Saldatrice per tubi in polietilene: quale è meglio comprare + come usare

I tubi in polietilene sono leggeri, facili da installare e relativamente economici. Per costruire questo tipo di comunicazione, è necessaria una saldatrice per tubi in polietilene. L'uso corretto delle attrezzature e la conformità con la tecnologia del lavoro consentono di ottenere un composto affidabile, quasi monolitico che durerà per molti anni.

Prima di scegliere l'attrezzatura giusta, dovresti familiarizzare con la tecnologia della saldatura.

Caratteristiche di saldatura di strutture in polietilene

Una delle caratteristiche utili dei tubi in polietilene è una certa flessibilità progettuale. La saldatura consente di mantenere questa proprietà nelle giunture dei singoli segmenti della linea, che fornisce caratteristiche uniformi per tutta la sua lunghezza. Tali tubi vengono bolliti sia per la posa in trincea che per la posa senza scavo.

Nella maggior parte dei casi vengono utilizzati due tipi di saldatura per collegare strutture in polietilene: saldatura di testa ed elettrofusione (noto anche come termistore). Quando si lavora con tubi in polietilene, le estremità delle strutture vengono prima riscaldate alla temperatura di fusione, quindi vengono unite e compresse sotto pressione. Sembra semplice, ma in pratica hai bisogno di buone capacità professionali per ottenere cordoni di saldatura di alta qualità.

È necessario determinare correttamente il tempo di ogni fase, nonché la pressione di esercizio che verrà applicata alla superficie di lavoro durante il riscaldamento e la connessione. Si consiglia di eseguire i lavori a una temperatura ambiente compresa tra -15... + 45 gradi. Questo metodo non è adatto per strutture con uno spessore della parete inferiore a 4,5 mm.

La saldatura testa a testa può essere eseguita da due specialisti, l'attrezzatura pesante non è necessaria. Il tempo di lavoro e i costi energetici per la loro implementazione in questo caso saranno molto moderati. Più in dettaglio lo schema delle operazioni durante la saldatura di testa è il seguente:

  1. Le estremità delle comunicazioni nei luoghi della loro connessione dovrebbero essere tagliate al fine di rimuovere le impurità ed eliminare le irregolarità.
  2. Successivamente, le estremità dei tubi vengono riscaldate utilizzando una saldatrice per formare una bava primaria.
  3. Il riscaldamento continua per qualche tempo per raggiungere il punto di fusione del polietilene.
  4. Ora la saldatrice viene rimossa e le estremità calde dei tubi vengono collegate con attenzione, formando la bava finale.
  5. Resta da attendere la struttura di raffreddamento e controllare la qualità della saldatura.

Per tagliare le estremità utilizzare uno strumento speciale - electrorotsevatel. Questo dispositivo consente di tagliare rigorosamente perpendicolarmente all'asse della struttura. La rasatura viene eseguita con microstrati per ottenere un nastro in polietilene continuo nel punto di taglio. La temperatura e il tempo di esposizione del riscaldatore alle estremità dei tubi sono determinati tenendo conto della qualità del materiale.

È molto importante che il rapporto tra questi indicatori e la pressione sulla superficie di lavoro sia stato mantenuto con la massima precisione. Questo è un momento decisivo per ottenere una saldatura di qualità. Alla fine della fase di riscaldamento, è necessario molto rapidamente e allo stesso tempo prendere attentamente il riscaldatore del dispositivo da parte in modo da non disturbare l'integrità delle superfici di lavoro ed evitare la contaminazione accidentale.

Quando si collega il riscaldamento alle estremità del livello desiderato, è necessario fornire la stessa pressione di quando si riscaldano le superfici. Anche il raffreddamento della saldatura deve essere fatto con molta attenzione. Non rimuovere i tubi collegati finché non precipita il polietilene riscaldato.

Se tutte le operazioni sono eseguite correttamente, un collare pulito e simmetrico si forma all'incrocio degli elementi. Se la cucitura appare irregolare o sciatta, significa che durante il processo di saldatura sono stati rilevati gravi difetti. La forza di un tale composto sarà molto dubbia.

Se è necessario collegare tubi con pareti sottili (inferiori a 4 mm), si consiglia di privilegiare la saldatura per elettrofusione, che viene anche chiamata termistore. Questa opzione consente anche di creare una connessione di qualità e il processo di esecuzione del lavoro è ancora più semplice rispetto all'utilizzo del metodo di testa.

Per eseguire la saldatura di questo tipo, attenersi alla seguente procedura:

  1. Pulire la superficie delle facce terminali e la parte del tubo che sarà sotto l'accoppiamento con un buon margine.
  2. Sgrassare le superfici di lavoro.
  3. Rimuovere lo strato di ossido.
  4. Installare il giunto sulle superfici di lavoro.
  5. Centra la costruzione.
  6. Riscaldare e saldare il giunto.
  7. Attendere fino a quando la saldatura è completamente raffreddata.

Tutti i lavori preparatori devono essere eseguiti con grande cura, poiché la presenza anche di una minima contaminazione può compromettere significativamente la qualità della connessione. Se, dopo la rimozione dello strato di ossido, le sostanze estranee vengono accidentalmente catturate sulla superficie, la pulizia deve essere ripetuta.

Il processo di raffreddamento ha gli stessi requisiti di quando si utilizza il metodo di testa. Qualsiasi cambiamento nella posizione del tubo durante questo periodo può essere fatale per la saldatura. La saldatura per elettrofusione viene eseguita con l'aiuto di raccordi in cui le spirali di riscaldamento del metallo vengono depositate durante la produzione.

Per avviare il processo, è necessario installare il raccordo sulla giunzione e collegarlo alla saldatrice, che eseguirà il riscaldamento. Durante il processo di saldatura, il materiale di montaggio si espande, fornendo la pressione necessaria e una tenuta sufficiente. Alla fine del lavoro, l'alimentazione è scollegata e il raccordo rimane sulla giunzione.

Un altro modo interessante per saldare tubi in polietilene sono le prese. Questa è l'opzione meno diffusa, che, a differenza delle tecnologie sopra descritte, può essere utilizzata solo per la posa di comunicazioni interne. È anche un metodo abbastanza semplice, tecnicamente molto simile al processo di saldatura dei tubi in polipropilene.

La saldatura dei tubi può essere raccomandata nei locali in cui lo schema di posa della condotta è complesso, pieno di inclinazioni e svolte. Per eseguire operazioni di questo tipo, viene utilizzato quasi lo stesso ferro di saldatura delle strutture in polipropilene e le impostazioni delle attrezzature non sono molto diverse.

Come cucinare il polietilene?

In base alle informazioni sulle caratteristiche delle strutture di saldatura in polietilene, è possibile determinare i punti principali da tenere in considerazione quando si sceglie l'attrezzatura giusta:

  • caratteristiche del tubo: qualità del polietilene, diametro, spessore della parete, ecc.;
  • caratteristiche di configurazione della pipeline;
  • il luogo di posa dei tubi (all'interno o all'esterno);
  • grado accettabile di automazione dei processi;
  • tecnologia di saldatura adatta, ecc.

Attrezzature speciali sono utilizzate per la saldatura di testa di tubi in polietilene. A disposizione dei maestri ci sono dispositivi con cui è possibile eseguire la saldatura in modalità manuale, automatica e semi-automatica. Il modo più semplice per padroneggiare il lavoro del dispositivo portatile, ma è destinato solo a tubi di piccolo diametro.

I parametri dovranno essere determinati utilizzando tabelle speciali. L'accuratezza della saldatura su apparecchiature portatili non è sempre sufficientemente elevata per funzionare con successo con questo tipo di aggregati: è necessaria una certa esperienza. I dispositivi semi-automatici sono molto più convenienti, sono dotati di impianto idraulico: una stazione e un centralizzatore, che semplifica notevolmente la manipolazione.

Questi dispositivi sono utilizzati per collegare tubi di diametro maggiore rispetto a quando si lavora con apparecchiature manuali. Sebbene il movimento degli elementi del dispositivo sia automatizzato con l'aiuto di dispositivi idraulici, i parametri di saldatura dovranno ancora essere mostrati nelle tabelle.

Qui il processo è completamente controllato dal processore del computer. Il master deve solo inserire i parametri necessari, ad esempio il materiale da cui viene ricavato il tubo, il diametro della struttura, l'SDR, ecc. Quando si usano tabelle speciali, i saldatori operano con concetti come:

  • spessore della parete del tubo;
  • temperatura di lavoro del riscaldatore;
  • diametro della struttura;
  • tempo di riscaldamento delle estremità;
  • dimensioni dei grata;
  • pressione di saldatura e riscaldamento supplementare;
  • tempi di riscaldamento e di cambio;
  • tempo di pressione nella fase di precipitazione della struttura;
  • tempo di raffreddamento

La temperatura del riscaldatore dipende principalmente dalle caratteristiche del materiale da cui provengono i tubi. Per determinare questo parametro, vengono utilizzate non solo le tabelle, ma anche i grafici.

L'attrezzatura per la saldatura di testa del produttore svizzero "Georg Fischer" si distingue per l'alta qualità. La gamma è molto diversificata, diversa qualità europea e prezzo ragionevolmente alto. Linee modello relativamente economiche KL Line e Weld Line. Consentono di cucinare disegni con un diametro di 630 mm o inferiore, si differenziano per un design semplificato che fornisce maggiore affidabilità dell'unità. Adatto per l'installazione di tubi per acqua e fognature, incl. e testa di pressione.

Le saldatrici della linea GF dello stesso produttore hanno un dispositivo più complesso e sono più costose. Questo è un dispositivo automatico, che lavora sulla tecnologia SUVI. Tali unità sono spesso utilizzate nella posa di gasdotti, sono adatte per il lavoro con tubi con un diametro di 160-1200 mm.

Per la saldatura per elettrofusione, è possibile utilizzare anche dispositivi che automatizzano il processo in vari gradi. La qualità della saldatura dipende non solo dal tipo di apparecchio, ma anche dalla qualità delle sue prestazioni, nonché dalle condizioni operative. I professionisti preferiscono utilizzare le unità di lavoro dotate di uno scanner che analizza il codice a barre fornito dal produttore del tubo.

È un blocco completo di informazioni crittografate sulle funzionalità di questo materiale. Dopo la scansione verranno impostate tutte le impostazioni necessarie. Se i tubi vengono puliti e preparati, è possibile procedere immediatamente alla saldatura. Le buone saldatrici per elettrofusione non controllano solo ogni fase della saldatura, ma danno anche un avvertimento in caso di errore.

Scegliendo il tipo di apparecchio, dovresti considerare la seguente caratteristica delle attrezzature per saldatura. I dispositivi a termistore sono adatti per il lavoro con tubi di quasi tutti i diametri, poiché il riscaldamento viene eseguito tramite un giunto di dimensioni appropriate. Ma i dispositivi per la saldatura di testa devono essere presi per un diametro specifico della struttura.

I dispositivi a termistore per saldatura, inoltre, si differenziano in prezzi molto ragionevoli rispetto agli analoghi per saldatura di testa. Ma va ricordato che quando vengono utilizzati, dovranno essere pagati separatamente per l'elettrofusione. Per tubi di piccolo diametro l'accoppiamento non è così costoso, ma quando si lavora con strutture di grandi dimensioni, la differenza di prezzo può diventare tangibile.

Il fatto è che tubi di polietilene di piccolo diametro (110 mm e meno) sono forniti in bobine. Pertanto, è possibile ottenere una comunicazione flessibile e senza interruzioni fino a 200 metri. Per l'installazione di questo progetto sarà necessario un numero minimo di connettori. Ma quando si tratta di tubi con un diametro superiore a 110 mm, non sono le bobine a disposizione dell'acquirente, ma segmenti di soli 12 mm o meno.

Ovviamente, per l'installazione di una tale condotta sarà necessaria una quantità significativa di elettrofusione per collegare una varietà di sezioni di 12 metri. L'attrezzatura per la saldatura elettrofusione è compatta. Se il lavoro deve essere svolto in condizioni ristrette, questa opzione potrebbe diventare l'unica possibile. Il diametro minimo delle strutture quando si utilizza la saldatura per elettrofusione può anche essere quasi tutto, a partire da 20 mm.

Occorre prestare attenzione anche alla possibilità di riparare il gasdotto in caso di necessità. Anche le caratteristiche geologiche della sezione in cui viene posato il gasdotto sono importanti. Ad esempio, in aree sismicamente pericolose, la saldatura di testa non è accettabile, il metodo del termistore è obbligatorio per l'uso.

Scegliendo l'attrezzatura per la saldatura, si dovrebbe prestare molta attenzione a questioni quali la disponibilità di garanzia, l'accesso al servizio, la possibilità di una valutazione regolare del dispositivo, ecc. Il venditore affidabile deve avere i permessi per le attrezzature, che di solito vengono effettuate all'estero.

Video utile sull'argomento

Il processo di saldatura dei tubi in polietilene utilizzando una termosaldatrice THERMOPLAST è chiaramente presentato in questo video:

Qui puoi vedere le caratteristiche della saldatura della costruzione in polietilene usando il metodo del calcio:

Il video dimostra il funzionamento del dispositivo di saldatura a termistori DARFIN:

Scegliere una saldatrice adatta per tubi in polietilene non è così difficile. È preferibile dare la preferenza a prodotti di produttori noti in una fascia di prezzo accettabile. Con l'aderenza accurata alla tecnologia di saldatura, è possibile ottenere una connessione affidabile.

Scegliere un apparato per saldare tubi in polietilene

Negli ultimi anni, i tubi in polietilene (PE) hanno iniziato a guadagnare terreno nel mercato delle condutture idriche e del gas, diventando di fatto lo standard sia per la creazione di nuovi che per la riparazione e la modernizzazione di condotte esistenti. Il metodo più comune di installazione dei tubi in PE è la loro saldatura utilizzando attrezzature specializzate. L'affidabilità del collegamento del tubo determina in definitiva la durata del sistema di alimentazione del gas o dell'acqua nel suo complesso, quindi la scelta degli apparecchi per la saldatura di tubi in polietilene è un compito importante, a cui va dedicata particolare attenzione.

Caratteristiche speciali

Scegliendo un apparecchio per la saldatura di tubi in PE, è necessario essere chiari su quale tipo di lavoro sarà fatto con esso. Le caratteristiche dell'equipaggiamento desiderato dipendono in gran parte dal metodo di saldatura, che si prevede di utilizzare più spesso.

Esistono quattro metodi principali di saldatura dei prodotti in polietilene.

  • Saldatura testa a testa: questo metodo è il più comune e si basa sul collegamento delle estremità dei tubi riscaldate tra loro o con i raccordi mediante uno speciale specchio di saldatura. Un giunto di testa consente di ottenere un giunto di qualità piuttosto elevata ad un prezzo ragionevole per le attrezzature, ma il metodo non è adatto per unire prodotti con uno spessore della parete inferiore a 4,5 mm. L'uso della saldatura di testa richiede un'accurata pulizia delle superfici da unire, la massima precisione del taglio dei prodotti e l'applicazione di una corretta pressione sui tubi durante il loro collegamento.
  • Il collegamento delle tubazioni allo zoccolo (o al metodo di accoppiamento) è un metodo affidabile, ma meno comune e più costoso basato sulla giunzione di prodotti attraverso un accoppiamento speciale. Ci sono anche opzioni per collegare direttamente due tubi di diametri diversi tra loro. Questo metodo non è utilizzato per la posa di condotte all'aperto.
  • Saldatura per tubi elettrofusione (o termistore): questo metodo è simile alla connessione alla presa, ma l'accoppiamento utilizzato contiene un elemento riscaldante metallico, che contribuisce a un riscaldamento più uniforme dei prodotti collegati e dell'accoppiamento elettrico. Ad ogni elettromoltiplicatore è presente uno speciale codice a barre in cui i parametri della corrente elettrica necessaria per questo accoppiamento sono crittografati, pertanto dispositivi di questo tipo sono spesso dotati di uno scanner di codici a barre. Il metodo del termistore è ancora più affidabile (e più costoso) di quello della frizione, pertanto viene utilizzato principalmente nei casi in cui è necessario fornire una connessione molto stabile (ad esempio, quando si eseguono condotte in aree di terremoti frequenti). Questo metodo viene utilizzato per collegare tubi con un diametro di 20 mm con qualsiasi spessore di parete, e i requisiti per la precisione di mantenere i parametri tecnologici in esso sono molto più bassi rispetto a quando si saldano le estremità.
  • La saldatura per estrusione è un metodo simile alla saldatura elettrica: quando viene applicato, il polietilene riscaldato viene alimentato attraverso uno speciale estrusore nell'area di saldatura, formando una giunzione tra i tubi. La resistenza del composto ottenuto solitamente non supera l'80% della resistenza del polietilene, quindi il metodo di estrusione viene solitamente utilizzato principalmente per collegare tubi con altri prodotti in plastica e per installare tubi con un diametro di 630 mm in luoghi che non sono soggetti a carichi elevati.

Tutti i dispositivi per la saldatura del polietilene sono costituiti da quattro moduli principali: un generatore (generalmente funzionante secondo il principio di un inverter con trasformatore o alimentatore switching), un modulo di controllo dell'alimentazione, un modulo di controllo della temperatura e un'unità di processo in cui avviene il processo di connessione. Ciascuno dei quattro metodi di saldatura discussi sopra viene eseguito utilizzando uno strumento appropriato.

Le macchine esistenti per ciascuno dei 4 modi possono essere suddivise in 3 categorie in base al grado di automazione.

  • Dispositivi manuali: di solito sono i più economici (il più semplice saldatore per costi di saldatura testa a testa da tremila rubli), ma hanno anche una maggiore probabilità di errore durante la saldatura, poiché sono molto dipendenti dal fattore umano. Tali dispositivi sono utilizzati solo per il collegamento di tubi in PE di piccolo diametro, il più delle volte in condizioni domestiche. Di solito, i dispositivi per la saldatura di testa e presa sono manuali, sebbene siano presenti anche estrusori manuali. La saldatura a termistore tramite un dispositivo portatile è praticamente impossibile a causa della necessità di stabilire una modalità di corrente specifica per ciascun accoppiamento elettrico.
  • Dispositivi di saldatura semiautomatici - tali dispositivi sono più affidabili e più costosi di quelli manuali e il ruolo dell'operatore in essi è quello di inserire tutte le caratteristiche di saldatura richieste (compresi spessore della parete e diametro del tubo, temperatura del processo di saldatura, tempo di riscaldamento, applicazione di pressione e raffreddamento) al pannello di controllo e controllo di processo. Le unità semi-automatiche sono realizzate per tutti e quattro i tipi di saldatura, i dispositivi semi-automatici per la saldatura elettrofusione sono particolarmente comuni.
  • Macchine automatiche - in tali dispositivi, l'operatore inserisce nel computer solo i parametri di base dei tubi saldati (materiale e dimensioni) e il computer calcola tutte le caratteristiche necessarie con l'ausilio di software specializzati e lo trasferisce alla macchina, che esegue tutte le successive operazioni tecnologiche in modo indipendente. Una persona deve solo inserire correttamente i dati e assicurarsi che la macchina abbia abbastanza materiali di consumo. I prezzi per tali installazioni variano da poche centinaia di migliaia a un milione di rubli e vengono utilizzati per saldare tubi di qualsiasi diametro e consentono di garantire la migliore qualità della connessione.

I dispositivi semi-automatici sono suddivisi in base al tipo di azionamento utilizzato in meccanica e idraulica. Nei dispositivi con azionamento meccanico, la forza richiesta per centrare e trattenere i tubi durante il processo di saldatura è creata dall'operatore, pertanto vengono utilizzati solo quando si lavora con tubi con diametro inferiore a 160 mm. L'azionamento idraulico non richiede l'applicazione della forza da parte dell'operatore e viene utilizzato per la saldatura di prodotti di qualsiasi diametro, compresi più di 160 mm.

Le saldatrici automatiche per tubi in PE sono dotate esclusivamente di azionamento idraulico.

Un'altra caratteristica importante della saldatrice è il diametro dei tubi che può collegare, poiché le dimensioni standard dei tubi in PE sono comprese tra 16 e 1600 mm. Ad esempio, i tubi con un diametro da 20 a 32 mm vengono solitamente utilizzati per condurre l'approvvigionamento idrico negli appartamenti, ma per l'installazione di condotte, potrebbe essere già necessario un apparecchio in grado di saldare tubi con un diametro di 90/315 mm o più.

I dispositivi più utilizzati attualmente sono Georg Fischer (Svizzera), Rothenberger (Germania), Advance Welding (Regno Unito), Eurostandard, Technodue e Ritmo (Italia), Dytron (Repubblica Ceca), KamiTech e Nowatech (Polonia). Esistono anche produttori russi di dispositivi per la saldatura del polietilene, ad esempio lo stabilimento di Volzhanin, che produce apparecchiature per la saldatura testa a testa di prodotti con diametro da 40 a 1600 mm e dispositivi elettromotrici capaci di collegare tubi con diametro fino a 1200 mm.

Come scegliere?

Quando si sceglie l'attrezzatura per la saldatura, prima di tutto è necessario comprendere chiaramente i volumi e le condizioni di lavoro pianificati.

  • Una macchina industriale enorme e costosa sarà inutile per un semplice idraulico, e un dispositivo portatile a basso costo non aiuterà l'azienda che costruisce un gasdotto industriale ad alta pressione.
  • Se la posa di condotte non ha nulla a che fare con il tuo lavoro, e vuoi solo riparare da solo l'impianto idraulico di casa - ti serve solo un semplice saldatore da butt-top per saldatura, ad esempio Elitech SPT-800.
  • Quando si acquista un dispositivo per la saldatura di testa, non dimenticare che questo metodo richiede il taglio rigorosamente verticale delle estremità dei prodotti che vengono uniti, quindi sarà ragionevole acquistare un elettrofiltro speciale con l'unità di saldatura che può tagliare i tubi rigorosamente ad angolo retto rispetto al loro asse.
  • Se non sei sicuro delle tue capacità di saldatura, ma non sei vincolato nelle finanze, una macchina semiautomatica per la saldatura elettrofusione, ad esempio, Nowatech ZERN-800 PLUS, ti consentirà di non preoccuparti di una possibile sfondamento dell'acqua o del gasdotto dopo la riparazione.

Se sei un professionista, prima di tutto studia attentamente le caratteristiche dei tubi che usi per lavorare e le possibili condizioni per il loro funzionamento. Non dimenticare i limiti di applicabilità di ciascuno dei metodi (quindi, non si dovrebbe eseguire il calcio di saldatura a temperature ambiente inferiori a 15 e superiori a 45 gradi Celsius) e leggere attentamente le istruzioni per qualsiasi dispositivo prima di acquistarlo.

Nei casi in cui la domanda alla fine si riduce alla scelta tra un semi-automatico e automatico, ricorda che per utilizzare correttamente il semi-automatico è necessario avere esperienza nel calcolo di tutte le caratteristiche di saldatura richieste utilizzando tabelle e grafici speciali. Quando si acquista una macchina semiautomatica, è necessario prestare attenzione alla possibilità di registrazione, che consente di salvare le impostazioni per la saldatura nelle stesse condizioni (ad esempio, utilizzando gli stessi accessori), risparmiando tempo quando si esegue spesso lo stesso tipo di lavoro.

Alcuni dispositivi semi-automatici non contengono una funzione di registrazione incorporata, ma potrebbero consentire di collegare un dispositivo esterno per questo.

Se si deve lavorare con un gas o un oleodotto principale ad alta pressione, la scelta migliore sarebbe una macchina elettrofusione automatica, ad esempio la serie Georg Fischer MSA.

È importante ricordare che l'efficacia dell'applicazione della saldatura a resistenza termica dipende spesso più dalla qualità degli accoppiamenti utilizzati che dai parametri della macchina utilizzata, quindi non risparmiare sui materiali di consumo.

Saldatura a termistore di tubi in polietilene

Immagine del collegamento del termistore

Per l'organizzazione del sistema di selezione del calore di bassa qualità della pompa di calore (collettore orizzontale del terreno, collettore verticale del terreno, fonte d'acqua, ecc.)

vengono utilizzati tubi e raccordi in polietilene. Il metodo principale della loro connessione è la saldatura a termistore.

Le condutture sono i principali mezzi di produzione. La maggior parte del capitale di un'impresa edile impegnata nel riscaldamento, nel gas, nell'approvvigionamento idrico o nelle fognature, si trova nell'infrastruttura sotterranea della rete di condotte, un aspetto essenziale della sua efficienza e la condizione per l'affidabilità delle sue funzioni è, naturalmente, l'affidabilità. Nell'ambito di questo articolo, gli aspetti dell'affidabilità della saldatura sono considerati con l'aiuto di un elemento riscaldante incorporato come metodo per unire tubi in polietilene.

Le moderne condotte in polietilene garantiscono un funzionamento a lungo termine, affidabile e, ultimo ma non meno importante, economico per un'impresa edile e per i suoi clienti. Secondo dati moderni, confermati da quasi 50 anni di pratica, la durata prevista dei sistemi di condotte in polietilene ad alte prestazioni della terza generazione supera i 100 anni. La questione dell'affidabilità della pipeline nasce già nel processo:

- progettazione e scelta di un metodo di installazione idoneo;
- selezione dei materiali utilizzati per tubi, raccordi, accessori;
- selezione di un'impresa edile certificata idonea con personale qualificato;
- pianificare le ispezioni preventive delle condotte.

Tuttavia, non ha senso parlare solo della pipa, senza considerare il sistema nel suo insieme e senza focalizzarsi sui dettagli di connessione.

Solo una tecnologia di connessione adeguata, affidabile ed economica è la garanzia del corretto funzionamento dell'intero sistema.

Tecnologia di connessione per la saldatura a termistore

La saldabilità del polietilene e il controllo senza problemi delle attrezzature di saldatura sono
vantaggio significativo per il polietilene rispetto ad altri materiali. Il giunto omogeneo saldato del materiale soddisfa tutti i requisiti imposti sul materiale del tubo e li supera anche in modo significativo quando si applica il riscaldatore elettrico fisso.
Una tubazione saldata, contrariamente alle tubazioni con l'uso di componenti meccanici, non è suddivisa in componenti separati - tubo / raccordo / tubo, ma è un singolo sistema non separabile di materiale omogeneo. Pertanto, l'uso di componenti di tenuta elastomerica, ad esempio in raccordi, è ridotto al minimo.

Quando si posizionano i tubi nel terreno, vengono utilizzati metodi di saldatura di testa e elettrofusione. I raccordi sono certificati DVGW ed etichettati di conseguenza. La qualifica del saldatore deve essere conforme alla norma GW 330 degli standard DVGW, alla verifica del giunto saldato - la fornitura del GW 331 degli standard DVGW per la fornitura di gas e acqua. Stiamo parlando della costruzione di condutture industriali e sistemi di smaltimento delle acque reflue. Esistono anche standard speciali DVS (Unione tedesca dei saldatori), che dettagliano le prestazioni della saldatura.
L'area principale di applicazione del metodo di saldatura testa a testa è la saldatura di tubi di grande diametro (oltre il DN 200,? 225), nonché la posa di condotte inter-stabilimento, principalmente a causa del tempo richiesto per creare un giunto saldato.
Il metodo di saldatura elettrofusione è utilizzato in molte aree. Per gli ingressi casa con un diametro fino a 63 mm e le prese con l'aiuto delle selle, vengono utilizzati praticamente solo i raccordi con elementi riscaldanti incorporati. Per i tubi di grande diametro, la saldatura elettrofusione è anche preferita grazie all'installazione semplice e affidabile, alla capacità di preparare rapidamente i raccordi per la saldatura, a brevi tempi di saldatura e alla riduzione dei costi associati del personale e della posa in profondità.
Per i tubi con diametro fino a 710 mm, i raccordi con riscaldatore incorporato sono in grado di risolvere i problemi di intercettazione delle tubazioni già esistenti, se necessario, cambiando la direzione della tubazione o riparandola quando la saldatura di testa non è pratica per motivi tecnici o economici.

I principali vantaggi della saldatura per elettrofusione sono i seguenti:

- installazione semplice;
- alta affidabilità;
- saldatura rapida di raccordi;
- uso economico ed efficiente;
- uso universale per polietilene e pareti spesse (SDR);
- praticità durante l'installazione in una trincea.

Raccordi per riscaldatori elettrici: l'impatto delle caratteristiche di progettazione sull'affidabilità della connessione standard nazionali (ad esempio, DIN 16963) e internazionali (EN 1555, EN 12201, EN 13244) impongono solo i requisiti più generali sui parametri tecnici e geometrici dei raccordi con un riscaldatore per uso domestico. Con una corretta installazione, i raccordi devono, ovviamente, soddisfare i requisiti della condotta.

È ovvio che durante i test di laboratorio non è sempre possibile riprodurre condizioni pienamente coerenti con la pratica. In questo caso, il produttore è responsabile di garantire che il sistema offerto al cliente sia affidabile e pratico. Ciò richiede una certa esperienza e know-how nelle aree sia della produzione di prodotti in plastica che della loro installazione in cantiere.
Nonostante il ruolo principale del fattore affidabilità della pipeline, da cui ci si può aspettare una durata di servizio fino a 100 anni, questo aspetto diventa talvolta di secondaria importanza a causa dei vantaggi a breve termine associati all'uso di determinati prodotti, con un documento che conferma la validità del loro uso.
L'installazione del raccordo dovrebbe, in generale, essere eseguita in conformità con le direttive e le istruzioni di installazione del produttore.
Lo sviluppatore di prodotti più importante è stato e rimane un consumatore. Solo grazie ai suoi segnali sulle carenze del prodotto è possibile risolvere problemi che si presentano nella pratica e migliorarlo ulteriormente.

I principali parametri dei raccordi termistore

Quando si sviluppano i raccordi con un riscaldatore per i mutui, i seguenti parametri sono di fondamentale importanza (prestare attenzione ai dati del produttore!):

- la saldabilità di vari materiali per tubi (PE 80, PE 100 e PE-Xa);
- intervallo di temperatura da 15 a + 50 ° С;
- SDR 17.6 (17.0), SDR 11, SDR 7.4 spessore della parete (dimensioni standard in Germania), SDR 41 non standard, SDR 21 e spessore della parete SDR 6 vengono utilizzati con i parametri appropriati;
- saldabilità delle selle, compreso il taglio di un foro nel tubo principale, per tutte le dimensioni dei tubi standard senza pressione e, a seconda del modello, alla pressione di esercizio massima consentita.

Il design dei raccordi a termistore

Un aspetto geometrico importante nel calcolo dei parametri di progetto di un giunto saldato con un riscaldatore incorporato è la profondità di inserimento del tubo. Consiste di:

- dalla zona saldata, vale a dire la superficie della connessione omogenea del raccordo con il tubo. È facile dire che maggiore è la lunghezza della zona saldata, maggiore è la forza e l'affidabilità del giunto saldato nella pratica;
- dalle zone fredde interne ed esterne, il cui compito è:
- ritenzione del fuso che si verifica durante il processo di saldatura;
- compensazione di piccoli disallineamenti e angoli causati dal processo di installazione;
- allineamento o compensazione delle deviazioni della forma del tubo dallo stato ideale, ad esempio, ovalità, conicità delle estremità del tubo o taglio del tubo, eseguite con un angolo diverso da 90 ° C, che sono anche causate dalle condizioni di installazione sul sito di costruzione.

Le zone fredde non esposte alla temperatura influenzano la diffusione del fuso. Il polietilene fuso durante il processo di saldatura viene raffreddato in zone fredde, in modo da creare una pressione di fusione uniforme all'interfaccia. Il parametro "pressione del fuso" è, insieme al tempo di saldatura e alla temperatura di saldatura, una quantità che determina la qualità del giunto saldato. Una ritenzione inadeguata della pressione saldata può portare all'uscita del fuso dalla zona di saldatura, degradare la qualità del giunto di raccordo e pertanto non è accettabile.
Più lunghe sono le zone fredde, migliore sarà la compensazione delle sollecitazioni di flessione, che si verificano, ad esempio, quando si utilizza un tubo in una bobina. Queste tensioni non hanno praticamente alcun effetto sulla zona di saldatura, dal momento che il tubo è livellato a causa delle lunghe zone fredde e, di conseguenza, della maggiore profondità dell'inserto di accoppiamento.


Questi requisiti si riflettono nella progettazione dell'accoppiamento Frialong allungato, che viene utilizzato principalmente nella saldatura di tubi nel vano (Figura 1).

La zona fredda interna merita particolare attenzione. Tipici fenomeni di deviazione della forma delle estremità dei tubi dal cerchio sono compensati da questa zona. Nel caso in cui la sezione del tubo sul cantiere non sia stata realizzata ad angolo retto, la discrepanza tra le sezioni del tubo sarà livellata a causa della grande lunghezza di questa zona fredda. Pertanto, non ci sarà alcun impatto negativo sulla zona di saldatura e sarà garantita la qualità della saldatura.
Le prestazioni della zona dell'elemento riscaldante hanno un impatto diretto sulla qualità della connessione.

Nella tab. 1 presenta un confronto tra i requisiti degli standard per l'esecuzione.

Giunto a termistore

Lo spessore delle pareti del raccordo deve essere scelto in modo tale che il raccordo possa resistere alla pressione del fuso formatosi durante il processo di saldatura. Se lo spessore della parete è insufficiente, la resistenza della parte diminuirà e potrebbe aumentare di volume a causa dell'effettiva pressione di saldatura. L'indicatore "pressione di saldatura" non è completamente utilizzato. Lo stress da contrazione presente nella parte, che dovrebbe essere utilizzato per creare una pressione saldata, è ridotto e non ha quasi alcun effetto su questo parametro, se è ancora possibile parlare di questo stress. Per quanto è noto, lo stress intrinseco all'interno del polietilene diminuisce nel tempo - si verifica un rilassamento. Se prendiamo in considerazione la contrazione radiale per creare pressione nell'articolazione, dobbiamo anche indicare il "momento di distruzione" del raccordo.

Batteria di riscaldamento aperta o chiusa: solo una domanda retorica?

Due progetti di fitting fondamentalmente diversi (Fig. 2, 3) sono stati proposti qualche decennio fa, e le dispute e le discussioni su questo non si sono attenuate fino ad ora. Entrambe le opzioni - una spirale che è nello spessore del polietilene e aperta, visibile nel lume del raccordo - si sono ripetutamente giustificate per molti anni di utilizzo.


Nel caso di una serpentina di riscaldamento aperta con l'inizio del processo di saldatura, il trasferimento di calore al tubo avviene sotto forma di radiazione termica e flussi d'aria convettiva, a causa dei diversi livelli di temperatura nella zona di contatto. Sebbene l'aria, come il polietilene, sia un cattivo conduttore di calore, ma a distanze tra l'accoppiamento e il tubo inferiore a 0,1 mm, il trasferimento di calore avviene quasi istantaneamente.

Ciò può essere facilmente visto dall'esperienza: se si tiene il dito su una distanza di circa 1 mm verso una fonte di calore, ad esempio, sulla piastra inclusa, senza toccarla, la relatività della frase "l'aria è un cattivo conduttore di calore" diventa ovvia. Naturalmente, questa espressione è corretta rispetto a sostanze come acciaio e acqua. Ma ancora la differenza relativamente piccola tra queste sostanze, principalmente tra polietilene liquido e aria (Tabella 2), diventa evidente solo quando si confronta la loro conduttività termica.

Ciò è confermato dalla pratica: per trent'anni di attività nei cantieri, non ci sono state lamentele riguardo al danneggiamento della serpentina di riscaldamento quando è stata inserita la tubazione.

Al contrario, con una bobina di riscaldamento aperta, il consumatore può facilmente controllare la sua posizione. Questo aspetto non può essere sottovalutato se si ricorda che lo spessore dello strato di polietilene con una spirale chiusa non può essere determinato.

Per quanto riguarda la possibilità di utilizzare raccordi FRIALEN® ad elica aperta in sistemi di tubazioni industriali, sono stati eseguiti test a lungo termine in ambienti molto acidi e molto alcalini. I test hanno sempre avuto successo e le principali aziende del settore chimico hanno montato i raccordi FRIALEN® per decenni.

Marcatura dei raccordi termistore

Ci sono alcune regole per l'etichettatura dei raccordi. I parametri di base, come produttore, diametro nominale, designazione del materiale, SDR e dati relativi alla fabbricazione del prodotto, devono essere letti in un lungo periodo. I dati relativi all'installazione in loco, come i parametri di saldatura e backtracking, l'intervallo di valori SDR per le tubazioni e il tempo di raffreddamento richiesto dopo la saldatura, possono essere indicati su etichette separate come codice a barre. Tutti i dati devono essere letti dal raccordo in forma assemblata (Fig. 5).

Parametri di saldatura per collegamenti a termistore

I parametri di saldatura sono applicati sotto forma di un codice a barre, che elimina gli errori fondamentali, come l'errato inserimento del tempo di saldatura e la tensione in modalità manuale. Questa regola è approvata come standard mondiale.
Il codice di montaggio è stampato su ogni dettaglio sotto forma di un'etichetta, che esclude la possibilità di perderlo. Lo schema del codice a barre è standardizzato e consente non solo di determinare i parametri di saldatura, ma anche di registrare tali dati come informazioni sul produttore, i dati sul processo di saldatura, ecc., Se la saldatrice prevede la possibilità di registrazione. Il secondo codice a barre, che si trova sotto, contiene i dati necessari per tracciare il raccordo, che può essere registrato separatamente come opzione e utilizzato nel protocollo elettronico del tubo.

Il secondo codice a barre, che si trova sotto, contiene i dati necessari per tracciare il raccordo, che può essere registrato separatamente come opzione e utilizzato nel protocollo elettronico del tubo.
Grazie a questo sistema di codici a barre internazionali, la possibilità di un riconoscimento errato dei parametri viene completamente eliminata.
Il codice a barre contiene anche la cosiddetta compensazione della temperatura. La saldatrice corregge l'energia necessaria per questo processo di saldatura, sempre individualmente, in base alla temperatura ambiente.
La temperatura ambiente viene misurata utilizzando un sensore installato nelle immediate vicinanze della saldatura. Il tempo di saldatura registrato nel codice a barre per una temperatura ambiente di 20 ° C aumenta automaticamente a bassa temperatura e diminuisce al massimo. A causa di ciò, nella zona di contatto chiusa protetta dal raccordo, vengono create approssimativamente le stesse condizioni di saldatura a diverse temperature esterne. Quasi tutti i produttori di raccordi utilizzano la funzione di compensazione della temperatura per eliminare l'impatto negativo di varie condizioni esterne.

Con l'aiuto della tecnologia dei codici a barre e lo sviluppo di saldatrici automatiche polivalenti universali, è diventata possibile l'ottimizzazione dei parametri di saldatura. Gli attuali standard internazionali e nazionali consentono oggi di utilizzare la gamma di bassa tensione da 8 a 48 V, che consente di migliorare i parametri ottimali, tenendo conto della gamma di temperature e dello spessore della parete, al fine di ottenere la migliore qualità di connessione. Questo risultato è stato raggiunto sperimentalmente da altri produttori stranieri.
La determinazione ottimale dei parametri di tensione e tempo di saldatura consente di garantire che anche con qualche incongruenza di condizioni reali con l'ottimale (questo vale, ad esempio, lo spazio tra tubo e raccordo, la temperatura ambiente, il materiale di raccordo), il processo di saldatura passerà normalmente.
Dal momento che il polietilene ha una conducibilità termica relativamente scarsa e allo stesso tempo è necessario evitare un impatto energetico troppo aggressivo, un tempo di saldatura troppo breve, basato sulle leggi della fisica, è problematico: la profondità della penetrazione dell'energia termica nel tubo e il raccordo sono insufficienti, il fuso è anche insufficiente, il che porta a un giunto insufficientemente forte.
In effetti, il tempo di saldatura non influenza la velocità della condotta; in ogni caso è misurato in minuti o secondi. Pertanto, solo a prima vista, un breve tempo di saldatura è un vantaggio che contraddice le leggi della fisica.

Raccordi a termistore per tubi di grande diametro

Per garantire la creazione di pressione saldata durante il processo di saldatura, il raccordo non deve essere lasciato espandere. Ciò può essere ottenuto, ad esempio, mediante rinforzo, come nella costruzione di giunti FRIALEN® di grande diametro (Fig. 6). Questo "corsetto" impedisce l'espansione dell'accoppiamento e assicura la creazione di una sufficiente pressione di saldatura. Per giunti con un diametro compreso tra 280 e 710 mm, il metodo di preriscaldamento fornisce un'ulteriore affidabilità del processo di saldatura.

Le tolleranze sul diametro aumentano con l'aumentare del diametro esterno del tubo (Tabella 3).

Quando si riduce la dimensione del divario nelle condizioni del sito di costruzione, la qualità del raccordo per tubo aumenta significativamente, dal momento che aumenta la pressione saldata.

Il dispositivo per la saldatura a termistore di tubi in polietilene

Una conversazione separata merita la saldatura a termistore, che ha una gamma crescente di applicazioni. I collegamenti che utilizzano parti con un riscaldatore elettrico sono caratterizzati da una rapida installazione, alta affidabilità e la quasi totale assenza di influenza del fattore umano sulla qualità del giunto.

Nella saldatura a termistore (elettrofusione), il riscaldamento dei tubi è assicurato dall'uso di raccordi in polietilene con elementi riscaldanti incorporati al loro interno durante la produzione. Sono dotati di selle, tubi di derivazione, raccordi a T, spine, quando una corrente elettrica passa attraverso la spirale, agisce come un elemento riscaldante, a seguito della quale il polietilene si fonde e la parte sagomata viene saldata alla parete del tubo.

Prima della saldatura, la superficie delle aree saldate deve essere pulita meccanicamente per rimuovere eventuali contaminazioni e pellicole di ossido.

È importante garantire la completa immobilità del tubo e della parte sagomata, sia nel processo di riscaldamento durante il passaggio della corrente elettrica che nel processo di raffreddamento. Nel caso di saldatura di una sella di derivazione, devono essere utilizzati morsetti opportunamente selezionati.

I giunti di elettrofusione sono economicamente più costosi della saldatura di testa. Tuttavia, in condizioni di maggiore vincolo, quando è impossibile posizionare un apparecchio generale per la saldatura di testa, la saldatura a termistore diventa indispensabile.
Il giunto elettrico semplice più popolare è utilizzato per collegare due tubi in una sezione diritta. Tuttavia, vengono utilizzati anche tee elettrofusion, selle, ecc.
I collegamenti realizzati con l'uso di elettrofusione sono spesso utilizzati nell'installazione di tubazioni di piccolo diametro da tubi in arrivo in bobine. Gli elettrocoppie di tale diametro (fino a 110 mm) sono convenienti e, dato il loro uso in piccole quantità, rendono la saldatura per elettrofusione di tubi che si trovano in bobine economicamente paragonabili alle giunzioni di testa.

Regole per la saldatura a termistore

L'operazione di un collegamento elettrosaldato viene eseguita utilizzando un impianto di saldatura progettato per la saldatura a termistore di tubi da materiali termoplastici.

L'attrezzatura per la saldatura a termistore di tubi in polietilene con controllo automatizzato e registrazione del processo di saldatura è dotata di un sistema di controllo a microprocessore che fornisce:

  • controllo dei parametri di saldatura;
  • regolazione automatica della durata della saldatura in funzione della temperatura ambiente e dei parametri della parte sagomata;
  • Registrazione nella memoria elettronica dei dati su 800 operazioni recenti (data, ora e luogo, nome dell'operatore, tipo di lavoro, tipo di parte sagomata, tensione operativa, durata della saldatura programmabile, durata effettiva, risultato della saldatura o errore).

Le apparecchiature per saldatura possono essere collegate a una rete elettrica monofase oa un generatore elettrico. Le attrezzature di saldatura offerte dalla società UTK Plast soddisfano tutti gli standard di sicurezza e hanno i certificati appropriati.

Condizioni generali:
Superfici connesse, ad es. Il tubo e la parete interna dell'accoppiamento sono saldati riscaldando l'elica, incorporata nel corpo del giunto, con una corrente elettrica alla temperatura di saldatura. Questo metodo è utilizzato per la saldatura di PE-HD e PP

Preparazione della cucitura:
Per una perfetta saldatura con questo metodo, la finitura superficiale è fondamentale. La superficie del tubo viene pulita con un ciclo. Per rimuovere le sbavature all'interno del tubo, e all'esterno è arrotondato su un raggio pari alla metà dello spessore della parete del tubo. Il raccordo viene pulito dall'interno con un detergente e completamente assorbito con una carta non sfilacciata. La deviazione dalla rotondità del tubo non deve superare l'1,5% del diametro esterno. Quando si monta un raccordo, è necessario assicurarsi che non vi sia alcun pregiudizio e che non eserciti troppa forza che potrebbe danneggiare o spostare la spirale.

Processo di saldatura:
Per la saldatura di qualità, è necessario utilizzare solo dispositivi di alta qualità (ad es. KamiTech KmT 2000, KmT 2800, KmT 3300) e raccordi a termistore di alta qualità (si consiglia FRIALEN). I parametri di saldatura vengono determinati e impostati sull'apparecchio prima che inizi il processo in base al diametro e alla pressione nominale del tubo. La saldatrice viene collegata al raccordo con un cavo e la saldatura procede automaticamente. I protocolli sono elaborati su saldatrici. La connessione può essere caricata solo dopo il raffreddamento.

Saldatura di tubi in polietilene

Condotte in polietilene

Le caratteristiche fisiche e chimiche dei moderni gradi di polietilene rendono possibile l'utilizzo di questo materiale nella costruzione di condutture idriche e gasdotti.

Va notato che solo i tubi dello stesso grado, un diametro e uno spessore della parete sono soggetti a saldatura. Il collegamento di prodotti di varie marche o con diversi spessori di parete è possibile solo su una speciale saldatrice a termistore.

In base alle sue caratteristiche, i tubi in polietilene non sono solo inferiori ai tradizionali tubi in acciaio, ma presentano anche numerosi vantaggi: sono relativamente economici, non corrodono, hanno una bassa conduttività termica, forniscono perdite minime sulle linee di riscaldamento, non scoppiano quando l'acqua si congela e hanno flessibilità che facilita l'installazione. La saldatura di tubi in polietilene è più semplice ed economica dell'acciaio, mentre la resistenza delle cuciture non è inferiore alla forza dei materiali stessi.

Per la posa di condotte utilizzare tubi in polietilene a bassa pressione con gradi di PE 80 e PE 100. Il marchio PE 63, meglio noto ai consumatori come marchio 273 secondo la vecchia classificazione, è attualmente poco utilizzato nelle condotte.

I tubi in PE 80 sono disponibili con diametri 16-1600 mm e sopportano una pressione di 0,5-1,5 MPa. Tali caratteristiche consentono il loro utilizzo non solo per scopi domestici, ma anche nella costruzione industriale di condotte idriche e gasdotti.

I tubi in polietilene PE 100, che sono apparsi sul mercato non molto tempo fa, sono disponibili in diametri da 20 a 1600 mm e sono adatti per condotte con una pressione di 1-1,6 MPa. Il rapporto tra diametro esterno e spessore della parete (SDR) va da 7 a 26.

Regole di saldatura di base

Tempo di saldatura da tavolo di tubi in polietilene.

Saldatura di tubi in HDPE - una delle fasi più importanti della posa di condotte. La saldatura del polietilene è intesa come il processo per ottenere una connessione continua e inseparabile di due elementi come risultato della loro fusione, della reciproca penetrazione e del successivo raffreddamento. Va notato che solo i tubi dello stesso grado, un diametro e uno spessore della parete sono soggetti a saldatura. Il collegamento di prodotti di varie marche o con diversi spessori di parete è possibile solo su una speciale saldatrice a termistore.

Prima di iniziare il lavoro, le estremità da saldare devono essere pulite dallo sporco e sgrassate, se necessario, rimosse. Le estremità libere dei tubi devono essere chiuse con tappi per evitare la violazione del regime di temperatura. L'intero processo di saldatura deve essere eseguito su una superficie piana. Si consiglia inoltre di ridurre al minimo le influenze esterne. Se la saldatura viene eseguita in aree aperte, se necessario, è necessario riporre i parabrezza, quando fa caldo, coprire la superficie della saldatura dalla luce solare diretta. È necessario escludere qualsiasi effetto meccanico per completare il raffreddamento della cucitura. La saldatura dei tubi in polietilene viene eseguita in conformità ai requisiti di sicurezza antincendio.

Saldatura tubi

Per collegare tubi di diametro superiore a 50 mm, è meglio utilizzare macchine meccaniche, che includono un centralizzatore e un dispositivo per la regolazione dell'allineamento.

Quando si esegue la saldatura a bussola, i tubi vengono collegati mediante raccordi speciali saldati sopra di essi. Il processo viene eseguito utilizzando una saldatrice manuale o meccanica, che è una piastra di riscaldamento con manicotti in Teflon sostituibili per vari diametri e adattatori per raccordi. Da un lato il tubo viene inserito nel manicotto, dall'altro il raccordo è montato sull'adattatore. Il movimento avviene gradualmente, poiché il diametro esterno del tubo è leggermente più grande del diametro interno del manicotto. Analogamente, il diametro interno dell'accoppiamento è leggermente inferiore al diametro esterno dell'adattatore. Una volta riscaldato, l'eccedenza rotola con un rullo chiamato bava. Dopo che entrambe le parti sono state fermate, vengono rimosse e rapidamente unite, ottenendo una forte connessione.

La saldatura di tubi di piccolo diametro viene eseguita con un dispositivo portatile. Per collegare tubi di diametro superiore a 50 mm, è meglio utilizzare macchine meccaniche, che includono un centralizzatore e un dispositivo per la regolazione dell'allineamento. Raccordi ad angolo consentono connessioni ad angolo.

Saldatura di testa

Il processo di giunzione testa a testa viene eseguito automaticamente, operazione necessaria quando si lavora con grandi diametri. Le modalità di saldatura sono impostate manualmente.

La saldatura testa a testa è il modo più comune ed economico per collegarli. Il metodo si basa sul riscaldamento delle estremità con il successivo giunto di testa sotto pressione. È applicabile al collegamento di tubi con un diametro superiore a 50 mm con una parete di oltre 5 mm. La saldatura testa a testa di materiali polimerici di composizione disuguale non è consentita. È auspicabile che tutti i prodotti provengano dallo stesso lotto.

La saldatura testa a testa viene eseguita in più fasi:

  • installazione, centraggio e fissaggio delle fascette stringitubo;
  • rivestimento meccanico;
  • controllo dell'allineamento;
  • riscaldamento delle estremità con uno specchio di saldatura;
  • rimozione dello specchio di saldatura, collegamento testa a testa di tubi sotto pressione;
  • raffreddamento

L'attrezzatura per la saldatura testa a testa è divisa in manuale, semi-automatico e automatico. Le saldatrici manuali sono le più semplici, progettate per lavorare con piccoli diametri. Tutti i parametri di processo sono impostati direttamente dal saldatore, in base ai dati della tabella di istruzioni. La connessione delle estremità dopo il riscaldamento viene eseguita manualmente.

Le saldatrici semiautomatiche sono dotate di un sistema idraulico, che comprende una stazione idraulica e un centralizzatore. Il processo di giunzione testa a testa viene eseguito automaticamente, operazione necessaria quando si lavora con grandi diametri. Le modalità di saldatura sono impostate manualmente.

Nei dispositivi automatici, la partecipazione umana è ridotta al minimo. Il saldatore specifica solo il diametro, l'SDR e il grado di polietilene. Il resto del lavoro è assegnato alla macchina. La saldatura testa a testa con dispositivi automatici minimizza il rischio del fattore umano, ma il loro costo è piuttosto elevato, quindi i dispositivi semiautomatici vengono utilizzati più spesso e la modalità viene impostata manualmente in base alla tabella del saldatore.

Tra i dati elencati nella tabella, non esiste un indicatore così importante come la temperatura del riscaldatore. Per tutti i prodotti del marchio PE 100, è costante e pari a 220 gradi Celsius. Per il materiale della temperatura di riscaldamento PE 80 varia da 200 a 220 ° C, a seconda dello spessore della parete. Questi dati sono presentati nel grafico.

Una fase obbligatoria del lavoro di saldatura consiste nel verificare la qualità del giunto. In caso di matrimonio, ulteriori lavori vengono sospesi fino a quando non è stato fissato il giunto specifico. Le saldature vengono controllate in base ai requisiti tecnici.

Saldatura a termistore

La saldatura a termistore dei tubi HDPE è un metodo piuttosto costoso, ma in alcuni casi non è un'alternativa. Viene utilizzato per collegare tubi con diversi spessori di parete, realizzati con diversi polimeri, per l'inserimento di rami di sella in una tubazione esistente, durante i lavori di riparazione, nonché su sezioni difficili e critiche di gasdotti e condutture idriche.

La tecnologia della saldatura a termistore si basa sul riscaldamento di elementi riscaldanti integrati direttamente nella manica, il più delle volte sotto forma di spirale. Dopo aver raccolto il design per contatti speciali nel giunto, la corrente elettrica viene alimentata dalla saldatrice, le spirali vengono riscaldate, sciogliendo il polietilene e fornendo una connessione stretta. A causa delle serpentine di riscaldamento incorporate nel manicotto, tale saldatura viene anche chiamata elettrofusione.

L'intero processo tecnologico è il seguente:

  1. Le estremità deformate del tubo vengono tagliate. Lungo la lunghezza dell'accoppiamento, il tubo viene pulito con raschietti o dispositivi di spelatura per rimuovere lo strato esterno contaminato e la pellicola di ossido. Di regola, la profondità dei trucioli rimossi è 0,1-0,2 mm, ma non deve essere superiore a quella consentita per alcuni diametri della norma. Per facilitare il ravvivamento della frizione sul lato fare uno smusso. La frizione non è lavorata, poiché la spirale può essere danneggiata. Successivamente, la superficie viene pulita con un panno inumidito con alcool o con un liquido speciale.
  2. Tubi e giunti sono fissati sul posizionatore, un dispositivo per il fissaggio e il centraggio. Le curve a sella sono fissate sul tubo principale.
  3. La saldatrice è collegata alla rete elettrica, i cavi vengono inviati ai terminali del riscaldatore incorporato.
  4. Sul dispositivo impostare la modalità di saldatura, che viene visualizzata sul display.
  5. Dopo aver premuto il pulsante "start", l'intero processo passa alla modalità automatica.
  6. Il saldatore visivamente sul display controlla il processo e determina la formazione di una connessione mediante gli indicatori.
  7. Al completamento della saldatura, il tubo dovrebbe raffreddarsi, dopo di che viene rimosso dai morsetti del posizionatore e contrassegnato.

Se una retrazione della sella viene saldata alla conduttura principale, l'operazione viene eseguita nella seguente sequenza:

  1. Rubinetto saldato stesso. In caso di rilevamento di saldature di scarsa qualità, viene respinto e accanto a esso viene saldato un nuovo rubinetto.
  2. Il periodo di raffreddamento deve essere ulteriormente aumentato di 15-20 minuti. Dopo questo, la perforazione (fresatura) della parete del tubo principale viene eseguita attraverso un rubinetto per collegare le cavità del tubo del tronco e del rubinetto.
  3. Dopo l'installazione dell'uscita, un tubo di scarico viene saldato al tubo di derivazione.

È richiesto il controllo di qualità. I dettagli devono adattarsi perfettamente, l'allineamento è uno dei criteri principali.