SNiP 2.05.06-85: posa del metanodotto sotterraneo

5.1. La profondità delle condotte fino alla cima del tubo dovrebbe essere presa, m, non meno:

con diametro nominale inferiore a 1000 mm. 0.8

" " 1000 mm o più (fino a 1400 mm). 1.0

su terreni paludosi o di torba da drenare. 1.1

nelle dune di sabbia, contando dai segni inferiori delle basi inter-archaean. 1.0

in terreni rocciosi, paludi in assenza di viaggi

veicoli a motore e macchine agricole. 0.6

su terre arabili e irrigue. 1.0

quando si attraversano canali di irrigazione e drenaggio (meliorative). 1.1 (dal basso

L'approfondimento degli oleodotti e degli oleodotti oltre ai requisiti specificati dovrebbe anche essere determinato tenendo conto della modalità di trasferimento ottimale e delle proprietà dei prodotti pompati in conformità con le linee guida stabilite negli standard di progettazione tecnologica.

Nota. La profondità della condotta con ballast è definita come la distanza dalla superficie della terra alla parte superiore della struttura di zavorra.

5.2. L'approfondimento delle tubazioni che trasportano prodotti caldi con una differenza di temperatura positiva nel metallo dei tubi deve essere ulteriormente verificato calcolando la stabilità longitudinale delle tubazioni sotto l'influenza delle tensioni di temperatura a compressione secondo le istruzioni nella sezione. 8.

5.3. La larghezza della trincea in basso dovrebbe essere assegnata almeno:

D + 300 mm - per tubazioni con diametro fino a 700 mm;

1,5 D- per condotte con diametro di 700 mm e oltre. Con diametri del tubo di 1200 e 1400 mm e con trincee con una pendenza maggiore di 1: 0,5, la larghezza della trincea può essere ridotta al fondo a D + 500 mm, dove D è il diametro nominale della tubazione.

Durante la zavorratura di tubazioni con merci, la larghezza della fossa deve essere assegnata dalla condizione di assicurare che la distanza tra il carico e la parete della trincea non sia inferiore a 0,2 m.

5.4. Sulla sezione del tracciato con un terreno fortemente attraversato, così come nelle zone umide, è permesso posare le condotte in argini di terra appositamente eretti, che vengono effettuati con un'attenta compattazione strato per strato e il fissaggio superficiale del terreno. Quando si attraversano i corsi d'acqua nel corpo degli argini devono essere forniti i condotti sotterranei.

5.5. Quando le condotte si incrociano, la distanza tra loro nella luce deve essere di almeno 350 mm e la traversata deve essere di almeno 60 °.

Le intersezioni tra condotte e altre reti di ingegneria (approvvigionamento idrico, fognature, cavi, ecc.) Devono essere progettate in conformità ai requisiti di SNiP II-89-80 *.

5.6. Per tubazioni con diametro di 1000 mm e oltre, a seconda del terreno, deve essere fornita una pianificazione preliminare del percorso. Quando si pianifica la striscia di costruzione nell'area delle dune mobili, quest'ultima deve essere tagliata al livello dei terreni interfila (inter-arco) senza intaccare il terreno naturalmente compattato. Dopo il rinterro della condotta posata, una striscia di sabbia di sabbia sopra di essa e ad una distanza non inferiore a 10 m dall'asse della tubazione in entrambe le direzioni deve essere rinforzata con leganti (neurosina, residui di bitume crackizzati, ecc.)

Quando si progettano tubazioni con diametro di 700 mm o superiore, sul profilo longitudinale devono essere indicati sia il livello del terreno sia il livello di progettazione della condotta.

5.7. Quando si posano tubazioni in terreni rocciosi, ghiaiosi, ghiaiosi e di riempimento con questi terreni, è necessario fornire un dispositivo per il riempimento con terreni morbidi non inferiori a 10 cm di spessore. riempimento con dispositivi speciali.

5.8. La progettazione di condotte sotterranee per aree di diffusione del suolo di subsidenza di tipo II dovrebbe essere effettuata tenendo conto dei requisiti di SNiP 2.02.01-83 *.

Per i terreni del tipo I di subsidenza, la progettazione delle condotte viene eseguita come per le condizioni dei terreni non di subsidenza.

Nota. Il tipo di cedimento e la quantità di possibile cedimento del terreno dovrebbero essere determinati in conformità ai requisiti di SNiP 2.02.01-83 *.

5.9. Quando si posano condotte in direzione della pendenza del terreno superiore al 20%, è necessario provvedere all'installazione di schermi antierosione e ponti sia dal suolo naturale (ad esempio, argilla) che da materiali artificiali.

5.10. Durante la progettazione di condotte disposte su pendenze, è necessario fornire un dispositivo per i canali di risalita per deviare l'acqua superficiale dalla condotta.

5.11. Se è impossibile evitare il verificarsi di cedimenti della base sotto i gasdotti, quando si calcola il gasdotto per la resistenza e la stabilità, si dovrebbero prendere in considerazione ulteriori sollecitazioni di flessione causate dal cedimento della base.

5.12. Se ci sono burroni esistenti e collassa vicino alla rotta che può influenzare il funzionamento sicuro degli oleodotti, è necessario prendere misure per rafforzarli.

5.13. Sulla rotta del gasdotto è necessario prevedere l'installazione di parametri di riferimento permanenti a una distanza di non più di 5 km l'uno dall'altro.

o lungo le aree spartiacque, evitando pendii instabili e ripidi, nonché aree di flusso del fango.

5.15. Nelle aree di frana con un piccolo spessore dello strato scorrevole del terreno dovrebbe fornire una guarnizione sotterranea con la profondità della tubazione sotto il piano di scorrimento.

Le frane di grande estensione dovrebbero essere aggirate al di sopra della pendenza della frana.

5.16 *. Quando si attraversano i flussi di fango, di norma, è necessario utilizzare una guarnizione di testa.

In caso di posa sotterranea attraverso un flusso di fango o un cono di rimozione, la posa della condotta deve essere fornita a 0,5 m (contando dalla parte superiore del tubo) al di sotto dell'eventuale erosione del canale con una disponibilità del 5%. Quando si intersecano i coni di rimozione, la posa della pipeline è prevista in una curva che avvolge la superficie esterna del cono a una profondità inferiore all'erosione possibile all'interno del vagabondaggio dei canali.

La scelta del tipo di posa delle condotte e delle soluzioni progettuali per la loro protezione durante l'attraversamento dei flussi di fango dovrebbe essere effettuata tenendo conto dell'affidabilità delle condutture e dei calcoli tecnici ed economici.

Al fine di proteggere i gasdotti durante il loro posizionamento nelle aree specificate, è possibile prevedere l'estensione di pendenze, dispositivi di protezione dall'acqua, il drenaggio delle acque sotterranee, la costruzione di muri di sostegno, i contrafforti.

5.17. Durante la progettazione di condotte, la cui posa deve essere effettuata su pendii con una pendenza trasversale di 8-11 °, è necessario prevedere il taglio e il riempimento del terreno per costruire una striscia di lavoro (ripiano).

Il ripiano del dispositivo in questo caso deve essere fornito scaricando l'argine direttamente sul pendio.

5.18.Quando la pendenza del pendio è 12-18 °, è necessario fornire, tenendo conto delle proprietà del suolo, sporgenze per evitare che il terreno scivoli lungo il pendio.

Su pendii con una pendenza trasversale di oltre 18 ° i ripiani vengono forniti solo tagliando il terreno.

In tutti i casi, la maggior parte del terreno dovrebbe essere utilizzata per organizzare il passaggio per il periodo di produzione dei lavori di costruzione e installazione e il successivo funzionamento del gasdotto nelle seguenti condizioni:

Studiamo il SNiP: approvvigionamento idrico - reti e strutture esterne, sistemi di approvvigionamento idrico interni e requisiti per loro

Installazione di rete idrica

Oggi dobbiamo capire come progettare e posare secondo le tubazioni di approvvigionamento idrico SNiP - esterne e interne. Per fare ciò, sarà necessario esaminare la documentazione normativa e familiarizzare con i suoi requisiti chiave. Quindi vai.

Elenco di documenti

Due documenti ci interessano:

  1. SNiP 2 04-02-84 - fornitura, strutture e reti idriche esterne;

Tuttavia: non avremo familiarità con il testo originale di SNiP, ma con la sua versione aggiornata - SP 31.13330.2012.

  1. Regolazione della rete fognaria interna, fornitura di acqua calda e fredda di SNiP numero 2-04-01-85 e sua presentazione attuale nella joint venture 30.13330.2012.

requisiti

Passiamo ora al contenuto della documentazione normativa. Per comodità del lettore, presentiamo qui i requisiti chiave direttamente correlati all'approvvigionamento idrico (compresa la lotta antincendio) di edifici residenziali privati ​​e plurifamiliari.

SP 31.13330.2012 (SNiP 2-04-02-84)

Secondo l'alimentazione esterna SNiP può essere montata dai seguenti tipi di tubi:

Tubo saldato longitudinale

I tubi in polietilene per l'acqua sono contrassegnati in nero o blu, così come una combinazione di questi due colori.

Tubi dell'acqua di rame

Metallo-plastica è un composito di alluminio e polietilene modificato

Inoltre, il testo si riferisce al cemento armato, al cemento crisotilo, ai tubi in ghisa e alla masticazione (tubi in ghisa nodulare ad alta resistenza, che ha la duttilità dell'acciaio e la resistenza alla corrosione della ghisa grigia).

Pipes VChShG Impianto Lipetsk Falcon gratuito

Nota: in pratica, per la costruzione di reti esterne di acqua fredda vengono attualmente utilizzati principalmente tubi in polietilene. Combinano durabilità, bassa resistenza idraulica, resistenza alla crescita eccessiva con depositi ed elasticità, consentendo al sistema principale di approvvigionamento idrico di trasferire cedimenti e movimenti del suolo.

È vietato l'uso di tubi e raccordi in acciaio usati.

Quando si calcola il consumo giornaliero di acqua per persona si dovrebbe prendere in considerazione:

  • Per case con acqua calda sanitaria e senza bagni - 125-160 litri;
  • Per case con scaldabagno e vasche autonome - 160-230 litri;
  • Per case con bagni e un sistema centralizzato di acqua calda - 220-280 litri.

Struttura del consumo giornaliero di acqua

La pressione all'ingresso della casa a un piano non dovrebbe essere inferiore a 10 metri. Per ogni piano aggiuntivo dell'edificio, la pressione aumenta di 4 metri. Per singoli edifici a più piani in aree con edifici bassi, la pressione aumenta fino a raggiungere i valori richiesti mediante pompaggio (stazioni di pompaggio).

Stazione di pompaggio nel seminterrato tecnico

Riferimento: 10 metri di pressione corrispondono a una sovrapressione di 1 atmosfera (1 kgf / cm2).

La pressione massima consentita nei punti di analisi dell'acqua non deve superare i 60 metri (6 atmosfere (vedi Pressione nel sistema di approvvigionamento idrico: 13 domande e risposte)).

La stringa di produzione di un pozzo di presa d'acqua (quando si usa l'acqua di falda per bere o l'approvvigionamento idrico domestico (vedi Fonti di approvvigionamento idrico per l'acqua di qualità)) dovrebbe essere ad almeno 0,5 metri sopra la superficie del terreno. Il design della testa pozzo dovrebbe eliminare completamente l'ingresso di acqua superficiale e sporcizia nell'involucro e nello spazio tra esso e il terreno.

Il pozzo della presa d'acqua dovrebbe alzarsi sopra il livello del suolo di almeno 0,8 metri. Per proteggere dall'ingresso di acque superficiali attorno al pozzo, viene creata un'area cieca (vedere Area cieca intorno al pozzo - raccomandazioni per il dispositivo) con una larghezza di almeno un metro con una pendenza di 10 cm per metro di larghezza dal pozzo. Se l'acqua viene utilizzata come acqua potabile, è necessario fornire anche un blocco di argilla con una profondità di 1,5 metri o più con una larghezza di mezzo metro.

Schema di approvvigionamento idrico di una casa privata con approvvigionamento idrico da un pozzo

Un pozzo d'acqua chiuso deve essere sfiatato. Il tubo di ventilazione viene visualizzato ad un'altezza di almeno 2 metri, protetto da un cappuccio di precipitazione e una griglia dai detriti.

La disinfezione dell'acqua potabile può essere effettuata:

  • Clorazione (soluzione di cloro liquido o ipoclorito di sodio);

Ipoclorito di sodio - un mezzo innocuo per disinfettare l'acqua

  • Diossido di cloro;
  • Irradiazione UV;
  • Ozonizzazione.

Le pompe sommergibili in grado di funzionare con motori elettrici raffreddati ad aria devono essere utilizzate in pompe interrate che possono essere allagate dalle acque sotterranee o in caso di incidenti. Lo scambio dovrebbe avere una fonte di alimentazione di emergenza.

La linea di pressione di ciascuna pompa di aumento pressione deve essere dotata di valvole di intercettazione (consentirà, se necessario, di smontare la pompa per la riparazione o la manutenzione, senza interrompere la stazione di pompaggio nel suo insieme) e di una valvola di ritegno (eliminerà la perdita di pressione durante il funzionamento delle pompe adiacenti).

All'uscita di ogni pompa ci sono una valvola di ritegno e una valvola

Secondo il SNiP, l'approvvigionamento idrico e le reti esterne di grandi insediamenti dovrebbero essere riservati se possibile: preferibilmente utilizzando diverse fonti d'acqua e almeno due condutture idriche. Quando si effettua una sola fornitura d'acqua e si utilizza un'unica fonte d'acqua, è necessaria una riserva d'acqua per il momento dell'eliminazione degli incidenti.

Serbatoi d'acqua

Il tempo stimato per eliminare l'incidente dovrebbe essere preso dalla seguente tabella:

  • Con un diametro del tubo fino a 400 mm e una profondità di 2 metri - 8 ore;
  • Con lo stesso diametro e profondità di posa di oltre 2 metri - 12 ore;
  • Con un diametro di 400-1000 mm - 12 ore per una profondità inferiore a 2 metri e 18 ore con una maggiore profondità di inclusione;
  • Con il diametro del rifornimento idrico principale più di 1000 mm - 18 e 24 ore, rispettivamente.

Secondo SNiP le reti di approvvigionamento idrico esterno devono essere circolari.

Esempio dello schema di approvvigionamento idrico dell'anello dell'insediamento

I vicoli ciechi possono essere usati:

  • Per l'approvvigionamento idrico industriale - con tecnologia di produzione che consente interruzioni nell'approvvigionamento idrico;
  • Per l'approvvigionamento di acqua potabile - con un diametro di approvvigionamento idrico fino a 100 mm;
  • Secondo il SNiP, l'approvvigionamento idrico può essere vicolo cieco solo se la lunghezza di un tubo di derivazione non supera i 200 metri.

Nota: secondo SNiP, la fornitura di acqua antincendio esterna può essere senza uscita, con un ramo più lungo di oltre 200 metri. In aree popolate con una popolazione di meno di 5.000 persone - a condizione che alla fine dello stallo ci sia una riserva o una riserva di fuoco.

Le condutture principali dovrebbero essere delimitate da valvole di arresto per siti di riparazione non più lunghi di 5 chilometri (per la posa su una linea - 3 km). Per quanto possibile, durante la riparazione, l'approvvigionamento idrico deve essere fornito con una linea di riserva.

Chiusura del sito di riparazione per la manutenzione programmata del sistema principale di approvvigionamento idrico

I tubi di acciaio vengono utilizzati in aree con una pressione superiore a 15 kgf / cm2 e devono avere un rivestimento resistente alla corrosione. Lo spessore delle pareti dei tubi deve essere di almeno 3 mm di diametro fino a 200 mm e di 4 mm di diametro superiore a 200 mm.

Secondo il codice di progettazione indicato nel SNiP, l'alimentazione dell'acqua deve essere accesa e spenta lentamente per evitare colpi d'ariete. Le valvole a saracinesca forniscono una chiusura lenta grazie al loro design; per valvole a sfera e sughero, devono essere applicate misure protettive aggiuntive (valvole di sicurezza, ecc.).

Valvola a sfera di grande diametro: la rotazione lenta del bullone è assicurata dal volante con riduttore

Preferita posa interrata di tubi dell'acqua. Possono essere collocati in un vassoio comune con fognature e altre autostrade (esclusi i tubi di alimentazione del gas e altre tubazioni che trasportano materiali combustibili).

Nota: secondo SNiP, la fornitura di acqua potabile quando si posa in un vassoio comune con fogna deve essere sistemata sopra di esso.

Quando si posizionano le condutture dell'acqua sotto terra, le valvole di arresto vengono trasportate nei pozzi e nelle camere.

Installazione della camera d'acqua

La profondità della fornitura d'acqua dovrebbe essere almeno mezzo metro più della profondità del suolo che si congela nella regione.

Prima di mettere in funzione la linea di alimentazione dell'acqua, viene premuto (test di pressione per resistenza e tenuta). Qualche parola su come pressurizzare il sistema di approvvigionamento idrico: SNiP raccomanda che venga eseguito principalmente idraulicamente (con riempimento con acqua); prove ammissibili con il metodo pneumatico (con riempimento d'aria).

Il metodo di prova pneumatico è applicato a una pressione di esercizio non superiore a 5 atmosfere per condotte sotterranee in ghisa, cemento amianto e cemento armato, 16 atmosfere per condotte in acciaio interrato e 3 atmosfere per condotte in acciaio fuori terra.

Linee pneumatiche di pressatura dell'acqua

Ulteriori informazioni su come si consiglia di eseguire l'installazione di condotte per l'approvvigionamento idrico ai regolamenti edilizi, il video in questo articolo ti aiuterà.

SP 30.13330.2012 (SNiP 2-04-01-85)

Passiamo alle reti interne di approvvigionamento idrico:

  • L'acqua nella fornitura di acqua potabile deve soddisfare i requisiti di SanPiN 2.1.4.1074;

Requisiti del documento per la qualità e la composizione dell'acqua potabile

  • L'intervallo di temperatura consentito per l'erogazione di acqua calda è di 60-75 gradi indipendentemente dal tipo di sistema di alimentazione dell'acqua;
  • Secondo il SNiP, l'approvvigionamento idrico antincendio può essere combinato con acqua potabile o domestica;
  • I sistemi ACS dovrebbero essere progettati con riser e imbottigliamento circolanti. In gruppi possono essere combinati 3-7 montanti collegati da ponticelli;

Nota: la circolazione continua di acqua riscaldata garantisce il suo flusso istantaneo verso i punti di analisi e una temperatura costante degli scaldasalviette.

  • Versando e scaffali di acqua calda che necessitano di isolamento, la fodera posata senza di essa;

Isolamento termico del sistema di circolazione dell'acqua calda in bottiglia

  • La pressione nei punti d'acqua non deve superare 4,5 kgf / cm2 (6 kgf / cm2 quando si costruisce una casa in un'area precedentemente costruita). La pressione minima deve corrispondere ai dati del passaporto delle apparecchiature sanitarie utilizzate (in assenza di tali dati - almeno 2 kgf / cm2);

Nota: nei grattacieli con distanziali di scambio, i riduttori di pressione sono utilizzati ai piani inferiori.

Riduttore per ridurre la pressione dell'acqua nella sezione

  • Nel caso generale, le condutture di approvvigionamento di acqua fredda del sistema di acqua fredda sono senza uscita. La chiusura o l'unione di rami di condutture idriche con ponticelli viene praticata combinando l'approvvigionamento idrico domestico con un vigile del fuoco;
  • Si raccomanda di posare tubi da materiali polimerici nascosti. Eccezione - condutture nel bagno;

Nota dell'autore: in pratica, quando si installa la propria riserva idrica, è meglio lasciare aperto il rivestimento e i montanti. L'istruzione è collegata non solo alla manutenibilità dell'apparecchiatura: una guarnizione aperta vi consentirà, se necessario, con il minimo sforzo di collegare un nuovo impianto idraulico o elettrodomestici che utilizzano acqua.

Inserire nelle linee di alimentazione dell'acqua aperta

  • L'acqua deve essere diluita in ambienti in cui la temperatura non scenda al di sotto di + 2 ° C. In locali non riscaldati, viene applicato il supporto termico (posa in isolamento generale con acqua calda o tubi di riscaldamento) o riscaldamento via cavo;
  • Nella parte superiore del ponticello tra i riser del sistema ACS circolante, viene posizionata una presa d'aria. Scarichi, tappi o accessori per l'acqua devono essere installati nei punti più bassi di tutti i montanti;

I riser acqua sono forniti con una valvola o un tappo per lo scarico dell'acqua

  • Per l'installazione di acqua potabile è necessario utilizzare materiali con una durata di almeno 50 anni a +20 e 25 anni a +75 gradi. La rugosità delle pareti delle tubazioni deve essere costante per tutta la loro durata di servizio;

Suggerimento: questa clausola proibisce di fatto l'uso di tubi di acciaio senza rivestimento di zinco sulla rete idrica. Uno dei loro problemi sono i sedimenti, che aumentano la resistenza idraulica di un tubo di decine e persino di centinaia di percento in 10-15 anni.

Depositi di calce in tubo d'acciaio

  • Per i tubi di acqua del fuoco, vengono utilizzati solo tubi metallici;

Fire pipe: tubi metallici utilizzati per l'installazione

  • Insenature, alzate con un'altezza di 3 piani o più, rubinetti con 5 o più rubinetti, rubinetti per appartamenti, scaldabagni, lavabi e docce di gruppo, rubinetti per l'irrigazione e contatori dell'acqua sono necessariamente forniti di valvole di intercettazione;

Valvole a sfera per acqua calda e fredda

  • Se l'acqua calda e fredda viene portata in una casa o in un appartamento, le stazioni di misurazione per il suo consumo vengono fornite con valvole di non ritorno;

Commento: le valvole di non ritorno escludono il controflusso. Senza di essi, è possibile utilizzare la differenza di pressione sull'approvvigionamento di acqua fredda e acqua calda per caricare le letture.

La foto mostra chiaramente che ci sono filtri e valvole di ritegno davanti ai contatori.

Il diametro del contatore è selezionato dal consumo giornaliero di acqua:

SNIP: requisiti per l'approvvigionamento idrico e fognario

SNiP 3.05.04-85 * è una ristampa di SNiP 3.05.04-85 con il cambiamento n. 1,

Sezioni, paragrafi, tabelle, in cui vengono apportate modifiche, sono contrassegnati da un asterisco.

Quando si utilizza un documento normativo, è necessario tenere conto delle modifiche approvate delle norme edilizie e delle norme statali pubblicate nella rivista "Bollettino delle macchine per l'edilizia" del Comitato statale per la costruzione dell'URSS e dell'indice di informazioni "Standard dello stato dell'URSS" dello Stato.

* Queste regole si applicano alla costruzione di nuove, espansioni e ricostruzioni di reti esterne esistenti 1 e agli impianti di approvvigionamento idrico e fognario delle aree popolate dell'economia nazionale.

1. Disposizioni generali

2. Earthworks

3. Installazione della pipeline

Tubazioni in cemento armato e calcestruzzo

Tubazioni in ceramica

Condutture di plastica

4. Transizioni di condotte attraverso barriere naturali e artificiali

5. Fornitura di acqua e impianti fognari

Impianti di presa d'acqua di superficie

6. Requisiti aggiuntivi per la costruzione di condotte e impianti di approvvigionamento idrico e fognario in condizioni naturali e climatiche speciali

7. Test di condotte e strutture

Requisiti aggiuntivi per il collaudo di condotte a pressione e impianti di approvvigionamento idrico e fognario in costruzione in condizioni naturali e climatiche speciali

Appendice 1. Richiesto. L'atto di eseguire il collaudo idraulico di accettazione della condotta di pressione per resistenza e tenuta

Appendice 2. Raccomandata. La procedura per condurre test idraulici di condotte a pressione per resistenza e tenuta

Appendice 3. Richiesto. Atto del test pneumatico del tubo di pressione per resistenza e tenuta

Appendice 4. Richiesto. L'atto di eseguire la prova idraulica di accettazione della condotta senza pressione per la tenuta

Appendice 5. Raccomandata. Procedura per il lavaggio e la disinfezione di condotte e impianti di approvvigionamento idrico

Appendice 6. Obbligatorio. L'atto di lavaggio e disinfezione di condotte (strutture) di approvvigionamento idrico domestico

1. DISPOSIZIONI GENERALI

1.1. Durante la costruzione di nuove, ampliamento e ricostruzione di condotte esistenti e impianti di approvvigionamento idrico e fognario, oltre ai requisiti dei progetti (progetti di lavoro) 2 e questi regolamenti, i requisiti di SNiP 3.01.01-85 *, SNiP 3.01.03-84, SNiP III-4-80 * e altre norme e regolamenti, standard e documenti di regolamentazione dipartimentale approvati in conformità con SNiP 1.01.01-83.

1.2. Le tubazioni finite e gli impianti di approvvigionamento idrico e fognario dovrebbero essere messi in funzione in conformità ai requisiti di SNiP 3.01.04-87.

* Ristampato a partire dal 1 luglio 1990

1 reti esterne - nel seguente testo "pipeline".

2 progetti (progetti di lavoro) - nel testo successivo dei "progetti".

2. LAVORA LA TERRA

2.1. I lavori di scavo e fondazione durante la costruzione di condotte e impianti di approvvigionamento idrico e fognario devono essere eseguiti in conformità ai requisiti di SNiP 3.02.01-87.

3. INSTALLAZIONE DEI PIPELINES

3.1. Quando si spostano tubi e sezioni assemblate con rivestimenti anticorrosione, è necessario utilizzare molle morbide, asciugamani flessibili e altri mezzi per prevenire danni a questi rivestimenti.

3.2. Quando si posano i tubi destinati alla fornitura di acqua potabile e domestica, non consentire l'ingresso di acqua superficiale o di scarico. Tubi e raccordi, raccordi e componenti finiti devono essere ispezionati e puliti all'interno e all'esterno di sporco, neve, ghiaccio, oli e corpi estranei prima dell'installazione.

3.3. L'installazione delle tubazioni deve essere effettuata in accordo con la progettazione del lavoro e delle mappe tecnologiche dopo aver verificato la conformità con il progetto delle dimensioni delle trincee, dei muri di fissaggio, dei segni di fondo e, per l'installazione in superficie, delle strutture di supporto. I risultati dell'audit dovrebbero riflettersi nel registro del lavoro.

3.4. Tubazioni come tubi di condotte a flusso libero dovrebbero, di regola, essere installate con un campanello su per il pendio.

3.5. La linearità del progetto delle sezioni di condutture a flusso libero tra pozzi adiacenti deve essere monitorata visualizzando la luce con uno specchio prima e dopo il riempimento della trincea. Quando si osserva una tubazione di sezione circolare, il cerchio visibile nello specchio dovrebbe avere una forma regolare.

La deviazione orizzontale ammissibile dalla forma del cerchio non deve superare 1/4 del diametro del gasdotto, ma non più di 50 mm in ogni direzione. Non sono consentite deviazioni dalla forma corretta del cerchio in verticale.

3.6. Le deviazioni massime dalla posizione di progetto degli assi delle condotte a pressione non devono superare ± 100 mm nel piano, i segni dei vassoi delle condotte non a pressione
± 100 mm in piano, contrassegna i vassoi alle condutture a flusso libero -
5 mm, e il massimo dei voti delle condotte di pressione - ± 30 mm, se altri standard non sono giustificati dal progetto. 100 mm in piano, segni dei vassoi per tubature a flusso libero -

3.7. La posa di condotte di pressione lungo una curva delicata senza l'uso di raccordi è consentita per tubi a forma di manicotto con giunti di testa su guarnizioni di gomma con un angolo di rotazione in ciascun giunto non più di 2 ° per tubi con diametro nominale fino a 600 mm e non più di 1 ° per tubi con diametro nominale oltre 600 mm.

3.8. Quando si installano tubazioni per l'approvvigionamento idrico e le acque reflue in condizioni di montagna, oltre ai requisiti di queste normative, i requisiti di Sec. 9 SNiP III-42-80.

3.9. Quando si posano le tubazioni in un tratto rettilineo del percorso, le estremità di collegamento dei tubi adiacenti devono essere centrate in modo che la larghezza della presa sia la stessa intorno all'intera circonferenza.

3.10. Le estremità dei tubi, così come i fori nelle flange delle valvole e altri raccordi durante le pause nell'installazione devono essere chiusi con tappi o spine di legno.

3.11. Le guarnizioni in gomma per l'installazione di tubazioni a basse temperature ambiente non devono essere utilizzate in condizioni di congelamento.

3.12. Per sigillare (sigillare) i giunti di testa delle tubazioni, utilizzare materiali di tenuta e "lucchetto" e sigillanti secondo il progetto.

3.13. I collegamenti a flangia dei raccordi e dei raccordi devono essere montati in conformità ai seguenti requisiti:

- i collegamenti delle flange devono essere installati perpendicolarmente all'asse del tubo;

- i piani delle flange da unire devono essere piani, i dadi dei bulloni devono essere posizionati su un lato del giunto; i bulloni devono essere serrati uniformemente trasversalmente;

- l'eliminazione delle distorsioni delle flange installando guarnizioni smussate o serrando i bulloni non è consentita;

- La saldatura dei giunti adiacenti al giunto della flangia deve essere eseguita solo dopo un serraggio uniforme di tutti i bulloni sulle flange.

3.14. Quando si utilizza il terreno per la costruzione dello stop, il muro di supporto del pozzo dovrebbe essere con la struttura del terreno indisturbato.

3.15. Il divario tra la condotta e la parte prefabbricata del calcestruzzo o mattoni fermi devono essere riempiti ermeticamente con calcestruzzo o malta cementizia.

3.16. La protezione delle tubazioni in acciaio e cemento armato contro la corrosione deve essere eseguita in conformità al progetto e ai requisiti di SNiP 3.04.03-85 e SNiP 2.03.11-85.

3.17. Sulle condotte costruite, i seguenti passaggi ed elementi delle opere nascoste sono soggetti all'accettazione con la stesura di atti di esame di opere nascoste nella forma data in SNiP 3.01.01-85 *: preparazione della base per condutture, installazione di fermi, dimensioni del vano e sigillatura dei giunti di testa, installazione di pozzi e camere, protezione anticorrosiva di condutture, sigillatura di luoghi di passaggio di condotte attraverso le pareti di pozzi e camere, riempimento di condotte con compattazione, ecc.

3.18. I metodi di saldatura, nonché i tipi, gli elementi strutturali e le dimensioni dei giunti saldati delle tubazioni in acciaio devono essere conformi ai requisiti di GOST 16037-80.

3.19. Prima di assemblare e saldare i tubi, questi devono essere puliti dallo sporco, controllare le dimensioni geometriche della scanalatura, pulire i bordi e le superfici interne ed esterne dei tubi adiacenti ad essi con una larghezza di almeno 10 mm con una lucentezza metallica.

3.20. Al termine dei lavori di saldatura, l'isolamento esterno dei tubi sui giunti di saldatura deve essere ripristinato secondo il progetto.

3.21. Quando si assemblano i giunti di tubi senza un anello di supporto, lo spostamento del bordo non deve superare il 20% dello spessore della parete, ma non più di 3 mm. Per i giunti di testa assemblati e saldati sul restante anello cilindrico, lo spostamento del bordo dall'interno del tubo non deve superare 1 mm.

3.22. L'assemblaggio di tubi di diametro superiore a 100 mm, realizzati con una saldatura longitudinale oa spirale, deve essere realizzato con uno spostamento delle giunzioni dei tubi adiacenti di almeno 100 mm. Durante il montaggio della giunzione di tubi in cui la giuntura longitudinale o spirale della fabbrica è saldata su entrambi i lati, queste giunture possono essere spostate.

3.23. I giunti saldati trasversali devono essere posizionati a una distanza non inferiore a:

0,2 m dal bordo della struttura di supporto della pipeline;

0,3 m dalle superfici esterne ed interne della camera o dalla superficie della struttura di contenimento attraverso cui passa la tubazione, nonché dal bordo della cassa.

3.24. La connessione delle estremità dei tubi uniti e delle sezioni delle tubazioni con le dimensioni della fessura tra loro più di quanto consentito dovrebbe essere effettuata inserendo una "bobina" con una lunghezza di almeno 200 mm.

3.25. La distanza tra la saldatura anulare della condotta e la saldatura dei tubi da saldare alla tubazione deve essere di almeno 100 mm.

3.26. L'assemblaggio del tubo per la saldatura deve essere eseguito utilizzando il centro tori; le ammaccature lisce possono essere raddrizzate alle estremità dei tubi con una profondità fino al 3,5% del diametro del tubo e del raccordo laterale con martinetti, cuscinetti a rulli e altri mezzi. Sezioni di tubo con ammaccature sopra
Devono essere tagliati il ​​3,5% del diametro del tubo o le lacrime. Si dovrebbero tagliare le estremità di tubi con tacche o provocazioni di smussi più profondi di 5 mm.

Quando si applica una cucitura di radice, i chiodini devono essere completamente digeriti. Gli elettrodi utilizzati per l'incollatura o il filo di saldatura devono essere dello stesso grado di quelli per la saldatura del cordone principale.

3.27. I saldatori possono essere autorizzati a saldare i giunti di condotte in acciaio se dispongono di documenti per il diritto di eseguire saldature in conformità con le norme sulla certificazione di saldatura approvate dall'ispezione tecnica statale dell'URSS.

3.28. Prima dell'ammissione al lavoro sulla saldatura di giunzioni di tubi, ogni saldatore deve saldare il giunto di tolleranza in condizioni di produzione (in cantiere) nei seguenti casi:

- se per la prima volta ha iniziato a saldare condutture o ha avuto un'interruzione nel lavoro
6 mesi;

- se i tubi vengono saldati da nuovi tipi di acciaio, utilizzando nuove marche di materiali di saldatura (elettrodi, fili di saldatura, fondenti) o utilizzando nuovi tipi di attrezzature per la saldatura.

Su tubi con diametro di 529 mm e oltre, è consentito saldare metà del giunto consentito. Il contratto di ammissione è soggetto a:

- esame esterno, in cui la saldatura deve soddisfare i requisiti di questa sezione e GOST 16037-80;

- controllo radiografico conforme ai requisiti di GOST 7512-82;

- prove meccaniche di trazione e flessione secondo GOST 6996-66.

In caso di risultati insoddisfacenti dell'ispezione del giunto di tolleranza, vengono eseguite la saldatura e la nuova ispezione degli altri due giunti di tolleranza. In caso di risultati insoddisfacenti a controllo ripetuto ad almeno una delle articolazioni, si ritiene che il saldatore non abbia superato i test e possa essere autorizzato a saldare la tubazione solo dopo un addestramento supplementare e ripetuti test.

3.29. Ad ogni saldatore deve essere assegnato un timbro. Il saldatore è obbligato a estrarre o saldare lo stigma a una distanza di 30 - 50 mm dalla giuntura dal lato accessibile per l'ispezione.

3.30. La saldatura e l'incollatura dei giunti di testa dei tubi è consentita per la temperatura dell'aria ambiente fino a meno 50 ° С. In questo caso, la saldatura senza riscaldamento dei giunti saldati è consentita:

- a una temperatura dell'aria ambiente fino a meno 20 ° С - utilizzando tubi in acciaio al carbonio con un contenuto di carbonio non superiore allo 0,24% (indipendentemente dallo spessore delle pareti dei tubi), nonché tubi in acciaio basso legato con uno spessore della parete non superiore a 10 mm;

- a una temperatura dell'aria ambiente fino a meno 10 ° С - quando si utilizzano tubi in acciaio al carbonio con un contenuto di carbonio superiore allo 0,24%, nonché tubi in acciaio basso legato con uno spessore della parete superiore a 10 mm. Quando la temperatura dell'aria esterna è inferiore ai limiti sopra indicati, la saldatura deve essere eseguita con il riscaldamento in apposite cabine, in cui la temperatura dell'aria deve essere mantenuta non inferiore a quella sopra, o riscaldata all'aperto all'aria aperta

- tubi saldati per una lunghezza di almeno 200 mm ad una temperatura non inferiore a 200 ° C.

Dopo la fine della saldatura, è necessario garantire una graduale diminuzione della temperatura delle giunture e delle zone dei tubi adiacenti coprendole dopo la saldatura con un asciugamano in amianto o in altro modo.

3.31. Nella saldatura multistrato, ogni strato della saldatura deve essere privo di scorie e schizzi di metallo prima che venga applicata la successiva saldatura. Le sezioni del metallo di saldatura con pori, gusci e crepe devono essere tagliate sul metallo di base e i crateri delle cuciture sono saldati.

3.32. Nella saldatura ad arco elettrico manuale, i singoli strati della giunzione devono essere sovrapposti in modo che le loro sezioni di chiusura negli strati adiacenti non coincidano l'una con l'altra.

3.33. Quando si eseguono lavori di saldatura all'aperto durante la precipitazione, i siti di saldatura devono essere protetti dall'umidità e dal vento.

3.34. Quando deve essere eseguito il controllo di qualità dei giunti saldati delle tubazioni in acciaio:

- controllo operativo nel processo di assemblaggio e saldatura della condotta in conformità ai requisiti di SNiP 3.01.01-85 *;

- verifica della continuità dei giunti saldati con il rilevamento di difetti interni mediante uno dei metodi di controllo non distruttivo (fisico) - radiografico (X-ray o gamma-grafico) secondo GOST 7512-82 o ultrasonico secondo GOST 14782-86.

L'uso del metodo a ultrasuoni è consentito solo in combinazione con il metodo radiografico, che dovrebbe essere controllato almeno per il 10% del numero totale di articolazioni da monitorare.

3.35. Durante il controllo operativo della qualità dei giunti saldati delle tubazioni in acciaio, è necessario verificare il rispetto delle norme degli elementi strutturali e delle dimensioni dei giunti saldati, il metodo di saldatura, la qualità dei materiali di saldatura, la preparazione dei bordi, le dimensioni degli spazi, il numero di chiodi e la facilità di manutenzione delle attrezzature di saldatura.

3.36. Tutte le saldature sono soggette a ispezione esterna. Sulle tubazioni con un diametro
Tubazioni da 1020 mm e diametro
i suoi giunti saldati, saldati senza anello di supporto, sono sottoposti ad un controllo esterno e alla misurazione delle dimensioni all'esterno e all'interno del tubo, negli altri casi solo all'esterno. Prima di ispezionare la giuntura saldata e le superfici dei tubi adiacenti con una larghezza di almeno 20 mm (su entrambi i lati della giunzione), è necessario pulire da scorie, schizzi di metallo fuso, incrostazioni e altri contaminanti.

La qualità della saldatura in base ai risultati dell'esame esterno è considerata soddisfacente, se non rilevata: incrinature nella saldatura e nella zona adiacente; deviazioni dalla dimensione e dalla forma consentite della cucitura; sottosquadri, tra i rulli, i gonfiori, le bruciature, i crateri e i pori non fusi che emergono in superficie, la mancanza di penetrazione o cedimenti nella radice della giuntura (quando si ispeziona l'articolazione dall'interno del tubo);

spostamenti dei bordi dei tubi superiori alle dimensioni consentite.

I giunti che non soddisfano i requisiti elencati sono soggetti a correzione o rimozione e ri-controllo della loro qualità.

3.37. La qualità delle giunture saldate con metodi fisici di controllo è soggetta a condotte idriche e fognarie con pressione di progetto: fino a 1 MPa (10 kgf / cm 2) in un volume di almeno il 2% (ma almeno un giunto per ogni saldatore); 1 - 2 MPa
(10-20 kgf / cm 2 1 - 2 MPa
) 1 - 2 MPa
- nella quantità non inferiore al 5% (ma non 1 - 2 MPa
meno di due giunti per ogni saldatore); 1 - 2 MPa
oltre 2 MPa (20 kgf / cm 2 1 - 2 MPa
) 1 - 2 MPa
- nella quantità di non meno del 10% (ma non meno di tre articolazioni per ogni saldatore). 1 - 2 MPa

3.38. I giunti saldati per il controllo fisico sono selezionati in presenza di un rappresentante del cliente che registra le informazioni sui giunti selezionati per il controllo (posizione, timbro del saldatore, ecc.) Nel registro di lavoro.

3.39. I metodi di controllo fisico dovrebbero essere sottoposti al 100% dei giunti saldati di condutture posati su tratti di attraversamento sotto e sopra le ferrovie e le linee tranviarie, attraverso barriere d'acqua, sotto autostrade, in serbatoi di città per comunicazioni quando combinati con altre utenze. La lunghezza delle sezioni della tubazione da monitorare nelle sezioni di transizione dovrebbe essere almeno delle seguenti dimensioni:

- per le ferrovie - la distanza tra gli assi dei binari esterni e 40 m da essi in ciascuna direzione;

- per autostrade, la larghezza del terrapieno sulla base o sulla cima e 25 m da esse in ciascuna direzione;

- per le barriere d'acqua - entro i confini della traversata sottomarina, definiti nel par. 6
SNiP 2.05.06-85;

- per altre utilità - la larghezza della struttura intersecata, compresi i suoi dispositivi di drenaggio più almeno 4 m per ciascun lato dai bordi estremi della struttura intersecata.

3.40. Le saldature dovrebbero essere rifiutate se, quando controllate da metodi fisici di controllo, si riscontrano incrinature, crateri non finiti, bruciature, fistole e anche la mancanza di penetrazione nella radice della giuntura, fatta sull'anello di sostegno.

Quando si controllano le saldature per metodo radiografico, i difetti accettabili sono:

- pori e inclusioni le cui dimensioni non superino il massimo consentito
GOST 23055-78 per la 7a classe di giunti saldati - pori ed inclusioni, le cui dimensioni non superano il massimo consentito

- mancanza di penetrazione, concavità ed eccesso di propulsione nella radice della saldatura effettuata mediante saldatura ad arco elettrico senza un anello di supporto, la cui altezza (profondità) non superi il 10% dello spessore nominale della parete e la lunghezza totale è 1/3 del perimetro interno del giunto.

3.41. Se i difetti fisici sono rilevati dal controllo di difetti inaccettabili nelle saldature, questi difetti dovrebbero essere eliminati e la qualità del doppio numero di saldature dovrebbe essere ripetuta rispetto a quella indicata nel paragrafo 3.37. In caso di rilevamento di difetti inaccettabili durante l'ispezione ripetuta, è necessario controllare tutti i giunti realizzati da questo saldatore.

3.42. Le aree di saldatura con difetti inaccettabili devono essere corrette mediante campionamento locale e successiva saldatura (di norma, senza scombussolare l'intero giunto saldato), se la lunghezza totale dei campioni dopo aver rimosso le sezioni difettose non supera la lunghezza totale specificata in GOST 23055-78 per il 7 ° grado.

La correzione dei difetti nei giunti deve essere eseguita mediante saldatura ad arco.

I sottosquadri devono essere corretti facendo scorrere i rulli del filo con un'altezza non superiore a 2-3 mm. Fessure inferiori a 50 mm vengono perforate alle estremità, tagliate, accuratamente pulite e saldate in più strati.

3.43. I risultati del controllo di qualità dei giunti saldati delle condutture d'acciaio mediante metodi fisici di controllo dovrebbero essere documentati da un atto (protocollo).

3.44. L'installazione di tubi in ghisa fabbricati in conformità con GOST 9583-75 deve essere eseguita con la sigillatura delle connessioni a presa di resina di canapa o filo bituminoso e il dispositivo di un blocco di cemento amianto, o solo con sigillante, e tubi fabbricati in conformità con TU 14-3-12 47-83, manicotti in gomma, forniti completi di tubi senza dispositivo di blocco.

La composizione della miscela di cemento-amianto per il dispositivo di blocco, così come il sigillante, è determinata dal progetto

3.45. La dimensione dello spazio tra la superficie di spinta della presa e l'estremità del tubo da collegare (indipendentemente dal materiale della guarnizione del giunto) deve essere presa, mm. per tubi con diametro fino a 300 mm - 5, oltre 300 mm - 8-10.

3.46. Le dimensioni degli elementi di tenuta dei giunti di testa dei tubi di pressione in ghisa devono corrispondere ai valori indicati in tabella. 1.

Profondità della guarnizione, mm

quando si applicano i fili di canapa

al dispositivo di blocco

quando si utilizza solo sigillante

3.47. Deve essere presa la distanza tra le estremità dei tubi da unire, mm: per tubi con un diametro fino a 300 mm - 5, oltre 300 mm - 10.

3.48. Prima di iniziare l'installazione di tubazioni alle estremità dei tubi da collegare, in base alla lunghezza dei giunti utilizzati, fare un segno corrispondente alla posizione iniziale del giunto prima che il giunto sia installato e la posizione finale - nel giunto assemblato.

3.49. Il collegamento di tubi di cemento-amianto con raccordi o tubi metallici deve essere effettuato con l'aiuto di raccordi in ghisa o tubi saldati in acciaio e guarnizioni in gomma.

3.50. Dopo l'installazione di ciascun giunto di testa, è necessario verificare la corretta posizione dei giunti e delle guarnizioni in gomma al loro interno, nonché l'uniformità del serraggio dei collegamenti a flangia dei giunti in ghisa.

CONFEZIONI DI CALCESTRUZZO E CALCESTRUZZO RINFORZATE

3.51. La dimensione dello spazio tra la superficie di spinta della presa e l'estremità del tubo da collegare dovrebbe essere presa, mm:

- per tubi in pressione di cemento armato con diametro fino a 1000 mm - 12-15, con diametro superiore a 1000 mm - 18-22;

- per tubi a campana in calcestruzzo armato e calcestruzzo a flusso libero con diametro fino a 700 mm - 8-12, oltre 700 mm - 15-18; per tubi piegati - non più di 25.

3.52. Giunti di testa di tubi forniti senza anelli di gomma devono essere sigillati con resina di canapa o filo bituminoso, o filo bituminato Sisal con una guarnizione imbottita con miscela di cemento-amianto, e anche con sigillanti polisolfuro (tiolo). La profondità di semina è indicata in tabella. 2, mentre le deviazioni nella profondità di incastro del filo e della serratura non devono superare ± 5 mm.

Gli spazi tra la superficie di spinta delle prese e le estremità dei tubi in tubazioni con un diametro di 1000 mm e oltre devono essere sigillati con malta cementizia dall'interno. Il marchio di cemento è determinato dal progetto.

Per i tubi di scarico, è possibile riempire una fessura di lavoro svasata fino alla profondità completa con cemento di grado B7.5, se non sono previsti altri requisiti dal progetto.

Profondità della guarnizione, mm

quando si applicano fili di canapa o sisal

al dispositivo di blocco

quando si usano solo sigillanti

3.53. La sigillatura dei giunti di testa di cemento armato a flusso libero con giunture e tubi in calcestruzzo con estremità lisce dovrebbe essere fatta in accordo con il progetto.

3.54. Il collegamento di tubi in cemento armato e cemento con raccordi per tubazioni e tubi metallici deve essere realizzato con inserti in acciaio o raccordi in cemento armato realizzati secondo il progetto.

TUBI IN CERAMICA

3.55. La dimensione della fessura tra le estremità dei tubi di ceramica impilati (indipendentemente dal materiale per i giunti di incastro) dovrebbe essere presa, mm: per tubi con diametro fino a 300 mm - 5 - 7, per diametri grandi - 8 - 10.

3.56. I giunti di testa di tubazioni in tubi di ceramica devono essere sigillati con filo di bitume o di Sisal seguito da una malta cementizia di mastice B7.5, bitume (mastice) e polisolfuro (tiokol) sigillanti, se altri materiali non sono forniti dal progetto. L'uso di mastice d'asfalto è permesso a una temperatura del liquido di rifiuto trasportato non più di 40 ° C e in assenza di solventi bituminosi in esso.

Le dimensioni principali degli elementi del giunto di testa dei tubi in ceramica devono corrispondere ai valori indicati in tabella. 3.

Diametro nominale, mm

Profondità della guarnizione, mm

quando si applicano fili di canapa o sisal

al dispositivo di blocco

quando si utilizzano solo sigillanti o mastice bituminoso

3.57. La sigillatura dei tubi nelle pareti dei pozzi e delle camere dovrebbe garantire la tenuta dei giunti e la resistenza all'acqua dei pozzi nei terreni bagnati.

TUBI IN PLASTICA *

3.58. Il collegamento di tubi in polietilene ad alta pressione (LDPE) e polietilene a bassa pressione (LDPE) tra loro e con i raccordi deve essere effettuato con uno strumento riscaldato utilizzando il metodo di saldatura di testa o di testa. Non è consentita la saldatura tra tubi e raccordi di polietilene di vario genere (HDPE e LDPE).

3.59. Per la saldatura, è necessario utilizzare impianti (dispositivi) che garantiscano il mantenimento dei parametri dei regimi tecnologici conformemente alla OST 6-19-505-79 e altra documentazione normativa e tecnica approvata nel modo prescritto.

3.60. I saldatori possono essere autorizzati a saldare tubazioni realizzate in polietilene ad alta densità e HDPE se sono disponibili documenti per il diritto di eseguire lavori sulla saldatura di materie plastiche.

3.61. La saldatura di tubi in LDPE e HDPE è consentita a una temperatura dell'aria esterna non inferiore a meno 10 ° C. A una temperatura inferiore dell'aria esterna, la saldatura deve essere eseguita in locali isolati.

Quando si eseguono lavori di saldatura, il sito di saldatura deve essere protetto dagli effetti della precipitazione e della polvere.

3.62. Il collegamento dei tubi di polivinilcloruro (PVC) tra di loro e con i raccordi deve essere effettuato incollando le prese (usando colla GIPK-127 secondo TU 6-05-251-95-79) e utilizzando i polsini in gomma forniti completi di tubi.

3.63. Le giunzioni incollate e per 15 minuti non devono essere sottoposte a sollecitazioni meccaniche. Le tubazioni con giunti adesivi per 24 ore non devono essere sottoposte a prove idrauliche.

3.64. I lavori di incollaggio devono essere eseguiti a una temperatura ambiente compresa tra 5 e 35 ° C. Il luogo di lavoro deve essere protetto dagli effetti delle precipitazioni e della polvere.

4. TRAVI DI CONDOTTA ATTRAVERSO IL NATURALE

E OSTACOLI ARTIFICIALI

4.1. Costruzione di transizioni di condotte a pressione di approvvigionamento idrico e fognature attraverso barriere idriche (fiumi, laghi, bacini idrici, canali), condotte sottomarine di prese d'acqua e scarichi fognari all'interno del canale di serbatoi, nonché passaggi sotterranei attraverso burroni, strade (stradali e ferroviarie, comprese linee della metropolitana e tram ) e i passaggi cittadini devono essere eseguiti da organizzazioni specializzate in conformità ai requisiti di SNiP 3.02.01-87, SNiP III-42-80 (Sezione 8) e questa sezione.

4.2. I modi di posare le condotte attraverso le barriere naturali e artificiali sono determinati dal progetto.

4.3. La posa di condotte sotterranee sotto le strade dovrebbe essere effettuata con un controllo costante e un controllo geodetico dell'organizzazione di costruzione in conformità con le posizioni pianificate e in alta quota di gusci e condotte stabiliti nel progetto.

4.4. Le deviazioni dell'asse dei casi di protezione delle transizioni dalla posizione di progetto per le condotte a gravità libera non devono superare:

- verticalmente - 0,6% della lunghezza del caso a condizione che sia garantita la pendenza di progetto;

- Orizzontalmente - 1% della lunghezza del caso.

Per le condotte a pressione, queste deviazioni non devono superare rispettivamente l'1 e l'1,5% della lunghezza del case.

5. COSTRUZIONI DI FORNITURA ACQUA E DRENAGGIO DI COSTRUZIONI PER RECINTO AD ACQUA SUPERFICIALE

5.1. La costruzione di strutture per l'immissione di acque superficiali da fiumi, laghi, bacini e canali dovrebbe essere effettuata, di regola, da organizzazioni specializzate di costruzione e installazione in conformità con il progetto.

5.2. Prima della costruzione della base sotto le prese dell'acqua del canale, è necessario controllare gli assi centrali e i riferimenti temporali.

5.3. Nel processo di perforazione di pozzi, tutti i tipi di lavoro e gli indicatori chiave (penetrazione, diametro dell'utensile di perforazione, montaggio e estrazione di tubi, cementazione, misure del livello dell'acqua e altre operazioni) dovrebbero essere riflessi nel registro delle operazioni di perforazione. Si noti il ​​nome delle rocce ricoperte, il colore, la densità (resistenza), la fratturazione, la composizione granulometrica delle rocce, il contenuto di acqua, la presenza e la dimensione del "tappo" durante il passaggio delle sabbie mobili, il livello dell'acqua apparente e costante di tutte le falde acquifere rilevate, l'assorbimento del fluido di perforazione. La misurazione del livello dell'acqua nei pozzi durante la perforazione dovrebbe essere effettuata prima dell'inizio del lavoro di ogni turno. Nei pozzi che scorrono, i livelli dell'acqua dovrebbero essere misurati aumentando le tubazioni o misurando la pressione dell'acqua.

5.4. Nel processo di perforazione, a seconda della sezione geologica effettiva, è consentito entro i limiti della falda stabilita dal progetto, l'organizzazione per regolare la profondità del pozzo, i diametri e la profondità delle colonne tecniche senza modificare il diametro di lavoro del pozzo e senza aumentare il costo del lavoro. Le modifiche al design del pozzo non dovrebbero comprometterne le condizioni igieniche e le prestazioni.

5.5. I campioni devono essere prelevati uno per uno da ogni strato di roccia e, per uno strato uniforme, dopo 10 m.

In accordo con l'organizzazione del progetto, i campioni di roccia non possono essere prelevati da tutti i pozzi.

5.6. L'isolamento della falda sfruttata nel pozzo dalle falde acquifere inutilizzate deve essere effettuato con il metodo di perforazione:

rotante - mediante cementazione anulare e anulare delle stringhe di involucro ai segni forniti dal progetto:

shock - schiacciando e guidando l'involucro in uno strato di argilla naturale densa ad una profondità di almeno 1 metro o eseguendo la cementazione del sottomone creando una caverna con un espansore o una punta eccentrica.

5.7. Per garantire la distribuzione delle dimensioni delle particelle del materiale di filtrazione del pozzo, le frazioni di argilla e sabbia fine devono essere rimosse con il lavaggio e il materiale lavato deve essere disinfettato prima del riempimento.

5.8. L'esposizione del filtro nel processo di aspersione deve essere effettuata sollevando ogni volta la corda dell'involucro di 0,5 - 0,6 m dopo aver cosparso il pozzetto di 0,8 -1 m di altezza. Il limite superiore della polvere dovrebbe essere al di sopra della parte operativa del filtro di almeno 5 m.

5.9. I pozzi d'acqua dopo il completamento della perforazione e l'installazione del filtro devono essere testati pompando, prodotti continuamente durante il tempo previsto dal progetto.

Prima di iniziare il pompaggio, il pozzo deve essere rimosso dai fanghi e pompato, di regola, da un ponte aereo. Nelle falde acquifere rocciose e ghiaiose, il pompaggio dovrebbe iniziare con la massima caduta di progetto nel livello dell'acqua e nelle rocce sabbiose - con il minimo decremento del progetto. Il valore del minimo effettivo di abbassamento del livello dell'acqua deve essere compreso tra 0,4 e 0,6 del massimo effettivo.

Quando si è costretti a interrompere il lavoro sul pompaggio dell'acqua, se il tempo di arresto totale supera il 10% del tempo di progettazione totale di una goccia nel livello dell'acqua, è necessario ripetere il pompaggio di acqua a questa diminuzione. Nel caso di pompaggio da pozzi dotati di filtro a spruzzo, la contrazione del materiale di spolveramento deve essere misurata durante il processo di pompaggio una volta al giorno.

5.10. La portata (produttività) dei pozzetti deve essere determinata dalla capacità di misurazione con un tempo di riempimento di almeno 45 s. È consentito determinare la portata utilizzando sbarramenti e contatori d'acqua.

Il livello dell'acqua nel pozzo dovrebbe essere misurato con una precisione dello 0,1% della profondità del livello dell'acqua misurato.

La portata e il livello dell'acqua nel pozzetto dovrebbero essere misurati non meno di 2 ore durante l'intero tempo di pompaggio determinato dal progetto.

Le misurazioni della profondità di controllo devono essere effettuate all'inizio e alla fine del pompaggio in presenza di un rappresentante del cliente.

5.11. Durante il processo di pompaggio, l'organizzazione di perforazione dovrebbe misurare la temperatura dell'acqua e prelevare campioni di acqua in conformità con GOST 18963-73 e GOST 4979-49 con la loro consegna al laboratorio per verificare la qualità dell'acqua in conformità con GOST 2874-82.

La qualità della cementazione di tutte le stringhe di involucro e la posizione della parte operativa del filtro devono essere verificate con metodi geofisici. La bocca del pozzo autosufficiente alla fine della perforazione deve essere dotata di una valvola e di un raccordo per il manometro.

5.12. Alla fine del pozzo d'acqua che perfora e prova pompando acqua, la parte superiore del tubo di produzione dovrebbe essere saldata con un coperchio di metallo e avere un foro filettato per il livello dell'acqua da misurare. Il tubo deve essere contrassegnato con il numero di progettazione e di perforazione del pozzo, il nome dell'organizzazione di perforazione e l'anno di perforazione.

Per il funzionamento del pozzo in conformità con il progetto dovrebbe essere dotato di strumenti per misurare i livelli dell'acqua e le portate.

5.13. Al completamento della perforazione e dei test pompando un pozzo d'acqua, l'organizzazione di perforazione deve trasferirla al cliente in conformità ai requisiti di SNiP 3.01.04-87, così come i campioni delle rocce passate e la documentazione (passaporto), tra cui:

- sezione geologica e litologica con un disegno del pozzo, corretto secondo gli studi geofisici;

- agisce sul principio del pozzo, l'installazione del filtro, la cementazione delle stringhe di involucro;

- una carta di registrazione consolidata con i risultati della sua interpretazione, firmata dall'organizzazione che ha eseguito il lavoro geofisico; registro delle osservazioni del pompaggio dell'acqua da un pozzo d'acqua; dati sui risultati di analisi chimiche, batteriologiche e indicatori organolettici dell'acqua secondo GOST 2874-82 e la conclusione del servizio sanitario-epidemiologico.

La documentazione prima della consegna al cliente deve essere concordata con l'organizzazione del progetto.

5.14. Quando si installano strutture di serbatoi monolitici e prefabbricati in calcestruzzo e cemento armato, oltre ai requisiti del progetto, devono essere soddisfatti anche i requisiti di SNiP 3.03.01-87 e queste regole.

5.15. Il riempimento del terreno nei seni e l'aspersione delle strutture capacitive dovrebbe essere effettuato, di norma, in modo meccanizzato dopo la posa delle comunicazioni a strutture capacitive, la conduzione di prove idrauliche di strutture, l'eliminazione di difetti rilevati, l'impermeabilizzazione di pareti e pavimenti.

5.16. Dopo la fine di tutti i tipi di lavoro e un insieme di resistenza del progetto di calcestruzzo è un test idraulico di strutture capacitive in conformità con i requisiti della sezione. 7.

5.17. L'installazione dei sistemi di drenaggio e distribuzione delle strutture filtranti può essere effettuata dopo aver condotto un test idraulico della capacità di tenuta dell'edificio.

5.18. I fori rotondi nelle tubazioni per la distribuzione di acqua e aria, nonché per la raccolta dell'acqua devono essere perforati secondo la classe specificata nel progetto.

Gli scostamenti dalla larghezza di progetto dei fori delle fessure dei tubi in polietilene non devono superare 0,1 mm e dalla lunghezza del disegno della luce nella luce ± 3 mm.

5.19. Le deviazioni delle distanze tra gli assi degli innesti dei cappucci nei sistemi di distribuzione e di scarico dei filtri non devono superare ± 4 mm e nei segni della sommità dei cappucci (lungo le sporgenze cilindriche) ± 2 mm dalla posizione di progetto.

5.20. I segni dei bordi degli stramazzi nei dispositivi per la distribuzione e la raccolta dell'acqua (grondaie, vassoi, ecc.) Devono essere conformi al progetto e devono essere allineati al livello dell'acqua.

Quando si costruiscono straripamenti con tagli triangolari, le deviazioni dei segni di fondo dei tagli dal disegno non devono superare ± 3 mm.

5.21. Sulle superfici interne ed esterne delle grondaie e canali per la raccolta e la distribuzione di acqua, così come per la raccolta delle precipitazioni non dovrebbero essere conchiglie e crescite. Le grondaie e i vassoi del canale dovrebbero avere una pendenza di progettazione nella direzione del movimento dell'acqua (o del fango). La presenza di aree con una polarizzazione inversa non è consentita.

5.22. La filtrazione del carico del filtro negli impianti di depurazione delle acque mediante filtraggio è consentita dopo il collaudo idraulico dei serbatoi di tali impianti, il lavaggio e la pulizia delle tubazioni ad essi collegate, il collaudo individuale del funzionamento di ciascuno dei sistemi di distribuzione e assemblaggio, dispositivi di misurazione e bloccaggio.

5.23. Il carico di filtraggio dei materiali immesso nelle strutture per la depurazione delle acque, compresi i biofiltri, la distribuzione delle dimensioni delle particelle deve essere conforme al progetto o ai requisiti di SNiP 2.04.02-84 e SNiP 2.04.03-85.

5.24. La deviazione dello spessore dello strato di ciascuna frazione del carico del filtro dal valore di progetto e lo spessore dell'intero carico non deve essere superiore a ± 20 mm.

5.25. Una volta completata l'installazione del caricamento della struttura filtrante della fornitura di acqua potabile, la struttura deve essere lavata e disinfettata, il cui ordine è presentato nell'appendice 5 raccomandata.

5.26. L'installazione di elementi combustibili di irrigatori in legno, griglie di cattura dell'acqua, pannelli di guida dell'aria e pareti divisorie delle torri di raffreddamento dei ventilatori e delle vasche di spruzzatura deve essere eseguita dopo il completamento dei lavori di saldatura.

6. REQUISITI AGGIUNTIVI PER LA COSTRUZIONE DI TONIFICI E COSTRUZIONI DI ACQUA DI FORNITURA E RETROMARCIA IN CONDIZIONI NATURALI E CLIMATICHE SPECIALI

6.1. Durante la costruzione di condutture e impianti di approvvigionamento idrico e fognario in condizioni naturali e climatiche particolari, è necessario osservare i requisiti del progetto e di questa sezione.

6.2. Le tubazioni di approvvigionamento idrico temporaneo, di regola, devono essere posate sulla superficie della terra, rispettando nel contempo i requisiti per l'installazione di condotte di approvvigionamento idrico permanenti.

6.3. La costruzione di condotte e strutture su terreni permafrost dovrebbe essere effettuata, di regola, a temperature esterne negative preservando i terreni ghiacciati delle fondazioni. Nel caso della costruzione di tubazioni e strutture a temperature ambiente positive, i terreni della fondazione dovrebbero essere mantenuti allo stato congelato e non essere autorizzati a violare le loro condizioni di temperatura e umidità stabilite dal progetto.

La preparazione di base per tubazioni e strutture su terreni saturi di ghiaccio dovrebbe essere eseguita scongelandoli alla profondità e alla compattazione del progetto, nonché sostituendo i terreni saturi di ghiaccio con terreni compattati fusi secondo il progetto.

Il movimento di veicoli e veicoli da costruzione in estate dovrebbe essere effettuato sulle strade e sulle strade di accesso costruite in conformità con il progetto.

6.4. La costruzione di condotte e strutture in aree sismiche dovrebbe essere effettuata con gli stessi metodi e metodi delle normali condizioni di costruzione, ma con l'implementazione delle misure fornite dal progetto per assicurare la loro resistenza sismica. I giunti di tubazioni e raccordi in acciaio devono essere saldati solo con metodi di arco elettrico e controllare la qualità della saldatura con i loro metodi di controllo fisico del 100%.

Quando si costruiscono strutture di serbatoi in cemento armato, condotte, pozzi e camere, le malte cementizie con agenti plastificanti dovrebbero essere utilizzate conformemente al progetto.

6.5. Tutti i lavori per garantire la resistenza sismica delle condotte e delle strutture realizzate durante il processo di costruzione dovrebbero riflettersi nel registro del lavoro e nei certificati di esame delle opere nascoste.

6.6. Quando si riempiono i seni delle strutture capacitive costruite sui territori indeboliti, dovrebbe essere garantita la sicurezza dei giunti di dilatazione.

Le distanze dei giunti di dilatazione su tutta la loro altezza (dalla base delle fondazioni alla parte superiore delle strutture di fondazione della fondazione) devono essere eliminate dal terreno, dai detriti di costruzione, dagli afflussi di calcestruzzo, dalle scorie di malta e casseforme.

I certificati di esame di opere nascoste dovrebbero essere rilasciati tutti i principali lavori speciali, tra cui: installazione di compensatori, il dispositivo delle cuciture di scorrimento nelle strutture di fondazione e giunti di dilatazione; ancoraggio e saldatura alle articolazioni delle connessioni articolate dei distanziali; il tubo del dispositivo passa attraverso le pareti di pozzi, camere, strutture capacitive.

6.7. Le tubature nelle paludi devono essere posate in una fossa dopo aver scaricato l'acqua da esso o in una trincea inondata di acqua, a condizione che le misure necessarie siano prese in conformità con il progetto contro il galleggiamento.

Il flagello della condotta dovrebbe essere trascinato lungo la trincea o spostato a galla con le estremità tappate.

La posa delle tubazioni sulle dighe completamente riempite con compattazione deve essere eseguita come nelle normali condizioni del terreno.

6.8. Durante la costruzione di condotte su terreni in pendenza, la fossa sotto le giunture di testa dovrebbe essere fatta comprimendo il terreno.

7. PROVA DI TUBAZIONI E COSTRUZIONI

7.1. Se non vi è alcuna indicazione nella bozza del metodo di prova, le tubazioni di pressione devono essere testate per resistenza e tenuta, di regola, con un metodo idraulico. A seconda delle condizioni climatiche nell'area di costruzione e in assenza di acqua, è possibile applicare un metodo di prova pneumatico per tubazioni con pressione di progetto interna Pr, non più:

- ghisa sotterranea, cemento-amianto e cemento armato - 0,5 MPa (5 kgf / cm 2);

- acciaio sotterraneo - 1,6 MPa (16 kgf / cm 2);

- acciaio fuori terra - 0.3 MPa (3 kgf / cm 2).

7.2. Il collaudo delle condotte di pressione di tutte le classi dovrebbe essere effettuato dall'organizzazione di costruzione e installazione, di norma, in due fasi:

la prima è una prova preliminare di resistenza e tenuta, eseguita dopo il riempimento dei seni con l'adescamento del terreno a metà del diametro verticale e la spolveratura dei tubi in conformità con i requisiti di SNiP 3.02.01-87 con giunti di testa sinistra aperti per ispezione; questo test può essere eseguito senza la partecipazione di rappresentanti del cliente e dell'organizzazione operativa con la preparazione dell'atto approvato dall'ingegnere capo dell'organizzazione di costruzione;

il secondo test di accettazione (finale) di resistenza e tenuta deve essere eseguito dopo che il gasdotto è stato completamente riempito con la partecipazione di rappresentanti del cliente e dell'organizzazione operativa con la preparazione di una dichiarazione dei risultati del test sotto forma di allegati obbligatori 1 o 3.

Entrambe le fasi del test devono essere eseguite prima di installare idranti, pistoni, valvole di sicurezza, invece di installare i tappi per la durata del test. Prove preliminari di condotte disponibili per ispezione in condizioni di lavoro o soggette a riempimento immediato (lavori di costruzione in inverno, in condizioni ristrette) durante la costruzione, con adeguata giustificazione nei progetti, è consentito non eseguire.

7.3. Le condotte sottomarine sono soggette a test preliminari due volte: sullo scalo di alaggio o sul sito dopo la saldatura dei tubi, ma prima di applicare la protezione anticorrosione alle giunzioni saldate, e di nuovo dopo aver posato la tubazione in una fossa nella posizione di progetto, ma prima di riempirla di terra.

I risultati delle prove preliminari e di accettazione devono essere registrati nell'atto sotto forma di allegato 1 obbligatorio

7.4. Le tubazioni poste agli incroci delle ferrovie e delle autostrade I e II sono sottoposte a prove preliminari dopo aver posato la pipeline di lavoro nella cassa (involucro) fino a riempire l'anulus della cavità della cassa e prima di riempire i pozzi di lavoro e di ricezione della transizione.

7.5. La grandezza della pressione di progetto interna PP e la pressione di prova Pe per le prove preliminari e di collaudo della condotta di pressione per la resistenza, devono essere determinati dal progetto in conformità ai requisiti di SNiP 2.04.02-84 e indicati nella documentazione di lavoro.

L'entità della pressione di prova sulla tenuta di Pg per eseguire la prova preliminare e di collaudo della condotta di pressione deve essere uguale al valore della pressione interna di progetto Pr più il valore di P, più il valore assunto secondo la tabella. 4 a seconda del limite superiore della misurazione della pressione, della classe di precisione e del valore di scala della scala dell'indicatore. Il valore di Pg il valore positivo non deve superare il valore del test di pressione di accettazione della condotta per la resistenza Pe. più valore

7.6 * Le tubazioni in acciaio, ghisa, cemento armato e tubi di cemento-amianto, indipendentemente dal metodo di prova, devono essere testate con una lunghezza inferiore a 1 km - contemporaneamente; con maggiore lunghezza - sezioni di non più di 1 km. La lunghezza dei siti di prova di queste condotte con il metodo di prova idraulico è consentita per più di 1 km, a condizione che il valore del flusso ammissibile di acqua pompata debba essere definito come per il sito con una lunghezza di 1 km.

Le tubazioni di tubi in LDPE, HDPE e PVC, indipendentemente dal metodo di prova, devono essere testate con una lunghezza non superiore a 0,5 km alla volta, con una lunghezza maggiore - sezioni non superiori a 0,5 km. Con una giustificazione adeguata nel progetto, è consentito testare le tubazioni specificate alla volta con una lunghezza fino a 1 km, a condizione che il valore del flusso ammissibile di acqua pompata sia determinato come per una sezione lunga 0,5 km.

Il valore della pressione di progetto interna nella tubazione PP, MPa (kgf / cm 2)

P per diversi valori di pressione di progetto interna Pr in cantiere e caratteristiche

misuratori tecnici usati

limite superiore di misurazione della pressione, MPa (kgf / cm 2)

prezzo di divisione, MPa (kgf / cm 2)

limite superiore di misurazione della pressione, MPa (kgf / cm 2)

prezzo di fissione, MPa (kgf / cm 2)

limite superiore di misurazione della pressione, MPa (kgf / cm 2)

prezzo di divisione, MPa (kgf / cm 2)

limite superiore di misurazione della pressione, MPa (kgf / cm 2)

prezzo di divisione, MPa (kgf / cm 2)

Classi di accuratezza del calibro tecnico

7.7. Se non ci sono istruzioni nella brutta copia sulla dimensione della pressione di prova idraulica Re per la prova preliminare delle condutture di pressione per forza, il valore è preso in conformità con la tabella. 5 *

Il valore della pressione di prova durante il test preliminare, MPa (kgf / cm 2)

1. Acciaio I classe * con giunti di testa con arco proprio (anche sott'acqua) con pressione di progetto interna PrOh a 0.75 MPa (Oh 7.5kgs / cm 2 Oh) Oh

2. Lo stesso, da 0,75 a 2,5 MPa (da 7,5 a 25 kgf / cm 2 Lo stesso, da 0,75 a 2,5 MPa (da 7,5 a 25)

Pressione di progetto interna con un fattore 2, ma non superiore alla pressione del tubo di prova in fabbrica

3. Lo stesso, oltre. 2,5 MPa (25 kgf / cm 2)

Pressione di progetto interna con un rapporto di 1,5, ma non superiore alla pressione del tubo di prova in fabbrica

4. Acciaio, costituito da sezioni separate collegate su flange, con una pressione di progetto interna Pp fino a 0,5 MPa (5 kgf / cm 2)

5. Gradi di acciaio 2 e 3 con giunti di testa in saldatura e con una pressione di progetto interna Pp fino a 0,75 MPa (7,5 kgf / cm 2)

6. Lo stesso, da 0,75 a 2,5 MPa (da 7,5 a 25 kgf / cm 2)

Pressione di progetto interna con un rapporto di 1,5, ma non superiore alla pressione del tubo di prova in fabbrica

7. Lo stesso. comunicazione. 2,5 MPa (25 kgf / cm 2)

Pressione di progetto interna con un coefficiente di 1,25, ma non superiore alla pressione di prova di fabbrica dei tubi

8. Presa d'acqua a gravità in acciaio o scarico della fogna

9. Ghisa con giunti di testa sotto il calibro (secondo GOST 9583-75 per tubi di tutte le classi) con una pressione interna di progetto fino a 1 MPa (10 kgf / cm 2)

Pressione di progetto interna più 0,5 (5), ma non inferiore a 1 (10) e non superiore a 1,5 (15)

10. Lo stesso con giunti di testa su manicotti di gomma per tubi di tutte le classi.

Pressione di progetto interna con un coefficiente di 1,5, ma non inferiore a 1,5 (15) e non superiore a 0,6 pressione idraulica di prova in fabbrica

Pressione di progetto interna con un coefficiente di 1,3, ma non superiore alla pressione di prova di fabbrica per la tenuta all'acqua

Pressione di progetto interna con un coefficiente di 1,3, ma non più di 0,6, pressione di prova di fabbrica per tenuta all'acqua

Pressione di progetto interna con un coefficiente di 1,3

* Le classi di pipeline sono accettate secondo SNiP 2.04.02-84.

7.8. Prima delle prove preliminari e di accettazione delle condotte a pressione, è necessario eseguire quanto segue:

- sono stati completati tutti i lavori per la sigillatura dei giunti di testa, l'installazione degli arresti, l'installazione delle parti di collegamento e dei rinforzi, sono stati ottenuti risultati soddisfacenti del controllo di qualità della saldatura e dell'isolamento delle condotte in acciaio;

- Le prese flangiate sono installate sulle uscite invece di idranti, pistoni, valvole di sicurezza e nei punti di connessione alle tubazioni in funzione;

- sono stati preparati i mezzi di riempimento, aggraffatura e svuotamento dell'area di prova, sono state montate comunicazioni temporanee e sono stati installati strumenti e rubinetti necessari per il collaudo;

- pozzi drenanti e ventilati per la produzione di lavori preparatori, servizio organizzato nelle zone di confine della zona protetta;

- la sezione di prova del gasdotto viene riempita con acqua (nel metodo di prova idraulico) e l'aria viene rimossa da esso.

La procedura per il collaudo idraulico delle condotte di pressione per resistenza e tenuta è riportata nell'appendice 2 raccomandata.

7.9. Per testare il gasdotto, al contraente responsabile deve essere rilasciato un permesso di lavoro per eseguire lavori ad alto rischio con un'indicazione delle dimensioni della zona di protezione. Il modulo di permesso di lavoro e la procedura per il rilascio devono soddisfare i requisiti di SNiP III-4-80 *.

7.10. Per misurare la pressione idraulica durante le prove preliminari e di collaudo delle tubazioni per resistenza e tenuta, utilizzare manometri a molla di classe di precisione non inferiore a 1,5 con diametro non inferiore a 160 mm e con una scala per una pressione nominale di circa 4/3 della prova Pe.

Per misurare il volume di acqua pompata nella tubazione e rilasciata durante il test, è necessario utilizzare serbatoi di misurazione o misuratori di acqua fredda (contatori d'acqua) secondo GOST 6019-83, certificati nel modo prescritto.

7.11. Il riempimento della condotta di prova con acqua deve essere effettuato, di regola, con un'intensità di m 3 / h, non più di: 4 - 5 - per tubazioni con diametro fino a 400 mm; 6 -10 - per condotte con diametro da 400 a 600 mm; 10 - 15 - per condotte con un diametro
700 - 1000 mm e 15 - 20 - per condotte con diametro superiore a 1100 mm. non più: 4 - 5 - per condotte con diametro fino a 400 mm; 6 -10 - per condotte con diametro da 400 a 600 mm; 10 - 15 - per condotte con un diametro

Quando si riempie la tubazione con acqua, l'aria deve essere rimossa attraverso valvole e valvole aperte.

7.12. Il test idraulico di accettazione della condotta di pressione può iniziare dopo averlo riempito di terreno in conformità ai requisiti di SNiP 3.02.01-87 e riempito con acqua per la saturazione dell'acqua, e se è stato tenuto nello stato riempito per almeno 72 ore - per tubi in cemento armato (incluso 12 ore sotto pressione di progetto interna Pr); tubi in cemento amianto -24 ore (di cui 12 ore sotto pressione di progetto interna Pr); 24 ore per tubi in ghisa. Per le condotte in acciaio e polietilene, la velocità dell'otturatore ai fini della saturazione dell'acqua non viene eseguita.

Se il gasdotto è stato riempito con acqua prima del riempimento con terreno, la durata specificata della saturazione dell'acqua viene impostata dal momento del riempimento della tubazione.

7.13. Si ritiene che la condotta di pressione abbia superato le prove idrauliche preliminari e di accettazione per la tenuta, se la portata dell'acqua pompata non supera i valori del flusso ammissibile di acqua pompata nella sezione di prova con una lunghezza di 1 km e il dolore indicato in Tabella. 6 *

Se il flusso di acqua pompata supera l'ammissibile, la pipeline viene riconosciuta per non superare il test e devono essere prese misure per rilevare ed eliminare i difetti nascosti della conduttura, dopo di che il gasdotto deve essere ritestato.

Diametro interno della tubazione, mm

Flusso ammissibile di acqua pompata nella sezione di prova del gasdotto con una lunghezza di 1 km o più, l / min, con la pressione di prova di accettazione per le tubazioni

Note: 1. Per le tubazioni in ghisa con giunti di testa su guarnizioni in gomma, la portata ammissibile dell'acqua pompata deve essere presa con un fattore di 0,7.

2. Se la lunghezza della sezione di prova del gasdotto è inferiore a 1 km, le portate ammissibili di acqua pompata indicate nella tabella devono essere moltiplicate per la sua lunghezza, espressa in km; con una lunghezza superiore a 1 km, il flusso ammissibile di acqua pompata dovrebbe essere preso per 1 km.

3. Per le tubazioni in LDPE e HDPE con giunti saldati e tubazioni in PVC con giunti a colla, il flusso ammissibile di acqua pompata deve essere preso come per condotte in acciaio di dimensioni equivalenti al diametro esterno, determinando questa portata per interpolazione.

4. Per le tubazioni in PVC con attacchi su manicotti in gomma, il flusso ammissibile di acqua pompata deve essere preso come per le tubazioni in ghisa con le stesse connessioni di dimensioni equivalenti al diametro esterno, determinando questa portata per interpolazione.

7.14. Il valore della pressione di prova durante la prova pneumatica delle tubazioni per resistenza e tenuta in assenza di dati nel progetto dovrebbe essere preso:

- per condotte in acciaio con una pressione interna calcolata di Pp a 0,5 MPa
(5 kgf / cm 2) a 0.5 MPa
incluso fino a 0,5 MPa
- 0,6 MPa (6 kgf / cm 2) durante le prove preliminari e di collaudo delle tubazioni, fino a 0,5 MPa

- per condotte in acciaio con una pressione interna di progetto di Pp 0,5 - 1,6 MPa
(5 - 16 kgf / cm 2) - 1,15 Рр durante le prove preliminari e di collaudo delle condotte; Рр 0,5 - 1,6 MPa

- per le condotte in ghisa, cemento armato e cemento-amianto, indipendentemente dal valore della pressione interna calcolata - 0,15 MPa (1,5 kgf / cm 2) - con prove preliminari e 0,6 MPa (6 kgf / cm 2) - prove di accettazione.

7.15. Dopo aver riempito l'aria con l'aria prima dell'inizio del test, la temperatura dell'aria nella conduttura e la temperatura del terreno devono essere equalizzate. Il tempo di esposizione minimo in base al diametro della pipeline, h, con D:

Da 300 a 600 "- 4

7.16. Quando si esegue un test preliminare di resistenza pneumatica, la condotta deve essere tenuta sotto pressione di prova per 30 minuti. L'aria deve essere pompata per mantenere la pressione di prova.

7.17. L'ispezione del gasdotto per identificare i posti difettosi può essere effettuata con una diminuzione della pressione: in condotte di acciaio - fino a 0,3 MPa (3 kgf / cm 2); in ghisa, cemento armato e cemento amianto - fino a 0,1 MPa (1 kgf / cm 2). Allo stesso tempo, il rilevamento di perdite e altri difetti nella conduttura dovrebbe essere effettuato dal suono di aria che fuoriesce e da bolle formate in punti di perdite d'aria attraverso giunti di testa, coperti all'esterno con emulsione di sapone.

7.18. I difetti identificati e annotati durante l'ispezione della condotta devono essere eliminati dopo aver ridotto a zero la sovrappressione nella tubazione. Dopo l'eliminazione dei difetti, la pipeline dovrebbe essere ritestata.

7.19. Si ritiene che un oleodotto abbia superato il test pneumatico preliminare per la resistenza, se un'attenta ispezione della condotta non rivela una violazione dell'integrità della tubazione, difetti nelle giunzioni e giunti saldati.

7.20. La prova di accettazione delle condotte mediante metodo pneumatico per resistenza e tenuta deve essere eseguita nella seguente sequenza:

- la pressione nella condotta deve essere portata al valore della pressione di prova per la resistenza specificata al paragrafo 7.14, e sotto questa pressione, la condotta deve essere mantenuta per 30 minuti; se l'integrità della tubazione sotto la pressione di prova non si verifica, ridurre la pressione nella tubazione a 0,05 MPa (0,5 kgf / cm 2) e mantenere la tubazione sotto questa pressione per 24 ore;

- dopo la fine del periodo di mantenimento della condotta sotto pressione di 0,05 MPa (0,5 kgf / cm 2), viene stabilita una pressione di 0,03 MPa (0,3 kgf / cm 2), che è la pressione di prova iniziale del gasdotto per la tenuta Pn, segnato l'ora di inizio della prova di tenuta, nonché la pressione barometrica R B n, mm Hg, corrispondente all'inizio della prova;

- testare la tubazione sotto questa pressione per il tempo specificato nella tabella. 7;

- dopo il tempo specificato nella tabella. 7, misurare la pressione finale nella tubazione Pa, mm colonna d'acqua e pressione barometrica finale P b a, mm Hg;

l'entità della caduta di pressione P, mm acqua. Art., Determinato dalla formula

cemento amianto e cemento armato

durata del test, h-min

valore ammissibile di caduta di pressione durante la prova, mm Vog.st.

durata del test, h - min

valore ammissibile di caduta di pressione durante la prova, mm Vog.st.

durata del test, h - min

valore ammissibile di caduta di pressione durante la prova, mm Vog.st.

Quando si usa l'acqua come fluido di lavoro in un manometro = Quando l'acqua viene usata come fluido di lavoro in un manometro 1, quando si usa il cherosene come fluido di lavoro in un manometro - = 0,87 Quando si usa il cherosene come fluido di lavoro in un manometro

Nota. In accordo con l'organizzazione di progettazione, la durata della riduzione della pressione può essere ridotta due volte, ma non inferiore a 1 ora; tuttavia, la caduta di pressione dovrebbe essere presa in proporzione alle dimensioni ridotte.

7.21. Si considera che un oleodotto abbia superato il test pneumatico (finale) di accettazione, se la sua integrità non è violata e l'entità della caduta di pressione P definita dalla formula (1) non supererà i valori indicati nella tabella. 7. Allo stesso tempo, è consentita la formazione di bolle d'aria sulla superficie bagnata esterna dei tubi di pressione in cemento armato.

TUBI SUPPLEMENTARI

7.22. La conduttura non in pressione deve essere testata per due volte in tenuta: preliminare - prima del rinterro e dell'accettazione (finale) dopo il riempimento in uno dei seguenti modi:

il primo è determinare il volume d'acqua aggiunto alla condotta, posato su terreni asciutti, così come su terreni umidi, quando il livello (orizzonte) delle acque sotterranee nel pozzo superiore si trova al di sotto della superficie del terreno più della metà della profondità del tubo, dal boccaporto ai guscio;

il secondo è la determinazione del flusso di acqua nella conduttura, posato su terreni bagnati, quando il livello (orizzonte) delle acque sotterranee nel pozzo superiore si trova al di sotto della superficie del terreno meno della metà della profondità dei tubi, contando dal portello verso il riparo. Il metodo di test della pipeline è impostato dal progetto.

7.23. I pozzi delle tubazioni a flusso libero con impermeabilizzazione interna dovrebbero essere testati per la tenuta determinando il volume di acqua aggiunta e i pozzi con impermeabilizzazione all'esterno, determinando il flusso di acqua in essi.

Pozzi che hanno una parete impermeabile, isolamento interno ed esterno, possono essere testati per aggiungere acqua o afflusso di acque sotterranee, in conformità con il paragrafo 7.22, con o separatamente dalle condotte.

Pozzi che non hanno, secondo il progetto, pareti impermeabili, impermeabilizzazioni interne o esterne, non sono sottoposti a test di accettazione per la tenuta.

7.24. La prova tra tubazioni a flusso libero per tenuta deve essere soggetta a zone tra pozzi adiacenti.

In caso di difficoltà con la consegna di acqua, giustificata nel progetto, è consentito eseguire test selettivi di condotte non in pressione in modo selettivo (come ordinato dal cliente): con una lunghezza totale della tubazione fino a 5 km - due o tre sezioni; con una lunghezza della tubazione di oltre 5 km - diverse sezioni con una lunghezza totale di almeno il 30%.

Se i risultati dei test selettivi delle sezioni della condotta non sono soddisfacenti, tutte le sezioni della pipeline sono soggette a test.

7.25. La pressione idrostatica nella condotta durante i test preliminari deve essere creata riempiendo il montante installato nel punto superiore con acqua o riempendo il pozzo superiore con acqua se quest'ultimo deve essere testato. Il valore della pressione idrostatica nella parte superiore della tubazione è determinato dall'entità dell'eccesso del livello dell'acqua nel montante o al di sopra della pendenza della tubazione o al di sopra del livello della falda freatica, se quest'ultimo si trova al di sopra dei gusci. L'entità della pressione idrostatica nella condotta durante la sua prova dovrebbe essere specificata nella documentazione di lavoro. Per tubazioni posate in calcestruzzo non pressurizzato, cemento armato e tubi in ceramica, questo valore, di norma, dovrebbe essere pari a 0,04 MPa (0,4 kgf / cm 2).

7.26. Prove preliminari di condotte per la tenuta sono eseguite con una tubazione non cosparsa di terra per 30 minuti. Il valore della pressione di prova deve essere mantenuto aggiungendo acqua al montante o al pozzo, senza lasciare che il livello dell'acqua scenda di oltre 20 cm.

La pipeline e il pozzo sono riconosciuti come superati i test preliminari, se durante il loro controllo non vengono rilevate perdite d'acqua. In assenza di requisiti crescenti nel progetto per la tenuta della tubazione sulla superficie di tubi e giunti, l'appannamento è consentito con la formazione di goccioline che non si fondono in un flusso con il numero di appannamenti non superiore al 5% dei tubi nella sezione di prova.

7.27. Il test di accettazione della tenuta deve essere avviato dopo l'esposizione della condotta in cemento armato e dei pozzi riempiti con acqua, che sono impermeabilizzati dall'interno o impermeabilizzati secondo il progetto della parete, per 72 ore e condotte e pozzi realizzati con altri materiali - 24 ore.

7.28. La tenuta al collaudo di accettazione di una condotta sepolta è determinata dai metodi:

il primo è il volume d'acqua aggiunto al montante o ben misurato nel pozzetto superiore per 30 minuti; mentre è possibile abbassare il livello dell'acqua nel riser o nel pozzo non più di 20 cm;

il secondo è il volume di acqua sotterranea che scorre nella conduttura misurata nel pozzo inferiore.

Si ritiene che un oleodotto abbia superato il test di collaudo per la tenuta stagna, se i volumi di acqua aggiunta determinati durante il test in base al primo metodo (afflusso di acque sotterranee secondo il secondo metodo) non sono superiori a quelli indicati nella tabella. 8 * quale atto dovrebbe essere redatto sotto forma di un allegato obbligatorio 4.

Quantità ammissibile di acqua aggiunta alla tubazione (flusso d'acqua) per 10 m di lunghezza del tubo di prova durante la prova 30 min, l, per tubi

cemento armato e calcestruzzo

Note: 1. Con un aumento della durata del test superiore a 30 minuti, il valore del volume ammissibile di acqua aggiunta (afflusso di acqua) deve essere aumentato in proporzione all'aumento della durata del test.

2. Il valore del volume ammissibile di acqua aggiunta (flusso d'acqua) in una conduttura in cemento armato con un diametro superiore a 600 mm dovrebbe essere determinato dalla formula

q = 0,83 (D +4), l, per lunghezza della condotta di 10 m durante il test, 30 min, (2)

dove D è il diametro interno (condizionale) della pipeline, dm.

3. Per le tubazioni in cemento armato con giunti di testa su guarnizioni in gomma, il volume ammissibile di acqua aggiunta (flusso d'acqua) deve essere assunto con un fattore di 0,7.

4. Volumi ammissibili di acqua aggiunta (acqua in entrata) attraverso le pareti e il fondo del pozzo 1 m della sua profondità devono essere uguali al volume ammissibile di acqua aggiunta (afflusso di acqua) per 1 m di lunghezza dei tubi il cui diametro è uguale al diametro interno del pozzo.

5. La quantità ammissibile di acqua aggiunta (afflusso di acqua) in una tubazione costruita con elementi prefabbricati in calcestruzzo e blocchi dovrebbe essere la stessa di quella di condotte in tubi di cemento armato di dimensioni uguali a quelle della sezione trasversale.

6. Il volume ammissibile di acqua aggiunta alla conduttura (afflusso di acqua) per 10 m della condotta testata durante il test per 30 minuti per i tubi PVD e HDPE con giunti saldati e tubi in PVC con giunti adesivi dovrebbe essere determinato per diametri fino a 500 mm incl. secondo la formula q = 0,03 D, con un diametro superiore a 500 mm - secondo la formula
q =
0,2 + 0,03 D, dove D
-
Naru
zhy diame
pipe tr, dm; q -
condotto
Il motivo per il volume ammissibile di acqua aggiunta, l.

7. Il volume ammissibile di acqua aggiunta alla conduttura (afflusso di acqua) per 10 m della condotta testata per un tempo di prova di 30 minuti per tubi in PVC con connessioni su un manicotto di gomma deve essere determinato con la formula q = 0,06 + 0,01 D, dove D è il diametro esterno della tubazione, dm; q - il valore del volume ammissibile di acqua aggiunta, l.

7.29. Le condotte per l'acqua piovana sono soggette a prove preliminari e di accettazione per la tenuta in conformità ai requisiti di questa sottosezione, se previsto dal progetto.

7.30. Tubazioni in cemento armato non pressato, a campana, a falciforme e con estremità lisce di tubi con diametro superiore a 1600 mm, progettate dal progetto per condotte che operano costantemente o periodicamente sotto pressione fino a 0,05 MPa (linea di galleggiamento BM m) e con uno speciale rivestimento esterno o interno impermeabile, soggetto a test di pressione idraulica definito nel progetto.

STRUTTURE DI CAPACITÀ

7.31. Il test idraulico per la tenuta stagna (tenuta) delle strutture capacitive deve essere eseguito dopo che il calcestruzzo ha raggiunto la sua resistenza, pulendo e sciacquando.

L'impermeabilizzazione e l'irrorazione di strutture capacitive con terreno devono essere eseguite dopo aver ottenuto risultati soddisfacenti dei test idraulici di queste strutture, se altri requisiti non sono giustificati dal progetto.

7.32. Prima di condurre un test idraulico, una struttura del serbatoio deve essere riempita con acqua in due fasi:

il primo - riempiendo fino a 1 m di altezza con una velocità dell'otturatore durante il giorno; il secondo sta riempiendo fino al segno di design.

Una struttura del serbatoio riempita di acqua fino al marchio di progettazione deve essere conservata per almeno tre giorni.

7.33. Si ritiene che una struttura capacitiva abbia superato il test idraulico, se la perdita di acqua entro un giorno non supera i 3 litri per 1 m 2 della superficie bagnata delle pareti e del fondo, non sono stati rilevati segni di perdite nelle giunture e nelle pareti e non è stata trovata bagnatura del terreno alla base. È consentito solo l'oscuramento e la leggera sudorazione di determinati luoghi.

Quando si verifica la tenuta stagna delle strutture capacitive, si deve tenere conto dell'evaporazione dell'acqua da una superficie di acqua aperta.

7.34. Se ci sono perdite di getto e perdite d'acqua sulle pareti o il terreno è inumidito alla base, si considera che la struttura capacitiva non superi i test, anche se le perdite d'acqua in esso non superano quelle normative. In questo caso, dopo aver misurato la perdita di acqua dalla struttura a fondo scala, i punti da riparare devono essere riparati.

Dopo l'eliminazione dei difetti rilevati, la struttura capacitiva deve essere ritestata.

7.35. Quando si testano serbatoi e serbatoi di stoccaggio per liquidi aggressivi, non è consentita alcuna perdita d'acqua. Le prove devono essere eseguite prima di applicare un rivestimento anti-corrosione.

7.36. Canali di pressione di filtri e chiarificatori di contatto (prefabbricati e monolitici in cemento armato) sono sottoposti a prove idrauliche con pressione di progetto specificata nella documentazione di lavoro.

7.37. Si ritiene che i canali di pressione dei filtri e dei chiarificatori di contatto abbiano superato il test idraulico, se durante le ispezioni visive non sono state rilevate perdite d'acqua nelle pareti laterali dei filtri e sopra il canale e se entro 10 minuti il ​​valore della pressione di prova non diminuisce di oltre 0,002 MPa (0,02 kgf / cm 2 )

7.38. La torre di raccolta dell'acqua delle torri di raffreddamento deve essere impermeabile e durante i test idraulici di questo serbatoio sulla superficie interna delle sue pareti non è possibile oscurare o non appannare leggermente alcuni punti.

7.39. I serbatoi per l'acqua potabile, le fosse settiche e altre strutture dei serbatoi dopo l'installazione dei pavimenti devono essere sottoposti a prove idrauliche di tenuta stagna in conformità ai requisiti dei paragrafi. 7,31-7,34.

Un serbatoio di acqua potabile prima di impermeabilizzare e riempire con terreno è soggetto a ulteriori test per il vuoto e per sovrapressione, rispettivamente, con pressione del vuoto e sovrapressione dell'aria nella quantità di 0.0008 MPa (80 mm di colonna d'acqua) per 30 minuti e si ritiene che superi il test se i valori sono, rispettivamente, l'aspirazione e la sovrapressione in 30 minuti non diminuiranno di oltre 0,0002 MPa (colonna d'acqua di 20 mm), a meno che altri requisiti non siano giustificati dal progetto.

7.40. Il digestore (parte cilindrica) deve essere sottoposto a prove idrauliche in conformità con i requisiti dei paragrafi. 7.31-7.34, e la sovrapposizione, il tappo del gas metallico (collettore del gas) deve essere testato per verificare la tenuta (tenuta ai gas) pneumaticamente ad una pressione di 0,005 MPa (500 mm di colonna d'acqua).

Il digestore viene tenuto sotto pressione di prova per almeno 24 ore.Se vengono trovati punti difettosi, devono essere rimossi, dopo di che la struttura deve essere testata per una caduta di pressione per ulteriori 8 ore. Si ritiene che il digestore abbia superato il test di tenuta se la pressione non scende entro 8 ore più di 0,001 MPa (100 mm water.art.).

7.41. I tappi del sistema di distribuzione del drenaggio dei filtri dopo la loro installazione prima di caricare i filtri dovrebbero essere testati con l'intensità del flusso d'acqua
5-8 l / (s installazione • prima di caricare i filtri dovrebbero essere testati fornendo acqua con un'intensità di
m 2 della loro installazione prima di caricare i filtri dovrebbero essere testati fornendo acqua con intensità
) la loro installazione prima di caricare i filtri dovrebbe essere testata fornendo acqua con intensità
e l'intensità dell'aria di 20 l / (con • la loro installazione prima di caricare i filtri dovrebbe essere testata fornendo acqua con intensità
m 2) la loro installazione prima di caricare i filtri dovrebbe essere testata con l'intensità dell'acqua di alimentazione
tripla ripetibilità
8-10 minuti I cappucci difettosi rilevati durante questo processo devono essere sostituiti.

7.42. Le tubazioni e gli impianti finiti per la fornitura di acqua potabile domestica prima della messa in funzione devono essere lavati (puliti) e disinfettati mediante clorazione, seguiti da un lavaggio per ottenere un controllo soddisfacente delle analisi fisico-chimiche e batteriologiche dell'acqua che soddisfano i requisiti
GOST 2874-82 e "Istruzioni per il monitoraggio della disinfezione dell'acqua potabile e disinfezione delle strutture idriche con cloro presso l'approvvigionamento idrico centralizzato e locale" del Ministero della Sanità dell'URSS.7.42. Le tubazioni e gli impianti finiti per la fornitura di acqua potabile domestica prima della messa in funzione devono essere lavati (puliti) e disinfettati mediante clorazione, seguiti da un lavaggio per ottenere un controllo soddisfacente delle analisi fisico-chimiche e batteriologiche dell'acqua che soddisfano i requisiti

7.43. Il lavaggio e la disinfezione di condotte e impianti di approvvigionamento idrico domestico devono essere effettuati dall'organizzazione di costruzione e installazione che ha eseguito l'installazione e l'installazione di tali condotte e strutture, con la partecipazione di rappresentanti del cliente e dell'organizzazione operativa sotto il controllo dei rappresentanti del servizio sanitario-epidemiologico. La procedura per il lavaggio e la disinfezione delle tubazioni e degli impianti per i sistemi di iniezione dell'acqua per uso domestico è descritta nell'appendice 5 raccomandata.

7.44. I risultati del lavaggio e della disinfezione delle condotte e degli impianti di approvvigionamento idrico domestico devono essere redatti nella forma indicata nell'allegato 6 obbligatorio.

I risultati dei test delle strutture capacitive dovrebbero essere documentati da un atto firmato dai rappresentanti dell'organizzazione di costruzione e installazione, dal cliente e dall'organizzazione operativa.

PER LA PROVA DI TUBAZIONI E COSTRUZIONI DI FORNITURA DI ACQUA E RETI FOGNARIE IN CONDIZIONI NATURALI E CLIMATICHE SPECIALI

7.45. Le condotte a pressione di approvvigionamento idrico e fognario, costruite nelle condizioni di terreni di sottosuolo di tutti i tipi al di fuori del territorio di siti industriali e insediamenti, sono testate in aree non superiori a 500 m; sul territorio di siti industriali e insediamenti, la lunghezza dei siti di prova dovrebbe essere nominata tenendo conto delle condizioni locali, ma non più di 300 m.

7.46. La tenuta stagna delle strutture dei serbatoi costruite su terreni cedevoli di tutti i tipi dovrebbe essere verificata dopo 5 giorni dal riempimento con acqua, e la perdita di acqua al giorno non dovrebbe superare i 2 litri per 1 m 2 della superficie bagnata delle pareti e del fondo.

Quando viene rilevata una perdita, l'acqua dalle strutture dovrebbe essere rilasciata e scaricata nei luoghi definiti dal progetto, ad eccezione dell'allagamento dell'area edificata.

7.47. Le prove idrauliche di condotte e strutture capacitive erette in aree di distribuzione del permafrost devono essere eseguite, di regola, a una temperatura esterna non inferiore a 0 ° C, se altre condizioni di prova non sono giustificate dal progetto.

ACCETTAZIONE DEL COLLAUDO IDRAULICO DELLA CONDOTTA DI PRESSIONE PER DURATA E SIGILLATURA

Città __________________ «» _____________ 19 _____

Commissione composta da rappresentanti: organizzazione di costruzione e installazione

(nome dell'organizzazione, posizione, cognome, recitazione)

supervisione tecnica del cliente ___________________________________

(nome dell'organizzazione, posizione,

organizzazione operativa ____________________________________

(nome dell'organizzazione, posizione,

hanno redatto questo atto di condurre un test idraulico di accettazione

per resistenza e tenuta della sezione della condotta di pressione

(nome dell'oggetto e numero di picchetti sui suoi confini,

lunghezza della tubazione, diametro, materiale dei tubi e giunti di testa)

Specificato nella documentazione di lavoro del valore della pressione interna calcolata della pipeline di prova Pr = ____ MPa (____ kgf / cm 2) e pressione di prova
Pe) e testare la pressione
= ______ MPa (_____ kgf / cm 2).) E pressione di prova

La misurazione della pressione durante la prova è stata eseguita con un manometro tecnico di classe di precisione __ con un limite di misurazione superiore di __ kgf / cm 2.

Il prezzo di graduazione della scala del calibro _____ kgf / cm 2.

L'indicatore si trovava sopra l'asse del gasdotto in Z = ______ m.

Con i valori sopra indicati della progettazione interna e delle pressioni di prova delle letture della pipeline di prova del manometro PRM e PIM dovrebbe essere di conseguenza:

PRM = Pr - = ______ kgf / cm 2 -, Р IM - = Pe - - = ______ kgf / cm 2. - -

Flusso ammissibile di acqua pompata, come definito nella tabella. 6 *, per 1 km di tubazione, è ________ l / min o, in termini di lunghezza della pipeline di prova, è ______ l / min.

PROVE DI CONDOTTA EI SUOI ​​RISULTATI

Per testare la forza della pressione nella condotta è stata aumentata a PIM = ______ kgf / cm 2 ed è stato mantenuto per _____ min, mentre la sua diminuzione di oltre 1 kgf / cm 2 non era consentita. Successivamente, la pressione è stata ridotta al valore della pressione del manometro di progettazione interna PRM = ______ kgf / cm 2 e ispezione dei nodi della condotta nei pozzi (camere); allo stesso tempo, non sono state rilevate perdite o rotture e il condotto è stato autorizzato a condurre ulteriori test di tenuta.

Per il test di tenuta, la pressione nella tubazione è stata aumentata al valore della pressione di prova per la tenuta Pg = PRM + P = ______ kgf / cm 2 +, segnato l'ora di inizio del test Tn+ = ___ h ___ min e il livello dell'acqua iniziale nella vasca di misura h + n = _____ mm. +

Il test del gasdotto è stato eseguito nel seguente ordine:

(indicare la sequenza del test e l'osservazione di

perdita di carico; se l'acqua è stata rilasciata dal gasdotto

e altre caratteristiche della procedura di test)

Durante la prova di tenuta della condotta, la pressione in essa contenuta è stata ridotta a _____ kgf / cm 2, in base al manometro, e si è notato il tempo di fine della prova Ta = _____h ______ min e il livello finale dell'acqua nel serbatoio di misurazione ha = _____ mm Il volume di acqua necessario per ripristinare la pressione del test, determinato dai livelli dell'acqua nel serbatoio di misurazione, Q = ____ l.

Durata del test della condotta per tenuta T = Ta - Tn = ____ minuti La portata dell'acqua pompata nella tubazione durante il test è uguale a
q = ____ minuti La portata dell'acqua pompata nella tubazione durante il test è uguale a
n= ____ minuti La portata dell'acqua pompata nella tubazione durante il test è uguale a
= = ____ l / min, che è inferiore alla portata consentita.

La pipeline è riconosciuta per superare il test di accettazione per resistenza e tenuta.

Rappresentante dell'organizzazione di costruzione __________________ (firma)

Rappresentante della supervisione tecnica del cliente __________________ (firma)

Il rappresentante dell'organizzazione operativa __________________ (firma)

raccomandato

ORDINE DI TEST IDRAULICI DELLA TUBAZIONE DI PRESSIONE PER DURATA E SIGILLATURA

1. I test idraulici preliminari e di accettazione del tubo di pressione per resistenza e tenuta devono essere eseguiti nel seguente ordine.

Durante il test per la forza:

- aumentare la pressione nella condotta per testare Pe e pompando acqua per mantenerla per almeno 10 minuti, senza lasciare che la pressione scenda di oltre 0,1 MPa (1 kgf / cm 2);

- ridurre la pressione di prova alla pressione di progetto interna Pr e, sostenendolo pompando acqua, ispezionare la condotta per identificare i difetti su di essa durante il tempo necessario per eseguire questa ispezione;

- in caso di rilevamento di difetti, eliminarli e testare nuovamente la pipeline.

Dopo aver completato il collaudo del gasdotto per la resistenza, procedere al test della sua tenuta, per questo è necessario:

aumentare la pressione nella condotta fino al valore della pressione di prova per la tenuta Pg;

fissare l'ora di inizio del test Tn e misurare il livello dell'acqua iniziale nel serbatoio di misurazione hn;

per osservare il calo di pressione nella condotta, potrebbero esserci tre opzioni per la caduta di pressione:

il primo - se entro 10 minuti la pressione diminuisce di almeno due divisioni della scala dell'indicatore, ma non scende al di sotto della pressione interna di progetto Pr, poi su questa osservazione del calo di pressione per finire;

il secondo - se entro 10 minuti la pressione scende di meno di due graduazioni della scala del manometro, quindi monitorare la caduta di pressione sulla pressione interna di progetto Pr deve essere continuato fino a quando la pressione non diminuisce di almeno due divisioni della scala dell'indicatore; allo stesso tempo, la durata dell'osservazione non dovrebbe superare le 3 ore per il cemento armato e 1 ora per le tubazioni in ghisa, cemento-amianto e acciaio. Se dopo questo tempo la pressione non scende alla pressione interna di progetto Pr, quindi l'acqua dovrebbe essere scaricata dalla tubazione nel serbatoio di misurazione (o misurare il volume di acqua scaricata con un altro metodo);

il terzo - se entro 10 minuti la pressione scende al di sotto della pressione di progetto interna Pr, quindi interrompere gli ulteriori test della pipeline e adottare misure per rilevare ed eliminare i difetti nascosti della pipeline mantenendola sotto la pressione di progetto interna Pr fino a quando un attento esame rivela difetti che hanno causato un calo di pressione inaccettabile nella condotta.

Dopo l'osservazione della caduta di pressione nella prima forma di realizzazione e il completamento dello scarico di acqua nella seconda opzione, si dovrebbe fare quanto segue:

pompare acqua dalla pressione della vasca di misurazione nella tubazione per aumentare il valore della pressione di prova per la tenuta Pg, fissare il tempo di fine del test per la tenuta Ta e misurare il livello finale dell'acqua nel serbatoio di misurazione ha;

determinare la durata del test del gasdotto (Ta - Tn ), min, il volume di acqua pompata nella tubazione dal serbatoio di misurazione Q (per la prima opzione), la differenza tra i volumi di acqua pompata nella pipeline e scaricata da esso, o il volume di acqua Q pompato ulteriormente nella pipeline (per la seconda opzione) e calcolare la portata effettiva effettiva acqua pompata qn, l / min, secondo la formula

2. Riempire la tubazione con un volume d'acqua aggiuntivo quando è richiesta la tenuta per rimpiazzare l'aria rilasciata attraverso impermeabili alle perdite d'acqua nelle articolazioni; riempire i volumi della condotta provocati da piccole deformazioni angolari dei tubi nei giunti di testa, movimenti di guarnizioni in gomma in queste giunzioni e spostamenti dei cappucci terminali; ulteriore ammollo sotto pressione di prova delle pareti di tubi di cemento-amianto e cemento armato, nonché per compensare eventuali infiltrazioni nascoste di acqua in luoghi inaccessibili per l'ispezione del gasdotto.

SULLE PROVE PNEUMATICHE

SUPPORTO ALLA PRESSIONE E TENUTA

Città __________________ «» _____________ 19 _____

Commissione composta da rappresentanti:

organizzazione costruttiva ________________________________________________

_________________________________________________________________________________ (nome dell'organizzazione, posizione, cognome, recitazione)

, supervisione tecnica dell'acquirente ____________________________________________________

(nome dell'organizzazione, posizione, cognome, recitazione)

organizzazione operativa _____________________________________________________

(nome dell'organizzazione, posizione,

ha redatto questo atto sul test pneumatico per la resistenza e la tenuta della sezione della condotta di pressione _______________________________________

(nome dell'oggetto e numero di picchetti sui suoi bordi)

Lunghezza del tubo _______ m, materiale del tubo ___________, diametro del tubo _______ mm, materiale del calcio _______

Il valore della pressione di progetto interna nella tubazione Pr pari a ____ MPa (___ kgf / cm 2).

Per verificare la forza della pressione nel gasdotto è stato aumentato a ________ MPa
(______ kgf / cm 2 Per il test di resistenza, la pressione nella condotta è stata aumentata a ________ MPa
) e mantenuto per 30 minuti. Le violazioni dell'integrità della pipeline non vengono rilevate. Successivamente, la pressione nella tubazione è stata ridotta a 0,05 MPa (0,5 kgf / cm 2) e sotto questa pressione la condotta è stata mantenuta per 24 ore. Per il test di resistenza, la pressione nella condotta è stata aumentata a ________ MPa

Dopo la fine dell'esposizione del gasdotto è stata stabilita la pressione iniziale di prova Pn = 0,03 MPa (0,3 kgf / cm 2). Questa pressione corrisponde alla lettura del manometro liquido collegato Pn = _________ mm acqua (o in mm kerst. - quando si riempie il manometro con kerosene).

L'ora di inizio della prova ____ h ____ min, la pressione barometrica iniziale P b n = _______ mm Hg Sotto questa pressione, la pipeline è stata testata per _____ ore, dopo di che è stata misurata la pressione di prova nella tubazione.a = ____ mm colonna d'acqua (___ mm nucleo Art.). In questo caso, la pressione barometrica finale P b a = ____ mm Hg Art.

La quantità effettiva di riduzione della pressione nella condotta

P = (PnP = - PaP =) + (P b P = nP = - P b P = a) = _________ mm acque. Art., P =

che è meno che accettabile tabella.6 * valori di perdita di carico (= 1 per l'acqua e = 0,87 per il cherosene).

Si ritiene che il gasdotto abbia superato il test pneumatico per resistenza e tenuta.

Organizzazioni Noè __________________

Supervisore tecnico

Il rappresentante dell'organizzazione operativa

SULLA CONDOTTA DELL'ACCETTAZIONE PROVE IDRAULICHE DI UNA CONDOTTA CAPACITIVA PER LA SIGILLATURA

Città __________________ «» _____________ 19 _____

Commissione composta da rappresentanti:

organizzazione costruttiva ____________________________

____________________________________, ordine di supervisione tecnica-

posizione, cognome, atto.)

(nome dell'organizzazione, posizione, cognome, recitazione)

organizzazione operativa ____________________________________

(nome dell'organizzazione, posizione,

aver compilato questo atto di condurre un test idraulico di accettazione della sezione della condotta non a pressione ______________________

numeri di picchetto ai suoi bordi, lunghezza e diametro)

Il livello delle acque sotterranee nella posizione del pozzo superiore si trova ad una distanza di ________ m dalla parte superiore del tubo in esso alla profondità del tubo (fino alla cima) ________ m.

Il test del gasdotto è stato effettuato __________________________

(indicare congiuntamente o

____________________________ nel modo in cui ________________________

separatamente dai pozzi e dalle camere) (indicare il metodo di prova -

aggiungendo acqua alla conduttura o facendo affluire acqua sotterranea in essa)

Pressione idrostatica di ______ m di acqua. Art. Creato riempiendo d'acqua ______________________________________________

(indicare il numero del pozzo o il montante installato in esso)

In conformità con la tabella.8 * volume consentito aggiunto alla pipeline acqua, afflusso di acque sotterranee a 10 m di lunghezza della condotta durante la prova

30 minuti è ________ l. Il reale durante il test, la quantità di acqua aggiunta, flusso di acque sotterranee fatto __________ l, o in

in termini di 10 m di lunghezza del condotto (tenendo conto del test in combinazione con pozzi, camere) e la durata del test per 30 minuti è stata ________ l, che è inferiore al flusso ammissibile.

Il gasdotto viene riconosciuto come superato il test di tenuta idraulica di accettazione.

Organizzazioni Noè __________________

Supervisore tecnico

Il rappresentante dell'organizzazione operativa

PROCEDURA PER L'ESECUZIONE DEL LAVAGGIO E DELLA DISINFEZIONE DI CONDOTTE E COSTRUZIONI DI FORNITURA DI ACQUA E DI BOTTIGLIA

1. I seguenti reagenti contenenti cloro autorizzati dal Ministero della Sanità dell'URSS sono autorizzati a disinfettare condutture e impianti di approvvigionamento idrico domestico:

reagenti secchi - candeggina secondo GOST 1692-85, ipoclorito di calcio (neutro) secondo GOST 25263-82 grado A;

reagenti liquidi - ipoclorito di sodio (ipoclorito di sodio) secondo GOST 11086-76 gradi A e B; ipoclorito di sodio elettrolitico e cloro liquido secondo GOST 6718-86.

2. La pulizia della cavità e il risciacquo della tubazione per rimuovere lo sporco residuo e gli oggetti accidentali devono essere eseguiti, di regola, prima di eseguire un test idraulico mediante lavaggio acqua-aria (idropneumatica) o mediante mezzi idromeccanici con pistoni elastici di pulizia (gommapiuma e altri) o solo con acqua.

3. La velocità di movimento del pistone elastico durante il lavaggio idromeccanico dovrebbe essere presa nell'intervallo 0,3 - 1,0 m / s con una pressione interna nella tubazione di circa 0,1 MPa
(1 kgf / cm 2). La pressione nella tubazione è di circa 0,1 MPa

Pulire i pistoni di schiuma con un diametro compreso tra 1,2-1,3 diametro della tubazione, lunghezza - 1,5-2,0 diametro della tubazione solo su tratti rettilinei della condotta con curve lisce, non superiori a 15 °, in assenza di estremità sporgenti nella tubazione collegato a condutture o altre parti, nonché con valvole completamente aperte sulla tubazione. Il diametro del tubo di scarico dovrebbe essere preso su un calibro più piccolo del diametro della tubazione lavata.

4. Il risciacquo idropneumatico deve essere effettuato attraverso una tubazione con aria compressa con acqua in una quantità di almeno il 50% del flusso d'acqua. L'aria dovrebbe essere introdotta nella tubazione ad una pressione maggiore della pressione interna nella tubazione a
0,05 - 0,15 MPa (0,5 - 1,5 kgf / cm 2).4. Il risciacquo idropneumatico deve essere effettuato attraverso una tubazione con aria compressa con acqua in una quantità di almeno il 50% del flusso d'acqua. L'aria dovrebbe essere introdotta nella tubazione ad una pressione maggiore della pressione interna nella tubazione a
La velocità di movimento della miscela aria-acqua è compresa nell'intervallo da 2,0 a 3,0 m / s.4. Il risciacquo idropneumatico deve essere effettuato attraverso una tubazione con aria compressa con acqua in una quantità di almeno il 50% del flusso d'acqua. L'aria dovrebbe essere introdotta nella tubazione ad una pressione maggiore della pressione interna nella tubazione a

5. La lunghezza delle sezioni lavate delle condutture, nonché i luoghi di introduzione dell'acqua e del pistone nella conduttura e la procedura per l'esecuzione del lavoro dovrebbero essere definite nella progettazione del lavoro, compreso lo schema di lavoro, il piano di percorso, il profilo e il dettaglio dei pozzi.

La lunghezza della sezione del gasdotto per la clorurazione dovrebbe essere assegnata, di regola, non più di 1 - 2 km.

6. Dopo la pulizia e il lavaggio, la tubazione deve essere disinfettata mediante clorurazione a una concentrazione di cloro attivo di 75-100 mg / l (g / m 3 con tempo di contatto dell'acqua di cloro nella conduttura a 5-6 ore o ad una concentrazione di 40-50 mg / l (g / m 3 ) con un tempo di contatto di almeno
24 ore La concentrazione di cloro attivo viene assegnata in base al grado di contaminazione della condotta. con tempo di contatto non inferiore

7. Prima della clorazione, devono essere eseguiti i seguenti lavori preparatori:

installare le comunicazioni necessarie per l'introduzione di una soluzione di candeggina (cloro) e acqua, rilascio d'aria, riser per campionamento (rimuovendole sopra il livello del suolo), installazione di condotte per lo scarico e scarico di acqua di cloro (con misure di sicurezza); preparare un piano di lavoro per la clorazione (pianificazione del percorso, profilo e dettaglio del gasdotto con le comunicazioni di cui sopra), così come il programma di lavoro;

determinare e preparare la quantità richiesta di candeggina (cloro), tenendo conto della percentuale di cloro attivo nel prodotto commerciale, il volume del gasdotto essendo clorurato con la concentrazione accettata (dose) di cloro attivo nella soluzione secondo la formula

dove T è la massa richiesta di prodotto commerciale di reagente contenente cloro, tenendo conto del 5% per le perdite, kg;

D e l, rispettivamente, diametro e lunghezza della condotta, m;

K - concentrazione (dose) accettata di cloro attivo, g / m 3 (mg / l);

E la percentuale di cloro attivo nel prodotto,%.

Un esempio Per la clorurazione con una dose di 40 g / m 3 della sezione del gasdotto con un diametro di 400 mm e una lunghezza di 1000 m utilizzando candeggina contenente il 18% di cloro attivo, è richiesto un peso commerciale di candeggina nella quantità di 29,2 kg.

8. Al fine di monitorare il contenuto di cloro attivo lungo la tubazione nel processo di riempimento con acqua di cloro, ogni 500 m dovrebbero essere installati provini provvisori con valvole che vengono emesse dal suolo, che sono anche utilizzate per rilasciare l'aria quando la tubazione è piena. Il loro diametro è accettato dal calcolo, ma non inferiore a 100 mm.

9. L'introduzione della soluzione di cloro nella condotta dovrebbe essere continuata fino a che nei punti più lontani dal luogo di fornitura di candeggina, l'acqua uscirà con un contenuto di cloro attivo (residuo) di almeno il 50% del bersaglio. Da questo punto in poi, l'ulteriore fornitura della soluzione di cloro deve essere interrotta, lasciando la tubazione piena di soluzione di cloro durante il tempo di contatto stimato specificato nella clausola 6 di questa appendice.

10. Dopo la fine del contatto, l'acqua di cloro deve essere scaricata nei luoghi indicati nel progetto e la tubatura deve essere lavata con acqua pulita fino a quando il contenuto di cloro residuo nell'acqua di lavaggio diminuisce a 0,3-0,5 mg / l. Per la clorurazione delle sezioni successive della pipeline, l'acqua di cloro può essere riutilizzata. Dopo la fine della disinfezione, l'acqua di cloro scaricata dalla tubazione deve essere diluita con acqua a una concentrazione di cloro attivo di 2-3 mg / lo declorurato mediante introduzione di sodio iposolfito in una quantità di 3,5 mg per 1 mg di cloro residuo attivo in soluzione.

I luoghi e le condizioni per lo scarico di acqua di cloro e la procedura per controllarne la rimozione dovrebbero essere coordinati con il servizio sanitario e epidemiologico locale.

11. Nei punti di collegamento (legatura) della pipeline di nuova costruzione alla rete esistente, è necessario eseguire la disinfezione locale dei raccordi e dei raccordi con soluzione di candeggina.

12. La disinfezione dei pozzi d'acqua prima di metterli in funzione viene eseguita nei casi in cui, dopo il risciacquo, la qualità dell'acqua non soddisfa i requisiti di GOST 2874-82 per gli indicatori batteriologici.

La disinfezione viene effettuata in due fasi: prima, la parte superficiale del pozzo, quindi - la parte subacquea. Per disinfettare la parte superiore del pozzo, sopra il tetto della falda acquifera, è necessario installare un tappo pneumatico, sopra il quale il pozzetto deve essere riempito con una soluzione di candeggina o altro reagente contenente cloro con una concentrazione di cloro attivo di 50-100 mg / l, a seconda del grado di contaminazione. Dopo 3-6 ore di contatto, rimuovere la spina e, utilizzando uno speciale miscelatore, introdurre la soluzione di cloro nella parte sottomarina del pozzetto in modo che la concentrazione di cloro attivo dopo la miscelazione con acqua sia di almeno 50 mg / l. Dopo 3-6 ore di contatto, pompare verso il basso fino a quando l'evidente odore di cloro scompare nell'acqua, quindi prelevare campioni di acqua per l'analisi batteriologica di controllo.

Nota. Il volume calcolato della soluzione di cloro viene prelevato più del volume dei pozzetti (in altezza e diametro): quando disinfetti la parte superficiale, è 1,2-1,5 volte, e la parte subacquea, 2-3 volte.

13. La disinfezione delle strutture capacitive deve essere effettuata mediante irrigazione con una soluzione di candeggina o altri reagenti contenenti cloro con una concentrazione di cloro attivo 200 - 250 mg / l. Tale soluzione deve essere preparata alla velocità di 0,3-0,5 l per 1 m 2 della superficie interna del serbatoio e mediante l'irrigazione con un tubo flessibile o un comando idraulico, coprire con essa le pareti e il fondo del serbatoio. Dopo 1-2 ore, risciacquare le superfici disinfettate con acqua di rubinetto pulita, rimuovendo la soluzione di scarico attraverso le uscite di fango. Il lavoro dovrebbe essere fatto in abiti speciali, stivali di gomma e maschere antigas; Prima di entrare nel serbatoio, è necessario installare un serbatoio con soluzione di candeggina per lavare gli stivali.

14. La disinfezione dei filtri dopo il loro caricamento, fosse settiche, miscelatori e serbatoi a pressione di piccola capacità deve essere effettuata utilizzando il metodo volumetrico, riempiendoli con una soluzione di 75-100 mg / l di cloro attivo. Dopo il contatto per 5-6 ore, la soluzione di cloro deve essere rimossa attraverso un tubo di fango e le vasche devono essere lavate con acqua di rubinetto pulita fino a quando il contenuto nell'acqua di lavaggio è 0,3-0,5 mg / l di cloro residuo.

15. Durante la clorurazione delle tubazioni e degli impianti di approvvigionamento idrico, è necessario soddisfare i requisiti di SNiP III-4-80 * e i documenti normativi di dipartimento sulla sicurezza.

SUL LAVAGGIO E LA DISINFEZIONE

Città __________________ «» _____________ 19 _____