Riscaldamento preliminare e associato durante la saldatura

Per evitare la formazione di fessurazioni di cristallizzazione durante la saldatura, creare strutture di tempra fragili in plastica bassa eseguono il riscaldamento preliminare e concomitante del giunto saldato. La necessità di riscaldamento e la sua temperatura è determinata dalla tecnologia di saldatura.

Per il riscaldamento, è possibile utilizzare il riscaldamento a fiamma con bruciatori a gas convenzionali o speciali, il riscaldamento elettrico mediante il metodo di resistenza utilizzando riscaldatori elettrici a dita flessibili o il riscaldamento a induzione con correnti industriali e ad alta frequenza (400-8000 Hz). La temperatura del riscaldamento preliminare e concomitante è controllata con termopray. Le matite termiche sono barre cilindriche di cera con un diametro di 8-10 mm e una lunghezza di 100-120 mm. Per misurare la temperatura sulla superficie riscaldata con una matita mettere colpi. Una matita può essere applicata a 2 mila tratti. La temperatura viene misurata ad una distanza di almeno 100 mm dal bordo riscaldato. Quando la superficie viene riscaldata, la temperatura del metallo in un dato momento determina il cambiamento nel colore dei tratti. Il colore delle pennellate è irreversibile e quando la superficie si raffredda, il colore originale dei tratti non viene ripristinato. Per una migliore visibilità del colore, si consiglia di applicare i tratti sulla superficie preriscaldata a 20-80 ° C. I termoformati contengono sostanze tossiche, quindi quando si lavora con loro è necessario osservare le precauzioni. Devono essere conservati ad una temperatura non superiore a 25 ° C, l'imballaggio deve essere opaco e con i bordi cerati, le matite termiche non perdono le loro proprietà per 10 anni.

Grande enciclopedia di petrolio e gas

Riscaldamento pre-concomitante

Preriscaldamento e riscaldamento simultaneo, il raffreddamento forzato concomitante sono mezzi tecnologici per regolare i parametri del ciclo termico e, di conseguenza, la struttura, le caratteristiche meccaniche e la resistenza alla corrosione dei giunti saldati. Il processo di trattamento termico è associato a un cambiamento nello stato strutturale e di stress del metallo, che contribuisce alla stabilizzazione e al ripristino delle proprietà del metallo, aumentando l'efficienza degli elementi strutturali. [1]

Il riscaldamento preliminare e simultaneo, che dà risultati positivi nella saldatura di acciaio perlato, in alcuni casi non dà (dal punto di vista della riduzione della tendenza alle cricche calde) un effetto notevole, ma ha un effetto negativo dovuto all'espansione della zona di deformazione plastica del materiale di base o sottostante saldare i rulli metallici e, di conseguenza, migliora l'effetto di questo fattore. [3]

Il preriscaldamento e il riscaldamento simultaneo e la successiva tempra durante la saldatura automatica e semiautomatica in anidride carbonica dovrebbero soddisfare le stesse condizioni stabilite per la saldatura ad arco manuale dei corrispondenti tipi di acciaio. [4]

Il riscaldamento preliminare e di accompagnamento può essere eseguito da riscaldatori a induzione, forni elettrici a muffola, bruciatori a gas ad anello o altri mezzi che garantiscono un riscaldamento uniforme su tutta la sezione trasversale dell'elemento tubolare. [6]

I bordi riscaldati preliminari e di accompagnamento, raccomandati in alcuni casi durante la saldatura di acciai austenitici resistenti al calore e leghe, durante la saldatura di acciai resistenti alla corrosione a causa di una diminuzione della resistenza alla corrosione del giunto non sono desiderabili. Il riscaldamento può essere consentito solo in caso di tempra o stabilizzazione del prodotto. [7]

Il riscaldamento preliminare e di accompagnamento è richiesto fino a una temperatura di 650-700 C. [8]

È necessario il riscaldamento preliminare e accompagnatorio fino a una temperatura di 650-700 ° C. [9]

La necessità di un riscaldamento preliminare e associato e delle sue modalità durante la saldatura dovrebbe essere regolata dalla NTD per la saldatura in base al tipo di materiale e allo spessore degli elementi della tubazione saldati. [10]

La temperatura del riscaldamento preliminare e associato deve essere monitorata con particolare attenzione durante l'intero periodo di saldatura. La violazione delle condizioni termiche di saldatura è una delle ragioni principali che portano alla formazione di crepe. [11]

Per il riscaldamento preliminare e simultaneo durante la saldatura nelle condizioni di installazione, vengono utilizzati vari dispositivi di riscaldamento, riscaldatori a induzione, bruciatori speciali multi-torcia a gas, frese a gas e frese a cherosene. [13]

Si consiglia di utilizzare il pre e post riscaldamento. La resistenza dei composti ottenuti dipende dalla resistenza del materiale di apporto. Il cromo rivestito con lega EI435 può essere saldato mediante saldatura a punti di resistenza e saldatura ad arco di argon con elettrodo di tungsteno con protezione del getto che fonde lo strato rivestito e utilizza il filo di apporto delle leghe di nichel. [14]

La necessità di preriscaldamento e riscaldamento simultaneo (durante l'incollatura e la saldatura) e le relative modalità devono essere indicate nel manuale della tecnologia di saldatura. [15]

Qual è il riscaldamento preliminare e associato durante la saldatura?

Riscaldamento pre-concomitante

Si consiglia di eseguire la saldatura con un riscaldamento preliminare e accompagnatorio fino a 200 con giunzioni corte ad arco saldato sottoposte ad alta tempra a 700 ° C.

Preliminare, accompagnare e il successivo riscaldamento nel settore della saldatura

Nella produzione moderna, l'uso di acciai con proprietà speciali è molto diffuso. L'utilizzo di questi materiali consente di ottenere prodotti con elevate proprietà di resistenza, corrosione e resistenza chimica, in grado di operare a temperature critiche e di fornire ulteriori opportunità per la perdita di peso e il costo totale dei prodotti finali.

Tuttavia, l'uso di materiali speciali richiede l'uso di tecnologie speciali durante i processi di taglio di grezzi e operazioni di saldatura.

Tecnologia di riscaldamento

Un metodo efficace per prevenire la formazione di possibili difetti, come la comparsa di crepe calde e fredde, la modifica delle proprietà del materiale nella zona interessata dal calore è l'uso di riscaldamento preliminare, concomitante e successivo durante le operazioni di saldatura e altre operazioni tecnologiche. Durante il taglio di questi materiali, viene solitamente applicato il preriscaldamento, mentre viene utilizzato il preriscaldamento e il riscaldamento successivo e successivo.

Il riscaldamento può essere utilizzato anche nella lavorazione di altri materiali (ad esempio l'alluminio), in particolare con un grande spessore del materiale. Quando si tagliano gli acciai, l'uso del preriscaldamento consente di tagliare un metallo spesso con una qualità migliore e una maggiore velocità.

La temperatura e la zona di riscaldamento richiesta dipendono dal tipo di materiale, dal suo spessore e dal processo successivo. È importante mantenere una temperatura tecnologicamente specifica direttamente nel processo di saldatura e taglio del materiale. Il riscaldamento dovrebbe essere fornito uniformemente per tutto lo spessore del materiale all'intera zona termicamente alterata.

A seconda delle possibilità di produzione, dei materiali utilizzati, delle dimensioni dei prodotti e del successivo processo di lavorazione, vengono utilizzate varie opzioni di riscaldamento, come ad esempio:

- riscaldamento nel forno con il successivo movimento degli sbozzati verso i banchi di saldatura e montaggio;

- riscaldamento del pezzo con una fiamma di gas seguita da operazioni di saldatura e taglio;

- riscaldamento locale con bruciatori a gas, tecnologicamente combinato con il processo di saldatura / taglio,

- tappetini elettrici di riscaldamento;

- riscaldamento induttivo del pezzo.

In definitiva, l'efficienza dell'applicazione del riscaldamento dipende dalla precisione, dall'uniformità e dalla controllabilità del processo di distribuzione della temperatura sull'intero spessore del materiale nella zona interessata dal calore, nonché dalla velocità di riscaldamento.

Riscaldato da una fiamma a gas

Il riscaldamento locale con bruciatori a gas, tecnologicamente combinato con il processo di saldatura / taglio, è il metodo più versatile, richiede investimenti minimi in attrezzature. Questo processo è anche economicamente vantaggioso a causa del minimo raffreddamento del pezzo prima di elaborare e riscaldare solo le zone termicamente interessate dal punto di vista tecnologico senza il costo aggiuntivo di riscaldamento dell'intera struttura.

L'energia rilasciata dai bruciatori e la sua concentrazione nella fiamma devono corrispondere al compito di riscaldamento. La quantità di questa energia è determinata dai gas utilizzati, dalle dimensioni e dal design degli ugelli.

Gas diversi possono essere utilizzati per bruciatori locali: combustibile - acetilene, propano o gas naturale; ossidante - aria dall'ambiente senza pressurizzazione, aria compressa o ossigeno.

I gas combustibili hanno un'influenza molto grande sulla velocità di riscaldamento, sulla capacità di automatizzare il processo e sulla qualità finale della lavorazione. I gas a combustione lenta (come propano e gas naturale) sono caratterizzati da una lunga fiamma con un'ampia dissipazione del calore.

L'uso di aria ambiente come ossidante nel proprio ambiente senza sovralimentazione porta a un processo di riscaldamento a bassa regolazione e, in definitiva, all'uso inefficiente di gas combustibili e costi aggiuntivi.

È importante come scelta corretta di gas combustibile e ossidante e la corretta posizione dei bruciatori rispetto al materiale riscaldato per garantire il trasferimento di tutta l'energia della fiamma nel materiale lavorato.

Troppo flusso di gas con una piccola distanza del bruciatore dalla superficie riscaldata porta al fatto che la fiamma riscalda non solo la parte, ma anche il sistema stesso del bruciatore. Lo stesso accade quando si utilizza gas combustibile con una bassa velocità di combustione (propano o gas naturale) a causa del fatto che la fiamma viene riflessa dalla superficie riscaldata e brucia nella zona dei bruciatori. In definitiva, viene consumata una quantità eccessiva di energia e si verifica il surriscaldamento dei bruciatori e la loro rottura più rapida. Le fiamme basate su una combinazione di acetilene e aria compressa forniscono la massima energia grazie all'elevata temperatura di combustione dell'acetilene e possono essere ben regolate e controllate. I bruciatori su questa miscela di gas a causa dell'elevato tasso di combustione dell'acetilene e, di conseguenza, un'alta concentrazione di energia della fiamma sono i più efficaci in termini di prestazioni, durata ed efficienza.

Allo stesso tempo, una bassa concentrazione di umidità rilasciata nella fiamma durante la combustione di acetilene (

Riscaldamento preliminare e associato durante la saldatura

Nella produzione moderna, l'uso di acciai con proprietà speciali è molto diffuso. L'utilizzo di questi materiali consente di ottenere prodotti con elevate proprietà di resistenza, corrosione e resistenza chimica, in grado di operare a temperature critiche e di fornire ulteriori opportunità per la perdita di peso e il costo totale dei prodotti finali.

Tuttavia, l'uso di materiali speciali richiede l'uso di tecnologie speciali durante i processi di taglio di grezzi e operazioni di saldatura.

Tecnologia di riscaldamento

Un metodo efficace per prevenire la formazione di possibili difetti, come la comparsa di crepe calde e fredde, la modifica delle proprietà del materiale nella zona interessata dal calore è l'uso di riscaldamento preliminare, concomitante e successivo durante le operazioni di saldatura e altre operazioni tecnologiche. Durante il taglio di questi materiali, viene solitamente applicato il preriscaldamento, mentre viene utilizzato il preriscaldamento e il riscaldamento successivo e successivo.

Il riscaldamento può essere utilizzato anche nella lavorazione di altri materiali (ad esempio l'alluminio), in particolare con un grande spessore del materiale. Quando si tagliano gli acciai, l'uso del preriscaldamento consente di tagliare un metallo spesso con una qualità migliore e una maggiore velocità.

La temperatura e la zona di riscaldamento richiesta dipendono dal tipo di materiale, dal suo spessore e dal processo successivo. È importante mantenere una temperatura tecnologicamente specifica direttamente nel processo di saldatura e taglio del materiale. Il riscaldamento dovrebbe essere fornito uniformemente per tutto lo spessore del materiale all'intera zona termicamente alterata.

A seconda delle possibilità di produzione, dei materiali utilizzati, delle dimensioni dei prodotti e del successivo processo di lavorazione, vengono utilizzate varie opzioni di riscaldamento, come ad esempio:

- riscaldamento nel forno con il successivo movimento degli sbozzati verso i banchi di saldatura e montaggio;

- riscaldamento del pezzo con una fiamma di gas seguita da operazioni di saldatura e taglio;

- riscaldamento locale con bruciatori a gas, tecnologicamente combinato con il processo di saldatura / taglio,

- tappetini elettrici di riscaldamento;

- riscaldamento induttivo del pezzo.

In definitiva, l'efficienza dell'applicazione del riscaldamento dipende dalla precisione, dall'uniformità e dalla controllabilità del processo di distribuzione della temperatura sull'intero spessore del materiale nella zona interessata dal calore, nonché dalla velocità di riscaldamento.

Riscaldato da una fiamma a gas

Il riscaldamento locale con bruciatori a gas, tecnologicamente combinato con il processo di saldatura / taglio, è il metodo più versatile, richiede investimenti minimi in attrezzature. Questo processo è anche economicamente vantaggioso a causa del minimo raffreddamento del pezzo prima di elaborare e riscaldare solo le zone termicamente interessate dal punto di vista tecnologico senza il costo aggiuntivo di riscaldamento dell'intera struttura.

L'energia rilasciata dai bruciatori e la sua concentrazione nella fiamma devono corrispondere al compito di riscaldamento. La quantità di questa energia è determinata dai gas utilizzati, dalle dimensioni e dal design degli ugelli.

Gas diversi possono essere utilizzati per bruciatori locali: combustibile - acetilene, propano o gas naturale; ossidante - aria dall'ambiente senza pressurizzazione, aria compressa o ossigeno.

I gas combustibili hanno un'influenza molto grande sulla velocità di riscaldamento, sulla capacità di automatizzare il processo e sulla qualità finale della lavorazione. I gas a combustione lenta (come propano e gas naturale) sono caratterizzati da una lunga fiamma con un'ampia dissipazione del calore.

L'uso di aria ambiente come ossidante nel proprio ambiente senza sovralimentazione porta a un processo di riscaldamento a bassa regolazione e, in definitiva, all'uso inefficiente di gas combustibili e costi aggiuntivi.

È importante come scelta corretta di gas combustibile e ossidante e la corretta posizione dei bruciatori rispetto al materiale riscaldato per garantire il trasferimento di tutta l'energia della fiamma nel materiale lavorato.

Troppo flusso di gas con una piccola distanza del bruciatore dalla superficie riscaldata porta al fatto che la fiamma riscalda non solo la parte, ma anche il sistema stesso del bruciatore. Lo stesso accade quando si utilizza gas combustibile con una bassa velocità di combustione (propano o gas naturale) a causa del fatto che la fiamma viene riflessa dalla superficie riscaldata e brucia nella zona dei bruciatori. In definitiva, viene consumata una quantità eccessiva di energia e si verifica il surriscaldamento dei bruciatori e la loro rottura più rapida. Le fiamme basate su una combinazione di acetilene e aria compressa forniscono la massima energia grazie all'elevata temperatura di combustione dell'acetilene e possono essere ben regolate e controllate. I bruciatori su questa miscela di gas a causa dell'elevato tasso di combustione dell'acetilene e, di conseguenza, un'alta concentrazione di energia della fiamma sono i più efficaci in termini di prestazioni, durata ed efficienza.

La soluzione integrata Linde Gas LINDOFLAMM® del pre, concomitante e successivo sistema di riscaldamento basato su bruciatori ad acetilene / fiamma ad alte prestazioni comprende sistemi di stoccaggio e fornitura di gas di processo e sistemi di controllo con diversi gradi di automazione dei processi, nonché fornitura integrata di gas tecnici.

Il grado di automazione dei sistemi di riscaldamento è determinato dal cliente e può includere dai sistemi di controllo manuale della fiamma ai sistemi di controllo automatico del processo con controllo della temperatura di feedback in linea, inclusa la registrazione della temperatura del pezzo durante l'elaborazione e l'integrazione del sistema di controllo del riscaldamento nel processo di controllo automatico della produzione.

Esempi di sistemi di preriscaldamento

1. Preriscaldamento del raggio, combinato con il processo di saldatura ad arco sommerso

La dimensione della costruzione è 1200x800mm, lunghezza 22000mm, spessore 65mm.

Temperatura di preriscaldamento 120-150 ° C.

La velocità di saldatura è 400-500 mm / min.

Sistema LINDOFLAMM® con bruciatori ad acetilene / aria compressa lineari combinati con saldatura a flusso.

Il risultato: l'uso delle torce LINDOFLAMM® ha permesso di combinare il processo di preriscaldamento con il processo di saldatura.

2. Preriscaldamento della zona di saldatura dell'albero dell'elica

Il diametro dell'albero è di 219 mm, lo spessore della parete dell'albero è di 15 mm. La lunghezza minima dell'albero è di 1 105 mm, la massa (peso) dell'albero è di 300 kg. La combinazione di materiali (da C 45 a S 355 o 42CrMo4). Temperatura di preriscaldamento da 250 a 350 ° C. Saldatura in gas protettivo.

Il sistema di riscaldamento a propano / aria compressa utilizzato in precedenza è stato sostituito da un sistema LINDOFLAMM® con acetilene a 10 ugelli / aria compressa.

Il risultato: l'uso dei bruciatori LINDOFLAMM® ha ridotto il tempo di riscaldamento da 30 a 10 minuti e aumentato l'efficienza economica del processo. Inoltre, l'uso di una fiamma altamente concentrata di riscaldamento locale ha ridotto il riscaldamento eccessivo dell'albero al di fuori della HAZ e aumentato le sue proprietà di resistenza.

3. Riscaldato mediante saldatura del serbatoio chimico

Il diametro del serbatoio d = 2900mm. Spessore parete - 43 mm Temperatura preriscaldamento preriscaldo 150 ° C.

Oltre alla precisa osservanza della temperatura di preriscaldamento, è importante prevenire la presenza di umidità nell'area del bagno di saldatura al fine di garantire una saldatura di qualità.

La tecnologia di preriscaldamento basata su bruciatore a propano / aria utilizzata in precedenza a causa della loro bassa intensità è stata sostituita da un sistema di bruciatore ad aria compressa / acetilene LINDOFLAMM®.

Risultato: l'utilizzo del sistema di riscaldamento LINDOFLAMM® con bruciatori ad acetilene / aria compressa ha permesso di ridurre i costi totali di riscaldamento del 32,4% e di evitare completamente il verificarsi di difetti di saldatura a causa di una significativa riduzione della generazione di umidità dalla fiamma nella zona di riscaldamento.

Pre e post riscaldamento

Nella letteratura per lo stesso acciaio sono stati utilizzati diversi preriscaldamenti di temperatura. Mentre in condizioni di produzione, il riscaldamento causa grandi difficoltà. Soprattutto le difficoltà vengono esacerbate durante la saldatura di strutture di grandi dimensioni spesse. Pertanto, la temperatura di riscaldamento deve essere considerata il più accuratamente possibile. Il surriscaldamento ingiustificato della temperatura di riscaldamento complica il lavoro dei saldatori e aumenta l'intensità di lavoro del lavoro. Il riscaldamento insufficiente non può fornire saldature di buona qualità e porta alla formazione di crepe.

Preriscaldamento consigliato e temperature di preriscaldamento simultanee

Il preriscaldamento contribuisce anche al rilascio di idrogeno, assorbito precocemente dall'acciaio austenitico. La solubilità dell'idrogeno nei prodotti di decomposizione dell'austenite è piccola e durante le trasformazioni, una parte significativa dell'idrogeno viene rilasciata in determinati siti in forma molecolare. Nei luoghi di accumulo di idrogeno molecolare si verifica un'alta pressione. Con l'esposizione simultanea alla pressione dell'idrogeno e gli stress associati alla trasformazione dell'austenite nella zona termicamente colpita, possono verificarsi lacrime e crepe. Quando riscaldato, l'idrogeno atomico ha una maggiore mobilità, ha il tempo di emergere e, di conseguenza, la possibilità di cracking è ridotta.

Il riscaldamento durante la saldatura può essere comune, locale e combinato. Quando si sceglie un metodo di riscaldamento è necessario considerare:

- la natura e l'entità della saldatura,

- la lunghezza e la posizione delle cuciture,

- grado di lavorazione,

- possibilità di trasporto dopo il riscaldamento,

- impianti di riscaldamento disponibili presso la struttura.

Poiché gli acciai resistenti al calore sono sensibili alle brusche variazioni di temperatura nell'intervallo 0 - 500 o C, la velocità di preriscaldamento dovrebbe essere lenta e il riscaldamento dovrebbe essere uniforme e simmetrico. La velocità di riscaldamento ottimale è 30 - 50 o C. Il calore dalla superficie metallica deve essere trasferito verso l'interno in modo che il gradiente di temperatura sia minimo. Pertanto, i dispositivi di riscaldamento dovrebbero consentire di regolare la velocità di riscaldamento.

Preriscaldamento prima della saldatura

Quando si saldano prodotti da leghe di alluminio, spesso fanno ricorso al loro preriscaldamento. In pratica, bruciatori a gas di riscaldamento ampiamente utilizzati e aria calda. Tuttavia, entrambi questi metodi presentano notevoli inconvenienti. Ad esempio, quando si usano bruciatori a gas, è possibile che alcune zone del metallo si surriscaldino e, di conseguenza, il prodotto si deformi.

Quando si utilizza l'aria calda per il riscaldamento, sono necessari dispositivi e schermi speciali per proteggere l'arco di saldatura e il saldatore dalle masse d'aria calda. Il metodo di riscaldamento elettrocontatto sta trovando un uso sempre più diffuso, che elimina questi inconvenienti, è conveniente nel funzionamento e consente, con la corretta posizione dei riscaldatori, di resistere a una data temperatura con grande precisione ed uniformità. Il riscaldatore elettrico di contatto costituito da una striscia di alluminio con elementi installati di riscaldamento termoelettrico è mostrato in fig. 1.


Fig. 1. Riscaldatore per elettrocontatto.

La temperatura di preriscaldamento è solitamente assegnata arbitrariamente, entro 120-200 ° C. Tuttavia, il riscaldamento a una temperatura così elevata crea notevoli difficoltà per il lavoro del saldatore e in molti casi è generalmente inaccettabile. Ad esempio, un tale riscaldamento durante la saldatura di leghe termicamente indurite può portare ad un ammorbidimento del metallo, mentre la saldatura di leghe termicamente indurite, ad un aumento significativo di grano nella zona interessata dal calore e spesso ad un aumento nel numero di pori.

Temperatura di preriscaldamento possibile; ridurre, scegliendo il metodo di saldatura più appropriato per un caso particolare. Il riscaldamento ad alta temperatura è più necessario quando si saldano prodotti per elettrodi non consumabili di grande spessore. Se, tuttavia, la saldatura con un elettrodo non consumabile viene utilizzata solo per prodotti con uno spessore massimo di 10-12 mm, è possibile ridurre significativamente la temperatura di preriscaldamento e in alcuni casi persino rifiutare il riscaldamento. Per la saldatura! prodotti più spessi, si consiglia di utilizzare elettrodi di consumo di saldatura semi-automatica e automatica.

Riscaldamento preliminare e associato durante la saldatura

Tubo in acciaio di marca

Spessore nominale delle parti saldate, mm

Fino a 10 inclusi

Da 10 a 25 inclusi

Fino a 10 inclusi

Da 10 a 14 inclusi

Dal 14 al 25 incluso

Fino a 10 inclusi

Indipendentemente dallo spessore

Indipendentemente dallo spessore

7.3. In tutti i casi, la temperatura del riscaldamento preliminare e associato non deve superare il valore massimo di oltre il 20%.

7.4. Quando la temperatura ambiente è inferiore a 0 ° C, saldare e afferrare i giunti delle tubazioni con i seguenti requisiti:

a) la temperatura minima dell'aria ambientale alla quale è possibile eseguire l'incollatura e la saldatura dei giunti dei tubi, a seconda della marca, è riportata in tabella. 7.

Requisiti per la temperatura dell'aria ambiente durante la saldatura e l'incollaggio di giunzioni di tubi

Tubi saldati in acciaio

Spessore nominale della parete, mm

Temperatura ambiente minima, ° С

12MH, 15XM, 12H1MF

Nota. Quando si saldano tubi di acciaio di diversi gradi, i requisiti per la temperatura ambiente consentita sono accettati per l'acciaio per il quale la temperatura ambiente consentita è maggiore.

b) i giunti di tubi, che a temperatura positiva dovrebbero essere saldati con riscaldamento e trattamento termico, devono essere trattati termicamente a temperatura negativa immediatamente dopo la saldatura; La pausa tra saldatura e trattamento termico è consentita a condizione che in questo momento la temperatura del riscaldamento accluso venga mantenuta alla giunzione;

c) il metallo nella zona del giunto saldato prima di incollare e saldare deve essere asciugato e riscaldato per portare la sua temperatura a positiva;

d) il riscaldamento dei giunti durante l'incollaggio e la saldatura viene eseguito negli stessi casi con una temperatura ambiente positiva, ma la temperatura di riscaldamento deve essere superiore di 50 ° C a quella indicata in Tabella. 6;

e) durante tutte le operazioni termiche (imbastitura, saldatura, trattamento termico, ecc.), le giunzioni dei tubi devono essere protette dagli effetti di precipitazioni, vento, correnti d'aria fino a quando si raffreddano completamente.

Nota. Quando si salda in rifugi locali come cabine, cabine, tende, la temperatura dell'aria ambiente è considerata la temperatura all'interno dello shelter ad una distanza di 0,5-0,8 m dalla giunzione orizzontale.

8. Tecnologia di saldatura delle tubazioni da acciai resistenti al calore

8.1. I lavori di saldatura devono essere eseguiti secondo un percorso precedentemente sviluppato. La mappa tecnologica dovrebbe riflettere i requisiti tecnologici e le condizioni di saldatura.

8.2. La mappa tecnologica viene elaborata sulla base dei requisiti di questo RD dal responsabile della saldatura ed è approvata dall'ingegnere capo dell'impresa o dall'ingegnere capo dell'unità che gestisce questa sezione del gasdotto.

8.3. Prima di eseguire il lavoro, il saldatore (equipaggio) dovrebbe studiare la mappa tecnologica e chiarire i parametri della modalità di saldatura.

8.4. La saldatura ad arco manuale dei giunti dei tubi deve essere effettuata a una corrente costante di polarità inversa mediante gli elettrodi specificati in Tabella. 1.

8.5. La saldatura deve essere eseguita a condizioni moderate per evitare il surriscaldamento del metallo. I valori approssimativi della corrente durante la saldatura nella posizione inferiore della giunzione a seconda del diametro dell'elettrodo sono riportati in Tabella. 8. In corrispondenza delle posizioni verticali e del soffitto della giunzione, la corrente dovrebbe essere ridotta del 10-20%. Per ogni marca di elettrodo, la modalità deve essere specificata dai dati del passaporto. Gli elettrodi con un diametro di 5 mm possono essere utilizzati durante la saldatura nelle posizioni inferiori e verticali della giunzione di giunti verticali non rotanti. La zona di giunzione del soffitto deve essere eseguita con elettrodi con un diametro non superiore a 4 mm. Lo spessore degli strati depositati 4-6 mm.

6.4. Giunti riscaldati durante l'incollatura e la saldatura

6.4.1. La necessità e la temperatura di riscaldamento dei giunti di testa prima della virata e della saldatura con metodi ad arco a temperatura ambiente positiva è regolata dalla tabella dei dati. 6.3.

La temperatura del riscaldamento dei giunti saldati ad angolo dei sistemi di tubazioni è determinata anche dalla tabella 6.3, mentre lo spessore nominale delle parti da saldare è lo spessore della parte più spessa (collettore o pipeline).

La saldatura del gas viene eseguita senza riscaldamento speciale del giunto, ma con il suo riscaldamento prima della saldatura in conformità con i requisiti del paragrafo 10.9.

6.4.2. La giunzione può essere riscaldata da induttori (corrente industriale o media frequenza), resistenze alle radiazioni, una fiamma di gas, fornendo riscaldamento del giunto lungo l'intero perimetro. Nei giunti di tubi con uno spessore della parete superiore a 30 mm, la larghezza della zona di riscaldamento deve essere di almeno 150 mm (70 - 75 mm su ciascun lato), con uno spessore della parete di 30 mm - almeno 100 mm.

La larghezza della zona di riscaldamento dell'angolo e dei giunti sovrapposti è di 50 - 75 mm in ciascuna direzione rispetto alla futura giuntura.

I giunti di tubi in acciaio 12H1MF e 15H1M1F con uno spessore di parete superiore a 45 mm devono essere riscaldati da un induttore. Il riscaldamento di questi giunti deve essere organizzato in modo tale che subito dopo la fine della saldatura sia possibile produrre il loro trattamento termico.

I giunti dei tubi con uno spessore di parete pari o inferiore a 25 mm possono essere riscaldati con una fiamma a gas. I giunti di tubi con uno spessore di parete superiore a 25 mm possono essere riscaldati con torce per saldatura a fiamma di gas o cannelli da taglio solo in casi eccezionali se non è possibile installare un induttore, un riscaldatore a radiazione o una torcia ad anello; allo stesso tempo è necessario mettere una muffola (manichetta) in amianto sul tubo e garantire un riscaldamento uniforme della giuntura lungo tutto il perimetro.

Quando si salda l'anello di supporto, l'estremità del tubo può essere riscaldata con una fiamma a gas indipendentemente dallo spessore della parete del tubo.

6.4.3. La temperatura di riscaldamento può essere monitorata mediante termocoppie (TP), termometri a contatto digitale (TK-3M, TK-5, ecc.), Pirometri, termopitture e colori termici. Il monitoraggio della temperatura di riscaldamento preliminare e simultaneo di giunti di tubi di acciai poco legati con un diametro superiore a 600 mm e uno spessore della parete superiore a 25 mm deve essere eseguito in due punti diametralmente opposti lungo il perimetro del giunto, mentre nei giunti verticali la misurazione viene eseguita nei punti inferiore e superiore del giunto.

Ad una temperatura ambiente positiva, la temperatura del riscaldamento del giunto può essere controllata con una corrispondenza: la sua accensione (senza attrito contro la superficie metallica) avviene a una temperatura del metallo di circa 270 gradi. C. La misurazione della temperatura di riscaldamento deve essere eseguita all'interno della zona di riscaldamento, la cui larghezza è determinata al punto 6.4.2.

Preliminare, riscaldamento associato e trattamento termico del giunto saldato della condotta

Abbiamo un'industria di raffinazione del petrolio, un reparto di progettazione e ingegneria, stiamo osservando i progetti prima dello sviluppo di un piano di interruzione. Si prega di aiutare con la risoluzione delle controversie con l'appaltatore.

Il progetto prevede l'installazione di condotte tecnologiche con trattamento termico delle saldature. L'installazione delle condutture viene eseguita ad una velocità di m12-20-001. Allo stesso tempo, la stima tiene conto del riscaldamento preliminare concomitante, del trattamento termico del giunto saldato delle condotte, nonché della misura della durezza del metallo di saldatura - tasso M39-02-023-1 (1 giunto saldato, 3 misurazioni). Il contraente ritiene che la stima non tenga conto del tasso di raccolta per l'installazione dell'attrezzatura n. 39 01-032-1 "Pulizia dei posti meccanizzati per prove di durezza". Abbiamo studiato GOST 32569- 2013 "Tubazioni tecnologiche in acciaio. Requisiti per il dispositivo e il funzionamento in industrie pericolose e chimicamente pericolose per incendio ed esplosione ", D & D Collection B17" Installazione di apparecchiature e condotte di centrali elettriche e strutture idrauliche. Numero 6. Controllo di qualità dei giunti saldati, ma non è stato possibile trovare la risposta. La loro richiesta è valida?

Secondo il paragrafo 16.4.3 del RD 34.15.027-93 "Saldatura, trattamento termico e controllo dei sistemi di tubazioni di caldaie e condotte durante l'installazione e la riparazione di apparecchiature per centrali elettriche (RTM-1s-93)", la durezza del metallo di saldatura viene misurata da tester portatili di durezza con lucentezza metallica spogliata. parti della sua superficie. Almeno 3 siti dovrebbero essere preparati ad ogni saldatura lungo il perimetro del giunto e almeno 3 misurazioni dovrebbero essere prese nel sito. Nelle giunzioni di tubi con un diametro inferiore a 60 mm, la misurazione della durezza può essere eseguita in un'unica sezione.

Guidati da queste disposizioni, durante la misurazione della durezza del metallo di saldatura, viene eseguita la pulizia dei siti meccanizzati per le prove di durezza, utilizzando la velocità 39-01-032-01 del gruppo sull'installazione dell'apparecchiatura n. 39 "Controllo delle saldature di installazione". Il costo di misurazione della durezza del metallo di saldatura è preso in considerazione al prezzo di 39-02-023-01 (3 misurazioni per 1 giunto saldato).

Per quanto riguarda il lavoro di misurazione della durezza della BNI Collection B17 "Installazione di apparecchiature e condotte di centrali elettriche e impianti idraulici", numero 6 "Controllo della qualità dei giunti saldati", sono state prese in considerazione le seguenti operazioni nella disposizione del § B17-6-21 "Misurazione della durezza":

  • prendere misurazioni sul metallo di saldatura;
  • scartoffie.

Quando si determinano i costi stimati di installazione di condotte secondo le tariffe della tabella 12-20-001 del dipartimento 20. "I gasdotti del complesso di lavorazione del petrolio e del gas" della raccolta per l'installazione dell'attrezzatura n. 12 "Gasdotti tecnologici" i costi di riscaldamento preliminare e simultaneo e il trattamento termico del giunto saldato del gasdotto sono presi in considerazione alle tariffe del dipartimento 11 " Lavori vari relativi all'installazione di condotte "Numero di raccolta 12

Preriscaldamento nella saldatura e cosa non dimenticare

Il fenomeno del riscaldamento di una saldatura nella zona interessata dal calore prima di iniziare la procedura di saldatura è noto come preriscaldamento. Viene utilizzato principalmente per forni, resistenze resistive, bruciatori e elementi riscaldanti ad alta frequenza. La procedura aiuta ad eliminare il rischio di crepe a freddo sul metallo e impedisce un aumento eccessivo della durezza.

Perché usare il preriscaldamento?

I seguenti sono i motivi principali per l'utilizzo del preriscaldamento in una procedura di saldatura.

  1. Il trattamento termico delle strutture saldate elimina l'umidità superficiale e, di conseguenza, aiuta a ridurre le fessurazioni.
  2. Migliora la successiva fusione e deposizione del metallo di saldatura.
  3. Ciò riduce lo sviluppo delle sollecitazioni, contribuendo all'espansione e alla contrazione uniforme tra la saldatura e il metallo di base.
  4. Uno dei compiti principali del preriscaldamento consiste nel rallentare la velocità di raffreddamento, assicurando una polimerizzazione uniforme della cucitura. Pertanto, la microstruttura del metallo avrà proprietà meccaniche di alta qualità.

Sulla base di considerazioni di applicazione, il trattamento termico delle strutture saldate può essere determinato in vari modi.

  • Preriscaldamento: la temperatura minima della saldatura viene impostata immediatamente prima dell'inizio della saldatura. Nella specifica del processo di saldatura (WPS) può essere specificato in un intervallo specifico.
  • Riscaldamento tra passaggi - in saldatura multi-pass, la temperatura massima è richiesta prima dell'inizio della passata successiva. Il riscaldamento in questo caso non può essere inferiore al valore minimo del trattamento termico preliminare.
  • Il mantenimento della temperatura di saldatura è la temperatura minima della zona di saldatura, che deve essere mantenuta durante l'intero processo di saldatura. Quando il lavoro viene interrotto, la temperatura della zona di saldatura non dovrebbe diminuire.

Dove si applica il trattamento termico delle strutture saldate?

Di norma, il preriscaldamento viene applicato sul metallo di base ad una certa distanza dalla cucitura. Supponiamo che A sia una certa parte della saldatura del raccordo, quindi in questo caso sorgono due problemi quando si calcola la distanza per applicare il preriscaldamento.

  1. Se lo spessore del metallo base è inferiore o uguale a 50 mm, il valore di A non deve superare 50 mm dalla saldatura.
  2. Se lo spessore del metallo di base supera 50 mm, A deve essere a meno di 75 mm dalla cucitura (istruzioni per il rilascio dei certificati al personale che controlla la qualità della saldatura: CSWIP 23.4).

Preriscaldare le temperature

Molti avranno una domanda: a quali valori di temperatura dovrebbe essere riscaldato il metallo? La risposta a questa domanda aiuterà la temperatura di riscaldamento raccomandata delle strutture metalliche in acciaio prima della saldatura. Nella tabella sottostante viene visualizzato lo spessore e la composizione di vari acciai.

attrezzatura

Oggi sul mercato sono stati sviluppati diversi tipi di apparecchiature, che vengono utilizzate in alcune industrie commerciali per indicare la temperatura di preriscaldamento, per misurarla e controllarla. Di seguito sono riportati i principali sensori di temperatura e strumenti di misura utilizzati.

Termometro a contatto - utilizzato per misurare con precisione temperature fino a 350 gradi Celsius. È costituito da un dispositivo di misurazione della temperatura, noto come "termistore", la cui resistenza viene significativamente ridotta se riscaldata, e quindi inversamente proporzionale alla temperatura. Tuttavia, per ottenere risultati accurati, è necessaria una "calibrazione periodica", che è uno svantaggio di questa apparecchiatura.

Matita termica e pasta termica: sono costituiti da un materiale che si scioglie o cambia colore quando riscaldato a seconda della temperatura. Sono convenienti, a basso costo e facili da usare. Il loro lato debole - non danno misurazioni accurate.

Termocoppia - lavora sul principio della misurazione della differenza di potenziale termoelettrico tra un metallo caldo di una saldatura e un metallo che viene saldato per calcolare la temperatura. Viene utilizzato durante la saldatura, dopo di esso e per il trattamento termico al fine di monitorare e controllare continuamente la temperatura di riscaldamento e raffreddamento. L'apparecchiatura fornisce misurazioni accurate su un ampio intervallo di temperature, ma ha bisogno di una calibrazione periodica. Questo è un problema significativo.