Linee guida per drenaggio e drenaggio

Per garantire il servizio a lungo termine dell'autostrada senza precedenti deformazioni e distruzione delle strutture, prima di tutto ci sono maggiori requisiti per la costruzione del fondo stradale. La corretta e tempestiva protezione delle strutture stradali dagli effetti dannosi dell'acqua è uno dei compiti principali nella costruzione della strada.

Le precipitazioni atmosferiche (pioggia, neve che si scioglie) con un rivestimento liscio e impermeabile drenano da esso fino al cordolo, poi lungo i pendii - nei fossati laterali. Con precipitazioni intense, l'acqua erode i bordi e le pendenze, trabocca ed erode i fossati, penetra nel fondo stradale. A questo proposito, per salvare il fondo stradale, provvedono ai seguenti impianti di drenaggio previsti dal progetto e soggetti a consegna quando la strada è accettata per funzionare: canali di drenaggio e scivoli che forniscono drenaggio superficiale, drenaggio profondo per abbassare il livello della falda freatica, drenaggio per intercettare le acque sotterranee, anche drenante, isolante e altri strati.

L'acqua porta alla distruzione del sottofondo. Pertanto, il compito principale diventa il dispositivo del sistema di drenaggio superficiale sotto forma di un numero di strutture che ricevono l'acqua che scorre nella strada e la trasferiscono ai corpi idrici più vicini. Il sistema di drenaggio superficiale comprende fossi laterali, per lo più sotterranei, fossati nelle scanalature e lungo argini fino a 1,5 m di altezza, riserve laterali sviluppate, fossati montuosi nelle cavità, canali di scolo di fanghi, fossati che deviano l'acqua dalla strada ai corpi idrici e altri.

Un certo numero di impianti di drenaggio soddisfatti prima della costruzione del sottofondo. La costruzione del terrapieno inizia con lo sviluppo di riserve e fossati, prima dell'inizio dello sviluppo degli scavi, sfondano i canali di montagna, drenano pendii e paludi.

Muta per fossi con pendenze di 1: 1,5 - 1: 3. Pendenza del fossato non inferiore a 5 o / oo. La profondità dei vassoi laterali e dei fossati è di 0,5 - 1 m.

Dumping e pianificazione del terrapieno

La tecnologia delle opere di scavo consiste nelle seguenti operazioni. Sul posto, contrassegnano le asce dei fossati con pietre miliari, quindi i selezionatori eseguono i solchi estremi e per mezzo del taglio trasversale con i bulldozer spostano il terreno sull'argine o lo distribuiscono sul terreno adiacente. La disposizione delle piste e la loro forma esatta sono prodotte da livellatrici con pendenze (Figura 1.2).

Disposizione dei pendii delicati da motolivellista

Quando si scaricano cumuli da riserve laterali, a queste ultime viene data una pendenza trasversale rispetto al terrapieno. Con ampie riserve sul lato opposto, i fossi sono tagliati per deviare l'acqua dalle riserve.

Nei punti di transizione dei solchi del terrapieno e in prossimità dei bacini, i fossati laterali vengono deviati verso i lati. Per proteggere le pendenze degli argini dall'erosione, sistemano i vassoi in cemento prefabbricato.

Con grandi pendenze e terreni facilmente erosi, i fossati sono rafforzati. Le pendenze e il fondo dei fossati sono coperti con lastre di cemento. Le piastre sono posizionate a terra o su uno strato di ghiaia di 10-12 cm di dimensioni 5-20 mm. Se possibile, le giunture delle piastre vengono colate con mastice bituminoso o malta cementizia.

In luoghi di curve concave nel profilo longitudinale per proteggere le spalle e le pendenze del sottosuolo dall'erosione dell'acqua che fluisce velocemente è prevista la costruzione di vassoi. I vassoi sono utilizzati per raccogliere l'acqua e scaricarla nei pozzi di presa d'acqua sotto le spalle con griglie e tubi di scarico o lungo i vassoi sui pendii alla base degli argini. Le distanze tra i tubi di drenaggio e le vaschette sono stabilite mediante calcolo e la posizione e il design dei vassoi vengono adottati in base al tipo di rinforzo dei bordi stradali e di altre strutture di drenaggio utilizzate sulla strada.

I fossati delle Highlands sono rasi al suolo e il terreno viene spostato sul lato dello scavo, ponendolo sotto forma di un banchetto. Sui ripidi pendii di macerie e suoli rocciosi lungo l'asse dei canali montani, i terreni vengono allentati con l'uso di esplosivi. Dopo essere stato allentato, viene demolito per formare un fossato e un banchetto.

In alcune sezioni della strada che passa attraverso le cavità, a una profondità inferiore alla falda, è necessario tagliare attraverso la falda acquifera. Se non si adottano misure precauzionali, l'acqua proveniente dalla falda acquifera scorrerà lungo il pendio nella rientranza, che porterà allo scivolamento del pendio e all'eccessivo bagnamento del fondo stradale e del pavimento. Al fine di intercettare le acque sotterranee organizzare il drenaggio di intercettazione. La costruzione del drenaggio viene effettuata prima della costruzione dello scavo. A seconda della presenza della falda acquifera, il drenaggio si trova nel pendio in modo da non provocare il collasso della pendenza. Il design del drenaggio è un tubo di drenaggio posato su ghiaia e ghiaia. I tubi utilizzati sono in ceramica, cemento-amianto, plastica, cemento e altri di tipo simile. Diametro interno dei tubi - 50-300 mm. Per il flusso di acqua nei tubi fanno buchi o sono limitati a giunti tra i collegamenti dei tubi. A tutte le fratture del drenaggio nel piano e il profilo longitudinale e sui tratti rettilinei 60-80 m sono installati pozzi di osservazione.

La tecnologia di drenaggio per intercettare le falde acquifere consiste nelle seguenti operazioni: rimozione della zolla nella futura striscia di drenaggio, frammento di trincea, che va dall'acqua drenante per evitare l'allagamento della fossa alla falda utilizzando un escavatore di trincea, un cuscino, l'installazione di uno schermo impermeabile, posa di tubi, riempimento con sabbia filtrante, riempimento di terra con compattazione, posa di zolle, costruzione di tombini.

Quando il livello della falda acquifera si trova sotto il fondo stradale e un possibile allagamento del terreno che lo compone, diventa necessario costruire profonde scoli per abbassare il livello della falda freatica all'interno del sottosuolo.

Al fine di evitare la necessità di riparare o ispezionare il drenaggio dell'apertura del fondo stradale e del pavimento, le linee di drenaggio del rsapula sono disposte all'esterno della carreggiata sotto i canali di drenaggio laterali.

La necessità di un drenaggio profondo dovrebbe essere giustificata da indagini complete, studi e studi di fattibilità.

Lo scopo principale della posa del drenaggio profondo è di ridurre il livello delle acque sotterranee al di sotto della carreggiata in modo tale che l'acqua capillare non raggiunga la pavimentazione stradale da un livello ridotto di acque sotterranee. L'altezza della risalita capillare è diversa per i diversi terreni. Il drenaggio degli edifici in terreni argillosi è inutile. Per abbassare di più il livello della falda acquifera, è necessaria una posizione di drenaggio più profonda e, di conseguenza, più difficile sarà il lavoro e maggiore sarà il costo.

Le caratteristiche principali della costruzione sono la posizione degli scarichi sotto i fossati laterali. Con questa disposizione, la costruzione del drenaggio è possibile sia prima della costruzione del terrapieno, sia dopo la sua costruzione. I tubi di drenaggio sono posati ad una profondità di 2,5-3 m, che è la principale difficoltà di questi lavori. Il resto del lavoro non differisce dalla costruzione del drenaggio di intercettazione. In presenza di un fondo stradale costruito, il drenaggio sotto i fossati laterali deve essere costruito in condizioni ristrette. Trincee sono scavate con pareti verticali da un escavatore di trincea o un escavatore a cucchiaia rovescia con un escavatore a cucchiaia rovescia. Il terreno viene trasportato in discarica e, con l'aiuto dello stesso escavatore, installano trincee di recinzione di inventario. Durante la costruzione, quando è possibile inondare una fossa, ricorrono a drenaggi speciali o per congelare il terreno lungo la trincea. L'abbassamento temporaneo del livello della falda freatica con l'ausilio di impianti mobili di abbassamento dell'udito, l'aspirazione di acqua con filtri a spillo (Fig. 3-9), è ampiamente utilizzato nei lavori di costruzione. In primo luogo, con l'aiuto di un sistema di filtri ad ago abbassare il livello delle falde acquifere e quindi scavare una fossa. In futuro, tutto il lavoro verrà eseguito, così come senza l'uso di installazioni che riducono l'acqua. Dopo il completamento della posa di drenaggio e del riempimento della trincea, i filtri degli aghi vengono rimossi da una gru.

Quando si organizza il drenaggio, è necessario eseguire un passaggio di trincea


SCHEDA TECNOLOGICA TIPICA (TTK)


IL DISPOSITIVO DI DRENAGGIO DI UNA PICCOLA PEDONATA

I. CAMPO DI APPLICAZIONE


1.1. Una tipica mappa tecnologica (di seguito indicata come TTK) è un documento organizzativo e tecnologico completo sviluppato sulla base dei metodi dell'organizzazione scientifica del lavoro per eseguire il processo tecnologico e determinare la composizione delle operazioni produttive utilizzando i più moderni mezzi di meccanizzazione e metodi per eseguire lavori su una tecnologia specificatamente definita. TTK è destinato all'uso nello sviluppo di progetti di produzione di opere (PPR) e altra documentazione organizzativa e tecnologica da parte dei reparti di costruzione. Il TTK è parte integrante dei Work Execution Projects (in seguito denominati CPD) e viene utilizzato come parte della CPD in conformità con MDS 12-81.2007.

II. DISPOSIZIONI GENERALI


2.1. La mappa tecnologica è stata sviluppata per un complesso di opere su dispositivo di drenaggio superficiale.


2.3. La struttura del lavoro, eseguita in modo coerente quando il drenaggio del dispositivo superficiale, comprende le seguenti operazioni di processo:

Fig.1. Terne JCB 3CX m

Fig.2. Autocarro con cassone ribaltabile KAMAZ-55111

Figura 3. Piastra vibrante TSS-VP90T

Figura 4. Paglia vibrante TSS-HCR80K


2.5. Quando si costruisce un dispositivo di drenaggio poco profondo, vengono utilizzati i seguenti materiali da costruzione: sabbia di costruzione secondo GOST 8736-93; miscela di sabbia e ghiaia composta da sabbia grossolana o media (40%) e ghiaia (60%) che soddisfa i requisiti di GOST 25607-94; tubi in cemento-amianto free-flow TA-10 (100 9,0 mm, = 3950 mm, m = 24 kg) e TA-15 (150 10,0 mm, = 3950 mm, m = 37 kg); accoppiamenti in polietilene non-pressione MA-10 (140 10,0 mm, = 150 mm, m = 1,4 kg) e MA-15 (189 12,0 mm, = 150 mm, m = 2,3 kg); Tappi in polietilene PE-10 (104/91 11,0 mm, = 54 mm, m = 0,06 kg) e FOR-15 (144/131 11,0 mm, = 79 mm, m = 0,12 kg); NSM Dornit IP-450.

III. ORGANIZZAZIONE E TECNOLOGIA DELLA PERFORMANCE DELLE OPERE


3.1. In conformità con SP 48.13330.2001 "SNiP 12-01-2004 Construction Organization. Edizione aggiornata" prima dell'inizio dei lavori di costruzione e installazione presso l'impianto, il Contraente è obbligato nei modi prescritti per ottenere dalla documentazione di progettazione del Cliente e permesso (ordine) per lavori di costruzione e installazione. Prestazioni di lavoro senza permesso (ordine) è proibito.

- ottenere l'autorizzazione dalla supervisione tecnica del Cliente per iniziare il lavoro, nella forma indicata nell'Appendice A, STO NOSTROY 2.33.51-2011.


Fig.4 *. Drenaggio superficiale

_______________
* La numerazione corrisponde all'originale. - Annota il produttore del database.

1 - tubo di cemento amianto; 2 - filtro inverso (grande frazione); 3 - filtraggio dell'irrigazione; 4 - stuoia; 5 - il fondo del vassoio; 6 - base di pavimentazione sabbiosa; 7 - calcestruzzo; 8 - pietra laterale; 9 - carta pergamena; 10 - copertura stradale; 11 - geogriglia; 12 - bitume impermeabilizzante; 13 - la base del pavimento; 14 - copertura della pavimentazione


La costruzione di scarichi di drenaggio profondo con geotessili consente di escludere la lettiera del filtro, di utilizzare sabbia fine con un coefficiente di filtrazione inferiore a 5 m / giorno, per evitare l'interramento dei tubi di drenaggio.


Figura 5. Il design del drenaggio della pendenza con geotessili

3.4. Lavoro preparatorio


Figura 6. Lo schema di trincea per il calcolo del volume di sterri

I lavori eseguiti di un guasto geodetico di una trincea devono essere presentati al rappresentante tecnico di supervisione del cliente per ispezione e documentazione firmando la legge di rompere gli assi dell'oggetto di costruzione del capitale sul terreno, in conformità con l'Appendice 2, RD-11-02-2006, e ottenere il permesso di lavorare sulla sezione della trincea.

I tubi di cemento-amianto sono utilizzati per il drenaggio e, in presenza di acque sotterranee aggressive, viene utilizzato il polietilene ondulato a bassa pressione. Il diametro più piccolo dei tubi è di 110 mm. Prima di posare sulla superficie del drenaggio, i tubi di cemento-amianto hanno visto attraverso le fessure sulla dima per ricevere acqua di dimensioni 5 30 o 5 40 mm a seconda del diametro del tubo. Sono posizionati in modo scaglionato al ritmo di non più di 60 pezzi. su 1 m del tubo (vedi Fig.7).


Figura 7. Disposizione dei fori nel drenaggio dei tubi di cemento amianto

3.4.6. Il completamento dei lavori preparatori è registrato nella Gazzetta ufficiale del lavoro (la forma raccomandata è data in RD 11-05-2007) e dovrebbe essere adottata ai sensi della legge sull'attuazione delle misure di sicurezza del lavoro elaborate conformemente all'Appendice I, SNiP 12-03-2001.

Come organizzare un efficace sistema di drenaggio per la fondazione?

Quando si costruiscono sistemi di drenaggio per il drenaggio dalle fondazioni di edifici, è necessario utilizzare il drenaggio della fondazione conforme ai regolamenti edilizi e alle normative (SNiP). Questo è particolarmente importante se si esegue il drenaggio per la fondazione con le proprie mani.

Fossa per il sistema di drenaggio delle fondazioni

Per evitare l'allagamento di scantinati, cantine, per prevenire il verificarsi di muffe, ghiaccio e molti altri fenomeni che si verificano ad alta umidità, è possibile con il sistema di drenaggio del dispositivo di diversi tipi e tipi.

Tipi e tipi di sistema di drenaggio

Il dispositivo di drenaggio vicino alla base può essere di due tipi:

perfetto - i sistemi di drenaggio dell'acqua dalle fondamenta sono realizzati su una base impermeabile e l'acqua li penetra dal lato e dall'alto;

imperfetto - i sistemi di drenaggio sono installati sopra la tenuta dell'acqua per consentire all'acqua di penetrarli dal lato superiore e inferiore.

La medicazione deve essere eseguita tenendo conto dello SNiP - ai lati del consumo di acqua.

Il drenaggio delle fondamenta dell'edificio è diviso (dato lo SNiP) in tre tipi principali:

drenaggio circolare delle fondamenta per l'edificio - protegge gli scantinati e gli edifici autoportanti sul terreno sabbioso dall'alluvione;

drenaggio a parete della fondazione - impedisce l'allagamento del piano interrato e del basamento dell'edificio, costruito su terreno argilloso o argilloso;

il drenaggio del serbatoio è una parte del sistema generale (anello o muro) per la deviazione dell'acqua in terreni di tutti i tipi.

Il muro e l'anello si differenziano per il fatto che il primo si trova vicino alla fondazione, e il secondo - a una distanza di circa tre metri da esso. Un sistema di drenaggio delle fondamenta con le proprie mani può essere miscelato in tutti i tipi e tipi.

Posa del sistema di drenaggio sotterraneo

È importante realizzare un sistema di drenaggio per tutti i tipi di fondazioni: drenaggio di fondamenta superficiali, nastri, lastre, colonne - in ogni caso tali lavori sono utili. E se il terreno è umido, o nella regione il clima è noto per precipitazioni abbondanti e frequenti, il drenaggio è semplicemente necessario.

Tubi applicati

Il drenaggio attorno alla fondazione deve essere effettuato utilizzando tubi a doppio strato con un diametro esterno di 110 mm. La loro superficie interna dovrebbe essere liscia per migliorare l'autopulizia durante il passaggio dell'acqua, e la superficie esterna dovrebbe essere corrugata per aumentare la rigidità del tubo e l'area riservata ai fori (rotondi) a fessura.

I primi due tipi hanno in qualche modo perso la loro rilevanza, dal momento che sono più massicci e più costosi di quelli polimerici, quindi il loro uso è notevolmente diminuito.

I tubi in PVC destinati al drenaggio e il corrispondente SNiP sono fabbricati con un diametro di 50, 80, 110,160 e 200 mm e vengono consegnati arrotolati in bobine da 50 m (gli ultimi 40 m ciascuno).

I tubi corrugati in polivinilcloruro (PVC) non originariamente previsti per l'uso nei sistemi di drenaggio non sono raccomandati, in quanto sono sottili e monostrato, con scarsa resistenza agli agenti esterni.

Tubo di scarico in trincea

Anche quando i sistemi sono installati a mano, non dimenticare lo SNiP. Secondo lo SNiP, la creazione di un sistema di drenaggio dovrebbe essere progettata e creata nella fase di progettazione della fossa di fondazione, cioè, in comune con la fondazione stessa.

Sistema di drenaggio a parete

Per applicare il drenaggio delle pareti della fondazione dovrebbe essere in diversi casi:

la posizione del piano interrato o del seminterrato al di sotto del livello della falda freatica;

il piano interrato si trova a meno di mezzo metro dal livello della falda freatica;

al dispositivo di varie stanze sepolte in un terreno argilloso e limoso;

il dispositivo di strutture edilizie nella zona soggetta a umidificazione capillare (ambienti umidi);

Il drenaggio delle pareti (drenaggio per il seminterrato o la fondazione) deve essere effettuato intorno al perimetro dell'edificio dal suo esterno. La disposizione del tubo di drenaggio dipende dalla posizione dei passi d'uomo e dai parametri di progettazione della fondazione, e la profondità del segnalibro non deve essere eseguita sotto la suola (per le versioni nastro) o la base della lastra.

Con una costruzione di fondazione molto profonda, è possibile posare un drenaggio a parete al di sopra del livello della sua base, a condizione che vengano prese misure per prevenire la subsidenza dei singoli elementi del sistema di drenaggio.

Realizzazione di opere

Lo schema di costruzione di protezione contro l'eccessiva umidità del basamento o della fondazione nel suo insieme non è così difficile, anche quando si fa il lavoro con le proprie mani. Il dispositivo stesso comprende i seguenti passaggi:

utilizzando un livello laser e installando i punti di riferimento regolando lo spessore dell'ammortizzatore di sabbia e ghiaia, viene creata una pendenza uniforme nella direzione del fosso o pozzetto di raccolta per raccogliere l'acqua deviata;

Una tela geotessile è posata sul cuscino, che è ricoperto da uno strato di ghiaia lavata con una rientranza per gli scarichi (tubi di drenaggio) e la pendenza corretta;

gli scarichi sono posti sulla ghiaia con fori non più grandi delle dimensioni delle singole particelle di ghiaia per prevenire l'intasamento;

dopo aver collegato i tubi tra loro, la pendenza totale viene controllata lungo l'intera lunghezza del sistema, che dovrebbe mostrare una differenza di 2 cm di altezza per metro lineare;

un tubo installato verticalmente è fornito in ogni giro per facilitare il risciacquo quando contaminato;

tutti gli scarichi sono strettamente avvolti con geotessile e fissati con una corda in nylon;

i tubi avvolti sono riempiti con uno strato di ghiaia di 15-20 cm e in cima con lo stesso strato di sabbia grossa del fiume per una filtrazione aggiuntiva.

Dopo aver completato tutti i passaggi, lo spazio libero rimanente nel canale di drenaggio può essere riempito con terreno ordinario al livello della superficie generale della terra.

Sulla creazione di un sistema di drenaggio (video)

Requisiti di sistema

I tempi e i costi dei materiali più bassi sono necessari per l'installazione del drenaggio per una fondazione poco profonda, poiché viene posato ad una profondità non superiore a 80 cm.

Il passaggio delle trincee deve essere eseguito nell'impianto di drenaggio secondo le seguenti regole:

la sezione trasversale delle trincee può essere nella forma di un rettangolo o di un trapezio (con terreno sciolto);

la larghezza della fossa non deve superare i 40 cm;

il fondo delle trincee è livellato (con la rimozione di grosse pietre e grumi densi di terreno) e speronato;

la pendenza del fondo della trincea viene mantenuta (0,5-0,7 gradi per metro lineare) verso il pozzetto di stoccaggio;

sul fondo delle trincee viene versato un tampone di sabbia e ghiaia in uno strato di 10-15 cm per accogliere i tubi su di esso;

I tubi sul fondo delle trincee devono essere riempiti con lo stesso spessore con uno strato di ghiaia o macerie.

Per migliorare la filtrazione, è possibile utilizzare i geotessili - ponendoli sotto un materassino di ghiaia e tubi di drenaggio dell'avvolgimento.

Lo stesso lavoro viene svolto nella costruzione del drenaggio ad anello per le fondazioni.

Tipica scheda di instradamento (TTK), dispositivo di drenaggio poco profondo

SCHEDA TECNOLOGICA TIPICA (TTK)

IL DISPOSITIVO DI DRENAGGIO DI UNA PICCOLA PEDONATA

1. CAMPO DI APPLICAZIONE

1.1. Una tipica mappa tecnologica (di seguito denominata TTK) è stata sviluppata per una serie di lavori sul drenaggio superficiale. Gli scarichi a posa superficiale vengono utilizzati in città con una rete di drenaggio ben sviluppata.

Il drenaggio minore serve per:

abbassando il livello della falda acquifera rimuovendo l'umidità in eccesso dal terreno;

drenaggio dello strato sottostante sabbioso e garanzia della sostenibilità del manto stradale;

scarico delle precipitazioni atmosferiche da strutture piane come prati, campi sportivi.

Fig.1. Drenaggio superficiale

1 - tubo di cemento amianto; 2 - filtro inverso (grande frazione); 3 - filtraggio dell'irrigazione; 4 - stuoia; 5 - il fondo del vassoio; 6 - base di pavimentazione sabbiosa; 7 - calcestruzzo; 8 - pietra laterale; 9 - carta pergamena; 10 - copertura stradale; 11 - geogriglia; 12 - bitume impermeabilizzante; 13 - la base del pavimento; 14 - copertura della pavimentazione

1.2. Una tipica mappa tecnologica è intesa per lo sviluppo di progetti di produzione di opere (PPR) e altra documentazione organizzativa e tecnologica, oltre a familiarizzare lavoratori e ingegneri e tecnici con le regole per la produzione di opere su drenaggio superficiale.

1.3. Lo scopo di creare il TTK presentato è quello di fornire lo schema raccomandato del processo tecnologico sulla disposizione del drenaggio longitudinale e trasversale, la composizione e il contenuto del TTK, esempi di riempimento delle tabelle necessarie.

1.4. Sulla base del TTK come parte dell'interruzione (come componenti obbligatorie del Progetto di lavoro), i diagrammi di flusso funzionanti sono sviluppati per l'esecuzione di alcuni tipi di lavoro sulla sistemazione degli scarichi bassi.

Quando si collega la Mappa tecnologica standard a uno specifico oggetto e condizioni di costruzione, vengono specificati gli schemi di produzione, il volume di lavoro, i costi di manodopera, i mezzi di meccanizzazione, i materiali, le attrezzature, ecc.

1.5. Tutti i diagrammi di flusso di lavoro sono sviluppati secondo i disegni esecutivi del progetto, regolano i mezzi di supporto tecnologico e le regole per l'esecuzione dei processi tecnologici nella produzione di opere.

1.6. Il quadro normativo per lo sviluppo di mappe tecnologiche è: SNiP, SN, SP, GESN-2001, ENiR, norme di produzione del consumo di materiali, norme e tassi progressivi locali, norme sul costo del lavoro, norme sul consumo di risorse materiali e tecniche.

1.7. I diagrammi di flusso di lavoro sono esaminati e approvati come parte della CPD dal capo della General Contracting Construction and Installation Organization, in coordinamento con l'organizzazione del cliente, la supervisione tecnica del cliente e le organizzazioni che sono responsabili del funzionamento di questa strada.

1.8. L'uso di TTK contribuisce a migliorare l'organizzazione della produzione, aumentando la produttività del lavoro e la sua organizzazione scientifica, riducendo i costi, migliorando la qualità e riducendo la durata della costruzione, l'esecuzione sicura del lavoro, organizzando il lavoro ritmato, l'uso razionale delle risorse lavorative e dei macchinari, nonché riducendo i tempi di sviluppo di interruzioni e soluzioni tecnologiche..

1.9. La scheda tecnologica prevede l'installazione di un drenaggio su piccola scala mediante un complesso collegamento meccanizzato con un caricatore-escavatore TO-49 (basato sul trattore MTZ-82), come meccanismo di guida.

Fig.2. Terne TO-49

1.10. La struttura dei lavori considerati dalla carta include:

trincea di drenaggio dei frammenti;

preparazione della base del suolo;

posa di tubi di drenaggio;

trincea di riempimento con terreno di drenaggio.

1.11. I lavori sono eseguiti tutto l'anno. La durata del tempo di lavoro durante un turno è:

dove è il tempo associato con la preparazione della macchina per il lavoro e l'ETO, così come con le interruzioni associate all'organizzazione e alla tecnologia del processo di produzione, e le interruzioni destinate alla ricreazione e alle esigenze personali del conducente, 0.85,

, - turno di lavoro e pausa pranzo.

1.12. I lavori dovrebbero essere eseguiti, essendo guidati dai requisiti:

SNiP 3.01.01-85 *. Organizzazione del settore delle costruzioni;

SNiP 3.01.03-84. Lavori geodetici nella costruzione;

SNiP 3.06.03-85. autostrade;

SNiP 3.02.01-87. Sterri, fondazioni e fondazioni;

SNIP. Sicurezza del lavoro in costruzione. Parte 1. Requisiti generali;

SNIP. Sicurezza del lavoro in costruzione. Parte 2. Produzione di costruzioni.

2. ORGANIZZAZIONE E TECNOLOGIA DELLA PERFORMANCE DELLE OPERE

2.1. In conformità con SNiP 3.01.01-85 * "Organizzazione della produzione di costruzione" prima dell'inizio della costruzione e dell'installazione (anche preparatoria) dei lavori sul sito, il Contraente è obbligato a ricevere, nel modo prescritto, l'autorizzazione del Cliente a condurre lavori di costruzione (un ordine per il lavoro). È vietato lavorare senza questa autorizzazione.

2.2. Il lavoro principale sull'installazione di drenaggio dovrebbe essere preceduto dalle seguenti attività e lavori:

ricevimento da parte del cliente del cantiere predisposto per il lavoro;

verifica della disponibilità di stime di progetto e familiarizzazione di ingegneri e lavoratori con disegni esecutivi e il Progetto di lavoro di produzione;

preparazione di luoghi per la conservazione di inventario, attrezzature e materiali;

consegna e stoccaggio in pile nel cantiere di tubi di drenaggio, sabbia e macerie;

controllo dei passaporti di fabbrica per tubi di drenaggio;

campo familiare attrezzato per i lavoratori.

2.3. Prima dell'inizio dei lavori di costruzione e installazione, il cliente è obbligato a creare un centro geodetico per l'esecuzione dei lavori e trasferire all'appaltatore la documentazione tecnica per esso e i punti di questa base fissati a terra con i segni. La base del centro geodetico per la costruzione dovrebbe includere:

a) rapper a più piani (marchi);

b) punti che fissano l'asse longitudinale dei passi carrai e delle strade cittadine.

La base centrale geodetica dovrebbe includere anche punti dai quali è possibile effettuare una scomposizione degli assi di strade e strade e monitorare la loro posizione nel processo di costruzione.

I segnali accettati della base centrale geodetica durante il processo di costruzione devono essere monitorati costantemente per sicurezza e stabilità e controllati strumentalmente almeno due volte all'anno (nei periodi primaverili, autunnali e invernali).

L'accettazione del centro geodetico per la costruzione dovrebbe essere elaborata da un atto. L'atto di accettazione della base del centro geodetico dovrebbe essere accompagnato da un piano schematico per l'abbellimento del terreno, che indichi la posizione dei punti, i tipi e la profondità di fissaggio dei loro segni, le coordinate dei punti, i loro valori e elevazioni nel sistema adottato di coordinate e altezze.

2.4. Lo scopo del lavoro sul drenaggio del dispositivo include le seguenti operazioni:

frammento di trincea sotto drenaggio;

preparazione della base del suolo;

preparazione di tubi di drenaggio (fori tagliati);

posa di tubi di drenaggio;

trincea che si riempie di terra di drenaggio, compreso il suo sviluppo in una cava, trasporto, posa in una trincea, livellamento e compattazione strato dopo livello.

2.5. Il dispositivo di drenaggio longitudinale e trasversale inizia con una rottura degli assi delle trincee nel piano e nella posizione di altitudine.

La procedura per il guasto

Dall'asse della carreggiata gettare la distanza specificata nel progetto, all'asse del drenaggio e i punti risultanti intasare la posta in gioco. Puntate intermedie sono segnate sui luoghi d'interesse. L'asse di drenaggio interrotto in questo modo è fissato nel piano, tirando il cavo (ormeggio) tra i pali guidati. Delineare i punti di svolta e le fratture, l'installazione di pozzi di drenaggio. La ripartizione viene eseguita su una quantità di lavoro sostituibile.

2.6. Un frammento della fossa di drenaggio viene prodotto dal lato inferiore della pendenza longitudinale del drenaggio con un caricatore dell'escavatore TO-49. La trincea viene tirata verso i gusci dei tubi di drenaggio, sotto la pelle di pecora, e scavano manualmente un vassoio con pale. Il fondo del vassoio è allineato con i segni del profilo longitudinale del drenaggio con l'osservanza delle pendenze. La pendenza di drenaggio più piccola dovrebbe essere 2┐. La preparazione della base del terreno (layout, compattazione) inizia dal lato inferiore. Sul fondo del vassoio sistemare un cuscino - cemento, pietra (ghiaia o ghiaia compressa 5-10 mm) o stendere il geotessile.

2.7. Prima del dispositivo di drenaggio, gli escavatori strappano le fosse per i tombini, sistemano una base di sabbia e ghiaia con una compattazione dello strato con una piastra vibrante. Stendere uno strato di malta cementizia sulla base e montare la piastra inferiore del pozzo. Inoltre, nella sequenza tecnologica, eseguono l'installazione (anche sulla malta cementizia) degli anelli dei pozzetti, delle solette, degli anelli di regolazione e delle coperture dei pozzetti. I pozzi stabiliscono marchi di design su un livello. Al completamento dell'installazione dei pozzetti, i fori vengono perforati per entrare nei tubi di drenaggio e produrre un rivestimento impermeabilizzante a due strati delle pareti esterne dei pozzetti.

2.8. I tubi di cemento-amianto sono utilizzati per il drenaggio e, in presenza di acque sotterranee aggressive, viene utilizzato il polietilene ondulato a bassa pressione. Il diametro più piccolo dei tubi è di 110 mm. Prima di posare sulla superficie del drenaggio, tubi di cemento-amianto, le fessure sono realizzate in un modello per ricevere acqua di 5x30 o 5x40 mm, a seconda del diametro del tubo. Sono posizionati in modo sfalsato al ritmo di non più di 60 per 1 m di tubo (vedi figura 3).

Figura 3. Disposizione dei fori nel drenaggio dei tubi di cemento amianto

1 - dimensione della fessura 5x30 mm; Fessure 2 - 5x40 mm

2.9. Sul dispositivo di drenaggio trasversale, vengono dapprima posati e disposti (tee) i tubi di drenaggio longitudinale, dai quali, dopo la posa del drenaggio longitudinale, vengono posati tubi di drenaggio trasversale.

Nel drenaggio longitudinale, non meno di 200 m sono soddisfatti del rilascio di acqua nelle fognature o nelle zone di bassorilievo.

Il drenaggio trasversale è posto ad un angolo di 60-70 ° in termini di asse della strada nella direzione del flusso d'acqua. I tubi di drenaggio trasversali sono posati sui mirini, in file parallele con una distanza di non più di 40 m tra di loro con lo scarico nell'acqua che riceve i pozzi della rete di drenaggio. Pendenze longitudinali del drenaggio trasversale sistemano la pendenza trasversale doppia del sottofondo.

In assenza di una rete di drenaggio parallela al drenaggio longitudinale, i pozzetti che ricevono acqua devono essere installati non meno di 50 m uno dopo l'altro. I tubi per il drenaggio longitudinale iniziano a impilare dal primo passo d'uomo e conducono al successivo passo d'uomo installato sul segno di progettazione sul livello.

2.10. I tubi iniziano ad essere posati dal lato inferiore del tombino e conducono al prossimo passo d'uomo. Tubi con prese o filtri per tubi ruotano contro la pendenza delle prese e delle scanalature. In assenza di rivestimenti in polimero o di accoppiamenti in cemento-amianto, i collegamenti nei giunti sono avvolti con nastri adesivi o fibra di vetro. In casi estremi, i collegamenti sono collegati da ghiandole del tetto. La vita utile degli scarichi dipende dalla qualità delle articolazioni, che sono spesso interrate. Per questo dispositivo i giunti devono prestare particolare attenzione. I tubi sono avvolti con fibra di vetro o "Dornit", "Taipar" NSM.

Il tubo viene inserito nel foro del tombino in modo che la sua estremità inferiore sporga di 5-7 cm rispetto alla parete interna del pozzo. Gli spazi tra le pareti e il tubo armato di malta cementizia.

Il filo zincato viene aspirato attraverso il drenaggio tubolare per la successiva pulizia del tubo. Le estremità del filo sono fissate nei tombini. Dopo aver posato i tubi e riempito i giunti, un filtro inverso è costituito da ghiaia omogenea con le dimensioni della frazione del primo strato di 40-70 mm e il secondo strato di 5-10 mm o sabbia pulita con umidità ottimale da 5 m / giorno. L'altezza totale del materiale drenante sopra il tubo corazzato dovrebbe essere di almeno 25-30 cm. Solo in questo caso è possibile compattarlo con vibratori vibranti. Sopra il materiale drenante è collocato NSM "Dornit" o "Taipar" e versato uno strato di sabbia grossa al livello delle falde acquifere.

2.11. Costruzioni superficiali di drenaggio con geotessili (vedi Fig. 4) consentono di ridurre i requisiti di qualità per le sabbie e di applicare sabbie fini con un coefficiente di filtrazione inferiore a 2 m / giorno.

Figura 4. Costruzioni di drenaggio superficiale con geotessili

1 - tubo di cemento-amianto; 2 - geotessili; 3 - sabbia fine con un coefficiente di filtrazione di almeno 2 m / s; 4 - pietrisco; 5 - crepe nel tubo; 6 - pietrisco dello strato sottostante; - strato di pavimentazione

La costruzione di scarichi di drenaggio profondo con geotessili consente di escludere la lettiera del filtro, di utilizzare sabbia fine con un coefficiente di filtrazione inferiore a 5 m / giorno, per evitare l'interramento dei tubi di drenaggio.

I disegni di drenaggio laterale con geotessili (vedi figura 5) escludono completamente l'uso di terreni sabbiosi, semplificano la tecnologia di costruzione.

Figura 5. Il design del drenaggio della pendenza con geotessili

e - sezione trasversale; b - la posizione del drenaggio nel piano; c - dettaglio del drenaggio in profondità;

1 - drenaggio con geotessile; 2 - geotessili posati sul pendio; 3 - confine di suoli sovrastanti; 4 - terreno sfuso; 5 - l'asse della strada; 6 - l'asse del drenaggio della sottocella; 7 - drenaggio laterale con geotessile; 8 - geotessili; 9 - pietrisco (ghiaia); 10 - sabbia con ghiaia; 11 - film plastico; 12 - terreno argilloso lacero; 13 - tubo di cemento-amianto; H - altezza del drenaggio che spruzza sul progetto

3. REQUISITI PER LA QUALITÀ E L'ACCETTAZIONE DELLE OPERE

3.1. Controllo e valutazione della qualità del lavoro sul drenaggio del dispositivo eseguito in conformità con i requisiti dei documenti normativi:

- SNiP 3.02.01-87. Sterri, fondazioni e fondazioni;

- SNiP 3.01.01-85 *. Organizzazione del settore delle costruzioni;

- SNiP 3.06.03-85. Autostrade.

3.2. Al fine di garantire che la qualità richiesta del lavoro sul drenaggio del dispositivo sia soggetta a controllo in tutte le fasi della sua attuazione. Il controllo della produzione è suddiviso in input, operativi (tecnologici), ispezione e accettazione. Il controllo di qualità del lavoro eseguito deve essere effettuato da specialisti o servizi speciali dotati di mezzi tecnici che assicurino l'accuratezza e la completezza del controllo necessarie e siano assegnati al capo dell'unità di produzione che esegue i lavori di drenaggio.

3.3. Prima di iniziare il lavoro, i materiali ricevuti presso la struttura (strutture in cemento armato di tombini, tubi di cemento-amianto, pietrisco, sabbia) devono essere sottoposti a ispezione in entrata. Il controllo di input viene eseguito per identificare le deviazioni da questi requisiti.

3.4. Il suolo di drenaggio che entra nel sito deve soddisfare i requisiti delle norme e dei disegni esecutivi pertinenti.

Il controllo di input della pietra frantumata in entrata viene effettuato prelevando meno di 10 campioni (con un volume di consegna fino a 350 m), da cui formano un campione combinato che caratterizza il lotto controllato ed esegue test di laboratorio su parametri quali:

composizione del grano di pietrisco;

marchio schiacciato dalla crudeltà;

contenuto di argilla in grumi.

Il controllo in entrata della sabbia in entrata viene effettuato prelevando meno di 10 punti di campionamento (con un volume di consegna fino a 350 m), da cui formano un campione combinato che caratterizza il lotto controllato, ed eseguono test di laboratorio su parametri quali:

composizione del grano di sabbia;

contenuto di polvere e particelle di argilla;

contenuto di argilla in grumi;

classe, modulo di granulometria, residuo totale sul setaccio N 063.

I materiali inerti ricevuti nell'impianto devono essere accompagnati da un documento di accompagnamento (passaporto) che specifichi il nome del materiale, il numero di lotto e la quantità di materiale, il contenuto di componenti dannosi e le impurità, la data di produzione.

I risultati del controllo di input sono registrati nella legge e sono registrati nel registro del controllo di input di materiali e strutture.

3.5. Nel processo di drenaggio, è necessario effettuare un controllo di qualità operativo del lavoro. Ciò consentirà il rilevamento tempestivo dei difetti e prenderà misure per eliminarli e prevenirli. Il controllo viene eseguito sotto la direzione del comandante (caposquadra), in conformità con lo Schema del controllo di qualità operativo.

Nel caso di controllo (tecnologico) operativo, è necessario verificare la conformità del rispetto delle operazioni di produzione di base con i requisiti stabiliti dai regolamenti e regolamenti di costruzione, dal progetto di lavoro e dai documenti normativi. Il controllo strumentale della costruzione del drenaggio deve essere effettuato sistematicamente dall'inizio alla fine. Allo stesso tempo dovrebbe essere controllato:

conformità con le dimensioni di progetto e la pendenza trasversale del piatto di scolo di drenaggio;

conformità con le disposizioni progettuali in termini di altezza e pozzi montati;

corretta applicazione dei fori di drenaggio sul tubo;

il dispositivo di impermeabilizzazione delle pareti esterne dei tombini;

la qualità degli spruzzi filtranti (la conformità delle loro dimensioni geometriche con le dimensioni progettuali e la conformità della frazione di materiale lapideo)

la densità delle maglie dei tubi nelle articolazioni;

coefficiente di filtrazione e distribuzione delle dimensioni delle particelle di sabbia;

lo spessore dello strato di sabbia lungo l'asse e ai bordi della carreggiata;

umidità e grado di compattazione della sabbia.

Quando si scarica lo strato drenante non è permesso:

inquinamento da sabbia durante livellamento e compattazione;

ottenere neve nella sabbia.

I risultati del controllo operativo dovrebbero essere registrati nella Gazzetta ufficiale del lavoro.

3.6. Durante il controllo ispettivo, la qualità del lavoro deve essere controllata selettivamente a discrezione del cliente o del contraente generale al fine di verificare l'efficacia del controllo di produzione precedentemente condotto. Questo tipo di controllo può essere eseguito in qualsiasi fase dei lavori di costruzione.

3.7. I risultati del controllo di qualità effettuato dalla supervisione tecnica del cliente, la supervisione architettonica, il controllo delle ispezioni e i commenti delle persone che controllano la produzione e la qualità del lavoro dovrebbero essere registrati nel General Journal of Works. Tutta la documentazione di accettazione deve essere conforme ai requisiti di SNiP 3.01.01-85 *.

3.8. Il controllo di qualità delle opere viene eseguito dal momento in cui i materiali vengono ricevuti nel cantiere ed è completato alla messa in funzione dell'oggetto.

La qualità della produzione del lavoro è assicurata soddisfacendo i requisiti di conformità con la sequenza tecnologica necessaria nell'esecuzione del lavoro correlato e il controllo tecnico sullo stato di avanzamento del lavoro esposto in questa mappa.

3.9. La qualità del lavoro è assicurata dall'adempimento dei requisiti di conformità con la sequenza tecnologica necessaria nell'esecuzione di lavori correlati e dal controllo tecnico sullo stato di avanzamento dei lavori previsti nel progetto di gestione della costruzione e nel progetto di produzione di lavoro, nonché nel regime di controllo della qualità operativa.

3.10. Un esempio di compilazione dello schema di controllo della qualità operativa delle opere è riportato nella tabella 1.

1. DISPOSIZIONI GENERALI

1.1. Queste istruzioni si applicano alla produzione e all'accettazione di lavori di scavo eseguiti all'interno di alloggi o fabbricati separatamente, come parte di opere a ciclo zero, stabiliscono la sequenza e il collegamento reciproco di lavori di terra nelle condizioni estive e invernali, raccomandano i metodi più razionali di lavoro di produzione.

1.2. Le istruzioni sono intese per la progettazione e l'organizzazione di lavori in terra, nonché una guida pratica nella produzione di questi lavori su edilizia abitativa e civile.

1.3. Per eseguire lavori di sterro, nelle istruzioni vengono fornite le specifiche tecniche delle macchine e dei meccanismi, i parametri di base dei macchinari per la movimentazione della terra e le raccomandazioni per il loro uso nei periodi estivi e invernali.

1.4. Nella produzione di lavori di sterro devono essere conformi ai requisiti delle norme di costruzione e costruzione, organizzazione delle normative geodetiche, geodetiche, di sicurezza e di sicurezza antincendio.

1.5. Durante i lavori di sterro, è necessario eseguire i controlli di input, operativi e di accettazione, in base ai requisiti dei capitoli pertinenti del SNiP e all'allegato 1 di riferimento di SNiP 3.02.01-87.

Dipartimento per lo sviluppo del piano generale di Mosca

31 dicembre 1996

Data di entrata in vigore

1 gennaio 1997

1.6. L'accettazione di lavori di sterro con la preparazione di certificati di ispezione di opere nascoste dovrebbe essere effettuata, guidata dalla disposizione 1 di SNiP 3.02.01-87. Se necessario, al progetto è permesso specificare altri elementi da considerare come accettazione intermedia con la stesura di atti di esame di opere nascoste.

2. COMPOSIZIONE DEI LAVORI DELLA TERRA

2.1. La struttura dei movimenti di terra eseguiti nel complesso di opere del ciclo zero all'interno dei quartieri o per gli edifici costruiti separatamente comprende:

a) tagliare, trasportare e impilare il terreno nelle pile di terreno (il luogo di deposito del suolo sul cartogramma di scavo è determinato e applicato dalla società di costruzione);

b) tagliare e riempire il terreno nella pianificazione verticale dei territori;

c) trincee di scavo per la posa e la sistemazione di utenze sotterranee interne e interne - approvvigionamento idrico, fognature, gasdotto, rete di riscaldamento, reti fognarie, collettori, fognature, cavi elettrici e linee a bassa corrente;

d) il dispositivo del trogolo di terra e il fondale sabbioso per strade interne e autostradali permanenti e temporanee;

e) scavare trincee e trincee per fondazioni di edifici e strutture con il trasporto di terreni in eccesso nelle ascelle, nelle trincee e nei compartimenti di sottocampi tecnici con il trasporto del suolo mancante;

e) riempimento e compattazione del suolo negli assi, nelle trincee e nei compartimenti dei sottosistemi tecnici con il trasporto del suolo mancante;

g) preparazione della base per la via delle gru a torre.

3. OBBLIGHI DELL'ORGANIZZAZIONE NELLA FABBRICAZIONE DEI LAVORI DI TERRA

3.1. Tutti i lavori di sterro (ad eccezione della preparazione del terreno vegetale e della torba) da eseguire in modo meccanizzato sono necessari per eseguire la gestione della meccanizzazione in subappalto con organizzazioni di fondazioni di ingegneria di fondazione o organizzazioni di trust generali delle costruzioni.

Il complesso di movimenti di terra da eseguire in modo meccanizzato dai controlli di meccanizzazione include:

a) lavoro preparatorio per tutti i tipi di sviluppo meccanizzato del suolo.

rimozione della pavimentazione di asfalto e rottura del calcestruzzo e di altre fondazioni in modo meccanizzato nel campo degli sterri;

b) quando si scavano buche per edifici;

scavare buche con marchi, così come il trasporto del suolo;

riempimento del terreno sotto i piani del sottosuolo tecnico (senza compattazione);

riempimento del terreno nei seni con compattazione secondo la tecnologia raccomandata nella sezione IV;

dispositivo e manutenzione di canali di drenaggio temporaneo o rulli di scherma durante i lavori di scavo (l'organizzazione di costruzione indica i punti di scarico dell'acqua);

pompaggio di tempeste e acque di fusione durante i lavori di scavo;

c) quando si scava per le comunicazioni esterne:

scavare trincee in una discarica con il trasporto del suolo;

rinterro di trincee con compattazione secondo la tecnologia adottata e rinterro di trincee con terreno sabbioso all'incrocio di strade, marciapiedi e servizi pubblici;

d) con un layout verticale:

tagliare il terreno in base ai segni di progetto (tenendo conto della necessaria lettiera del terreno vegetale) e spostarlo entro un quarto, microdistretto o un sito separato o al di fuori di essi;

trasporto del suolo mancante per la pianificazione verticale;

pianificazione del territorio per marchi di progettazione con tolleranze fino a ± 10 cm;

e) per la produzione di opere di impianto:

taglio di terra vegetale e impilamento su discariche temporanee. In inverno, la raccolta del suolo vegetale non viene eseguita;

trasferimento di terreno vegetale a organizzazioni impegnate nella piantumazione di alberi, caricamento in veicoli e trasporto in luoghi specificati da società di piantagione.

3.2. Per garantire la normale organizzazione del lavoro del ciclo zero, compreso lo scavo, l'appaltatore generale deve, entro e non oltre 1 mese prima dell'inizio del lavoro, trasferire il sito al subappaltatore fondazione fondazione fiduciario per atto (Appendice 1).

3.3. Il complesso dei lavori di sterro è svolto sotto il diretto controllo della fiducia generale e della fondazione fondatrice della fiducia.

Per eseguire i movimenti di terra utilizzando il metodo meccanizzato, sono obbligati a 20 giorni prima dell'inizio del movimento terra alla gestione appropriata della meccanizzazione per inviare un ordine con la seguente documentazione tecnica:

a) per lo sviluppo di fosse e trincee - un disegno funzionante di lavori di sterro o uno schema per la produzione di lavori in terra con l'indicazione delle dimensioni dei pozzi o trincee alla base del progetto e le elevazioni verticali della fondazione delle fosse o trincee;

b) per il lavoro sul layout verticale:

progetto di pianificazione verticale e cartografia di movimenti di terra con indicazione dei confini della produzione di opere che garantiscono la messa in servizio di un gruppo di edifici o di singoli oggetti;

c) il calcolo del volume dei lavori in terra, compilato in conformità con le regole per il conteggio delle opere coinvolte nella parte tecnica della Raccolta delle tariffe unitarie per i lavori di sterro;

d) il calcolo del costo stimato o un estratto della stima, compilato sulla base degli schemi trasferiti, i calcoli dell'ambito di lavoro e i prezzi unitari per il movimento terra, tenendo conto dei fattori di transizione;

e) un progetto per la produzione di lavori in terra con l'indicazione obbligatoria del movimento delle masse terrestri da pozzi, trincee e pianificazione verticale. Nel caso in cui, in base al progetto per la produzione di opere, il terreno debba essere trasportato in un magazzino temporaneo intermedio, trasferire la piattaforma di stoccaggio a terra al reparto di meccanizzazione;

e) una copia dell'ordine per lo sviluppo di pozzi e trincee.

3.4. Il servizio geodetico associato all'implementazione di lavori di sterro e, in particolare, la demolizione di edifici in natura con l'imposizione di assi sulla recinzione, la disaggregazione di rotte di comunicazioni esterne in natura e l'installazione del numero necessario di punti di riferimento con marchi su di essi viene assegnato alle organizzazioni di trust e trust generali delle costruzioni.

I fondi di fondazione o i fondi comuni di costruzione dovrebbero assistere i dipartimenti di meccanizzazione del loro servizio di indagine nel controllo dei lavori di scavo.

Controllo della conformità con i marchi specificati nello sviluppo di pozzi e trincee e la responsabilità di questo è il controllo della meccanizzazione.

La responsabilità per la produzione di lavori in terra e le quote predeterminate per la pianificazione verticale è a carico dell'Ufficio di meccanizzazione.

3.5. La responsabilità per l'esecuzione di lavori di scavo sulle dimensioni alla base, nonché l'osservanza della pendenza delle piste, stabilita dalle norme di sicurezza e dalle condizioni tecniche per la produzione di scavo, spetta al Dipartimento di Meccanizzazione.

3.6. Le organizzazioni delle fondazioni e dei fondi comuni di costruzione sono obbligate da sole ea proprie spese a fornire copertura dell'area per la possibilità di lavori di scavo in due turni, nonché a fornire, se necessario, lavori per rafforzare le pendenze delle trincee.

3.7. Lavori di allentamento del suolo ghiacciato con l'aiuto di un'esplosione producono aree specializzate di sabbiatura.

4. SEQUENZA DI PERFORMANCE DEI LAVORI DI TERRA

a) taglio, spostamento, accatastamento e rimozione di terreno vegetale dal sito di costruzione;

b) la pianificazione delle aree edificate, fornendo un temporaneo deflusso delle acque superficiali;

c) scavare trincee per la posa di servizi sotterranei, anche per il trasferimento di reti esistenti, predisporre i collettori sotterranei intra-quarti realizzati con elementi prefabbricati e altre strutture sotterranee;

d) riempimento del terreno in trincee con la sua compattazione dopo la posa delle condotte e nei seni nei collettori sotterranei di elementi prefabbricati;

e) scavare in trincee e trincee per la parte sotterranea dell'edificio;

e) riempimento della sabbia nei seni vicino alle fondamenta e alle pareti di sottofondi tecnici e scantinati con la compattazione strato per strato;

g) preparazione della base per la via delle gru a torre;

h) pianificazione verticale dell'area edificabile con compattazione del suolo nelle zone di assestamento;

i) lavori di sterro per l'installazione di fondazioni per strade stabili, vialetti e piattaforme;

j) lavori di sterro per l'abbellimento del terreno (aratura di prati, scavare buche per alberi e arbusti, ecc.).

Nota. La sequenza di lavoro specificata nella clausola 4.1 dipende dalle condizioni specifiche dei blocchi costitutivi (quartieri) e, se giustificata, può variare di conseguenza.

4.2. Nella produzione di opere a ciclo zero in condizioni invernali, la sequenza e la sequenza dei lavori di scavo cambiano a seconda del grado di preparazione, ovvero:

a) se all'inizio del periodo invernale il taglio dello strato di suolo del suolo era completato nel cantiere e la pianificazione delle aree edificate è stata eseguita per assicurare il flusso temporaneo delle acque superficiali, quindi tutti i tipi di lavori di terra elencati al paragrafo 4.1 sono eseguiti in condizioni invernali nella stessa sequenza, eccetto per costruzione di fondamenta per strade stabili, strade private, piattaforme, che vengono trasferite nella stagione calda;

b) se all'inizio del periodo invernale il lavoro del ciclo zero non è stato completato, è necessario posticipare la produzione del massimo volume possibile di lavori in terra alla stagione calda

Sono ammesse eccezioni a questa indicazione, se necessario, tagliando un grande strato di terra (oltre 1 m) nella posizione dell'edificio e nel sito circostante;

c) in alcuni casi, in condizioni invernali (con un terreno poco accidentato - fino a 0,5 m), il taglio del terreno è consentito per la costruzione di strade temporanee, la posa di piste di gru e la costruzione di siti di stoccaggio.

4.3. Per evitare il congelamento dei terreni, è necessario utilizzare i metodi elencati nella tabella 1.

Metodi raccomandati per isolare i terreni dal congelamento in inverno

1. Arare il terreno ad una profondità di almeno 35 cm, seguito da uno stridore ad una profondità di 10 - 15 cm.

Viene utilizzato in autunno per proteggere il terreno dal congelamento nel caso in cui lo scavo delle fosse sia previsto per il periodo invernale.

2. Ricoprire i materiali isolanti della superficie del suolo: segatura, materassini, paglia, ecc. Con uno spessore di almeno 10 cm.

Viene utilizzato in autunno per proteggere il terreno dal congelamento, se lo scavo delle fosse è previsto per il periodo invernale.

3. Ritenzione della neve (installazione di pannelli di ritenzione della neve, installazione di alberi di neve di almeno 80 cm di spessore).

È usato in inverno per sospendere l'ulteriore congelamento del suolo.

5. TECNOLOGIA DELLA PRODUZIONE DI LAVORI DI TERRA

5.1. I progetti di scavo sono sviluppati dai trust di meccanizzazione che eseguono questi lavori. Entro e non oltre un mese prima dell'inizio dei lavori di scavo, i progetti di produzione devono essere rivisti e concordati dal trust generale dei contratti o dal trust della fondazione.

5.2. Il progetto di scavo dovrebbe includere:

a) lavoro aggiuntivo svolto con afflussi significativi di falde acquifere, ristagno del territorio, possibili frane e spostamenti del suolo;

b) metodi di scavo di trincee e fossati con una profondità superiore a 3 m o una configurazione complessa che richiede fissaggi speciali;

c) i metodi di preparazione dei fondali per argini e l'esecuzione di lavori per la costruzione di argini su terreni in declino, inondazioni, zone umide e afflussi di acque sotterranee;

d) metodi di costruzione di argini su suoli locali disomogenei, che richiedono condizioni di dumping speciali;

e) modi per rafforzare le pendici dei lavori di sterro;

e) calcoli per giustificare la necessità di creare possibili discariche e cave;

g) modi per spostare le masse terrestri dai box, dalle trincee e dalle facce di pianificazione.

Oltre a queste disposizioni di base nei progetti per la produzione di opere in terra, dovrebbero essere sviluppate le seguenti attività:

a) metodi di spostamento del terreno dalle discariche per lo stoccaggio temporaneo, adatto per il riempimento e il rinterro;

b) i metodi per spostare e portare il terreno sabbioso mancante da altri oggetti con i loro indirizzi per l'aspersione sotto le basi del pavimento, riempiendo trincee alle loro intersezioni con marciapiedi, cavi e servizi sotterranei posti all'interno della profondità delle trincee.

Nella stessa sezione dovrebbero essere fornite istruzioni sulla composizione del progetto di scavo, che dovrebbe includere:

a) un disegno o diagramma di lavoro di scavo con l'indicazione delle dimensioni dei pozzi e delle fosse con i loro segni verticali sulla base (fondo) delle scanalature;

b) calcoli del volume di lavoro e di profilo dei lavori di sterro nella pianificazione verticale del territorio;

c) calcoli del volume di lavoro e di profilo dei lavori di sterro per la posa di condotte intra-sotterranee;

d) calcoli del volume di lavoro dei lavori di sterro per la posa di cavi interrati sotterranei;

e) calcoli del volume di lavoro e di profilo dei lavori di sterro sul dispositivo degli abbeveratoi per le strade all'interno di un quarto, passi carrai, piattaforme e binari;

f) i calcoli della pendenza dei pendii di fosse e trincee con una profondità superiore a 5 m in tutti i casi o fino a 5 m di profondità in condizioni idrogeologiche sfavorevoli.

5.3. I lavori di sterro nei luoghi delle utenze sotterranee esistenti sono consentiti solo dopo l'adozione di misure che impediscono il danneggiamento delle comunicazioni, con il permesso scritto dell'organizzazione responsabile del loro funzionamento e in presenza di rappresentanti responsabili delle organizzazioni edilizie e delle organizzazioni che gestiscono comunicazioni sotterranee.

Prima dell'inizio dei lavori di sterro, è necessario marcare gli assi e i confini di queste comunicazioni con segni ben visibili sul terreno.

In caso di rilevamento di utenze sotterranee esistenti e altre strutture non indicate nella documentazione di progetto esistente, i lavori di scavo devono essere interrotti, i rappresentanti delle organizzazioni che gestiscono queste strutture dovrebbero essere richiamati, allo stesso tempo, i siti specificati dovrebbero essere protetti e altre misure necessarie dovrebbero essere prese per prevenire danni ai dispositivi sotterranei rilevati.

Scavare trincee e fosse nelle immediate vicinanze di edifici e strutture esistenti, così come le esistenti utenze sotterranee, dovrebbero essere eseguite solo se vengono prese misure contro l'insediamento di queste strutture e previa approvazione del cliente con le organizzazioni che gestiscono questi edifici e strutture. Le misure per garantire la sicurezza degli edifici e delle strutture esistenti dovrebbero essere sviluppate come parte del progetto di produzione.

Quando si attraversano trincee con le utenze sotterranee esistenti, lo sviluppo del terreno con il metodo meccanizzato è consentito a una distanza non inferiore a 2 m dalla parete laterale e non più vicino di 1 m al di sopra della parte superiore del tubo del cavo, ecc.

Il terreno che rimane dopo lo sviluppo meccanizzato deve essere raffinato manualmente senza l'uso di strumenti a percussione e con l'adozione di tutte le misure che escludono la possibilità di danneggiare queste comunicazioni.

5.4. Il lavoro di scavo è consentito solo dopo aver segnato i contrassegni. La riparazione del guasto viene effettuata con l'aiuto di pilastri esterni e picchetti situati all'esterno del terrapieno. I poli che definiscono le quote dovrebbero essere sotto forma di benchmark.

La demolizione dei lavori di sterro dovrebbe essere effettuata con l'aiuto di strumenti geodetici con un'attenta osservanza degli assi di progetto e dei prospetti della struttura.

Nel tracciare gli argini, si dovrebbe tenere conto della loro successiva bozza.

5.5. Quando si costruiscono grandi aree residenziali (quartieri, quartieri), i lavori di terra devono essere eseguiti tenendo conto del loro completo completamento all'interno dei singoli blocchi di edifici.

5.6. I lavori di scavo per il taglio e il trasporto dello strato vegetale del terreno in quarti e su terreni costruiti separatamente devono essere eseguiti nel rispetto delle regole di cui al punto 5.7 - 5.11.

5.8. Il terreno vegetale tagliato dai bulldozer può essere spostato verso le pile a una distanza non superiore a 100 m. Il terreno viene tagliato dalle successive penetrazioni longitudinali del meccanismo che si sposta nella posizione di lavoro sotto il pendio. Le penetrazioni devono essere uguali alla lunghezza del percorso di caricamento del meccanismo.

Il movimento del meccanismo in posizione di lavoro in salita è consentito solo con pendenze non superiori al 3 - 5%.

Lo scarico e il livellamento del terreno vegetale in una catasta inizia con una parte remota del terrapieno. La raccolta del terreno vegetale deve essere effettuata prima dell'inizio del gelo e in inverno non viene eseguita.

Le pile di terreno vegetale dovrebbero avere ingressi per il trasporto con un angolo di inclinazione verso l'orizzonte non superiore a 18 °.

5.9. Si raccomanda di rimuovere il terreno vegetale raccolto dai luoghi di accatastamento fino ai luoghi di consumo con autocarri con una capacità di carico di oltre 3,5 tonnellate È necessario immergere il terreno vegetale in autocarri con escavatori a benna singola con un secchio con una capacità di 0,25 - 0,65 metri cubi. m.

5.10. Durante il taglio, il trasporto e l'accatastamento in pile, è vietato mescolare il terreno vegetale con il terreno inadatto per le piantagioni e le colture. La qualità e l'idoneità del suolo vegetale per i lavori di piantagione è determinata da un laboratorio agronomico competente.

5.12. I lavori di scavo sulla pianificazione verticale delle aree edificate devono essere eseguiti in conformità con le regole di cui alle sezioni da 5.14 a 5.32 di queste istruzioni.

Pianificazione verticale delle aree edificate, nonché siti speciali per stadi, piazze, viali, ecc. consentito solo in presenza di progetti di pianificazione di tutti i tipi di strutture sotterranee e l'equilibrio complessivo del suolo.

5.13. La pianificazione verticale del territorio di quarti o edifici in costruzione deve essere eseguita:

a) quando la profondità di taglio del suolo è superiore a 0,5 m o la distanza del suo movimento non è superiore a 100 m - da bulldozer con una capacità da 60 a 200 kW o scrappers con un secchio con una capacità di 6 cu. me più;

b) quando la profondità di taglio del suolo è superiore a 0,5 m o la distanza del suo movimento è superiore a 100 m (quando la profondità di taglio è inferiore a 0,5 m), e anche se ci sono strade stabili o variabili pavimentate o depressioni preparate sotto le fondamenta di strade, terreni e piste - escavatori a benna singola con un secchio con una capacità di 0,5 - 1,0 cu. m con il movimento di autocarri con cassone ribaltabile del terreno.

5.15. I lavori di pianificazione delle piattaforme con taglio e riempimento vengono eseguiti con l'ausilio di ruspe o ruspe secondo lo schema illustrato in fig. 1.

5.16. La pianificazione verticale del territorio mediante escavatori a benna singola viene effettuata secondo gli schemi di fig. 2 e 3. Nella fig. La figura 2 mostra la sequenza di taglio del terreno con un escavatore a benna singola con una pala diritta (capacità della benna 0,5-1,0 metri cubi) con l'arrivo di dumper in faccia, e in fig. 3 - escavatore a benna singola con pala rovesciata (capacità della benna 0,5-1,0 metri cubi) senza entrare nel cassone ribaltabile.

I parametri principali degli escavatori a benna singola sono illustrati nell'appendice 2.

5.17. I lavori di scavo vengono eseguiti conformemente a SNiP III -4-80 "Sicurezza nell'edilizia" e "Linee guida sulla sicurezza nello sviluppo dei terreni da parte degli escavatori".

Metodi e meccanismi raccomandati per la preparazione del terreno ghiacciato per lo scavo

Metodi per la preparazione di terreni congelati per lo scavo

Allentamento del terreno con martello idraulico sugli escavatori EO-3131, EO-4321.V.

Allentando con l'uso di uno scarificatore montato RO-126 sulla base di un trattore DET-250, DZ-330.

Allentando il cuneo sull'escavatore EO-4112A-1.

Allentando con l'uso di escavatori rotanti ETR-224A, ETR-223.

Barra per ferri da taglio ETC-2018.

Allentamento del terreno ghiacciato per esplosione.

Fig. 1. Schema del movimento del bulldozer durante la pianificazione del territorio

Fig. 2. Schema di scavo con escavatore a benna singola con pala dritta

Fig. 3. Schema di scavo utilizzando un escavatore singolo con escavatore a cucchiaia rovescia

Raccomandazioni più dettagliate sono fornite nelle "Linee guida per lo sviluppo di macchine e meccanismi per i terreni congelati".

5.19. Nei casi in cui le macchine consigliate per l'allentamento del terreno ghiacciato non possono essere utilizzate nella costruzione, il terreno dovrebbe essere scongelato con l'aiuto di elementi riscaldanti. La profondità di scongelamento raggiunta dai riscaldatori non supera 1,5 m.

5.20. Quando si prepara il terreno per lo scavo con un martello pneumatico o un'esplosione, devono essere prese misure per garantire l'integrità degli edifici, delle strutture, delle comunicazioni e della sicurezza del lavoro situate nelle vicinanze (i segnali di avvertimento sono appesi, le finestre degli edifici vicini sono protette, la zona di pericolo è definita, ecc.).

5.21. L'allentamento del terreno ghiacciato con uno scarificatore montato PO-126 sulla base del trattore DET-250 viene effettuato mediante penetrazioni parallele strato per strato fino a una profondità di 0,4 m ad ogni penetrazione con successive penetrazioni trasversali con un angolo di 60-90 ° rispetto al primo.

5.22. Non prima di due ore prima dello sviluppo del terreno, è necessario liberare il territorio destinato alla pianificazione dalla neve.

5.23. Per lo sviluppo di escavatori rotanti per terreni ghiacciati ETR-223B, ETR-224A è dotato di ruote idrauliche.

5.24. Gli escavatori rotore ETR-223B, ETR-224A mentre scavano terreno ghiacciato tagliano trincee parallele, e le creste che rimangono tra di loro sono sviluppate da escavatori equipaggiati con pale posteriori da 0,5 cu. me sopra.

5.25. Per evitare il congelamento del terreno dopo lo sviluppo degli escavatori a rotore, le trincee vengono nuovamente riempite con un bulldozer con terreno scartato.

5.27. Le deviazioni dei marchi nella pianificazione verticale del territorio non devono superare:

quando si tagliano bulldozer del suolo ± 5 cm;

quando si taglia il terreno con raschietti ± 10 cm;

quando si scarica terreno con bulldozer o raschietti

tenendo conto dello strato di compensazione sul sedimento macinato ± 5 cm.

5.28. La bonifica dell'area pianificata dopo gli scavi da parte degli escavatori dovrebbe essere effettuata dai bulldozer, fatta eccezione per le sezioni chiuse da strade e marciapiedi che potrebbero essere danneggiate dai binari dei bulldozer.

5.29. Lo scarico del terreno nella pianificazione del territorio dovrebbe essere effettuato a strati, il cui spessore è determinato dal progetto di scavo e viene assegnato in base al metodo di compattazione del suolo. La posa del terreno viene effettuata con strati orizzontali o leggermente inclinati. L'area di superficie pianificata dovrebbe avere una pendenza per il flusso di acqua non inferiore a 0,002 o non superiore a 0,005 nella direzione del drenaggio dell'acqua.

5.30. Quando si pianificano i territori per rispettare i marchi e le pendenze specificati dal progetto, l'intera massa del terreno sotto le fondamenta e le piattaforme stradali è soggetta a compattazione obbligatoria.

Sotto le aree verdi, il terreno è soggetto a costipamento a uno spessore di scarico superiore a 1 m.

5.31. Il grado richiesto di compattazione del suolo è ottenuto da un numero appropriato di passaggi delle macchine compattatrici per carichi e osservando lo spessore del terreno riempito nel riempimento strato per strato in conformità con i dati della tabella. 3.

Norme per la compattazione di terreni alla rinfusa

Il numero di passaggi in un posto

Lo spessore maggiore di uno strato di terreno in uno strato dopo strato, cm

Pneumatici pneumatici del peso di 10 tonnellate

Pneumatici pneumatici del peso di 25 tonnellate

Camma tipo D-130 di peso fino a 5 tonnellate

Camma tipo D-220 di peso fino a 30 tonnellate

Piastra antimanomissione su un escavatore del peso di 2 tonnellate

Rullo pneumatico semovente da 40 t

La compattazione del suolo deve essere eseguita in conformità con SNiP 3.02.01-87 "Lavori di sterro, fondazioni e fondazioni".

5.33. I lavori di scavo sulla costruzione di fosse per la parte sotterranea degli edifici devono essere eseguiti in conformità con le regole di cui ai paragrafi. 5.34 - 5.52 di queste istruzioni.

5.35. Lo scavo di pozzi sotto gli stessi edifici più di 14 m di larghezza dovrebbe essere effettuato da escavatori a benna singola dotati di un escavatore a cucchiaia rovescia o di una gru con benne con una capacità di 0,35 - 1,0 metri cubi. m scavo longitudinale di movimenti paralleli dell'escavatore sulla superficie diurna del sito (figura 5).

5.36. Scavando trincee nelle trincee sotto le fondamenta rivestite di nastro e altri lavori di sterro al di sotto dei segni di base per lo scavo finito della parte sotterranea dell'edificio con terreno che si sposta verso il fondo della discarica e ulteriore sollevamento sul cordolo superiore con un secchio o tramoggia sospesa dal braccio della gru dovrebbe essere eseguita con escavatori a benna singola, dotato di una pala con una capacità del secchio di 0,25 cu. m, avendo un tagliente liscio.

5.37. Lo scavo del terreno in trincee e trincee al di sotto dell'orizzonte della falda acquifera viene effettuato utilizzando il drenaggio meccanizzato aperto o abbassando artificialmente le acque sotterranee in conformità con le linee guida del piano di produzione.

Fig. 4. Lo schema di scavare lo scavo con escavatori con un escavatore a cucchiaia rovescia con il suo movimento a zigzag sulla superficie del giorno del sito (i numeri indicano la sequenza di movimento dell'escavatore)

Fig. 5. Schema di scavare lo scavo con un escavatore con un gancio posteriore durante il suo movimento in passaggi paralleli lungo la superficie del giorno del sito

5.38. Quando si scavano pozzanghere, è necessario eseguire simultaneamente tutti i lavori di sterro previsti dal progetto di scavo, in particolare l'installazione di rampe per l'entrata e l'uscita di escavatori, battipali e bulldozer, ampliamento del dispositivo e scanalature per ospitare battipali, impianti di riduzione dell'acqua e altri meccanismi.

5.39. Il terreno scavato dai noccioli viene estratto dagli autocarri degli oggetti in costruzione nei seguenti luoghi:

a) riempimento a terra, fornito dal cartogramma della disposizione verticale del territorio;

b) la discarica della città - quando il terreno non è adatto per il riempimento e il riempimento;

c) riempimento di seni, trincee e altri oggetti (di questo o di un altro blocco);

d) discariche di backup - per lo stoccaggio temporaneo di terreno adatto nella quantità necessaria per il riempimento o il riempimento durante la costruzione.

1. È vietato lasciare o immagazzinare temporaneamente il terreno direttamente dietro la cresta superiore delle fosse (all'interno del prisma di collasso) o sul fondo del pozzo di fondazione finito.

2. L'inadeguatezza del terreno per il rinterro, l'accatastamento e gli argini è stabilita da atti con la partecipazione del cliente all'apertura di fosse, trincee e pareti piane.

1.0 - in terreni sabbiosi ghiaiosi;

1,50 - in argille e argille;

2.0 - in terreni rocciosi particolarmente densi.

1. In presenza di terreni sfusi, sciolti e di media densità sabbiosi e ghiaiosi di umidità naturale, oltre a trovarsi all'interno del prisma di qualsiasi struttura o comunicazione, non è consentito scavare trincee con pareti verticali senza elementi di fissaggio e viene effettuato tenendo conto dei necessari elementi di fissaggio o pendenze.

2. Non è consentito scavare buche e trincee con pareti verticali senza elementi di fissaggio in presenza di detriti bagnati e terreni sabbiosi.

5.41. La maggiore pendenza dei versanti di trincee e fosse, disposta senza fissaggi in terreni omogenei continentali coesivi di umidità naturale, dovrebbe essere assegnata in conformità con la Tabella 4.

Pendenza massima ammissibile dei pendii di trincee e fosse

Profondità di scavo, m

Sabbia e ghiaia bagnate (insature)

1. Con una profondità di scavo superiore a 5 metri in qualsiasi condizione idrogeologica, la pendenza delle pendenze delle fosse e delle fosse è stabilita dal progetto di lavoro.

2. In caso di lettiera di vari tipi di terreno, la pendenza della pendenza per tutti gli strati deve essere assegnata al tipo di terreno più debole.

3. Il progetto dovrà nominare la larghezza e la pendenza dei pendii delle trincee per la posa combinata dei gasdotti.

4. La profondità dei canali con segno di disuguale design è stabilita dal segno di lavoro medio ponderato.

5. La massima pendenza di pendii, buche e fosse in terreni argillosi (argille e argille) sormontate da pioggia, neve (scongelato) e altre acque superficiali dovrebbe essere presa 1: 1 con un angolo di 45 °. Ridurre la pendenza del pendio in questi casi è fissato dall'atto.

6. In condizioni idrogeologiche sfavorevoli (in caso di pioggia, neve scongelata e altre acque superficiali con lenti di drenaggio), la maggiore pendenza dei pendii viene stabilita mediante calcoli e profondità fino a 5 m.

Se è necessario che le persone lavorino in trincee con pareti verticali con elementi di fissaggio, la distanza minima tra la superficie laterale della struttura eretta e le tavole di fissaggio oi tasselli dovrebbe essere di almeno 0,7 m.

Se è necessario che le persone scendano nello scavo, la larghezza minima tra la superficie laterale delle strutture e il supporto deve essere di almeno 0,7 m.

Per pozzi con pendenze, la distanza tra il fondo del pendio e la struttura è ridotta a 0,3 m.

5.42. La larghezza dello scavo e delle trincee lungo il fondo per nastri e fondazioni staccate dovrebbe essere nominata tenendo conto della larghezza delle strutture, dell'impermeabilizzazione, della cassaforma e del fissaggio con l'aggiunta di 0,1 M. Durante lo scavo, la larghezza minima delle trincee deve essere uguale alla larghezza del tagliente del corpo della macchina. aggiungendo 0,15 m in suoli sabbiosi e sabbiosi, 0,1 m in argilla e limacciosi.

5.43. La pulizia del fondo delle fosse di scavo di edifici residenziali e strutture culturali e comunitarie dovrebbe essere effettuata tagliando la carenza di bulldozer sul trattore e parzialmente a mano nelle quantità previste dal SNiP e gettando il terreno sul cordolo superiore del pozzo di scavo con una gru a benna.

5.45. Il rinterro dei seni tra le pendici della fossa e le pareti esterne degli scantinati e dei sottofondi tecnici della parte sotterranea dell'edificio deve essere eseguito dopo l'installazione del soffitto della parte sotterranea dell'edificio.

Per il riempimento dei seni, il terreno viene alimentato da un bulldozer, viene livellato manualmente dagli strati e compattato con i costipatori.

5.46. Il rinterro dei seni tra le pendici delle trincee e le strutture di piccoli appezzamenti e fondazioni (muri, colonne, attrezzature, ecc.) Sepolto al di sotto delle altezze principali del pozzo di fondazione della parte sotterranea dell'edificio deve essere eseguito manualmente con compattazione strato-a-strato del terreno.

5.47. Lo spostamento, l'installazione e l'uso di macchine in prossimità di scavi (trincee, fossati, fossati ecc.) Con pendenze lente è ammesso a condizione che la distanza dal fondo del pendio di scavo al supporto macchina più vicino non sia inferiore a quella specificata nella Tabella 5.

La minima distanza orizzontale ammissibile dal fondo della pendenza dello scavo ai supporti della macchina più vicini

sabbioso e ghiaia

distanza orizzontale del fondo del pendio al supporto più vicino, m

Nota. Se è impossibile rispettare le distanze specificate, le pendenze dello scavo dovrebbero essere rafforzate, cosa che dovrebbe essere indicata nei progetti di lavoro.

5.48. Deviazioni dalle dimensioni previste dal progetto sono consentite per la larghezza e la lunghezza della fossa non superiore a +20 cm e il fondo della fondazione della fossa non superiore a quelle indicate nella tabella. 5, in questo caso, non sono ammesse deviazioni nella direzione di diminuire la larghezza e la lunghezza dello scavo, così come gli eccessi di terra al di sotto dei segni di progetto della base delle strutture sotterranee.

Intervalli di terra consentiti (cm) alla base quando si lavora con escavatori a benna singola

Tipo di attrezzatura per escavatore

Capacità della benna dell'escavatore, cub. m

5.49. Per lo sviluppo di terreni ghiacciati di scavi in ​​condizioni invernali, si dovrebbero usare escavatori a benna singola dotati di un escavatore con una benna con una capacità di 0,5 - 1,5 metri cubi. m.

5.50. Le linee guida per la preparazione per lo scavo di terreni ghiacciati sono fornite nei paragrafi. 5.18 - 5.26, si applicano completamente allo sviluppo del terreno nelle fosse.

5.51. Al fine di evitare la subsidenza del terreno nei seni riempiti tra le pendici dei box e le pareti dei sottofondi tecnici, deve essere accuratamente compattato e non può essere utilizzato per il riempimento del terreno ghiacciato.

Quando si eseguono lavori di scavo con escavatori e ruspe a benna multipla, la carenza durante lo scavo non deve superare i 5 cm. Di norma, lo sviluppo della penuria di terreno deve essere effettuato in modo meccanizzato. Quando si rimuovono i costumi per le trincee con i bulldozer, gli escavatori con benne speciali o altre macchine livellatrici, la carenza rimanente del marchio di progettazione non deve superare i 5-7 cm, che dovrebbero essere raffinati manualmente nei punti di installazione della fondazione.

Sovraccarichi di terreno casuali effettuati durante lo scavo delle fosse dovrebbero essere riempiti con un terreno uniforme sviluppato nello scavo, portato alla densità naturale. Nei casi critici, le aree di forza bruta sono riempite con calcestruzzo magro.

5.53. I lavori di scavo sulle trincee di scavo per la posa di comunicazioni sotterranee sotterranee devono essere eseguiti in conformità con le regole di cui ai paragrafi. 5.54 - 5.84 di queste istruzioni.

Tipi di macchine movimento terra consigliate per lo scavo in condizioni estive

Profondità della trincea in m

trincea con pareti verticali

trincee pendenti

trincea con pareti verticali

trincee pendenti

trincea con pareti verticali

trincee pendenti

terreno vegetale, sabbia, terriccio, senza impurità, terriccio sabbioso senza impurità, scorie non compattate

argilla grassa, terriccio pesante, terriccio sabbioso con macerie, pietrisco con granulometria fino a 10 mm

ciottoli e ghiaia, argilla dura, sabbia con pietrisco superiore al 40%, pietrisco con granulometria fino a 50 mm, scarti di costruzione

5.55. Scavare trincee dovrebbe essere fatto con lo scarico del terreno nella discarica e mettendo discariche da un lato a destra o sinistra delle trincee, a seconda delle condizioni di installazione e fornitura dei materiali.

È vietato lasciare il terreno su entrambi i lati delle trincee, ad eccezione delle aree in cui è necessario nelle condizioni di lavoro.

5.56. Il terreno estratto dalle trincee dovrebbe essere posizionato ad una distanza di almeno 1 m dal bordo superiore e all'esterno del prisma di collasso.

5.57. Nei casi in cui le sezioni del percorso di comunicazione sotterraneo non consentono lo sviluppo meccanizzato del suolo a causa del passaggio del percorso vicino a edifici, recinti, spazi verdi, cavi di comunicazione sotterranei, entrano nell'edificio, ecc., Lo scavo può essere eseguito manualmente con pareti verticali in elementi di fissaggio, con espulsione scavato su un lato della fossa.

Quando si scavano trincee per le utenze sotterranee con pareti verticali, la necessità di fissarle è stabilita da progetti di lavoro, a seconda della loro profondità, delle condizioni del terreno, dell'entità dell'afflusso di acque sotterranee e di altre condizioni locali.

Quando si esegue il backfilling, di regola, devono essere affrontati, tranne quando è tecnicamente impossibile o minaccia di deformare edifici e strutture esistenti.

Il fissaggio delle pareti verticali delle trincee a diverse profondità dovrebbe essere effettuato in conformità con i requisiti della tabella. 8 secondo i disegni standard.

Profondità di scavo, m

Umidità naturale legata al suolo (argilla, argilla e sabbia)

Tavole di montaggio orizzontali con proiezione attraverso una scheda

Suoli sciolti (sabbia) di umidità naturale

Solidi supporti verticali e orizzontali

Suoli diversi e alta umidità

Tutti i tipi di suoli con un forte afflusso di acque sotterranee

indipendentemente dalla profondità

Palancole sotto l'orizzonte della falda con una mattonella fino ad una profondità di almeno 0,75 m

Nota. I progetti di montaggio con una profondità di scavo superiore a 3 m sono installati su singoli progetti.

5.58. Quando si sviluppano trincee manualmente con una larghezza superiore a più di 1,5 m con pendenze, lo scavo deve essere eseguito in discarica con perekidki. Il fondamento logico per l'uso dello sviluppo manuale e il numero di superamenti del suolo è dato nel progetto di sterro.

5.59. Quando si sviluppano trincee con pendenze o quando si lavora in terreni saturi d'acqua, gli escavatori a benna equipaggiata con escavatore a cucchiaia rovescia o trascinatore, nonché gli escavatori a catena ea cesto rotante devono essere utilizzati durante lo sviluppo di trincee con pareti verticali senza elementi di fissaggio utilizzando la tabella consigliata. 7.

5.60. Scavare trincee con pareti verticali senza elementi di fissaggio e con pendenze deve essere effettuato in conformità con i paragrafi. 5.40 - e 5.44 di queste istruzioni. La lunghezza della trincea dovrebbe essere presa sulla lunghezza geometrica del percorso, determinata dall'asse della condotta posata. La lunghezza dei rami è presa dall'asse geometrico dell'intersezione.

5.61. Lo scavo di recessi nelle trincee nei punti di installazione delle piastre di montaggio per le basi all'interno dei collettori di volume a flusso trimestrale può essere fatto manualmente. Lo scopo del lavoro è fissato dal calcolo come percentuale del volume di scavo della trincea dal progetto di scavo.

5.62. Lo scavo del pozzo sul fondo delle trincee per la saldatura e la sigillatura dei giunti dei tubi viene eseguito manualmente con pendenze. Le dimensioni dei pozzetti sono elencate nella tabella. 9.

5.63. Lo scavo di recessi di trincee in luoghi dove i fondi sono fatti per pozzi è fatto manualmente con pendenze, il cui volume è determinato come percentuale del volume di scavo della trincea, per analogia con la fossa.

5.64. La larghezza lungo il fondo delle trincee con pendenze o con pareti verticali senza elementi di fissaggio per la posa di condotte in una linea per la deposizione di canali nei terreni di umidità naturale dovrebbe essere presa secondo la tabella. 10.

Passaggio condizionale della pipeline, mm

Dimensioni della fossa, m

Per tutti i diametri

Sezione trasversale a forma di anello di gomma

Giunto a flangia in ghisa

Anello in gomma di sezione rotonda e tipo KChM

Qualsiasi per tubi non a pressione

Calcestruzzo e cemento armato

Campana, accoppiamento e con una cintura di cemento

O-ring in gomma

Tutti i tipi di giunti di testa

Per tutti i diametri

Bitume d'asfalto, sigillante, ecc.

La designazione contenuta nella tabella. 3: D - diametro esterno della tubazione nel giunto.

Nota. Per altri progetti di giunti e diametri dei tubi, le dimensioni delle fosse dovrebbero essere stabilite nel progetto.

La più piccola larghezza della trincea con pareti verticali lungo il fondo per la posa di condotte

Larghezza di trincea, m, esclusa le giunzioni all'articolazione di testa

giunto, flangia, pieghevole per tutti i tubi e presa per tubi in ceramica

1. Flagelli o singole sezioni con il diametro esterno del tubo, D, m:

D +0,3, ma non inferiore a 0,7

2. Lo stesso nelle aree sviluppate da escavatori di trincee per condotte con un diametro fino a 219 mm, impilate senza persone in trincee (metodo a trincee strette)

3. Lo stesso sulle sezioni della condotta caricate con pesi di cemento armato o dispositivi di ancoraggio

4. Lo stesso sulle sezioni della condotta caricate mediante materiali sintetici non tessuti.

5. Separare i tubi con diametro esterno dei tubi D, m, inclusi:

Note: 1. La larghezza delle trincee per condotte con un diametro superiore a 3,5 m viene stabilita nel progetto in base alla tecnologia della base del dispositivo, all'installazione, all'isolamento e alla terminazione dei giunti.

2. Quando si posano in parallelo più condotte in una trincea, le distanze dai tubi di estremità alle pareti delle trincee sono determinate dai requisiti di questa tabella e le distanze tra i tubi sono stabilite dal progetto.

3. La larghezza delle trincee lungo il fondo in terreni di umidità naturale durante lo scavo di trincee con pendenze è consentita almeno D + 0,5 m.

4. La larghezza delle trincee per condotte in terreni umidi sviluppati con drenaggio aperto dovrebbe essere presa in considerazione con dispositivi di scarico e drenaggio dell'acqua in conformità con le linee guida di progettazione.

5. La larghezza della trincea per la posa di reti tipiche e condotte principali è stabilita in conformità con le regole e i regolamenti di produzione e accettazione del lavoro (SNiP).

6. La larghezza delle trincee con il dispositivo di basi artificiali per condotte e collettori, quando la base è maggiore della larghezza della trincea, adottata secondo la tabella, così come quando si costruiscono le basi per i canali di passaggio e non passaggio, ecc., Viene impostata alla larghezza della base con un aumento di 0,2 m.

7. La larghezza e la pendenza dei pendii delle trincee per la posa combinata del gasdotto dovrebbero essere nominati dal progetto di lavori.

5.65. La larghezza delle trincee con pendenze o pareti verticali senza elementi di fissaggio per tubazioni posate in canali (posa di condotte di condotte) o protetta da un disegno speciale deve essere uguale a A + 0,2 m, dove A è la larghezza del canale in m, compreso lo spessore delle pareti dei canali o parte sporgente base.

5.66. La larghezza delle trincee con attacchi convenzionali deve essere considerata pari a À + 0,2 + 0,3 m, e con palificazione in lamiera - А + 0,2 + 0,4 m.

5.67. Se è necessario eseguire lavori sull'impermeabilizzazione verticale delle superfici esterne del canale, nonché per l'installazione di strutture prefabbricate in calcestruzzo armato con giunti, occorre prendere la larghezza lungo il fondo della trincea: quando si scava una fossa con pendenze o pareti verticali senza fissaggi non inferiori ad A + 0,7 '2 m del lato della trincea, e in presenza di supporti convenzionali, non inferiore a A + 0,7 '2 + 0,3 m, palancole non inferiore a A + 0,7' 2 + 0,4 m.

5.68. La larghezza lungo il fondo della trincea con fissaggi e senza elementi di fissaggio delle pareti per la sistemazione di collettori continui intra-trimestrali di elementi prefabbricati in calcestruzzo armato per utenze sotterranee dovrebbe essere presa con un allargamento di 1,5 m.

5.69. La larghezza delle trincee a una profondità di oltre 3 metri o in caso di impermeabilizzazione complessa con pareti protettive è determinata dal progetto di scavo.

5.70. La larghezza delle trincee per l'installazione di bacini di drenaggio e dispositivi speciali di drenaggio, così come per fondazioni artificiali complesse e altre strutture sotterranee è presa in conformità con le linee guida del progetto per la costruzione e il progetto per la produzione di lavori in terra.

5.71. La pulizia del fondo di trincee larghe fino a 2 m per vari scopi deve essere eseguita con una benna dell'escavatore con un tagliente piatto o manualmente

5.72. Il rinterro delle trincee per le utenze sotterranee con terreno deve essere effettuato dopo la posa di condotte e dispositivi di rete, devono essere prese misure contro il taglio assiale e contro i danni alle tubazioni e il loro isolamento.

5.73. Il riempimento delle trincee con le utenze sotterranee è fatto in parti, in due fasi. Innanzitutto, i seni vengono versati manualmente e spinti verso l'alto e le tubazioni vengono versate a un'altezza non inferiore a 0,2 m sopra la parte superiore della pipeline con un'accurata pigiatura manuale strato per strato, e nel periodo invernale per tubi in ceramica, amianto-cemento e polietilene - 0,5 M. Quindi il resto della trincea viene riempito facendo cadere delicatamente il terreno con i bulldozer. In questo caso, la sigillatura strato-a-strato del rinterro delle condutture viene effettuata principalmente da pappagalli pneumatici e motori, nonché dal metodo di vibrazione.

5.74. Durante la posa di linee di cavi, le trincee dovrebbero avere letti nella parte inferiore e in alto - riempire di nuovo con uno strato di terra poco profonda che non contenga pietre, detriti e scorie. Lo spessore dello strato di terra poco profonda per la lettiera e lo spessore dello strato di riempimento deve essere di almeno 10 cm.

Quando si riempiono le condutture in trincea con una pendenza superiore a 20 °, è necessario adottare misure contro il creep del terreno e lavarle con acqua piovana. Il metodo di rafforzamento del suolo dovrebbe essere specificato nel progetto delle utilità sotterranee.

5.75. Quando si posano tubi in polietilene, è necessario solo il livellamento del fondo della trincea, e nei terreni rocciosi è necessario disporre un cuscino di terreno sciolto non inferiore a 0,1 m di spessore senza l'inclusione di pietre, pietrisco, ecc.

5.76. Il rinterro delle condotte in polietilene deve essere fatto nei momenti più freddi della giornata, è consigliabile passare l'acqua fredda attraverso il gasdotto.

5.77. Il backfilling di trincee con condotte in polietilene può essere effettuato dopo il test preliminare per la densità. Il terreno nella base sotto i tubi non deve contenere mattoni, pietre e macerie. Non permettere che il fondo della trincea si riempia di grossi ciuffi di terra.

5.78. Con il passaggio del percorso lungo gli edifici, le recinzioni, gli spazi verdi, ecc., Lo scavo è eseguito manualmente con rinterri stratificati per 0,2 m.

5.79. Il rinterro delle trincee alle loro intersezioni (su e giù) con marciapiedi e marciapiedi, così come agli incroci con cavi e utenze sotterranee poste all'interno della profondità della fossa, dovrebbe essere fatto manualmente con strati di sabbia non più di 0,1 m di spessore con un'accurata compattazione strato dopo strato, irrigazione con acqua e tenendo conto del coefficiente di compattazione della sabbia dopo la pressatura, pari a 1,12.

5.80. Le distanze minime consentite per la posizione delle macchine movimento terra e dei veicoli lungo i bordi delle trincee dovrebbero essere prese in base ai dati stabiliti per scavare le fosse.

5.81. Le distanze più brevi consentite dalla linea di pendenza della trincea all'inizio della discarica di terreno sul bordo della trincea non devono essere inferiori a 0,7 m con una profondità di trincea fino a 3 me non meno di 1,0 m - con una profondità di scavo superiore a 3 m.

5.82. Per lo sviluppo di terreni ghiacciati in trincee in condizioni invernali dovrebbero essere utilizzati escavatori a pala singola con un escavatore a cucchiaia rovescia con un secchio con una capacità di 0,5 cu. m e sopra o escavatori di trincee.

Con una profondità di congelamento fino a 0,25 m, il terreno viene sviluppato dagli escavatori senza preparazione preliminare e con una maggiore profondità di congelamento è consigliato:

durante lo sviluppo con escavatori a benna singola, allentamento del terreno con un ripper RO-126 incernierato sulla base di un trattore DET-250 o taglio di crepe con macchine a barre.

durante lo sviluppo con escavatori multi-bucket, lo scavo del terreno viene effettuato senza prima allentarlo a una profondità di congelamento fino a 1,5 - 2 m.

5.83. In inverno, i seni tra le pareti dello scantinato e le pendici del pozzo, di regola, dovrebbero essere coperti con terreno scongelato.

Le trincee del gasdotto dovrebbero essere scavate senza disturbare la struttura naturale del terreno alla base.

Sovraccarichi casuali del suolo lungo il fondo della trincea dovrebbero essere riempiti di sabbia o omogenei con il terreno sviluppato in una trincea, portato alla densità naturale.

In casi critici, le paratie sono riempite con calcestruzzo magro e per i gasdotti - sabbia con compattazione.

In luoghi in cui il terreno non è ben collegato a terra, è necessario disporre un vassoio sotto i tubi. Non sono consentite carenze in trincee per drenaggio chiuso. Le pendenze delle trincee e dei canali non dovrebbero avere prestazioni insoddisfacenti e la loro pianificazione non dovrebbe essere fatta.

5.85. I lavori di scavo sul dispositivo delle strade intra-quarti, strade private, piattaforme e binari devono essere effettuati in conformità con le regole di cui ai paragrafi. 5.86 - 5.90 di queste istruzioni.

Se necessario, l'uso di suoli eterogenei dovrebbe soddisfare le seguenti condizioni:

a) la superficie di strati di terreni meno drenanti, situati sotto strati di terreni più drenanti, dovrebbe avere una pendenza dall'asse del terrapieno ai bordi di almeno 4 °;

b) la superficie degli strati di terreni più drenanti situati sotto gli strati di terreni meno drenanti dovrebbe essere orizzontale;

c) le pendenze di terreni più drenanti non devono nascondersi dietro meno drenanti;

d) costruzione di terrapieni da terreni eterogenei (sabbia, terriccio, ghiaia), posati in condizioni miste, ad es. dal mix di cava naturale di questi terreni;

e) non è consentito lo scarico di terreni drenanti misti (non in strati) con non drenanti per evitare la formazione di sacchi d'acqua nel terrapieno.

5.87. Lo scarico del terreno negli argini di pianificazione dovrebbe essere fatto a strati, il cui spessore è determinato dal progetto in base al metodo accettato di compattazione del suolo.

La posa del terreno sulle aree da compattare deve essere effettuata in strati orizzontali o leggermente inclinati e deve essere accompagnata da una compattazione accurata di ogni strato.

Nel caso della formazione di onde sulla superficie dello strato laminato, non è consentito l'uso di rulli con rulli lisci.

5.88. Raccomandiamo la seguente tecnologia di scavo durante la costruzione di strade interne e passi carrai:

a) lo scarico del terrapieno sotto la carreggiata con l'aiuto di raschietti, bulldozer o autocarri a cassone ribaltabile viene effettuato a strati, corrispondente alla potenza utilizzata dai meccanismi per la compattazione del suolo;

b) lo scavo del trogolo stradale è effettuato da bulldozer con capacità da 60 a 130 kW o da escavatori da 0,3 a 0,65 m 3 con allentamento preliminare del terreno nei casi necessari. La profondità della vasca deve corrispondere al disegno e la larghezza deve essere presa in vista dell'installazione dei cordoli;

c) il consolidamento del terrapieno sotto la strada dovrebbe essere conforme ai paragrafi. 4.29 - 4.32 di queste istruzioni.

d) la base sabbiosa viene posata dopo aver controllato il fondo della vasca compattata con una sagoma con un livello che riproduca il profilo trasversale del fondo del trogolo. La sabbia per la base deve avere un coefficiente di filtrazione superiore a 3 m al giorno e contenere non più del 7% di particelle di argilla e polvere.

La sabbia per la fondazione di una strada permanente viene scaricata a metà della larghezza del canale. La seconda metà è utilizzata per il traffico. Prima che la sabbia smarrisca nella seconda metà del canale, dovrebbe essere ulteriormente pianificata e compattata. Il livellamento della sabbia viene effettuato da un bulldozer, la superficie di fondo sabbiosa che pianifica - per mezzo di binari. Lo spessore dello strato di sabbia nel corpo libero dovrebbe superare il disegno per il coefficiente di allentamento di 1,10-1,15. Lo spessore di progettazione dello strato sottostante sabbioso, in base al tipo di terreno, viene approssimativamente ricavato dal tavolo. 11.

Spessore approssimativo dello strato sottostante sabbioso della strada permanente sotto il carico H-13