza di 2 m da ciascun lato della comunicazione incrociata o della frizione, nonché agli avvicinamenti di linee a quadri e sottostazioni entro un raggio di 5 m.

* In base alle condizioni locali, con il consenso del proprietario della linea, è consentito espandere l'ambito dei nastri di segnale.

Il nastro segnaletico deve essere posato in una trincea sopra i cavi ad una distanza di 250 mm dai coperchi esterni. Quando viene inserito in una trincea di un singolo cavo, il nastro deve essere posato lungo l'asse del cavo: con un numero maggiore di cavi, i bordi del nastro dovrebbero estendersi oltre i cavi esterni di almeno 50 mm. Quando si posiziona la larghezza della trincea di più di un nastro, i nastri adiacenti devono essere disposti con una sovrapposizione di almeno 50 mm di larghezza.

Quando si utilizza un nastro segnaletico, la posa di cavi in ​​una trincea con un dispositivo di ammortizzazione del cavo, la spolveratura dei cavi con il primo strato di terra e la posa del nastro, compreso il riempimento del nastro con uno strato di terra lungo l'intera lunghezza, devono essere effettuati in presenza di un rappresentante dell'organizzazione elettrica e proprietario delle reti elettriche.

La profondità della posa delle linee di cavi dal marchio di pianificazione non deve essere inferiore a: linee fino a 20 kV 0,7 m; 35 kV 1 m; quando si attraversano strade e piazze, indipendentemente dalla tensione di 1 m.

Le linee piene di olio cavo di 110-220 kV devono avere una profondità di almeno 1,5 m dal livello di pianificazione.

È consentito ridurre la profondità a 0,5 m in aree fino a 5 m durante l'inserimento di linee negli edifici, nonché nelle loro intersezioni con strutture sotterranee, a condizione che i cavi siano protetti da danni meccanici (ad esempio, la posa in tubi).

La posa di cavi di 6-10 kV su terreni arabili dovrebbe essere effettuata ad una profondità di almeno 1 m, mentre la striscia di terreno sopra l'autostrada può essere occupata da colture.

La distanza libera dal cavo posato direttamente nel terreno fino alle fondamenta degli edifici e delle strutture deve essere di almeno 0,6 m Non è consentito posare i cavi direttamente nel terreno sotto le fondamenta di edifici e strutture. Quando si posano i cavi di transito negli scantinati e nei sotterranei tecnici degli edifici residenziali e pubblici, si dovrebbe guidare lo SNiP di Gosstroy della Russia.

In caso di posa parallela di cavi, la distanza orizzontale tra i cavi non deve essere inferiore a:

1) 100 mm tra i cavi di alimentazione fino a 10 kV, nonché tra loro e i cavi di controllo;

2) 250 mm tra i cavi 20-35 kV e tra questi e altri cavi;

3) 500 mm * tra i cavi utilizzati da varie organizzazioni, nonché tra cavi di alimentazione e cavi di comunicazione;

* Concordato con il Ministero delle Comunicazioni dell'URSS.

4) 500 mm tra 110-220 kV cavi pieni di olio e altri cavi; allo stesso tempo, le linee a bassa pressione piene di olio sono separate l'una dall'altra e da altri cavi da lastre di cemento armato poste sul bordo; inoltre, è necessario calcolare l'effetto elettromagnetico sui cavi di comunicazione.

È consentito, se necessario, previo accordo tra le organizzazioni operative, tenendo conto delle condizioni locali, una riduzione delle distanze specificate nelle clausole 2 e da 3 a 100 mm e tra cavi di potenza fino a 10 kV e cavi di comunicazione, eccetto cavi con circuiti sigillati da sistemi di comunicazione telefonica ad alta frequenza, fino a 250 mm, a condizione che i cavi siano protetti dai danni che possono verificarsi in caso di cortocircuito in uno dei cavi (posa in tubi, installazione di partizioni ignifughe, ecc.).

La distanza tra i cavi di controllo non è standardizzata.

Quando si posano linee di cavi nella zona degli impianti, la distanza dai cavi ai tronchi degli alberi dovrebbe essere di almeno 2 m. Ammessa previo accordo con l'organizzazione responsabile delle piantagioni verdi, riducendo questa distanza soggetta alla posa di cavi nelle tubazioni poste mediante scavo.

Quando si posano cavi all'interno della zona verde con piantagioni di arbusti, le distanze specificate possono essere ridotte a 0,75 m.

In caso di posa parallela, la distanza orizzontale nella luce da linee di cavi con tensione fino a 35 kV e linee di cavi riempite d'olio a condotte, acqua, fognature e drenaggio deve essere di almeno 1 m; a gasdotti di bassa (0,0049 MPa), media (0,294 MPa) e alta pressione (più di 0,294 a 0,588 MPa) - non meno di 1 m; gasdotti ad alta pressione (più di 0.588 fino a 1.176 MPa) - almeno 2 m; riscaldare i tubi - vedere 2.3.89.

In condizioni ristrette, è consentito ridurre le distanze specificate per linee di cavi fino a 35 kV, ad eccezione delle distanze alle tubazioni con liquidi e gas infiammabili, a 0,5 m senza protezione speciale dei cavi e a 0,25 m durante la posa di cavi nelle tubazioni. Per le linee di cavi piene di olio da 110-220 kV nell'area di convergenza non superiore a 50 m, è consentito ridurre la distanza orizzontale nella luce verso le condotte, ad eccezione delle tubazioni con liquidi e gas infiammabili, a 0,5 m a condizione che il dispositivo si trovi tra i cavi riempiti di olio e la tubazione della parete protettiva, eliminando la possibilità di danni meccanici. Non è consentita la posa parallela di cavi sopra e sotto le tubazioni.

Quando si posa la linea del cavo in parallelo con il condotto termico, la distanza libera tra il cavo e la parete del condotto del tubo di calore deve essere di almeno 2 m o la linea di calore durante l'avvicinamento alla linea del cavo deve essere isolata termicamente in modo che il riscaldamento supplementare della terra dal tubo di calore non superato 10 ° С per linee di cavi fino a 10 kV e 5 ° С per linee 20-220 kV.

Quando si posa la linea del cavo in parallelo con le ferrovie, i cavi devono essere posati, di regola, al di fuori della zona di alienazione della strada. Il cablaggio all'interno della zona di esclusione è consentito solo previo accordo con le organizzazioni del Ministero delle Ferrovie, e la distanza dal cavo all'asse ferroviario dovrebbe essere di almeno 3,25 m, e per una strada elettrificata - almeno 10,75 m. In condizioni ristrette è consentita una riduzione delle distanze specificate, mentre i cavi durante l'avvicinamento devono essere posati in blocchi o tubi.

In caso di strade elettrificate con corrente continua, i blocchi o le condotte devono essere isolanti (cemento-amianto, impregnato di catrame o bitume, ecc.) *.

* Concordato con il Ministero delle Ferrovie.

Durante la posa del cavo in parallelo con i binari del tram, la distanza dal cavo all'asse del tram dovrebbe essere di almeno 2,75 m In condizioni ristrette, questa distanza può essere ridotta a condizione che i cavi lungo l'intero percorso di avvicinamento siano posati nei blocchi isolanti o tubi specificati in 3.2.90.

Quando si posa una linea di cavi in ​​parallelo con le strade delle categorie I e II (vedi 2.5.145), i cavi devono essere posati all'esterno della cuvetta o sul fondo del terrapieno ad almeno 1 m dal bordo o ad almeno 1,5 m dal cordolo. La riduzione della distanza specificata è consentita in ogni singolo caso in coordinamento con le autorità stradali competenti.

Quando si posa una linea di cavi in ​​parallelo con linee aeree da 110 kV e oltre, la distanza dal cavo al piano verticale che passa attraverso il filo più esterno della linea deve essere di almeno 10 m.

La distanza libera dalla linea del cavo alle parti messe a terra e ai tralicci di messa a terra delle linee aeree superiori a 1 kV deve essere di almeno 5 m con tensioni fino a 35 kV, 10 m con tensioni di 110 kV e superiori. In condizioni ristrette, la distanza dalle linee del cavo alle parti sotterranee e la messa a terra delle singole torri VL superiori a 1 kV sono consentite per almeno 2 m; la distanza dal cavo al piano verticale che passa attraverso il filo VL non è normalizzata.

La distanza libera dalla linea del cavo alla torre VL a 1 kV deve essere di almeno 1 m, e quando si posa il cavo nel punto di avvicinamento del tubo isolante 0,5 m.

Nei territori di centrali elettriche e sottostazioni in condizioni ristrette, è consentito posare linee di cavi a distanze di almeno 0,5 m dalla parte sotterranea dei collegamenti aerei (conduttori) e OHL sopra 1 kV, se i dispositivi di messa a terra di questi supporti sono collegati al circuito di terra delle sottostazioni.

*. Quando si incrociano altri cavi con cavi, questi devono essere separati da uno strato di terra di almeno 0,5 m di spessore; questa distanza in condizioni ristrette per cavi fino a 35 kV può essere ridotta a 0,15 m, a condizione che i cavi siano separati durante l'attraversamento, più 1 m su ciascun lato con lastre o tubi in calcestruzzo o altro materiale di uguale resistenza; allo stesso tempo i cavi di comunicazione dovrebbero essere posizionati sopra i cavi di alimentazione.

* Concordato con il Ministero delle Comunicazioni dell'URSS.

Quando si incrociano linee di cavi di condotte, compresi oleodotti e gasdotti, la distanza tra i cavi e le tubazioni deve essere di almeno 0,5 m. È consentito ridurre questa distanza a 0,25 m, a condizione che il cavo sia posato sul sito di attraversamento più almeno 2 m in ogni direzione nei tubi.

Quando si attraversano condutture riempite di olio cavo, la distanza tra loro nella luce deve essere di almeno 1 m. Per condizioni ristrette, è ammessa una distanza di almeno 0,25 m, ma a condizione che i cavi siano collocati in tubi o vassoi in cemento armato con un coperchio.

In caso di cavi con linee di riscaldamento incrociate fino a 35 kV, la distanza tra i cavi e la sovrapposizione del tubo di calore in chiaro deve essere di almeno 0,5 m, e in condizioni ristrette - almeno 0,25 m. Allo stesso tempo, la linea di calore nel punto di incrocio più 2 m in ogni direzione dai cavi più esterni deve avere un tale isolamento termico che la temperatura della terra non aumenti di più di 10 ° C rispetto alla temperatura estiva più alta e di 15 ° C rispetto alla temperatura invernale più bassa.

Nei casi in cui non è possibile soddisfare le condizioni specificate, è consentita una delle seguenti misure: profondità del cavo fino a 0,5 m anziché 0,7 m (vedere 2.3.84); uso di inserto per cavo più grande sezione trasversale; posa di cavi sotto il condotto termico nei tubi ad una distanza non inferiore a 0,5 m, mentre i tubi devono essere posati in modo tale che i cavi possano essere sostituiti senza eseguire lavori di scavo (ad esempio, inserendo le estremità del tubo nelle camere).

Quando si attraversa la linea del conduttore di calore pieno d'olio, la distanza tra i cavi e la sovrapposizione del conduttore di calore dovrebbe essere di almeno 1 m, e in condizioni ristrette - almeno 0,5 M. Allo stesso tempo, il conduttore di calore nel punto di incrocio più 3 m in ogni direzione dai cavi estremi dovrebbe avere isolamento termico in modo che la temperatura della terra non aumenti di oltre 5 ° C in qualsiasi momento dell'anno.

Durante l'attraversamento di linee di cavi di ferrovie e autostrade, i cavi devono essere posati in gallerie, blocchi o tubi lungo l'intera larghezza della zona di esclusione a una profondità di almeno 1 m dalla carreggiata e almeno a 0,5 m dal fondo dei canali di drenaggio. In assenza della zona di esclusione, le condizioni di posa specificate devono essere soddisfatte solo all'incrocio più 2 m su entrambi i lati della carreggiata.

Quando si incrociano linee di cavi elettrificate e soggette a elettrificazione su linee a corrente continua *, i blocchi e i tubi devono essere isolanti (vedere 2.3.90). L'intersezione deve trovarsi a una distanza di almeno 10 m dalle frecce, dalle croci e dai punti di attacco alle guide dei cavi di aspirazione. L'intersezione di cavi con percorsi di trasporto ferroviario elettrificato dovrebbe essere effettuata con un angolo di 75-90 ° rispetto all'asse del percorso.

* Concordato con il Ministero delle Ferrovie.

Le estremità dei blocchi e dei tubi devono essere incorporate con corde di iuta intrecciate impregnate di argilla impermeabile (menta) ad una profondità di almeno 300 mm.

In caso di attraversamento di strade senza uscita industriali a basso traffico, nonché di percorsi speciali (ad esempio, scivoloni, ecc.), I cavi dovrebbero, di regola, essere posati direttamente nel terreno.

Quando si attraversa il percorso di linee di cavo di una strada o di un'autostrada di ferro non elettrificata di nuova costruzione, non è necessario il rifacimento delle linee di cavi esistenti. All'intersezione, le unità di backup o le tubazioni con estremità ermeticamente sigillate devono essere installate in caso di riparazione del cavo nel numero richiesto.

In caso di passaggio di una linea di cavi verso un cavo aereo, deve raggiungere la superficie a una distanza di almeno 3,5 m dalla base del rilevato o dal bordo del foglio.

Quando le linee del tram incrociano linee di cavi, devono essere posate in blocchi o tubi isolanti (vedere 2.3.90). L'intersezione deve essere eseguita ad una distanza di almeno 3 m dalle frecce, dalle croci e dai punti di attacco alle guide dei cavi di aspirazione.

Quando si attraversano cancelli di ingresso cavi per veicoli a motore a cortili, garage, ecc., Il cablaggio deve essere effettuato in tubi. Allo stesso modo, i cavi dovrebbero essere protetti alle intersezioni di torrenti e fossati.

2.3.100

Quando si installano i passacavi sulle linee dei cavi, la distanza libera tra l'alloggiamento del passacavo e il cavo più vicino deve essere di almeno 250 mm.

Quando si posano linee di cavi su percorsi fortemente inclinati, si sconsiglia l'installazione di passacavi su di essi. Se è necessario installare giunti per cavi su tali sezioni al di sotto, è necessario eseguire piattaforme orizzontali.

Per consentire il riassemblaggio dei giunti in caso di danni sulla linea del cavo, è necessario posare il cavo su entrambi i lati degli innesti con un margine.

2.3.101

Se ci sono correnti vaganti lungo il percorso della linea del cavo, sono necessari valori pericolosi:

1. Modificare il percorso della linea del cavo per bypassare le zone di pericolo.

2. Se è impossibile modificare il percorso: prevedere misure per ridurre al minimo il livello delle correnti vaganti; applicare cavi con maggiore resistenza alla corrosione; effettuare una protezione attiva dei cavi contro gli effetti dell'elettrocorrosione.

Quando si posano cavi in ​​terreni aggressivi e zone con presenza di correnti vaganti di valori inaccettabili, si dovrebbe applicare la polarizzazione catodica (installazione di scarichi elettrici, protettori, protezione catodica). Quando si utilizzano metodi per collegare dispositivi di drenaggio elettrico, è necessario osservare le norme sulle potenziali differenze nelle aree di aspirazione fornite da # M12291 871001027SNiP 03.04.03-85 # S "Protezione delle strutture e delle strutture dell'edificio contro la corrosione" di Gosstroy della Russia. Si sconsiglia di applicare la protezione catodica con corrente esterna su cavi posati su terreni salini o corpi idrici salini.

La necessità di proteggere le linee del cavo dalla corrosione dovrebbe essere determinata dai dati aggregati delle misurazioni elettriche e delle analisi chimiche dei campioni di suolo. La protezione delle linee di cavi dalla corrosione non deve creare condizioni pericolose per il funzionamento delle strutture sotterranee adiacenti. Le misure di protezione anticorrosione previste devono essere eseguite prima di mettere in servizio una nuova linea. In presenza di correnti vaganti nella terra, è necessario installare punti di controllo su linee di cavi in ​​luoghi ea distanze che consentano di determinare i confini delle aree pericolose, che è necessario per la successiva selezione razionale e il posizionamento di dispositivi di protezione.

Per controllare i potenziali sulle linee del cavo, è consentito utilizzare i punti di uscita dei cavi nelle sottostazioni dei trasformatori, nei punti di distribuzione, ecc.

Distanza dal cavo alla pipeline

ALLOGGIO DELLE RETI ENGINEERING

7.20 * Le reti di ingegneria dovrebbero essere posizionate prevalentemente all'interno dei profili trasversali di strade e strade; sotto marciapiedi o corsie divisorie - reti di ingegneria in collettori, canali o gallerie, in corsie divisorie - reti di calore, condotte idriche, gasdotti, fognature economiche e di pioggia.

Le reti di gas e di cavi a bassa pressione (alimentazione, comunicazioni, allarmi e dispacciamento) devono essere collocate nella striscia tra la linea rossa e la linea di costruzione.

Se la larghezza della carreggiata supera i 22 m, è necessario prevedere la disposizione delle reti di approvvigionamento idrico su entrambi i lati delle strade.

7.21. Quando si ricostruiscono le carreggiate di strade e strade con il dispositivo delle pavimentazioni stradali, sotto le quali si trovano le reti ingegneristiche sotterranee, queste reti dovrebbero essere eseguite su corsie divisorie e sotto i marciapiedi. Con opportune giustificazioni, è consentito sotto le carreggiate delle strade per preservare l'esistente, oltre a posare nei canali e nei tunnel delle nuove reti. Sulle strade esistenti che non dispongono di corsie divisorie, è consentito il posizionamento di nuove reti ingegneristiche sotto la carreggiata, purché poste in gallerie o canali; se necessario, è permesso posare un gasdotto sotto le carreggiate delle strade.

7.22 *. La posa di reti ingegneristiche sotterranee dovrebbe, di norma, fornire: combinati in trincee comuni; nelle gallerie - se necessario, posizionamento simultaneo di reti di riscaldamento con diametro da 500 a 900 mm, tubature fino a 500 mm, oltre dieci cavi di comunicazione e dieci cavi di alimentazione con voltaggio fino a 10 kV, mentre si ricostruiscono le strade principali e le aree degli edifici storici, con mancanza di spazio nella sezione trasversale delle strade per il posizionamento di reti in trincee, agli incroci con strade principali e binari ferroviari. Nelle gallerie ha anche permesso l'installazione di condotti d'aria, fognature a pressione e altre reti di ingegneria. Non è consentita la posa congiunta di gas e gasdotti che trasportano liquidi infiammabili e combustibili con cavi.

Nelle aree di permafrost nell'implementazione della costruzione di reti ingegneristiche con la conservazione di terreni allo stato congelato dovrebbe essere il posizionamento di condutture di calore in canali o gallerie, indipendentemente dal loro diametro.

Note *: 1. È necessario prevedere la posa di reti di ingegneria idrica, di regola, nelle gallerie che attraversano i cantieri in condizioni di terreno difficili (decrescenti). Il tipo di cedimento del terreno deve essere preso in conformità con SNiP 2.01.01-82 (sostituito da SNiP 23-01-99); SNiP 2.04.03-85 e SNiP 2.04.02-84; SNiP 2.04.03-85 e SNiP 2.04.07-86.

2. Nelle aree residenziali in difficili condizioni di pianificazione, la posa di reti di riscaldamento a terra è consentita con il permesso dell'amministrazione locale.

La distanza dal cavo alla rete idrica nel terreno

Dopo aver letto il titolo dell'argomento, probabilmente hai pensato di sapere già tutto, cosa potrebbe essere più semplice? Secondo i documenti normativi e i progetti standard, infatti, la distanza dovrebbe essere di 1 me tutte le cose. Ma in pratica le cose non sono così semplici...

Voglio condividere la mia esperienza nel coordinamento delle reti via cavo con i servizi idrici.

E all'inizio voglio ricordare il proverbio russo:

Il caso della vita. Linea cavo 0,4 kV, cavo armato 3 × 10 mm 2 parallelo alla rete idrica. A che distanza metti il ​​cavo? Correttamente, in metri, come richiedono standard e progetti. Piuttosto, dice almeno un metro, quindi può essere di più. Da quando ho coordinato le reti nel servizio idrico più di una volta, sapevo che non le piaceva quando le nostre reti andavano a fianco delle loro condotte idriche. Dal momento che il mio piano mi ha permesso di fare una distanza maggiore, ho posato un cavo a una distanza di 2 m dalla rete idrica. Alla fine, non ero ancora d'accordo, hanno detto poco

All'inizio volevano spingermi per quasi 5 metri. zona di protezione all'alimentazione idrica di 5 m. Ho contrattato fino a 3m

L'argomento principale è che durante i lavori di emergenza, quando scaveranno la rete idrica, se il cavo è molto vicino alla rete idrica (1 m), allora si bloccherà semplicemente in aria, perché è anche scavato. Nel mio caso, un ruolo importante è stato giocato dal diametro della fornitura d'acqua - 500 mm.

A giudicare dalla loro teoria, se è necessario sostituire l'approvvigionamento idrico, allora è necessario scavare una fossa di almeno 2 m di larghezza + il diametro della fornitura d'acqua. Hai davvero bisogno di fare questa quantità di lavoro? Personalmente, non lo so, forse hanno ragione, sfruttano le loro reti e lo conoscono molto bene.

1 La distanza dalla linea del cavo nel terreno alla rete idrica deve essere di 1,5-2 m.

2 Per i principali sistemi di approvvigionamento idrico, sistemi di approvvigionamento idrico di grande diametro, la distanza dalla linea del cavo deve essere aumentata a 3 m.

3 In condizioni anguste nella luce tra l'alimentazione idrica e il cavo - 1m.

E come nella tua città è il coordinamento con l'utilità idrica?

Appendice D. Tabella E.1 - Distanze minime dai cavi di comunicazione, condutture per la canalizzazione dei cavi ad altre strutture sotterranee e fuori terra durante l'avvicinamento e l'incrocio con esse

Tabella E.1 - Distanze minime dai cavi di comunicazione, condutture dei cavi ad altre strutture sotterranee e fuori terra durante l'avvicinamento e l'attraversamento con esse

Distanza minima dai cavi di comunicazione, PTC e canaline, m

I. Secondo i termini del lavoro e garantendo l'operatività ininterrotta delle linee via cavo

Principali ponti per autostrade e ferrovie di importanza nazionale e repubblicana:

a) attraverso vie d'acqua interne, fiumi navigabili, canali e bacini idrici;

1000 * (1); * (4) a valle

b) attraverso fiumi galleggianti;

300 * (1); * (4) a valle

c) attraverso fiumi non fluenti e non navigabili

50-100 * (1); * (4) a valle

Ponti di strade e ferrovie di importanza regionale, locale e di altro tipo:

a) attraverso fiumi e canali navigabili;

200 * (1); * (4) a valle

b) attraverso il resto del fiume

50-100 * (1); * (4) a valle

Ferrovie a scartamento da 1520 mm

3,25 dall'asse della via estrema, ma non inferiore alla profondità della trincea fino al fondo del terrapieno e il bordo dello scavo.

2.0 - dal fondo del binario alla parte superiore del tubo protettivo

3.0 - al dispositivo della transizione dal metodo di perforazione, perforazione orizzontale, perforazione direzionale orizzontale

1.5 - da impianti di drenaggio o dal fondo del terrapieno

Secondo il decreto del governo della Federazione russa dell'01.12.98, N 1420, entro i limiti delle corsie su strada, le distanze sono determinate in accordo con il servizio stradale federale della Federazione russa o con i suoi organismi autorizzati.

Binari del tram e ferrovie a scartamento di 750 mm.

2,75 dall'asse della traccia

0,6 dal piede della rotaia alla cima del tubo

Fognatura del cavo (da blocchi e pozzi)

Gasdotti ad alta pressione fino a 5395 kPa (fino a 55 kgf / cm2), oleodotti e condotte

Gasdotti ad alta pressione da 588 a 1177 kPa (da 6 a 12 kgf / cm2)

Gasdotti ad alta pressione da 294 a 588 kPa (da 3 a 6 kgf / cm2)

Gasdotti a media pressione da 5 a 294 kPa (da 0,05 a 3 kgf / cm2)

Gasdotti a bassa pressione 5 kPa (0,05 kgf / cm2)

Lo stesso sui muri degli edifici

Impianto idraulico di rete di distribuzione con diametro fino a 300 mm

Impianto idraulico di rete di distribuzione con diametro superiore a 300 mm

Costruzione di reti di calore o isolamento del guscio delle condotte con posa senza cavi

Scarichi e drenaggi

Collezionisti comuni per reti sotterranee

Parte pedonale della strada

0.4 - dalla parte superiore del rivestimento alla parte superiore del tubo

Fondamenti di edifici e strutture

Pietra laterale, bordo della carreggiata, cordolo fortificato

0.6 - dalla parte superiore del rivestimento alla parte superiore del tubo

Bordo esterno di un fossato, pianta di un terrapieno

0.6 - dalla parte superiore del rivestimento alla parte superiore del tubo

Tronchi di alberi esistenti su una strada cittadina

Cavi di comunicazione per reti dorsali e intranetali e linee di interconnessione di reti locali mediante sistemi di trasmissione

0,5 / 0,25 (soggetto allo sviluppo di trincee a mano)

Cavi a una coppia non sigillati STS

0,1 / - quando la posa parallela su una lunghezza di non più di 5 km insieme in una trincea

Cavi delle reti di trasmissione di classe I.

Cavi che trasmettono in rete le reti di classe II

Pareti o pilastri di gallerie e cavalcavia (a o sotto la base)

Argini del canale

1,0 dal fondo del terrapieno o del bordo del canale

1.5 dal bordo dei canali con suoli non sottosuperficiali

II Sulle condizioni di protezione dei cavi di comunicazione con conduttori metallici da fulmini

Secondo le Linee guida per la protezione dei cavi metallici da Lightning Strikes, Mosca, ZNIIS, 1997

III Secondo i termini di protezione dei cavi ottici contenenti elementi metallici nella progettazione di scariche elettriche

Secondo le "Linee guida per la protezione dei cavi ottici dai fulmini", Mosca, ZNIIS, 1996

* (1) La possibilità di posare un cavo sopra il ponte è determinata dal progetto. La distanza dal ponte è specificata quando la transizione via cavo è coordinata con l'organizzazione che regola la spedizione e il rafting, ma non deve essere inferiore a quella specificata nel presente allegato. Queste norme non si applicano ai passaggi dei cavi effettuati sul territorio delle città e degli insediamenti di tipo urbano.

* (2) La distanza dai gasdotti o dai cavi di alimentazione ai cavi quando si avvicinano nel canale fluviale ai passaggi dei cavi è determinata dal progetto.

* (3) È consentito ridurre la distanza di posa dei cavi di comunicazione nelle tubazioni da cavi di potenza con tensione fino a 10 kV: cavi a bassa frequenza 0,1 m; Cavi RF 0,25 m.

* (4) Nella progettazione di strutture di cavi di linea FOCL che utilizzano installazioni di perforazione direzionale orizzontale (UNHP) ai passaggi dei cavi attraverso barriere d'acqua, paludi profonde (oltre 2 m), strade, ferrovie, agli incroci dei corridoi sia singoli che tecnici i principali gasdotti e oleodotti e altri ostacoli devono essere guidati dai requisiti del Supplemento VSN-116-93 sull'uso di impianti di perforazione direzionale orizzontale nella costruzione del FOL.

1. Il numeratore indica le distanze quando si posano i cavi direttamente nel terreno, nel denominatore - nei tubi, e in assenza di pallini - per entrambi i casi.

2. I cavi e i condotti per cavi sono posati:

- sopra i sistemi fognari e di approvvigionamento idrico;

- sopra e sotto cavi di comunicazione e cavi di alimentazione, condotte di prodotti, gasdotti, oleodotti e reti di calore.

3. Durante l'avvicinamento e l'attraversamento del cavo delle linee aeree in aree popolate, il cavo deve essere posato ad almeno 1 m di distanza da supporti, supporti e ritardi. Se è impossibile mantenere la distanza specificata in condizioni ristrette, è necessario proteggere il cavo da danni meccanici sotto forma di rivestimento con mattoni o lastre di cemento nella zona di protezione della linea.

Quale distanza dalla linea del cavo al gasdotto è necessario mantenere?

Sergei
Benvenuto! Dimmi, per favore, posso posare un cavo in un tubo di polietilene o PVC parallelo a un gasdotto a una distanza inferiore a 100 mm?

Se la domanda riguarda la posa aperta del cavo all'interno dei locali, quando si posa il cavo in parallelo, la distanza dal gasdotto al cavo deve essere di almeno 400 mm.

Quando si posa il cavo nel terreno, la distanza dal gasdotto alla linea del cavo deve essere di almeno 1 m. In condizioni ristrette, fatte salve tutte le necessarie approvazioni e misure per garantire la sicurezza elettrica, questa distanza può essere ridotta.

Quando si posa il cavo in locali industriali, la distanza dalla tubazione alla linea del cavo deve essere di almeno 1 m. In condizioni ristrette, fatte salve tutte le necessarie approvazioni e misure di sicurezza elettrica, questa distanza può essere ridotta.

RB-6
CABLAGGIO APERTO ALL'INTERNO DELLE CAMERE
02/01/56
Quando si incrociano fili e cavi non protetti e protetti con tubazioni, la distanza tra loro nella luce deve essere di almeno 50 mm e con tubazioni contenenti liquidi e gas infiammabili o infiammabili, almeno 100 mm. Quando la distanza da fili e cavi alle tubazioni è inferiore a 250 mm, cavi e cavi devono essere ulteriormente protetti da danni meccanici su una lunghezza di almeno 250 mm su ciascun lato della tubazione.
Quando si attraversano condutture calde, cavi e cavi devono essere protetti dall'esposizione a temperature elevate o devono avere il design appropriato.

2.1.57
Durante la posa parallela, la distanza da fili e cavi alle tubazioni deve essere di almeno 100 mm e alle tubazioni con liquidi e gas infiammabili o infiammabili - almeno 400 mm.
I fili e i cavi posati parallelamente alle tubazioni calde devono essere protetti dalle alte temperature o devono essere di progettazione appropriata.

LINEE CAVI A TERRA
03/02/88
In caso di posa parallela, la distanza orizzontale nella luce da linee di cavi con tensione fino a 35 kV e linee di cavi riempite d'olio a condotte, acqua, fognature e drenaggio deve essere di almeno 1 m; a gasdotti di bassa (0,0049 MPa), media (0,294 MPa) e alta pressione (più di 0,294 a 0,588 MPa) - non meno di 1 m; gasdotti ad alta pressione (più di 0.588 fino a 1.176 MPa) - almeno 2 m; riscaldare i tubi - vedere 2.3.89.
In condizioni ristrette, è consentito ridurre le distanze specificate per linee di cavi fino a 35 kV, ad eccezione delle distanze per tubazioni con liquidi e gas infiammabili, fino a 0,5 m senza protezione speciale dei cavi e a 0,25 m per la posa di cavi nelle tubazioni. Per le linee di cavi piene di olio 110 - 220 kV nell'area di convergenza non superiore a 50 m, è consentito ridurre la distanza orizzontale nella luce verso le condotte, ad eccezione delle condotte con liquidi e gas infiammabili, a 0,5 m a condizione che il dispositivo si trovi tra i cavi pieni d'olio e la tubazione della parete protettiva, eliminando la possibilità di danni meccanici. Non è consentita la posa parallela di cavi sopra e sotto le tubazioni.

03/02/95
Quando si incrociano linee di cavi di condotte, compresi oleodotti e gasdotti, la distanza tra i cavi e la tubazione deve essere di almeno 0,5 m.
È consentito ridurre questa distanza a 0,25 m, a condizione che il cavo sia posato sul sito di intersezione più almeno 2 m per ciascun lato nei tubi.
Quando si attraversano condutture riempite di olio per cavi, la distanza tra loro nella luce deve essere di almeno 1 m Per condizioni ristrette, è ammessa una distanza di almeno 1 m.Per le condizioni limitate, è consentito prendere una distanza di almeno 0,25 m, ma soggetto al posizionamento di cavi nelle tubazioni o vassoi in cemento armato con coperchio.

POSA DELLE LINEE CAVI IN LOCALI INDUSTRIALI

2.3.134
Durante la posa di cavi in ​​locali industriali, devono essere soddisfatti i seguenti requisiti:
1. I cavi devono essere disponibili per la riparazione e aperti per l'ispezione.
I cavi (compresi i blindati), situati in luoghi in cui il movimento di macchinari, attrezzature, merci e trasporti, devono essere protetti da danni conformemente ai requisiti di cui al punto 2.3.15.
2. La distanza libera tra i cavi dovrebbe essere come mostrato in Tabella. 2.3.1.
3. La distanza tra i cavi di alimentazione paralleli e tutti i tipi di tubazioni, di norma, dovrebbe essere di almeno 0,5 m, e tra i gasdotti e le tubazioni con liquidi infiammabili - almeno 1 m. da danni meccanici (tubi metallici, alloggiamenti, ecc.) nell'intera area di approccio, più 0,5 m su ciascun lato e, se necessario, protetti dal surriscaldamento.
I passaggi dei cavi devono essere attraversati ad un'altezza di almeno 1,8 m dal pavimento.
Non è consentita la posa parallela di cavi sopra e sotto gli oleodotti e condotte con liquidi infiammabili in un piano verticale.

A quale distanza dall'acqua e dai tubi di riscaldamento è possibile posare il cavo di alimentazione al chiuso?

Pagine 1

Argomento: a quale distanza dai tubi dell'impianto idraulico e del riscaldamento è possibile posare il cavo di alimentazione al chiuso?

A quale distanza dall'acqua e dai tubi di riscaldamento è possibile posare il cavo di alimentazione al chiuso?

Consigliere dei moderatori

Ri: A che distanza dai tubi dell'impianto idraulico e del riscaldamento puoi posare il cavo di alimentazione al chiuso?

Ciao Questi dati sono specificati nell'EMP:
2.1.56. Quando si incrociano fili e cavi non protetti e protetti con tubazioni, la distanza tra loro nella luce deve essere di almeno 50 mm e con tubazioni contenenti liquidi e gas infiammabili o infiammabili, almeno 100 mm. Quando la distanza da fili e cavi alle tubazioni è inferiore a 250 mm, cavi e cavi devono essere ulteriormente protetti da danni meccanici su una lunghezza di almeno 250 mm su ciascun lato della tubazione.
Quando si attraversano condutture calde, cavi e cavi devono essere protetti dall'esposizione a temperature elevate o devono avere il design appropriato.

Valuta il lavoro di uno specialista!

Lasciando un feedback sul lavoro di un tecnico nei social network, stai contribuendo a rendere il nostro lavoro ancora migliore.

Distanza tra cavo e gasdotto


La distanza tra il gasdotto progettato e il cavo di alimentazione è disciplinata dal documento "DISPOSIZIONI GENERALI SULLA PROGETTAZIONE E COSTRUZIONE DEI SISTEMI DI DISTRIBUZIONE GAS DALLE TUBAZIONI IN METALLO E POLIETILENE SP 42-101-2003" (approvato dal protocollo del 07.07.2003 N 32)))) nel 2016 e 2017)

Distanza verticale tra cavo e gasdotto


La distanza verticale tra il cavo di alimentazione con la tensione fino a 35 kV e il gasdotto deve essere di almeno 0,5 metri nella luce.
La distanza verticale tra il cavo di alimentazione sotto tensione fino a 110-220 kV e il gasdotto deve essere di almeno 1 metro nella luce.
La distanza verticale tra il cavo di comunicazione e il gasdotto deve essere di almeno 0,5 metri nella luce.

Distanza orizzontale tra cavo e gasdotto


La distanza tra il cavo sotto tensione fino a 35 kV e il gasdotto a media, bassa e alta pressione fino a 0,6 MPa deve essere di almeno un metro nella luce.

La distanza tra il cavo sotto tensione fino a 110-220 kV e il gasdotto a media, bassa e alta pressione fino a 0,6 MPa deve essere di almeno un metro nella luce.

La distanza tra il cavo di comunicazione e il gasdotto con una pressione fino a 1,2 MPa deve essere di almeno un metro.

È consentito attraversare il condotto antincendio con un cavo elettrico?

Installiamo la linea del cavo nell'officina. Di fronte al fatto che la linea del cavo si interseca con la fornitura di acqua antincendio. Abbiamo il diritto di attraversare questa fornitura d'acqua? L'approvvigionamento idrico del fuoco è sotto pressione.

Un commento

Benvenuto! La risposta è in PUE 7 - 2.1.56:
"Quando si attraversano fili e cavi non protetti e protetti con tubazioni, la distanza tra loro nella luce deve essere di almeno 50 mm e con tubazioni contenenti liquidi e gas infiammabili o infiammabili, almeno 100 mm. Quando la distanza da fili e cavi alle tubazioni è inferiore a 250 mm, cavi e cavi devono essere ulteriormente protetti da danni meccanici su una lunghezza di almeno 250 mm su ciascun lato della tubazione. Quando si attraversano condutture calde, cavi e cavi devono essere protetti dalle alte temperature o devono avere un design appropriato. "

Tuttavia, le sfumature dipendono dalla tensione della linea del cavo e dal metodo di installazione, ad esempio, quando si posano linee di cavi con tensione fino a 220 kV nel terreno in PUE 7 2.3.95:

"Quando si attraversano linee di cavi, compresi oleodotti e gasdotti, la distanza tra i cavi e la tubazione deve essere di almeno 0,5 m. È consentito ridurre questa distanza a 0,25 m, a condizione che il cavo sia posato sul luogo dell'incrocio più almeno 2 m in ogni direzione nei tubi.

Quando si attraversano condutture riempite di olio cavo, la distanza tra loro nella luce dovrebbe essere di almeno 1 m. Per condizioni ristrette, è ammessa una distanza di almeno 0,25 m, ma a condizione che i cavi siano collocati in tubi o vassoi in cemento armato con un coperchio. "

"Quando si incrociano linee di cavi fino a 35 kV di condotte termiche, la distanza tra i cavi e la sovrapposizione del tubo di calore nella luce deve essere di almeno 0,5 m, e in condizioni ristrette - almeno 0,25 m. Allo stesso tempo, la conduttura termica del sito di attraversamento più 2 m ciascuno il lato dei cavi più esterni deve essere talmente isolato che la temperatura della terra non aumenti di più di 10 ° C rispetto alla temperatura estiva più alta e di 15 ° C rispetto a quella invernale più bassa.

Nei casi in cui non è possibile soddisfare le condizioni specificate, è consentita una delle seguenti misure: profondità del cavo fino a 0,5 m anziché 0,7 m (vedere 2.3.84); uso di inserto per cavo più grande sezione trasversale; posa di cavi sotto il condotto termico nei tubi ad una distanza non inferiore a 0,5 m, mentre i tubi devono essere posati in modo tale che i cavi possano essere sostituiti senza eseguire lavori di scavo (ad esempio, inserendo le estremità del tubo nelle camere).

Quando si attraversa la linea del conduttore di calore pieno d'olio, la distanza tra i cavi e la sovrapposizione del conduttore di calore dovrebbe essere di almeno 1 m, e in condizioni ristrette - almeno 0,5 M. Allo stesso tempo, il conduttore di calore nel punto di incrocio più 3 m in ogni direzione dai cavi estremi dovrebbe avere isolamento termico in modo che la temperatura della terra non aumenti di oltre 5 ° C in qualsiasi momento dell'anno. "

"Durante la posa parallela, la distanza orizzontale nella luce dalle linee di cavi con tensione fino a 35 kV e linee di cavi riempite di olio a condotte, acqua, fognature e drenaggio deve essere di almeno 1 m; a gasdotti di bassa (0,0049 MPa), media (0,294 MPa) e alta pressione (più di 0,294 a 0,588 MPa) - non meno di 1 m; gasdotti ad alta pressione (più di 0.588 fino a 1.176 MPa) - almeno 2 m; riscaldare i tubi - vedi. "

Ne consegue che è possibile stabilire una linea, soggetto alle condizioni di cui sopra.

Tabella 2.3.2. La distanza più breve tra rack per cavi e gallerie per edifici e strutture

L'ULTIMA DISTANZA DAI LUOGHI DEL CAVO

E GALLERIE PER EDIFICI E COSTRUZIONI

Dimensioni più piccole, m

Con seguito parallelo, in orizzontale

Edifici con pareti sorde

Dalla costruzione del cavalcavia e della galleria al muro dell'edificio e delle strutture

Edifici e strutture che hanno muri con aperture

Ferrovia interna non elettrificata

Dalla costruzione di cavalcavia e gallerie alla dimensione dell'approccio degli edifici

1 m per gallerie e passaggi pedonali; 3 m per rack non passanti

Passaggi interni per la circolazione e il fuoco

Dalla costruzione del cavalcavia e della galleria al paracarro, al bordo esterno o al fondo della cuvetta stradale

Dalla progettazione del cavalcavia e della galleria alle dimensioni del materiale rotabile

Dalla costruzione del cavalcavia e della galleria alle parti più vicine del gasdotto

Linea elettrica aerea

Dalla costruzione di cavalletti e gallerie ai cavi

Quando si attraversa, verticalmente

Ferrovia interna non elettrificata

Dal segno inferiore del cavalcavia e dalla galleria alla testata

Ferrovia elettrificata interna

Dal marchio inferiore del cavalcavia e della galleria:

a railhead

fino al cavo più alto o cavo portacavi

Autostrada interna (Fire Pass)

Dal segno inferiore del cavalcavia e dalla galleria alla carreggiata (passaggio antincendio)

Dalla costruzione del cavalcavia e della galleria alle parti più vicine del gasdotto

Linea elettrica aerea

Dalla costruzione di cavalletti e gallerie ai cavi

Linea aerea e radio

Si raccomanda di eseguire l'intersezione di cremagliere e gallerie con linee elettriche aeree, ferrovie interne e strade, percorsi, funivie, linee aeree di comunicazione e installazione radio e condutture con un angolo di almeno 30 gradi.

La posizione dei cavalcavia e delle gallerie in aree pericolose - vedi cap. 7.3, la posizione dei cavalcavia e delle gallerie in aree a rischio di incendio - vedi cap. 7.4.

Quando sono installati cavalcavia e gallerie parallele con linee aeree e radio, le distanze più piccole tra cavi e fili di una linea e radio sono determinate sulla base del calcolo dell'influenza delle linee del cavo sulle linee e sulla radio. I cavi di comunicazione e radio possono essere posizionati sotto e sopra rampe e gallerie.

L'altezza minima del cavalcavia dei cavi e delle gallerie nella parte impraticabile dell'impresa industriale dovrebbe essere presa dal calcolo della possibilità di posare la fila inferiore di cavi ad un livello non inferiore a 2,5 m dal contrassegno del livello del terreno.

DISTANZE DA OGGETTI DI GAS AD ALTRE COMUNICAZIONI DI INGEGNERIA

(estratto dal progetto di SNiP "Urban Planning")

Note: 1. Le distanze di cui sopra dovrebbero essere prese dai confini designati per le imprese dei territori per quanto riguarda il loro sviluppo, per edifici e strutture separati - dalle parti sporgenti più vicine, per tutti i ponti - dalla base dei coni.

2. La distanza verticale tra il gasdotto e il cavo elettrico di tutte le tensioni o il cavo di comunicazione è ridotta a 0,25 m, purché il cavo sia posto in una custodia. Le estremità del case dovrebbero estendersi per 2 m su entrambi i lati delle pareti della condotta di attraversamento.

3. Il segno "-" significa che la posa di gasdotti in questi casi è vietata.

4. Quando si posano tubazioni di gas in polietilene lungo tubazioni, magazzini, serbatoi, ecc., Contenenti sostanze aggressive per il polietilene, le loro distanze non devono essere inferiori a 20 m.

5. Il simbolo "*" indica che i gasdotti in polietilene devono essere racchiusi in un involucro che si estende per 10 m su entrambi i lati dell'intersezione.

La distanza dal gasdotto ai supporti della linea aerea, la rete di contatto del tram, il filobus e le ferrovie elettrificate devono essere prese come prima dei supporti della linea elettrica aerea della tensione corrispondente.

Le distanze minime dai gasdotti alla rete termica di posa senza condotto con drenaggio longitudinale dovrebbero essere prese allo stesso modo della posa di condotte di reti di riscaldamento.

Le distanze minime dal gasdotto al tubo più vicino della rete di riscaldamento senza posa drenante senza drenaggio devono essere prese per il sistema di approvvigionamento idrico.

La distanza dai supporti di ancoraggio che vanno oltre le dimensioni dei tubi della rete di calore dovrebbe essere presa in considerazione della loro sicurezza.

La minima distanza orizzontale dalla condotta alla fognatura a pressione è consentita per l'approvvigionamento idrico.

La distanza minima dai ponti ferroviari e stradali non deve superare i 20 m dalle rispettive strade.