Il dispositivo, scelta, principio di funzionamento e installazione del cavo scaldante per i tubi di scarico

Ciao cari amici!

Oggi parleremo dei pericoli del ghiaccio sui tetti. Poche persone lo sanno, ma ogni anno più di 300 persone muoiono per i ghiaccioli solo a Mosca, e più di mille sono paralizzati. Nel gruppo di rischio principale, come sempre, i bambini piccoli. Ma esiste una soluzione ingegneristica, il cui uso diffuso risolverebbe questo problema una volta per tutte. E il suo nome è un cavo di riscaldamento per i tubi di scarico. Nell'articolo di oggi suggerisco di conoscerlo più in dettaglio.

Cos'è e perché è necessario?

Un cavo di riscaldamento è un filo attraverso il quale passa la corrente elettrica. L'energia della corrente elettrica viene convertita in calore, la cui quantità dipende direttamente dalla resistenza del materiale del cavo e dalla forza della corrente.

Progettato per prevenire la formazione di ghiaccio sui sistemi di drenaggio.

Quando è necessario il riscaldamento

Lo scarico del riscaldamento deve essere effettuato in bassa stagione, quando la prima neve cade in primavera, all'inizio della fusione. La temperatura esterna in questo momento varia da -5 a 3 ° C. Fu in quel momento che si formarono gelo e ghiaccioli.

Inoltre, nelle tenute dei paesi spesso è necessario riscaldare l'acqua esterna e le tubature fognarie.

Perché il ghiaccio si accumula

Il ghiaccio sul tetto e nei canali di scolo si accumula per diversi motivi:

  • Salti di temperatura La neve che giace sul tetto si scioglie prima e poi si congela sotto forma di ghiaccioli;
  • Angolo della pendenza del tetto calcolato in modo errato;
  • Scarichi non puliti. Fori di drenaggio con fogliame e sporco che impediscono il normale deflusso dell'acqua;
  • Attico mansardato. La differenza di temperatura all'interno e all'esterno della stanza porta alla formazione di condensa, che congela e forma il gelo.

Per prevenire la formazione di ghiaccioli aiuterà il dispositivo a riscaldare il tetto e il drenaggio. Con il suo aiuto vengono risolti i seguenti compiti:

  • Rimozione di ghiaccio;
  • Prevenire danni al tetto dovuti all'accumulo di acqua;
  • Prevenire shock improvvisi di temperatura;
  • Riduzione del carico di neve;
  • Pulizia del tetto;
  • Estendere la durata dell'intera torta per tetti.

Principio di funzionamento

L'impianto di riscaldamento funziona in modalità automatica, con quasi nessun intervento da parte dell'utente. Un sensore speciale trasmette un segnale sulla temperatura dei fili al regolatore, che chiude il circuito di alimentazione della corrente elettrica.

Il filo si riscalda e riscalda gli scarichi.

Cavo di riscaldamento del dispositivo

La parte principale di qualsiasi cavo di riscaldamento è costituita da trefolo di rame rivestito con uno strato protettivo di stagno o rame.

Il cavo viene premuto in termoplastico.

Vantaggi e svantaggi

Come ogni soluzione ingegneristica, il cavo scaldante presenta una serie di vantaggi e svantaggi.

  • Riscaldamento rapido uniforme;
  • Lunga durata di servizio - almeno 10 anni;
  • Sicurezza e rispetto dell'ambiente;
  • La configurazione del sistema può essere facilmente modificata;
  • Abbastanza a basso consumo energetico.
  • Resistenza alle influenze esterne.
  • La necessità di un calcolo accurato e competente;
  • Il costo di un buon cavo è piuttosto alto.

Tipi di cavi scaldanti

Ci sono 2 tipi di cavo scaldante.

resistivo

Tradizionale, semplice ed economico. È un filo di rame ad alta resistenza, ricoperto da uno strato isolante. L'intera lunghezza del prodotto viene riscaldata uniformemente. Idealmente, proteggere il filo con uno strato di isolamento.

Il cavo resistivo è realizzato in due versioni: seriale e zona. Zonal - una versione avanzata del serial. Nella sua costruzione ci sono -2 core, a intervalli regolari collegati da un filo speciale. Questi intervalli formano zone indipendenti e, se si brucia, gli altri continuano a funzionare in modalità normale. Se il cavo seriale non funziona, non sarà possibile ripristinarlo.

I principali vantaggi di un cavo resistivo sono bassi, facilità di installazione e funzionamento, riscaldamento rapido.

Una sfumatura importante è che il riscaldamento del cavo è uniformemente distribuito su tutta la lunghezza, ma la sua temperatura è diversa nelle diverse parti della casa. Ad esempio, in caso di forte gelo, la parte del cavo situata sotto il cielo aperto sarà più fredda e la parte che si trova all'interno del tubo sarà più calda.

Autoregolante

Differisce dispositivo più complesso. All'interno - 2 fili posizionati in una matrice speciale.

La matrice regola la resistenza dei nuclei in base alla temperatura dell'aria. L'intera struttura è avvolta da diversi strati di isolamento e coperta da un guscio che protegge da influssi esterni. Più caldo è sulla strada, meno il filo viene riscaldato e viceversa.

Questa opzione, sebbene più costosa, ma più affidabile resistiva, non brucia, non surriscalda, può essere divisa in sezioni di lunghezza.

screening

Lo schermo è una guaina protettiva in alluminio o fogli di rame. Serve come fonte aggiuntiva di distribuzione del calore, ma la sua funzione principale è quella di prevenire le scosse elettriche da parte della persona che effettua riparazioni.

Il design del conduttore schermato è più complicato, e di conseguenza il prezzo è più alto.

Più spesso sul mercato c'è una versione non salvata a basso costo. Per il suo funzionamento sicuro, è indispensabile utilizzare un dispositivo a corrente residua (RCD).

Potenza e durata

La potenza del cavo dipende dalla sua classe di temperatura.

  • Bassa temperatura Riscaldamento fino a 65С, potenza fino a 15 W / m;
  • Conduttore a media temperatura. Riscalda fino a 120 ° C, potenza 10-33 W / m;
  • Alta temperatura Il più potente, fino a 95 W / m, riscalda fino a 190 ° C senza problemi. Progettato per impianti industriali e tubi di grandi diametri.

È razionale che varie comunicazioni selezionino un cavo di adeguata potenza, il suo abbassamento causerà uno scarso riscaldamento e un'esagerazione - a un maggiore consumo di energia.

La scelta della capacità del cavo dipende dal diametro del tubo di scarico:

  • Diametro esterno di un tubo (D) da 15 a 25 mm - la potenza è di 10 W / m:
  • D25-40mm- 16W / m;
  • D40-60mm - 24W / m;
  • D60-80mm -30W / m;
  • D 80-300mm- 40W / m;

Vita di servizio

La durata utile del cavo dipende dalle condizioni operative e dai materiali con cui è realizzato.

È possibile portare la vita utile dei prodotti di diversi produttori a un denominatore comune:

  • Resistivo - in un accoppiatore serve fino a 50 anni, in altre condizioni - in media 15;
  • Autoregolatrice - "vive" fino a 20 anni.

Particolare attenzione dovrebbe essere rivolta alla scelta del produttore.

Fai da te o compra

La gamma di cavi scaldanti nei negozi è molto ampia. Ma ci sono diversi modi per creare un filo con le tue mani. Darò un esempio di un dispositivo via cavo fatto in casa:

  1. Prendiamo il filo di rame a doppio filamento in doppio isolamento e un alimentatore per 300 W (un computer lo farà), inoltre, per misurare i parametri è necessario un sensore di temperatura.
  2. Chiudiamo il cavo sull'uscita dell'alimentatore da 5V.
  3. Dopo 10 minuti, la temperatura del cavo raggiungerà circa 50 ° C, per riscaldare lo scarico è sufficiente.

Suggerimenti per la scelta

Il vantaggio di un sistema fatto in casa è l'economicità dei componenti (tutte le attrezzature in media non superano i 1000 rubli) e inoltre il cavo è facile da riparare, non si brucia, non si scioglie. L'alimentazione è molto facile da sostituire se necessario.

Contro - la mancanza di automazione dei processi, è necessario regolare la temperatura manualmente e controllare periodicamente l'alimentazione.

Pertanto, la versione industriale è ancora più semplice. I professionisti raccomandano l'installazione di un sistema di riscaldamento combinato. In esso, il cavo resistivo si trova in aree con la stessa temperatura (pendenza del tetto e TP), e quello autoregolante si trova in scivoli, valle, tubi.

È possibile rendere l'inclusione manuale della parte resistiva del sistema per comodità.

Creare e installare un cavo con le tue mani

Disegno e diagrammi

Indipendentemente dal fatto che il filo di riscaldamento sia stato fatto a mano o acquistato in un negozio, è possibile installarlo da soli.

Ad esempio, qui ci sono alcuni schemi pronti per diverse parti del tetto (appena sotto: Figura 1, Figura 2, Figura 3).

dimensionamento

Inizialmente, misuriamo il diametro del tubo e selezioniamo la potenza del filo. Si noti che se il tetto è isolato in modo affidabile, sarà sufficiente un cavo con una potenza di 25-40 W / m. Se il tetto è freddo, scegliere un prodotto di almeno 40-50 watt.

C'è un'altra formula per il calcolo preciso, in essa la lunghezza del cavo viene aggiunta alla lunghezza dello spazio riscaldato e moltiplicata per 2. Il numero risultante è la potenza richiesta.

Il valore di potenza ottenuto deve essere confrontato con il valore raccomandato in base ai parametri fisico-tecnici del materiale utilizzato:

  • per scarichi di plastica - un minimo di 20 watt per metro;
  • per grondaie in metallo - un minimo di 25 W;
  • per grondaie in legno - almeno 18 watt.

Se il cavo nel sistema di anibrificazione viene posato con il metodo della reggiatura a spirale del tubo, la sua lunghezza dovrebbe essere calcolata con la seguente formula:

Lunghezza totale = lunghezza del tubo x fattore spirale.

Il passo dell'elica è determinato in base al diametro del tubo in base alle tabelle speciali.

Successivamente, dovresti disegnare un diagramma esatto di tutti gli elementi del sistema. Secondo questo disegno verranno eseguite tutte le fasi del lavoro.

Fig.1. Cavo posato sul bordo del tetto:

Fig.2. Posa in grondaie e tubi:

Figura 3. Alloggio nella valle:

Video di installazione

Alcuni video utili per chiarezza:

Caratteristiche di installazione

L'installazione del sistema di riscaldamento per le comunicazioni sul tetto deve essere eseguita tenendo conto delle seguenti regole e nella seguente sequenza:

  1. È necessario fare attenzione alla presenza di un regolatore di temperatura, un'unità di potenza con un sensore di temperatura, un sensore di controllo della precipitazione;
  2. Un filo della lunghezza richiesta viene preparato secondo misure e diagrammi. Idealmente, è necessario installare il cavo prima di installare la copertura e la finitura;
  3. Il cavo è collegato in bundle con l'aiuto di speciali morsetti, dopo l'inserimento nei vassoi e nei tubi. Il cavo sul bordo del tetto è montato a zigzag, fissato con apposite clip;
  4. Nelle grondaie e nei tubi, il cavo scaldante viene fissato con l'aiuto di un nastro di montaggio, strisce trasversali. Se uno scarico riscaldato o un tubo di fognatura è più lungo di 6 m, il filo viene prima collegato a un cavo metallico nella guaina, e quindi l'intera struttura viene abbassata nel tubo;
  5. Per riscaldare i tubi di scarico, vengono caricati contemporaneamente 2 pezzi della potenza richiesta. L'installazione viene eseguita in alto e in basso.
  6. Il luogo di fissaggio del filo deve essere ispezionato per la presenza di spigoli vivi e oggetti in eccesso;
  7. I sensori del termostato sono fissi;
  8. Installa il pannello di controllo;
  9. La messa in servizio è in corso.

Errori frequenti e problemi di installazione

È facile installare un sistema di riscaldamento, ma durante l'assemblaggio si verificano errori comuni:

  • Il cavo non può essere fissato con viti, nastri di acciaio, fili, nastri in vinile, nastri. Richiede sempre sigillante e nastro di montaggio;
  • L'alimentazione erroneamente selezionata è carica di alti costi o di inefficienza del sistema;
  • I fili non possono essere attorcigliati, si verificherà un cortocircuito;
  • Qualsiasi composto deve essere completamente isolato contro l'umidità;

Problemi comuni:

  • Malfunzionamento dell'interruttore;
  • Malfunzionamento del dispositivo di sicurezza;
  • Scarsa tenuta del cavo intrecciato;
  • Bassa tensione, quindi la diminuzione della potenza di riscaldamento;
  • Danno meccanico;
  • Surriscaldamento (versione resistiva);

servizio

La manutenzione del sistema viene ridotta al monitoraggio del suo funzionamento, controllando periodicamente tutti i sensori e l'ispezione visiva dell'integrità.

I moderni scaldacqua sono dotati di speciali interruttori termici con luci a LED. Se la luce è accesa, significa che si sta scaldando, spegnendo - la temperatura richiesta è stata raggiunta. Se il riscaldamento non si verifica, cercare la causa dell'anomalia. Le ragioni principali sono elencate nel paragrafo precedente.

Consulenza di esperti

Alcuni consigli utili:

  • Il cavo può essere posato sia all'interno che all'esterno del tubo. Di solito i tubi con un diametro maggiore di 40 mm sono legati con un cavo autoregolante esterno. Se il diametro del tubo è inferiore, l'uso di resistivo interno è appropriato;
  • Non sarebbe superfluo chiedere al produttore un certificato igienico (particolarmente importante quando si riscaldano i tubi con acqua potabile);
  • Il nuovo cavo con una guaina alimentare può emettere un odore acuto all'inizio dell'uso - non è spaventoso;
  • Prima di acquistare: controlla il livello di consumo energetico
  • Se è prevista un'installazione aperta, è auspicabile la presenza di UV / protezione. Per l'installazione interna è necessario un guscio impermeabile.

conclusione

Il cavo di riscaldamento è un elemento che può semplificare notevolmente la vita di una persona. Immagina: non hai più bisogno di salire sul tetto e pulirlo dalla neve, abbattere i ghiaccioli e l'acqua nelle tubature dell'acqua non si congela neanche in inverno. Bellezza? Eccomi all'incirca lo stesso.

Pertanto, il sistema di riscaldamento del dispositivo per lo scarico - più che giustificato. A volte è necessario fare uno sforzo, quindi vivere comodamente e, come si suol dire, senza movimenti inutili.

Unisciti alle nostre comunità - ci sono utili hack di vita per ogni occasione. E oggi ti dico addio e ti aspetto nella prossima sezione!

Cavo di riscaldamento per grondaie e tubi di scarico

In inverno e all'inizio della primavera, è spesso possibile vedere i minacciosi ghiaccioli sui tetti sporgenti degli edifici. Questo fenomeno è dovuto al fatto che il ghiaccio formato nel processo di cristallizzazione dell'umidità blocca completamente il percorso dell'acqua verso gli elementi standard del sistema di drenaggio. Per questo motivo aumenta la probabilità di rottura dei tubi di scarico. Per evitare questi problemi e non spendere soldi e tempo per la riparazione degli scarichi è possibile il riscaldamento di queste comunicazioni ingegneristiche.

Il riscaldamento dei tubi di scarico è necessario per motivi di sicurezza.

Ragioni per la formazione del ghiaccio

Consideriamo più in dettaglio il processo di comparsa dei ghiaccioli sulle grondaie del tetto e il ghiaccio nella grondaia. Ci sono due ragioni:

  1. La differenza tra le temperature diurne e notturne. Questo di solito si verifica nel periodo primaverile dell'anno. Durante il giorno, sotto l'influenza dell'energia solare, la neve sul tetto si scioglie e fluisce nel sistema di drenaggio. L'abbassamento notturno della temperatura causa la formazione di ghiaccio. Se raggiungono dimensioni grandi, il tubo potrebbe non sostenere il loro peso e solo rompersi.
  2. Funzionamento di un tetto caldo. Discorso in questo caso stiamo parlando di tetti a mansarda. Anche in inverno, sono inclini alla glassa. Dopo tutto, sotto il tetto c'è una stanza riscaldata, e il suo calore provoca il riscaldamento della superficie del tetto. Di conseguenza, la neve si scioglie e l'acqua scorre lungo la sporgenza del tetto e, una volta raggiunta la parte più fredda del tetto o colpendo lo stesso scarico freddo, si trasforma in ghiaccio.

L'organizzazione del cosiddetto tetto freddo in combinazione con una disposizione competente della tegola (spessore sufficiente di isolamento e spazio di ventilazione correttamente predisposto) aiuta a prevenire il riscaldamento della copertura in inverno. Un'alternativa, e in alcuni casi, l'aggiunta di una tale soluzione tecnica è l'uso di un cavo scaldante per tubi di scarico, sporgenze e grondaie.

Il cavo di riscaldamento aiuterà a sbarazzarsi del ghiaccio sul tetto e nello scarico

Quando si sceglie un sistema di riscaldamento via cavo, devono essere considerati i seguenti fattori:

  • caratteristiche architettoniche del tetto;
  • clima della regione di residenza;
  • presenza / assenza di mansarda o mansarda;
  • tipo di materiale di copertura del tetto;
  • struttura a torta del tetto.

È necessario tenere conto della presenza o meno di uno strato di isolamento termico sul tetto e della qualità di questo isolamento in generale.

È importante! L'installazione di un cavo di riscaldamento per grondaie e tubi di scarico consente di eliminare completamente la formazione di ghiaccio non solo sui componenti del sistema di drenaggio, ma anche su altri luoghi che sono caratterizzati da un alto grado di probabilità del suo verificarsi. Allo stesso tempo, l'efficienza del drenaggio organizzato sarà fornita per l'intero periodo durante il quale sono possibili precipitazioni sotto forma di neve e la formazione di ghiaccio.

Caratteristiche e luoghi di posa

I sistemi di riscaldamento di questo tipo funzionano non costantemente, ma solo quando si verificano scongelamenti, cioè in autunno e in inverno, così come in inverno e in primavera, se la temperatura esterna varia da -5 a + 3С. Questa volta è solo la più favorevole per la formazione del ghiaccio e l'aspetto dei ghiaccioli.

Oltre al cavo di riscaldamento per gli scarichi, l'ambito di fornitura del sistema di riscaldamento comprende sensori di temperatura per i regolatori di temperatura aria e speciali che ne controllano il funzionamento in modalità automatica.

Il cavo è dotato di apparecchiature aggiuntive che ne controllano il funzionamento.

In generale, le seguenti sezioni dei sistemi di ingegneria sono soggette al riscaldamento dei cavi:

  • grondaie;
  • tubi per fognature temporalesche;
  • canalizzazioni dell'imbuto, compresa l'area circostante;
  • vassoi di drenaggio e drenaggio;
  • modanature del tetto;
  • linee di giunti di pendenze del tetto - endy.

Principali requisiti tecnici e tipi di cavi scaldanti

I parametri tecnici del cavo per il riscaldamento di grondaie e pluviali sono simili sotto molti aspetti ai modelli utilizzati per creare un riscaldamento a pavimento elettrico. Tuttavia, a causa di condizioni operative particolari, vengono poste maggiori esigenze al design di questi prodotti e alla sicurezza del loro utilizzo. Per capire la loro rilevanza, è necessario comprendere chiaramente il principio del cavo scaldante.

Indipendentemente dal modello, il principio dell'effetto elettrico è la base per il funzionamento di qualsiasi prodotto del genere. Mentre la corrente passa attraverso il conduttore, si riscalda. L'energia termica residenziale viene rilasciata nell'ambiente attraverso gusci isolanti.

I cavi di riscaldamento sono dei seguenti tipi:

  • resistivo. Il livello di riscaldamento è un derivato della forza attuale. Allo stesso tempo, i parametri dell'ambiente non influiscono sul cambio di potenza. I cavi possono essere singoli e fili gemelli. Questi ultimi sono disponibili in due versioni. Nel primo di questi, il componente elettricamente conduttivo è continuo, e nel secondo, le regioni attive sono suddivise in zone;
  • autoregolante. Un isolante polimerico è posto tra i conduttori. La sua resistenza ohmica dipende dalla temperatura in una relazione inversamente proporzionale: minore è il riscaldamento, maggiore è l'amperaggio.

Quando si sceglie un'opzione adatta, è necessario tenere presente che il cavo scaldante sarà esposto a una temperatura negativa. Ma indipendentemente dal suo valore, il guscio esterno del polimero deve mantenere la sua forza e tenuta.

I cavi di riscaldamento hanno una struttura diversa, ma per uno scarico devono essere sigillati

Il lavoro dell'impianto di riscaldamento di grondaie e pluviali non deve essere influenzato dall'elevata umidità dell'ambiente. Inoltre, senza alti tassi di resistenza meccanica non è sufficiente.

Suggerimento: Dotando il tetto di un sistema di riscaldamento, è necessario utilizzare speciali modelli di cavi. La loro progettazione e produzione viene effettuata tenendo conto di tutti i fattori sopra citati. Nel mercato puoi trovare molte opzioni per tali prodotti.

Tuttavia, quando si sceglie, è necessario acquisire familiarità con le caratteristiche di ciascun tipo di cavi scaldanti, poiché le caratteristiche operative del sistema creato dipenderanno da questo.

Modello resistivo

Funziona come un cavo di riscaldamento, come un riscaldatore convenzionale. La sua principale differenza è l'assenza al momento di attivare i salti di ampiezza corrente.

Tuttavia, l'uso del cavo di riscaldamento resistivo per il drenaggio e le grondaie a volte complica il riscaldamento di queste strutture ingegneristiche. La formazione di ghiaccio in diversi siti avviene con intensità diversa. Pertanto, quelli di loro che sono fortemente ghiacciati, dovranno riscaldarsi duramente. Ma il cavo di riscaldamento resistivo è riscaldato per tutta la lunghezza in modo uniforme. Oltre al fatto che questa caratteristica spesso causa surriscaldamento e il suo fallimento, alcuni frammenti di oggetti riscaldati rimarranno sotto il ghiaccio, mentre altri saranno riscaldati invano.

Per la produzione di nuclei di riscaldamento più spesso utilizzato filo di rame. Ma poiché durante il flusso di corrente può diventare una sorgente di radiazioni elettromagnetiche dure, è obbligatorio fornire un guscio schermato che svolge contemporaneamente la funzione di messa a terra. Per evitare cortocircuiti e proteggere da influenze esterne nel cavo resistivo per il riscaldamento degli scarichi ci sono diversi strati di polimero.

Il cavo resistivo ha più guaine per evitare cortocircuiti.

Le caratteristiche operative degli elementi riscaldanti di questo tipo sono le seguenti:

  • lunghezza massima di 200 metri;
  • È vietato tagliare il cavo resistivo, in quanto influirà sulle sue prestazioni. Prima di acquistare, calcola il filmato totale richiesto. Quindi puoi scegliere il modello di lunghezza ottimale;
  • i lavoratori a casa con esperienza raccomandano di acquistare un set completo, cioè uno che include non solo un cavo a due fili, ma anche un dispositivo di controllo.

Il principale svantaggio di un cavo di riscaldamento resistivo per i tubi di scarico è un grande consumo di energia. La massima efficienza del riscaldamento è tipica per i modelli con una capacità di 100... 180 Watt / metro lineare.

Cavo autoregolante

L'installazione di un cavo scaldante autoregolante per il riscaldamento dei tubi di scarico è un'opzione più economica, poiché la potenza assorbita da questi dipende dalla temperatura esterna.

Buon consiglio! Per fissarlo nella grondaia, utilizzare solo un nastro di montaggio speciale. Si consiglia di fissare il cavo scaldante autoregolante nel tubo di scarico utilizzando un tubo termorestringente o lo stesso nastro di montaggio.

Il design di questo prodotto include anche due conduttori. Ma l'indicatore della conducibilità elettrica del materiale polimerico situato tra di loro è influenzato dalla temperatura ambiente. Con il suo aumento, il numero di catene elettriche diminuisce, rispettivamente, e il cavo stesso si riscalda di meno.

Il cavo autoregolante assicura un riscaldamento uniforme dell'area e rimuove completamente il gelo dallo scarico

Tuttavia, senza accessori aggiuntivi per installare un tale prodotto per il riscaldamento degli scarichi non è raccomandato. Ciò è dovuto al fatto che in inverno la temperatura ambiente sale raramente sopra gli 0 ° C. Per questo motivo, in una guarnizione in polimero il numero di connessioni elettriche sarà massimo. Di conseguenza, il riscaldamento delle grondaie del tetto con un cavo autoregolante in inverno sarà quasi sempre condotto alla massima potenza. Pertanto, la possibilità di autoregolazione della propria temperatura sarà ad un livello estremamente basso.

Questo è suscettibile di correzione installando un'unità aggiuntiva per regolare il consumo di corrente. La sua commutazione con un sensore di temperatura consente di impostare in modo indipendente un grafico della dipendenza della potenza di riscaldamento sul valore corrente della temperatura ambiente.

È possibile installare un cavo di riscaldamento per coperture e grondaie con le proprie mani. Dovrebbe essere posto in 1, 2 o 3 file. La cifra specifica dipende dal diametro degli elementi del sistema di drenaggio. Il design delle scatole di derivazione montate sulla facciata dell'edificio per impedire l'ingresso di umidità deve essere a tenuta d'aria.

Installazione di grondaie di riscaldamento

Quando si crea un progetto del tetto di solito si cerca di tenere conto della probabilità di carichi da precipitazioni. Se tali calcoli vengono eseguiti in modo errato, l'intera struttura potrebbe collassare. In alcuni inverni la neve cade più del solito. Per non soffrire di questo, è necessario installare grondaie di riscaldamento.

Perché il ghiaccio si accumula

Le cause del ghiaccio sono legate a fattori esterni e interni:

  • Frequenti variazioni di temperatura Ciò porta al fatto che lo strato di neve, che già giaceva, potrebbe sciogliersi, dopo che la temperatura è scesa, si è congelata e coperta la successiva.
  • Mancato angolo della pendenza del tetto. Deve essere calcolato in base alle caratteristiche climatiche di un particolare territorio.
  • Canali di scarico non puliti. In autunno, la grondaia potrebbe addormentarsi. Inceppa i fori, impedendo il deflusso dell'acqua.
  • Riscaldamento insufficiente della soffitta.
  • La presenza di una mansarda. Quando si utilizza l'attico come un soggiorno, il vapore viene rilasciato, inoltre, porta ad un aumento della temperatura del pavimento. Da questa neve si scioglie e l'acqua si congela al freddo.
  • Pulizia del tetto irregolare.

Ciò che minaccia le grondaie del ghiaccio

Il sistema di riscaldamento per grondaie viene solitamente montato insieme al riscaldamento di alcune sezioni del tetto. Il dispositivo di questo tipo ha le seguenti attività:

  • Rimozione di ghiaccioli e noduli congelati sul tetto.
  • Evitare la decomposizione dei ponti del tetto a causa dell'accumulo di umidità.
  • Liberare i fori di congestione per il passaggio del fluido.
  • Prevenire cambiamenti improvvisi di temperatura, che potrebbero danneggiare alcuni materiali.
  • Ridurre il peso dello strato di sedimento in caduta per ridurre il carico.
  • Prolungare la durata della pavimentazione e dell'intero sistema del tetto.
  • Automatizzare la pulizia del tetto.

Montato solitamente con il riscaldamento del tetto

Il principio di funzionamento del sistema di riscaldamento

Il sistema di riscaldamento funziona in modalità automatica. Non è richiesto alcun intervento da parte dell'utente. Ciò è assicurato dal fatto che il progetto prevede la presenza di un sensore speciale che riceve continuamente dati sulla temperatura ambiente. Trasmette un segnale al regolatore, che chiude il circuito di alimentazione della corrente elettrica e gli elementi riscaldanti sono già in funzione, riscaldando uno strato di manto nevoso o ghiaccio.

La composizione del sistema di riscaldamento

Se necessario, l'attivazione può essere eseguita manualmente, di solito per questo è un interruttore aggiuntivo.

Scegli il tipo di cavo scaldante

La base dell'intero meccanismo è il cavo di riscaldamento. Per alcuni, questo concetto è qualcosa di nuovo, ma in realtà tali soluzioni sono state utilizzate per più di un anno.

Cavo di riscaldamento resistivo

Resistivo. In apparenza, assomiglia a un normale cavo intrecciato in alluminio a nucleo singolo o a trefoli. Il riscaldamento si verifica a causa della resistenza interna del conduttore. La temperatura è facilmente mantenuta allo stesso livello, il che garantisce l'affidabilità del sistema. Di solito è in una fascia di prezzo accessibile.

L'auto-regolazione. La struttura di questo conduttore è più complicata e il suo costo è più alto. Come suggerisce il nome, questo cavo può funzionare autonomamente, senza l'intervento dell'utente. Ciò significa che potrebbero esserci temperature diverse in aree diverse. Questo è spiegato dal seguente meccanismo: tra i due conduttori c'è un isolante che, in una certa misura, trasmette energia elettrica. Più bassa è la temperatura, più bassa è la resistenza, maggiore è la quantità di corrente e maggiore è il riscaldamento. Dopo il riscaldamento, la resistenza aumenta e la permeabilità diminuisce.

Ognuna di queste opzioni ha i suoi punti di forza e di debolezza. resistivo:

  • rapido riscaldamento;
  • facilità di installazione di cavo a due fili;
  • semplicità del calcolo della potenza per metro lineare;
  • Non ci sono sfumature speciali con la connessione.

Gli svantaggi includono:

  • la necessità di stabilire una lunghezza dichiarata specifica;
  • uso eccessivo di elettricità in aree irregolari;
  • Come controllo prima dell'installazione, è disponibile solo la misurazione della resistenza.

I vantaggi dell'autoregolazione includono:

  • possibilità di utilizzo senza termostato;
  • installazione di un pezzo di lunghezza arbitraria;
  • resistenza allo stress fisico;
  • consumo più economico rispetto a resistivo;
  • resistenza alle cadute di tensione;
  • prezzo relativamente alto;
  • lento riscaldamento;
  • alta potenza di avviamento.

In alcune situazioni, per motivi di risparmio, questi due tipi si combinano. Ad esempio, lungo la pendenza del tetto, dove la copertura di neve o ghiaccio è quasi la stessa, è permessa una resistenza e un cavo autoregolante viene posato nelle grondaie, negli scarichi e negli imbuti.

disegno

Installazione del sistema di riscaldamento

Oltre alla base di riscaldamento stessa, alcuni componenti saranno ancora necessari:

  1. Sensore di temperatura L'opzione migliore sarebbe una piccola stazione meteorologica. Sarà in grado di monitorare non solo la temperatura, ma anche l'umidità e le precipitazioni.
  2. Termostato. A tal fine, viene data preferenza a un prodotto elettronico. Traccia con maggiore precisione le fluttuazioni e mantiene carichi sufficienti.
  3. Cavo freddo Di solito preso in doppia guaina. Servirà come potenza per connettere il carico. La sezione viene selezionata in base al consumo totale del sistema.
  4. Cavi di segnale Utilizzato per sensori di temperatura e umidità.
  5. Interruttore automatico Il numero di poli dipenderà dalla rete in entrata.
  6. Scatole di montaggio Uno sarà necessario per il termostato, uno per l'automa, se non è installato nello scudo generale e un altro per la stazione meteorologica.
  7. RCD. Oggetto richiesto Questo dispositivo ti consentirà di monitorare la minima perdita e interrompere immediatamente il flusso di corrente elettrica per proteggere tutti i residenti della casa.
  8. Giunti per collegamenti ermetici dei cavi. Materiale di fissaggio sotto forma di viti, tasselli, staffe per fili.

Schema di collegamento del cavo di riscaldamento

Ora è necessario calcolare la lunghezza del cavo scaldante richiesto. Per fare ciò, misurare la lunghezza di tutte le sezioni orizzontali e verticali. Di solito due linee si inseriscono nella grondaia, quindi il risultato deve essere moltiplicato per due. Per un tubo di scarico verticale ce ne sono anche due, ma è importante riscaldare ulteriormente la parte inferiore, poiché è più vicina al terreno e può congelare più forte. Circa il 10% dello stock dovrebbe essere aggiunto al risultato. Continuerà a compiere ulteriori turni negli imbuti. La lunghezza del segmento, che sarà sul tetto, dipende da quale metodo di installazione verrà scelto. Può essere eseguito in più thread o in un serpente. L'altezza del loop del serpente viene selezionata in base al modello del pavimento posato, ma non deve essere inferiore alla larghezza a cui solitamente si forma il gelo (in media, questo valore raggiunge i 35-40 cm). Se c'è un angolo interno (endova) sul tetto, allora anche il cavo scaldante si adatta necessariamente a esso. Almeno dovrebbe essere a ⅔ della sua lunghezza in due righe.

Posizionamento corretto del cavo

La potenza del cavo per ogni caso è calcolata individualmente, ma ci sono diversi valori medi:

  • In condizioni normali, il punto di partenza è 22 W per un cavo resistivo e 30 W per un cavo autoregolante per metro.
  • Per tetti morbidi e scarichi plastici, la potenza per metro lineare non deve superare i 17 watt.
  • Se esiste la possibilità di una forte glassa per la grondaia in metallo, sono consentite due linee con una potenza di 50 W per metro lineare.
  • Con una larghezza ampia, le scanalature possono adattarsi non a due, ma a tre o più linee.
  • Se l'attico è freddo, allora sarà sufficiente 70 W / m 2. Nel caso in cui l'attico viene utilizzato sotto la soffitta, quindi il numero di giri e linee viene calcolato in modo che sia ottenuto da 200 W / m 2.

Ora, conoscendo la lunghezza totale dell'intera linea e la potenza di ciascun conduttore, possiamo calcolare il consumo totale. In base a questo valore, vengono selezionati un interruttore automatico, una sezione del cavo freddo e un termostato.

installazione

Calcola la lunghezza richiesta

  • L'installazione è fatta meglio dall'alto verso il basso. Ma è necessario iniziare non con il cavo di riscaldamento.
  • All'interno della stanza scegliamo la posizione del quadro elettrico. Se necessario, usando un perforatore, facciamo una rientranza per questo. Praticiamo i fori e fissiamo la scatola con viti e tasselli.
  • Effettuiamo l'installazione di macchine per ogni singolo circuito. Qui installiamo anche il termostato.
  • Realizziamo un'uscita cavo di rete. Tiralo fino al livello in cui si collegherà al riscaldamento.
  • Una scatola di giunzione sigillata è installata sotto il tetto. Avvia il cavo di alimentazione.
  • Successivamente, è necessario pulire a fondo tutte le grondaie e il posto sul tetto dove è prevista l'installazione.
  • La resistenza del cavo scaldante viene misurata e il valore viene controllato per verificarne la conformità. Le indicazioni sono inserite nel passaporto.
  • L'installazione di riscaldamento del tetto inizia allungando il cavo di riscaldamento. Il primo passo è sul tetto. Per fissarlo, utilizzare piastre speciali con staffe o reticoli. Ti permettono di realizzare il passo e l'onda necessari del serpente o la distanza tra i fili paralleli.
  • Posa prodotta in grondaie orizzontali. Per fornire lo spazio necessario tra i cavi (deve essere di almeno 3 cm), vengono utilizzate speciali smagliature in plastica o bretelle metalliche. Alcuni dei loro tipi sono appesi sul bordo del solco, altri devono essere fissati con rivetti.
  • Attorno all'imbuto è necessario effettuare diverse svolte aggiuntive. In nessun caso ci dovrebbe essere la congestione, questo è fatto per il rapido deflusso dell'acqua.
  • Caratteristiche di installazione Per abbassare un filo in tubi verticali, viene applicato il cavo con treccia di plastica. I cavi non devono incrociarsi. Per fare ciò, devono essere preventivamente separati utilizzando speciali spaziatori. Nella parte inferiore del loop è fissato con una piccola sporgenza. Puoi farlo forando quattro fori e fissando il conduttore usando massetti.
  • Le estremità del conduttore vengono portate nella scatola installata. All'interno la connessione è realizzata con un filo freddo.
  • Il sensore di temperatura può essere montato direttamente vicino agli scarichi o sul lato nord della casa in modo che possa raccogliere la temperatura più bassa possibile.
  • Quando l'intero sistema viene montato prima dell'avvio, è necessario controllare l'RCD. Quindi viene applicata la tensione e viene monitorato lo stato delle autostrade installate.

Regole di installazione per cavo autoregolante

Nel caso in cui il flusso d'acqua si verifica nel sistema di acqua piovana, quindi il cavo deve essere posto in esso alla profondità di congelamento. Per i tetti piani, sarà necessario utilizzare in aggiunta speciali ciminiere con riscaldamento, oltre a posare il cavo attorno ai fori di scarico come nel caso degli imbuti comuni. Durante il processo di installazione, assicurarsi che la guaina isolante non sia danneggiata. Se ciò accade, nel caso di un cavo resistivo dovrà sostituire l'intera autostrada.

Prima di acquistare un cavo, assicurarsi di familiarizzare con tutte le sue caratteristiche, nonché le temperature consentite per il suo utilizzo. In fase di progettazione, è meglio consultare i professionisti che sono stati impegnati in un lavoro simile per qualche tempo. Infatti, durante il processo di installazione non c'è nulla che tu non possa fare con le tue mani.

video

Una variante del montaggio del cavo scaldante per le grondaie di riscaldamento è presentata nel seguente video:

Grondaie: installazione del sistema di riscaldamento del tetto e delle grondaie con le proprie mani

In primavera e autunno inoltrato, tutti i proprietari di case si trovano ad affrontare il problema del congelamento delle rampe del tetto e del congelamento all'interno del drenaggio dell'acqua di fusione. Se non viene risolto in modo tempestivo, la sicurezza delle persone e la sicurezza delle loro proprietà saranno minacciate da grandi ghiaccioli che cadono dal tetto e congelati zolle di neve.

Una buona soluzione è di scaldare le grondaie, che impediranno la formazione di ghiaccio.

Vale la pena scaldare lo scarico

Nei mesi invernali nella maggior parte delle regioni del nostro paese prevalgono gelate e forti piogge. Di conseguenza, grandi masse di neve si accumulano sul tetto. Un aumento della temperatura provoca il loro primo scongelamento e successivamente la fusione attiva. Nel pomeriggio, l'acqua sciolta scorre ai bordi del tetto e nelle fogne. Di notte, si blocca, il che porta alla graduale distruzione degli elementi del tetto e delle grondaie.

Ghiaccioli e un conglomerato di neve ghiacciata e ghiaccio si accumulano ai bordi del tetto. Di volta in volta si rompono, minacciando la sicurezza delle persone in fondo e le loro proprietà, l'integrità del sistema di drenaggio e gli elementi della decorazione della facciata. Per prevenire tutti questi problemi è possibile solo assicurando la rimozione graduale dell'acqua sciolta. Questo è possibile solo se i bordi riscaldati del tetto e il sistema di drenaggio.

Succede che al fine di ridurre il costo del sistema di riscaldamento è posto solo sulla superficie del tetto. Il proprietario è pienamente convinto che ciò sarà abbastanza

Tuttavia, questo non è il caso. L'acqua scorrerà nelle grondaie e nei tubi, dove si congelerà alla fine della giornata, poiché non c'è riscaldamento lì. Gli scarichi saranno ostruiti dal ghiaccio, quindi non saranno in grado di ricevere acqua di fusione. Inoltre, c'è il pericolo di danni meccanici.

Pertanto, al fine di ottenere un buon risultato, è necessario dotare il riscaldamento del tetto e gli scarichi che lo circondano. Nella maggior parte dei casi, il cavo di riscaldamento è montato sulla gronda del tetto, all'interno delle grondaie dello scarico e negli imbuti, nelle giunture dei frammenti del tetto, lungo le linee delle valli. Inoltre, il riscaldamento deve essere presente lungo l'intera lunghezza dei tubi di scarico, nei serbatoi dell'acqua e nei vassoi di drenaggio.

Caratteristiche di sistemazione del sistema di riscaldamento

I metodi di riscaldamento di diversi tipi di coperture possono variare. Questi sono i cosiddetti tetti "freddi" e "caldi". Esaminiamo le caratteristiche di ciascuna opzione.

Tetto freddo riscaldato

Cosiddetto tetto coibentato con buona ventilazione. Molto spesso questi tetti si trovano in camere mansardate non residenziali. Non lasciano uscire il calore, quindi il manto nevoso non si scioglie durante l'inverno.

Per tali strutture sarà sufficiente l'installazione di grondaie di riscaldamento. La capacità lineare del cavo posato dovrebbe aumentare gradualmente. Iniziare con 20-30 watt per metro e finire 60-70 watt per metro di scarico.

Come riscaldare un tetto caldo

Un tetto con isolamento termico insufficiente è considerato caldo. Lasciano fuoriuscire il calore, in modo che anche a basse temperature sulla superficie di un tetto caldo il manto nevoso possa sciogliersi. L'acqua risultante fluisce nei frammenti freddi del tetto e si ghiaccia e si forma ghiaccio. Per questo motivo, è necessario organizzare il riscaldamento del bordo del tetto.

È realizzato sotto forma di sezioni di riscaldamento poste sul bordo del tetto. Sono disposti a forma di anellini di larghezza compresa tra 0,3 e 0,5 m, allo stesso tempo la potenza specifica del sistema di riscaldamento risultante dovrebbe essere compresa tra 200 e 250 W per metro quadrato. La sistemazione delle grondaie di riscaldamento è implementata in modo simile a quello utilizzato per le coperture a freddo.

Riscaldamento per il drenaggio: in cosa consiste

Per il riscaldamento del tetto e delle grondaie, viene utilizzato il sistema con un cavo di riscaldamento. Considera i suoi elementi principali.

Blocco di distribuzione

Progettato per il passaggio di cavi di alimentazione (a freddo) e riscaldamento. La struttura del sito include elementi:

  • un cavo di segnale che collega i sensori all'unità di controllo;
  • cavo di alimentazione;
  • giunti speciali utilizzati per garantire la tenuta del sistema;
  • scatola di montaggio.

L'unità può essere installata direttamente sul tetto, quindi deve essere ben protetta dall'umidità.

Sensori di vario tipo

Il sistema può utilizzare tre tipi di rivelatori: acqua, precipitazioni e temperatura. Si trovano sul tetto, nelle grondaie e nelle fogne. Il loro compito principale è raccogliere informazioni per il controllo automatico del riscaldamento.

I dati raccolti vanno al controllore, che li analizza, prende una decisione sullo spegnimento / sull'apparecchio e seleziona la modalità di funzionamento ottimale.

controllore

Il "cervello" dell'intero sistema, responsabile del suo lavoro. Nella versione più semplificata può essere qualsiasi dispositivo termostatico. In questo caso, il campo operativo minimo del dispositivo dovrebbe essere compreso tra +3 e -8 gradi C. In questo caso, il controllo e la commutazione del sistema non possono essere completamente automatizzati, ma richiederà l'intervento umano.

Un'opzione più conveniente per il funzionamento è l'uso di un dispositivo di controllo elettronico complesso con possibilità di programmazione. Tale apparecchiatura è in grado di controllare indipendentemente il processo di fusione delle precipitazioni, la loro quantità, monitorare la temperatura. Il controller risponde rapidamente alle modifiche e prende le decisioni migliori, scegliendo la migliore modalità di funzionamento delle apparecchiature per il riscaldamento nelle condizioni esistenti.

Quadro di comando

Progettato per controllare l'intero sistema e garantire la sicurezza durante il suo funzionamento. Per la disposizione degli elementi del sito vengono solitamente utilizzati:

  • automatica di ingresso trifase;
  • RCD (è un dispositivo di protezione disattivato);
  • contattore a quattro poli;
  • spia di segnalazione.

Inoltre, è necessario mettere su ogni fase un interruttore di protezione unipolare, nonché la protezione del circuito del termostato.

Inoltre, il processo di installazione richiederà parti per il montaggio: chiodi per tetti, viti, rivetti. Avrai bisogno di tubi termorestringenti e nastro di montaggio speciale.

Cavo di riscaldamento: come scegliere

Forse l'elemento più importante del sistema può essere considerato un cavo di riscaldamento. In pratica, scegliere tra due tipi di dispositivi: cavo autoregolante e resistenza. Considerare tutti gli svantaggi e i vantaggi dell'utilizzo di entrambe le opzioni.

Caratteristiche del cavo resistivo

Differisce la semplicità del principio di lavoro. All'interno di questo cavo c'è un conduttore metallico ad alta resistenza. Quando viene applicata l'elettricità, inizia a riscaldarsi rapidamente e rilascia calore all'oggetto riscaldato. Il sistema con un cavo resistivo è molto facile da usare e non richiede grandi spese.

I principali vantaggi dell'utilizzo di questo tipo di cavo sono l'assenza di correnti di avviamento all'avviamento, il basso costo del filo resistivo e la presenza di potenza costante.

L'ultima affermazione può essere attribuita al controverso. Perché in alcuni casi, il potere costante sarà più uno svantaggio. Ciò accadrà se parti del sistema avranno bisogno di quantità diverse di calore. Alcuni di loro possono surriscaldarsi, e il resto, al contrario, riceverà meno calore.

Per regolare il grado di riscaldamento di un sistema con un cavo resistivo, sono necessariamente utilizzati termostati o altri dispositivi. L'efficacia e l'efficienza del funzionamento di un tale sistema dipende dalla correttezza delle loro impostazioni, quindi la realtà è spesso lungi dall'essere desiderata. In questo cavo resistivo è molto inferiore all'autoregolazione.

Gli esperti raccomandano di stendere un cavo resistivo per area quando possibile. Questo tipo è caratterizzato dalla presenza di un filo riscaldante in nichelcromo. La sua potenza termica non dipende dalle dimensioni, se necessario, il cavo può essere tagliato. Inoltre, i vantaggi del cavo scaldante includono facilità di installazione e funzionamento a lungo termine.

Il cavo è autoregolante e le sfumature del suo lavoro

Differisce dispositivo più complesso. All'interno di tale cavo ci sono due conduttori di riscaldamento, attorno ai quali c'è una matrice speciale. "Regola" la resistenza del cavo a seconda di quale sia la temperatura ambiente. Più è alto, meno il cavo si riscalda e viceversa, più è freddo, meglio si riscalda.

I vantaggi di un cavo autoregolante sono molti. Prima di tutto, per il suo normale funzionamento, installazione di un complesso di dispositivi di controllo: non sono richiesti rivelatori e termostati. Il sistema si regolerà automaticamente e il surriscaldamento o il riscaldamento insufficiente, come potrebbe accadere con un cavo resistivo, non si verificherà.

Il filo autoregolante può essere tagliato. La lunghezza minima del segmento - 20 cm, le sue prestazioni non cambieranno dalla lunghezza. Nel processo di installazione, se necessario, i cavi possono essere incrociati e persino ritorti, funzioneranno come al solito. L'installazione e il funzionamento del cavo autoregolante è molto semplice. Può essere montato all'esterno o all'interno di un oggetto riscaldato.

Ci sono sistema e svantaggi. Prima di tutto, è il costo. Il cavo autoregolante è circa 2-3 volte più costoso di quello resistivo. Va tenuto presente che in operazione costerà meno. Un altro svantaggio è il graduale invecchiamento della matrice autoregolante, a causa della quale il cavo autoregolante si guasta nel tempo.

Come calcolare il sistema di riscaldamento

Gli esperti consigliano di scegliere cavi con una capacità di almeno 25-30 W per metro per l'impianto di riscaldamento del tetto e degli scarichi. È necessario sapere che entrambi i tipi di cavi scaldanti sono utilizzati per altri scopi. Per la disposizione dei pavimenti caldi, ad esempio, ma la loro potenza è molto più bassa.

Il consumo energetico è stimato in modalità attiva. Questo è il periodo in cui il sistema funziona al massimo carico. Dura un totale dall'11 al 33% dell'intero periodo di freddo, che dura convenzionalmente da metà novembre a metà marzo. Questi sono valori medi, sono diversi per ogni località. La potenza del sistema deve essere calcolata.

Per determinarlo, è necessario conoscere i parametri del sistema di drenaggio. Facciamo un esempio di calcolo per una costruzione standard con una sezione di flusso verticale di 80-100 mm, un diametro del tubo-trench di 120-150 mm.

  • È necessario misurare con precisione la lunghezza di tutte le grondaie per il flusso d'acqua e sommare i valori risultanti.
  • Il risultato deve essere moltiplicato per due. Questa è la lunghezza del cavo che verrà posato sulla sezione orizzontale dell'impianto di riscaldamento.
  • Viene misurata la lunghezza di tutti gli scarichi verticali. I valori risultanti vengono aggiunti.
  • La lunghezza della sezione verticale del sistema è pari alla lunghezza totale delle grondaie, poiché in questo caso sarà sufficiente una sola linea di cavo.
  • Vengono aggiunte le lunghezze calcolate di entrambe le sezioni del sistema di riscaldamento.
  • Il risultato ottenuto viene moltiplicato per 25. Come risultato, la potenza di riscaldamento elettrica viene ottenuta nella modalità attiva.

Tali calcoli sono considerati approssimativi. Più precisamente, tutto può essere calcolato utilizzando uno speciale calcolatore su uno dei siti Internet. Se i calcoli indipendenti sono difficili, dovresti invitare uno specialista.

Dove posare il cavo scaldante

In realtà, il sistema di riscaldamento per gli scarichi non è così difficile, tuttavia, affinché funzioni nel modo più efficiente possibile, il cavo deve essere posato in tutte le aree in cui il gelo si forma e nei luoghi in cui la neve si è sciolta. Nella valle del tetto il cavo è montato verso il basso e in alto, due terzi del cavo della valle. Minimo: 1 m dall'inizio della sporgenza. Ogni metro quadrato della valle deve essere di 250-300 W di potenza.

Lungo il bordo della grondaia, il filo è posto sotto forma di un serpente. Il passo del serpente per tetti morbidi è di 35-40 cm, su tetti rigidi è fatto un multiplo del modello. La lunghezza degli anelli viene scelta in modo che non vi siano zone fredde sulla superficie riscaldata, altrimenti qui si formerà del ghiaccio. Il cavo è posto sulla linea di separazione dell'acqua sulla flebo. Questo può essere 1-3 thread, la scelta è fatta sulla base del design del sistema.

Il cavo scaldante è montato all'interno delle grondaie. Di solito qui vengono impilati due fili, la potenza viene selezionata in base al diametro della grondaia. All'interno delle fognature si inserisce una vena di riscaldamento. Un'attenzione particolare dovrebbe essere rivolta alle condutture e agli imbuti. Di solito richiede un riscaldamento aggiuntivo.

Tecnologia di sistemazione del sistema di riscaldamento

Proponiamo di studiare le istruzioni di installazione dettagliate per l'impianto di riscaldamento del tetto e delle grondaie con le tue mani. Eseguiamo il lavoro a tappe.

Segna le aree del futuro sistema

Pianificare il luogo in cui verrà posato il cavo. È importante tenere conto di tutti i turni e della loro complessità. Se l'angolo di rotazione è troppo ripido, si consiglia di tagliare il cavo in parti della lunghezza richiesta e quindi collegarlo tramite giunti. Quando si segna, ispezionare attentamente la base. Non ci dovrebbero essere sporgenze o angoli taglienti, altrimenti l'integrità del cavo sarà compromessa.

Fissare il cavo di riscaldamento

All'interno delle grondaie il cavo è fissato con un nastro di montaggio speciale. È fissato attraverso il filo. È auspicabile scegliere un nastro il più forte possibile. Il cavo resistivo è fissato con un nastro ogni 0,25 m, autoregolato - dopo 0,5 m. Ogni striscia di nastro viene inoltre fissata con rivetti. I loro siti di installazione sono trattati con sigillante.

All'interno della grondaia per fissare il cavo usando lo stesso nastro per l'installazione o il tubo termoretraibile. Per le parti che superano i 6 m, viene utilizzato anche un cavo metallico. Un cavo è collegato ad esso per rimuovere il carico dall'ultimo. All'interno del cavo di riscaldamento degli imbuti è collegato al nastro e rivetti. Sul tetto - sul nastro di montaggio incollato sul sigillante o sulla schiuma di montaggio.

Una nota importante degli esperti. Potrebbe sembrare che l'adesione del materiale di copertura al sigillante o alla schiuma non sia sufficiente per una connessione affidabile. Tuttavia, è assolutamente impossibile eseguire fori per rivetti sul materiale del tetto. Nel corso del tempo, questo porterà inevitabilmente a perdite e il tetto diventerà inutilizzabile.

Installazione di box di installazione e sensori

Scegli un posto sotto le scatole di giunzione e installali. Quindi chiamiamo e misuriamo accuratamente la resistenza di isolamento di tutte le sezioni risultanti. Inseriamo i sensori del termostato, inseriamo i cavi di alimentazione e di segnale. Ogni sensore è un piccolo dispositivo con un filo, la lunghezza di quest'ultimo può essere regolata. I rivelatori sono collocati in luoghi rigorosamente definiti.

Ad esempio, un luogo sul tetto di una casa viene selezionato per un sensore di neve e viene selezionato un rilevatore d'acqua nel punto più basso della grondaia. Tutti i lavori sono eseguiti secondo le istruzioni del produttore. Colleghiamo i rilevatori con il controller. Se l'edificio è grande, i sensori possono essere combinati in gruppi, che sono successivamente collegati a turno a un controller comune.

Automazione montata nel pannello

Innanzitutto, prepara il luogo in cui verrà installato il sistema di controllo automatico. Molto spesso si tratta di una scatola di distribuzione situata all'interno dell'edificio. Qui è installato il controller e il gruppo di protezione. A seconda del tipo di controller, le sfumature della sua installazione potrebbero differire leggermente. Tuttavia, in ogni caso, avrà terminali per il collegamento di rilevatori, cavi scaldanti e per l'alimentazione.

Installiamo un gruppo protettivo e quindi misuriamo la resistenza dei cavi precedentemente montati. Ora è necessario testare lo spegnimento automatico di protezione per scoprire quanto bene si adatta alle sue funzioni.

Se tutto è in ordine, programmiamo il termostato e mettiamo in funzione il sistema.

Errori tipici durante l'installazione del sistema

Gli installatori esperti evidenziano gli errori tipici che vengono spesso commessi da coloro che, per la prima volta, installano autonomamente grondaie per il riscaldamento:

  • Errori nel design. Il più comune - ignorando le caratteristiche di un particolare tetto. Durante la progettazione, non viene prestata attenzione ai bordi freddi, alle aree calde, alle zone di sfioratore, ecc. Di conseguenza, il gelo continua a formarsi in alcune parti del tetto.
  • Errori nel fissaggio del cavo scaldante: un filo mobile, "appeso" sul nastro di montaggio, fori nel tetto per gli elementi di fissaggio, l'uso del nastro, progettato per l'installazione di un pavimento riscaldato, sul tetto.
  • Installazione di morsetti in plastica, progettati per lavori interni, come elementi di fissaggio. Sotto l'influenza delle radiazioni ultraviolette, diventeranno fragili e collasseranno in meno di un anno.
  • Sospensione del cavo scaldante nello scarico senza ulteriore fissaggio al cavo. Provoca la rottura del filo a causa dell'espansione termica e della gravità del ghiaccio.
  • Installazione di cavi di alimentazione non destinati alla posa sul tetto. Di conseguenza, si verifica un'interruzione dell'isolamento, che minaccia di provocare uno shock.

Gli errori includono la posa dei cavi in ​​aree in cui non è richiesto l'uso. Il suo lavoro sarà inutile e il proprietario dovrà pagarlo.

Video utile sull'argomento

Informazioni interessanti sui cavi scaldanti e suggerimenti utili sulla loro installazione sono presentati nei seguenti video.

Caratteristiche del lavoro del cavo scaldante autoregolante:

Come costruire autonomamente un impianto di riscaldamento:

Installazione di impianti di riscaldamento per assemblaggio industriale:

La pratica dimostra che a basse temperature è necessario riscaldare gli scarichi. Questo ti dà l'opportunità di sbarazzarti del ghiaccio e garantisce protezione contro la neve improvvisa. È possibile equipaggiare un tale sistema da soli. Forse la cosa più difficile è calcolarla e selezionare le aree in cui si vuole posare il cavo scaldante. Questa parte del lavoro può essere affidata a professionisti. Dopo aver ricevuto i calcoli e il progetto, l'installazione successiva è facile da implementare in modo indipendente.