La rilevanza del trattamento delle acque reflue industriali

Un articolo sulla crisi sistemica nel settore idrico, sulla rilevanza del trattamento delle acque reflue e su come è correlato al trattamento delle acque, sui metodi utilizzati per intensificare la depurazione delle acque.

Parole chiave: fonte d'acqua, trattamento delle acque reflue, trattamento delle acque, carbone, ozono, inquinamento, sostanze tossiche, arsenico

Alla fine, tutti gli inquinanti cadono nei fiumi, e quindi nei sedimenti di fondo. Durante il periodo di alluvioni dai sedimenti di fondo dei corpi idrici di inquinamento entra nell'acqua. E tutto questo attraverso l'impianto di trattamento delle acque entra nel rubinetto in cucina. Il deflusso superficiale del melt lava via fertilizzanti e pesticidi nei corpi idrici. Si è inoltre sviluppata una situazione grave in relazione allo scarico di acque reflue non trattate o insufficientemente trattate da parte delle imprese. Praticamente tutto l'inquinamento prodotto da qualsiasi attività industriale cade nei corpi idrici, che è considerata la più grave minaccia per le risorse idriche. Il rilascio di sostanze nocive nell'atmosfera porta infine al loro ingresso nei corpi idrici. La situazione è aggravata dal fatto che attualmente, nonostante la legislazione sull'acqua ben sviluppata, non esiste un sistema efficace per proteggere la qualità dell'acqua nelle fonti d'acqua. Secondo la sorveglianza sanitaria statale e epidemiologica della Federazione russa, la violazione degli standard di qualità dell'acqua è spesso (circa il 50% delle osservazioni presentate nel 1997) a causa della mancanza di zone di protezione sanitaria delle fonti d'acqua e, di conseguenza, del controllo statale sulla loro osservanza. È possibile accertare la crescente pressione antropogenica sulle risorse idriche e, di conseguenza, un aumento della minaccia non solo per gli ecosistemi, ma anche per l'approvvigionamento di acqua potabile. Molti credono che in tempi di crisi, il volume di sostanze inquinanti sta diminuendo e non vi è alcuna minaccia per la salute pubblica. L'esperienza del 1997-1998 ha dimostrato che durante questo periodo, secondo i dati ufficiali, solo l'arsenico nella regione di Irkutsk ha ricevuto 280 kg di acqua, 12 tonnellate di fenolo e 1,6 tonnellate di piombo. (Rapporto statale sullo stato dell'ambiente della regione di Irkutsk nel 1998, Irkutsk, 1999.C.46). Sono questi inquinanti che non si decompongono, sono capaci di bioaccumulo e non sono praticamente puliti negli impianti di trattamento delle acque. In connessione con la crisi, innanzitutto vengono ridotti i programmi per finanziare la costruzione di impianti di trattamento delle acque reflue, vengono licenziati gli specialisti dei servizi di controllo, vengono acquistati pezzi di ricambio e materiali di consumo e si riducono i requisiti di qualità. Tutto ciò alla fine porta al deterioramento della qualità dell'acqua nei bacini idrici. Ma il bilancio può essere in grado di compensare questi fenomeni negativi a scapito di costi relativamente bassi negli impianti di trattamento delle acque? Dell'attuale ampia gamma di metodi per ottenere acqua di qualità potabile nelle stazioni di rifornimento idrico, ne vengono utilizzati solo pochi, il che limita significativamente l'uso di fonti d'acqua con un progressivo deterioramento della qualità dell'acqua a causa delle concentrazioni di impurità e della loro diversità. Fornisce le misure più semplici. Quindi, se esiste una reale minaccia di microrganismi patogeni che entrano nella fonte idrica nel quadro dei sistemi esistenti di depurazione delle acque, possono essere adottate misure aggiuntive per ridurre la loro concentrazione nell'acqua potabile e rimuovere i prodotti nocivi dal loro trattamento. Per questo uso:

1) Coagulazione con aumentate dosi di coagulante e con aggiunta di flocculante per ridurre la torbidità dell'acqua a 0,1 mg / l, poiché le particelle di torbidità sono portatrici di microrganismi;

2) Clorazione con dosi più elevate di sostanze cloruranti;

3) irradiazione UV dell'acqua per inattivare i patogeni;

4) Rimozione del residuo di coagulazione dell'alluminio residuo mediante l'utilizzo di filtri;

5) Ridurre la concentrazione di composti organoclorurati sui filtri di assorbimento.

6) Se vi è una minaccia di contaminazione della fonte d'acqua con prodotti petroliferi, fenoli, diossine e altri xenobiotici organici, si deve prendere in considerazione l'uso di filtri di assorbimento, possibilmente con pre-zonazione.

7) Se vi è il pericolo che metalli pesanti penetrino nell'acqua di sorgente, è necessario utilizzare l'aerazione o l'ozonizzazione per trasferire i metalli dalla forma ionica a quella di idrossido, seguita dalla rimozione nel ciclo di purificazione della coagulazione.

8) In presenza di complessi metallici organici, la tecnologia è integrata con filtrazione a carbone o uno stadio aggiuntivo di purificazione su filtri con uno strato di carbone attivo granulare. Ma tutte queste misure esistenti sono molto costose e inefficaci.

Con il deterioramento della qualità dell'acqua nella fonte d'acqua, insieme con la tecnologia attuale, vi è la necessità di collegare ulteriori metodi. E ogni successivo è più costoso del precedente. La pulizia è più difficile di quella contaminante. Ciò aumenta il costo della pulizia, in quanto è associato a ingenti investimenti nella ricostruzione di strutture esistenti o nella costruzione di nuove strutture. Ad esempio, la costruzione della stazione di ozonizzatore richiede investimenti fino a 100-150 mila. Dollari USA per la produzione di 1 kg / h di ozono. Quando l'acqua viene trattata con ozono ad una dose fino a 5 mg / l in una stazione con una produttività dell'acqua di 10mila m3 / h, la produzione di ozono dovrebbe essere di 50 kg / h, rispettivamente, le spese in conto capitale aumenteranno ad almeno $ 5 milioni. L'uso di metodi di assorbimento richiede anche investimenti significativi: da $ 1,200 per tonnellata di carbone attivo in polvere a $ 2500-3000 per tonnellata di adsorbente granulato. Un kg di ozono costa quasi quanto un kg di oro. Aumento dei costi operativi grazie all'aumento delle dosi di reagenti: coagulante, flocculante, ozono, carbone attivo, ecc. L'uso di carbone attivo è il più costoso. Se in una situazione normale (carico antropogenico moderato sulla fonte d'acqua) il carbone attivato è usato raramente durante l'alluvione e la fioritura del fitoplancton, mentre aumenta il contenuto di xenobiotici organici nell'acqua di fonte, la dose di carbone aumentata a 50 mg / lo più. Al prezzo specifico del carbone attivo in polvere, otteniamo un aumento del costo dell'acqua trattata solo a spese del carbone fino a $ 60 per 1000 m3, che è circa 10 volte superiore al costo standard dei reagenti (che rappresentano circa il 20% del prezzo di costo dell'acqua trattata) e 2 volte l'attuale costo di produzione dell'acqua potabile. acqua a grande acquedotto (escluso il trasporto attraverso la rete di distribuzione). Di conseguenza, abbiamo un triplo aumento del costo dell'acqua rispetto alla situazione attuale. In casi particolarmente sfavorevoli, è anche possibile aumentare il costo dell'acqua. Quindi il nichel, il rame e l'arsenico sono in grado di formare composti complessi che non sono intrappolati dal carbone attivo. Le diossine sono troppo tossiche anche nelle nanoconcentrazioni e sono anche scarsamente trattenute dal carbone.

Se non è possibile prevenire un ulteriore deterioramento della qualità dell'acqua nelle fonti d'acqua, si presenterà inevitabilmente una situazione in cui il costo dell'acqua potabile aumenta così tanto che il suo uso per le necessità domestiche diverse dal bere sarà economicamente non redditizio. Ciò porterà inevitabilmente a una radicale riorganizzazione strutturale del sistema centralizzato di approvvigionamento idrico introducendo impianti di depurazione locali, dividendo le reti per esigenze tecniche e di consumo e, in casi estremi, anche abbandonando la distribuzione centralizzata dell'acqua potabile attraverso la rete e passando a sistemi di approvvigionamento idrico autonomi per singoli oggetti. tale prospettiva sfavorevole è possibile solo se è possibile creare un sistema efficace di protezione delle risorse idriche in breve tempo. Saranno assegnati fondi sufficienti per creare rapidamente un efficace sistema di misure per ridurre lo scarico di acque reflue inquinate, o fondi più grandi saranno successivamente spesi per l'introduzione di ulteriori metodi di trattamento delle acque (carbone, filtri di assorbimento, ozonizzazione, irradiazione UV, ultrafiltrazione, nanofiltrazione, ecc.) ), aumentando significativamente il costo dell'acqua potabile. Le conseguenze del secondo percorso sono abbastanza prevedibili: un aumento dell'insolvenza della popolazione e, di conseguenza, l'esaurimento dei fondi per sostenere l'infrastruttura centralizzata. Diventerà, in sostanza, una catastrofe sistemica in una fornitura centralizzata di acqua potabile. Le autorità, sapendo che la concentrazione di inquinanti di Angara sotto Irkutsk ha a lungo superato le concentrazioni massime consentite, non ritengono più necessario prendere alcuna misura di miglioramento, poiché la crisi sistemica è già oltre lo stadio controllato. In realtà, lo stato non controlla la situazione e non può cambiare nulla. Il mezzo più efficace per ridurre la massa degli inquinanti scaricati è l'uso di sistemi di pulizia locali, e la varietà di sostanze tossiche scaricate può essere ridotta solo utilizzando sistemi a ciclo chiuso per la circolazione degli ambienti di lavoro e la creazione di tecnologie senza sprechi nelle strutture aziendali.

I materiali pubblicati sul sito sono protetti dalla legge sul copyright della legge RF del 9 luglio 1993 N 5351-I "sul diritto d'autore e sui diritti connessi" (come modificata il 19 luglio 1995, il 20 luglio 2004) e non possono essere usato senza il permesso dell'autore.

Parole chiave: fonte d'acqua, trattamento delle acque reflue, trattamento delle acque, carbone, ozono, inquinamento, sostanze tossiche, arsenico

Lavori di costruzione

articoli

Pertinenza del trattamento delle acque reflue

Vorrei parlarvi della rilevanza del trattamento delle acque reflue. Le condizioni moderne sono tali che la costruzione di un sistema centralizzato di fognatura non è sempre possibile o è accompagnata da un gran numero di

Vorrei parlarvi della rilevanza del trattamento delle acque reflue. Le condizioni moderne sono tali che la costruzione di un sistema centralizzato di fognatura non è sempre possibile o è accompagnata da un gran numero di difficoltà. Posa di fogne di molti chilometri per piccoli villaggi, non solo costosi, ma richiede anche molto tempo. La soluzione a questo problema ricade interamente sulle spalle dei proprietari di case.

Fino a poco tempo fa, il pozzo nero era la soluzione più comune. Ma la natura ha capacità limitate di autopulizia e auto-guarigione. Con l'aumento della densità delle abitazioni suburbane, la natura è più che mai vicino a quel punto di inquinamento, da dove non c'è ritorno. Non un singolo terreno è in grado di filtrare i contaminanti disciolti e, di conseguenza, i liquami non trattati penetra negli orizzonti dell'acqua sotterranei e trasforma l'acqua potabile in una fonte di avvelenamento e malattia.

Proteggere le risorse idriche dall'esaurimento, dall'inquinamento e dal loro uso razionale è uno dei problemi più importanti che richiedono soluzioni urgenti. L'introduzione di metodi di trattamento delle acque reflue altamente efficienti può avere un impatto significativo sul miglioramento della qualità della circolazione dell'acqua. Sottovalutare l'importanza della protezione e dell'uso razionale delle risorse idriche oggi significa in breve tempo ricevere tutta una serie di problemi ambientali che saranno molto più difficili da superare. Già, nei sobborghi vicini, le risorse idriche sono in uno stato terribile a causa dello scarico incontrollato di acque reflue.

Anni di esperienza del nostro lavoro dimostrano che la soluzione economicamente più praticabile ed ecologica è l'equipaggiamento di una casa residenziale privata con strutture individuali per il trattamento biologico del sito di acque reflue domestiche. Tali sistemi si distinguono per l'elevato rapporto costo-efficacia, affidabilità e facilità d'uso, nonché per la compatibilità ambientale, poiché la pulizia viene effettuata in modo naturale, senza l'uso di composti chimici. Sono basati su processi biochimici naturali.

Il metodo di trattamento biologico viene utilizzato nell'installazione "Yalma", che viene prodotta e fornita dalla nostra azienda. Questa installazione è un serbatoio diviso in un numero di sezioni: una camera settica, un bioreattore anaerobico, aerotank del 1 ° e 2 ° stadio, due collettori di fanghi e un compartimento della pompa. Come risultato del trattamento biologico delle acque reflue domestiche nel sistema, si ottengono due prodotti finali: l'acqua di processo, che può essere utilizzata liberamente per l'irrigazione o scaricata sul terreno, nel drenaggio; fango attivo, che può essere utilizzato come fertilizzante organico.

Installazione "Yalma" ha un numero di caratteristiche distintive. A causa del fatto che ha una posizione orizzontale, può essere montato su qualsiasi terreno. Non richiede costi aggiuntivi per i campi del filtro del dispositivo e l'installazione stessa e non viola il paesaggio.

In termini di facilità d'uso, l'installazione di Yalma è vicina al sistema fognario centrale urbano. Può essere gestito stagionalmente e tutto l'anno, con una pausa di diversi mesi (in media, i sedimenti vengono pompati una volta ogni due anni).

Con una manutenzione minima, il sistema è affidabile, conveniente, non eccentrico, non richiede l'attenzione dell'utente. Il funzionamento dell'installazione si basa sul principio della gravità: ciò garantisce che gli scarichi passino attraverso tutte le 6 camere di pulizia e che l'interruzione di corrente non influenzi il suo funzionamento. Pulizia auto-riparazioni durante il giorno, non solo dopo un'interruzione di corrente, ma anche dopo aver scaricato sostanze proibite (ad esempio, detergenti e candeggianti in grandi quantità, strumenti per la pulizia dei tubi). Ciò che è particolarmente importante è che dopo tale ripristino non è necessario arrestare e pulire l'intero sistema.

Gli specialisti della società "Albatross" studiano costantemente le tendenze del mercato per le attrezzature per il trattamento e lo smaltimento delle acque reflue e reagiscono prontamente ai suoi cambiamenti. Sulla base delle moderne tecnologie, sono stati sviluppati impianti di trattamento delle acque per vari scopi, formati in linee modello.

Attualmente, l'azienda lavora in una varietà di aree, fornendo attrezzature non solo a privati ​​proprietari di case e comunità di cottage, ma anche per il trattamento delle acque reflue industriali, comprese quelle contenenti prodotti petroliferi.

Nei territori di stazioni di servizio, garage, parcheggi, ipermercati, campi e altri oggetti in cui argilla, sabbia e prodotti petroliferi possono entrare negli scarichi delle tempeste, si raccomanda l'installazione di un impianto di trattamento delle acque reflue integrato "Lama".

Tra i vantaggi del sistema "Lama":

· Prontezza della fabbrica;

· Nessun odore e rumore;

· L'utilizzo della più recente tecnologia di trattamento delle acque reflue garantisce un trattamento affidabile delle acque reflue;

· Possibilità di trattamento delle acque reflue agli scarichi salvo (di emergenza) di prodotti petroliferi;

· Il sistema funziona sia in modalità gravità che in modalità pressione;

· È possibile aumentare i volumi di produttività installando unità modulari aggiuntive;

· Bassi costi operativi.

Per lavori a pieno titolo di un autolavaggio o di un centro di assistenza, si consiglia l'installazione di un sistema di smaltimento dei rifiuti di tipo a ricircolo Baikal. La presenza del sistema circolatorio di gestione delle risorse idriche è uno degli indicatori più importanti del livello tecnico delle imprese industriali. Questo sistema consente di raccogliere l'acqua sporca dopo aver lavato la macchina e, dopo averla pulita, riutilizzarla in modalità ad anello chiuso, che riduce significativamente i costi dell'azienda e consente di risparmiare denaro.

L'installazione di acqua riciclata per autolavaggi "Baikal" con una capacità fino a 10 metri cubi all'ora è destinata alla pulizia delle acque reflue contaminate da particelle di detergenti sintetici (shampoo, saponi, ecc.), Argilla, sabbia e prodotti petroliferi, che consente il riutilizzo dell'acqua.

Capendo che la maggior parte dei residenti estivi non ha bisogno di un'installazione per il trattamento delle acque reflue durante tutto l'anno, ma potrebbe essere troppo costoso per qualcuno, Albatros ha sviluppato un'opzione economica per il trattamento delle acque reflue domestiche di Ilet.

Il serbatoio settico "Ilet" è un serbatoio cumulativo nel quale scorre l'acqua di scarico proveniente dal sistema fognario domestico. Qui sono sistemati e grazie agli effetti dei batteri anaerobici vengono pre-puliti. Successivamente, il contenuto della fossa settica entra nei campi di filtrazione o nel pozzo di drenaggio, dove viene sottoposto a ulteriore pulizia con il suolo. Il vantaggio principale della fossa settica "Ilet" - la sua indipendenza energetica e la capacità di utilizzare nelle case di residenza temporanea.

Un'altra opzione per organizzare un sistema fognario per la costruzione di abitazioni basse è una fossa settica con un sistema di aerazione Tom integrato: si tratta di un serbatoio cumulativo in cui gli scarichi vengono depositati e pre-puliti a causa di processi anaerobici e aerobici. Il principio di combinare questi processi ha migliorato la qualità del trattamento delle acque reflue, rispetto a un serbatoio settico convenzionale. Pertanto, il risultato della pulizia è conforme ai requisiti sanitari e igienici stabiliti. Flussi di acque reflue purificate nei campi di filtrazione o in un pozzo di drenaggio, dove i liquami vengono sottoposti a ulteriore pulizia con il terreno.

Per le imprese di ristorazione pubblica (bar, ristoranti) e l'industria alimentare, è stata sviluppata la trappola per il grasso Salma, progettata per ridurre il contenuto di grassi alimentari nelle acque reflue. Il suo utilizzo nei sistemi di trattamento delle acque reflue aiuta a prevenire il blocco del sistema fognario ed evita le misure per pulirlo regolarmente dai blocchi.

Dato che la trappola per il grasso Salma viene presentata in quattro versioni con capacità diverse, non sarà difficile fare la scelta giusta in base alle esigenze della vostra produzione specifica.

Quando il livello di raccolta delle acque reflue è inferiore al livello della rete fognaria a gravità, c'è un problema con la rimozione di queste acque reflue. La soluzione più semplice ed economica al problema è l'installazione di un CND. A seconda della quantità di acque reflue raccolte, la distanza del loro trasporto, la capacità del KNS può essere diversa.

Tale struttura opera in modalità automatica senza la presenza costante dei partecipanti, può essere situata sia sul territorio dell'impresa che su un sito indipendente in un insediamento (ad esempio, un insediamento di cottage). La sua installazione ridurrà al minimo le spese per la sistemazione delle reti di ingegneria necessarie per il trasporto delle acque reflue.

Nella produzione di gusci per sistemi di pulizia, vengono utilizzate solo materie prime di alta qualità: lamiera d'acciaio e polipropilene in lega di alluminio durevole dell'azienda tedesca Metzeler Plastics. Le installazioni sono completate con l'equipaggiamento dei fornitori stranieri affidabili e controllati

La nostra azienda assume una posizione attiva, introducendo regolarmente nuovi sviluppi nella produzione, migliorando i prodotti, padroneggiando nuovi segmenti di mercato e espandendo regolarmente la geografia delle forniture. Grazie ad anni di lavoro stabile, per il quale Albatross si è affermata come un partner affidabile, abbiamo clienti e partner regolari non solo in Russia, ma anche nel vicino e lontano all'estero.

Una vasta gamma di servizi forniti e un avanzato sistema di assistenza, garanzia e assistenza post-garanzia possono risolvere in modo rapido ed efficiente tutti i possibili problemi associati al funzionamento dei sistemi di trattamento. Il nostro principio: avendo acquistato l'attrezzatura in "Albatross", il cliente deve essere completamente protetto da tutte le sorprese per molti anni. Possiamo sempre scegliere le condizioni ottimali di servizio, a seconda dei casi. Il servizio clienti risolve tutte le domande tempestivamente.

Specialisti della società "Albatross", uno dei principali produttori e fornitori di impianti di trattamento delle acque reflue nel nostro paese, dal 2002, ad alto livello professionale, impegnato nella risoluzione di problemi urgenti di smaltimento delle acque e trattamento delle acque. Parole sulla professionalità - non una frase vuota. Lo staff della nostra azienda è composto da specialisti con una formazione specializzata che hanno accumulato una grande quantità di esperienza teorica e pratica durante il loro lavoro.

Il nostro obiettivo è creare condizioni di vita confortevoli per le persone nelle case di campagna senza distruggere l'habitat ecologico di una persona. Oltre 7 anni di lavoro nel mercato, siamo stati in grado di apportare un contributo significativo alla salvaguardia dell'ambiente, prevenendo l'inquinamento idrico in molte aree.

Prodotti biologici per il trattamento delle acque reflue

Scopo e metodi di base per la purificazione dell'acqua biologica. L'importanza del trattamento delle acque reflue di qualità per la protezione dei corpi idrici. Prospettive per lo sviluppo di tecnologie e attrezzature per il trattamento delle acque reflue. Applicazione industriale e pratica dello sviluppo.

Invia il tuo buon lavoro nella base di conoscenza è semplice. Utilizza il modulo sottostante.

Studenti, dottorandi, giovani scienziati che usano la base di conoscenze nei loro studi e nel lavoro saranno molto grati a voi.

Pubblicato a http://www.allbest.ru/

Ministero dell'Istruzione e della Scienza della Federazione Russa

Istituzione educativa statale federale

istruzione professionale superiore

Università politecnica di Tomsk "

Dipartimento di Ingegneria del calore teorico e industriale

Saggio sulla disciplina

Tecnologie di protezione ambientale in ingegneria energetica

Prodotti biologici per il trattamento delle acque reflue

Studente completato Ayoshina TN

Controllato Wagner M.A.

1. L'urgenza del problema del trattamento delle acque reflue

2. Le principali fonti di inquinamento delle acque reflue

3. Prodotti biologici per il trattamento delle acque reflue

4. Applicazione pratica industriale degli sviluppi

5. Prospettive per lo sviluppo di tecnologie e attrezzature per il trattamento delle acque reflue

1. L'urgenza del problema del trattamento delle acque reflue

Il problema del trattamento delle acque reflue industriali e del trattamento delle acque per scopi tecnici e domestici sta diventando ogni anno sempre più importante. La complessità della pulizia è associata a una straordinaria diversità di impurità negli effluenti, il cui numero e composizione sono in costante cambiamento a causa dell'emergere di nuove industrie e dei cambiamenti nella tecnologia esistente.

La rapida crescita delle città, lo sviluppo attivo dell'industria e dell'agricoltura - tutti questi fattori sono ogni anno sempre più complicati dalla situazione dell'inquinamento di fiumi e laghi con prugne non trattate. La maggior parte degli effluenti delle imprese cadono direttamente nei corpi idrici, il che porta ad un progressivo deterioramento della situazione ecologica. Il principio del trattamento delle acque reflue è un processo complesso e articolato. Ad oggi, esistono diversi metodi di lavorazione dei liquidi: biologici, fisici, chimici e fisico-chimici.

Il metodo fisico prevede la purificazione primaria delle prugne. Le particelle estranee vengono catturate e separate usando griglie e setacci. Di conseguenza, elementi più pesanti si depositano sul fondo del serbatoio, mentre quelli più leggeri rimangono sulla superficie, dove raccolgono dispositivi speciali. Il metodo chimico consiste nell'utilizzare reagenti speciali che reagiscono e si decompongono o neutralizzano con sostanze inquinanti. Il metodo fisico-chimico consente di rimuovere le impurità inorganiche e organiche dall'effluente utilizzando filtri combinati [1].

Il principio più profondo del trattamento delle acque reflue è biologico. La sua essenza è usare i meccanismi naturali di decomposizione delle sostanze organiche. Un gran numero di batteri e microrganismi assorbono i composti organici contenuti nell'effluente. Gli aggregati più popolari sono il chiarificatore biologico e i biofiltri. Poiché la salute delle persone dipende direttamente dal grado di trasformazione dei liquidi, lo stato ha requisiti rigorosi per il trattamento delle acque reflue. Il loro elenco è contenuto nei documenti normativi: SanPiN 2.1.4.544-96 "Requisiti di qualità per l'approvvigionamento idrico decentralizzato. Protezione sanitaria delle fonti" e SanPin 2.1.5.980-00 "Requisiti igienici per la protezione delle acque superficiali".

I SanPiNs stabiliscono le concentrazioni massime consentite di sostanze chimiche e impurezze biologiche nell'acqua potabile, nonché le distanze minime consentite dagli edifici residenziali agli impianti di trattamento. Va notato che gli standard di qualità russi per la depurazione delle acque reflue sono significativamente più elevati di quelli europei (in particolare, il contenuto ammissibile dei batteri). In poche parole, l'acqua che nel nostro paese è autorizzata a utilizzare solo come tecnica, in Europa, si può bere. trattamento biologico delle acque reflue

Fasi della formazione del problema

Anche nelle città dell'antico Egitto, della Grecia e di Roma, esistevano sistemi fognari attraverso cui venivano trasportati i rifiuti di persone e animali verso i bacini artificiali - fiumi, laghi e mari. Nell'antica Roma, prima di scaricare nel Tevere, le acque reflue venivano accumulate e mantenute in uno stagno di accumulo (cloaca). Nel Medioevo, questa esperienza fu in gran parte dimenticata, che causò inquinamento e contaminazione delle fonti di acqua potabile e provocò epidemie di colera, tifo, dissenteria amebica, ecc. All'inizio del 19 ° secolo, in Inghilterra fu inventato un bagno con acqua lavata. C'era un'ovvia necessità di trattare le acque reflue e impedire loro di entrare nelle fonti di acqua potabile. Le acque reflue sono state raccolte e tenute in vasche di grandi dimensioni, il precipitato è stato utilizzato come fertilizzante. All'inizio del ventesimo secolo, sono stati sviluppati sistemi di trattamento intensivo delle acque reflue, compresi i campi di irrigazione, dove l'acqua è stata pulita, filtrata attraverso il suolo, i filtri a getto di pietra e sabbia, nonché i serbatoi con aerazione forzata - serbatoi aerodinamici. Questi ultimi sono il sito principale dei moderni impianti di trattamento aerobico per acque reflue urbane. Inizialmente, lo scopo principale del trattamento delle acque reflue era la loro disinfezione. La comprensione dell'importanza del trattamento delle acque reflue di qualità per la protezione dei bacini naturali è avvenuta successivamente. Il problema dell'acqua pulita è uno dei problemi più urgenti del nuovo secolo. Allo stato attuale, le moderne tecnologie di trattamento delle acque reflue sono state sviluppate e si stanno sviluppando. I metodi biologici e meno costosi di purificazione, che rappresentano l'intensificazione dei processi naturali di decomposizione di composti organici da parte di microrganismi in condizioni aerobiche o anaerobiche, sono di maggiore interesse e prospettiva.

Il trattamento delle acque reflue implica una biodegradazione quasi completa dei composti organici nell'acqua. Secondo gli standard esistenti, il contenuto di sostanze organiche in acqua depurata non deve superare 10 mg / l [2].

La purificazione biochimica si basa sull'uso di modelli di auto-purificazione biochimica e fisiologica dei fiumi. Questo processo procede a causa della capacità di alcuni microrganismi di distruggere i composti organici e alcuni composti inorganici (ad esempio, solfuri e sali di ammonio), trasformandoli in composti innocui - prodotti di ossidazione - acqua, anidride carbonica, nitrati e solfati.

2. Le principali fonti di inquinamento delle acque reflue

Sotto l'inquinamento delle risorse idriche comprendiamo qualsiasi cambiamento nelle proprietà fisiche, chimiche e biologiche dell'acqua nei giacimenti a causa della caduta di sostanze liquide, solide e gassose che causano o possono causare disagi, rendendo l'acqua di questi serbatoi pericolosa per l'uso, causando danni all'economia nazionale, alla salute e pubblica sicurezza. I principali inquinanti delle acque superficiali sono i prodotti petroliferi, i fenoli, le sostanze organiche facilmente ossidabili, i composti di rame e zinco, l'azoto di ammonio e nitrato.

L'inquinamento delle acque superficiali e sotterranee può essere suddiviso nei seguenti tipi:

meccanico - un aumento del contenuto di impurità meccaniche, caratteristiche principalmente di tipi di inquinamento superficiale;

chimica - la presenza nell'acqua di sostanze organiche e inorganiche di azione tossica e non tossica;

batterica e biologica - la presenza nell'acqua di una varietà di microrganismi patogeni, funghi e piccole alghe;

radioattivo: presenza di sostanze radioattive nelle acque superficiali o sotterranee;

termico - rilascio nei serbatoi di acqua riscaldata di centrali termiche e atomiche.

Le principali fonti di inquinamento e sporcizia dei corpi idrici sono acque reflue trattate in modo insufficiente da imprese industriali e municipali, grandi complessi di allevamento di bestiame, rifiuti di produzione nello sviluppo di minerali metalliferi; le acque di miniere, miniere, lavorazione e legname per il rafting; scarichi idrici e ferroviari; rifiuti di pre-trattamento del lino, pesticidi, ecc. Gli inquinanti, entrando nei bacini naturali, portano a cambiamenti qualitativi nell'acqua, che si manifestano principalmente nei cambiamenti delle proprietà fisiche dell'acqua, in particolare, la comparsa di odori sgradevoli, sapori, ecc.); nel modificare la composizione chimica dell'acqua, in particolare, l'aspetto di sostanze nocive in esso, in presenza di sostanze galleggianti sulla superficie dell'acqua e metterle sul fondo dei serbatoi [3].

Le acque reflue industriali sono inquinate principalmente da emissioni di rifiuti e produzione. La loro composizione quantitativa e qualitativa è diversa e dipende dall'industria, dai suoi processi tecnologici; sono divisi in due gruppi principali: contenenti impurità inorganiche, incl. e tossico, e contenente veleni.

Il primo gruppo comprende acque reflue di soda, solfato, fertilizzanti azotati, piante concentranti di piombo, zinco, minerali di nichel ecc. Che contengono acidi, alcali, ioni di metalli pesanti, ecc. Le acque reflue di questo gruppo modificano principalmente il proprietà dell'acqua.

Le acque reflue del secondo gruppo scaricano raffinerie di petrolio, impianti petrolchimici, impianti di sintesi organica, impianti coke-chimici, ecc. L'effluente contiene vari prodotti petroliferi, ammoniaca, aldeidi, resine, fenoli e altre sostanze nocive. L'effetto nocivo delle acque reflue di questo gruppo consiste principalmente in processi ossidativi, in conseguenza dei quali diminuisce il contenuto di ossigeno nell'acqua, aumenta la necessità biochimica di farlo aumentare e le caratteristiche organolettiche dell'acqua si deteriorano.

3. Prodotti biologici per il trattamento delle acque reflue

I metodi biologici sono usati per pulire le acque di scarico domestiche e industriali da una varietà di composti organici disciolti e alcuni composti inorganici (acido solfidrico, ammoniaca, ecc.). Il processo di pulizia si basa sulla capacità dei microrganismi di utilizzare queste sostanze per il cibo nel processo di vita. Sono noti metodi aerobici e anaerobici per il trattamento biologico delle acque reflue.

Il metodo aerobico viene effettuato dai batteri in presenza di ossigeno nell'acqua ed è il principale metodo di biorisanamento. Esistono diversi tipi di dispositivi che utilizzano il principio aerobico.

Nei biofiltri, le acque reflue vengono fatte passare attraverso uno strato di materiale a grana grossa ricoperto da una sottile pellicola batterica. Grazie a questo film, che funge da principio attivo, i processi di ossidazione biologica procedono rapidamente.

Tutti gli organismi che popolano un bacino prendono parte a stagni biologici nel trattamento delle acque reflue.

Nei serbatoi di aerazione (enormi serbatoi di cemento armato) la fonte di depurazione è il fango attivato da vari microrganismi. Le sostanze organiche provenienti dai liquami e l'eccesso di ossigeno creato artificialmente contribuiscono al loro sviluppo. Gli enzimi secreti dai microrganismi mineralizzano l'inquinamento organico.

Il metodo biologico dà buoni risultati nella pulizia delle acque reflue municipali. È utilizzato nel trattamento delle imprese di trattamento delle acque di scarico della cellulosa e della carta, nell'industria della raffinazione del petrolio.

La comunità microbica aerobica è rappresentata da diversi microrganismi, principalmente batteri, che ossidano varie sostanze organiche nella maggior parte dei casi indipendentemente l'uno dall'altro, sebbene l'ossidazione di alcune sostanze sia effettuata mediante co-ossidazione (cometabolismo). La comunità microbica aerobica dei sistemi a fanghi attivi per la depurazione delle acque aerobiche è rappresentata da un'eccezionale biodiversità. Negli ultimi anni, la presenza di batteri dei generi Paracoccus, Caulobacter, Hyphomicrobium, Nitrobacter, Acinetobacter, ecc. È stata dimostrata in fanghi attivi utilizzando nuovi metodi biologici molecolari, in particolare campioni specifici di RNA.

Si ritiene che al momento non sia stato identificato più del 5% dei microrganismi coinvolti nel trattamento delle acque aerobiche. Va notato che molti batteri aerobici sono anaerobici facoltativi. Possono crescere in assenza di ossigeno a spese di altri accettori di elettroni (respirazione anaerobica) o fermentazione (fosforilazione del substrato). I prodotti della loro attività sono anidride carbonica, idrogeno, acidi organici e alcol.

Il metodo anaerobico viene effettuato da batteri che non richiedono ossigeno e consistono nella fermentazione di inquinanti in apparecchi chiusi senza accesso all'aria - i meta tag e possono essere utilizzati per la preparazione preliminare di effluenti con un alto contenuto di sedimenti organici.

Il trattamento biologico delle acque reflue è solitamente preceduto da un trattamento meccanico. E seguire i suoi metodi chimici e fisico-chimici (clorazione, elettrolisi, ozonizzazione).

La degradazione anaerobica delle sostanze organiche durante la metanogenesi viene effettuata come processo multistadio, in cui è necessaria la partecipazione per quanto riguarda quattro gruppi di microrganismi: idrolitici, fermentatori, acetanogeni e metanogeni. Nella comunità anaerobica tra microrganismi, esistono relazioni strette e complesse che hanno analoghi negli organismi multicellulari, poiché, a causa della specificità substatica dei metageni, il loro sviluppo è impossibile senza una relazione trofica con i batteri delle fasi precedenti. A loro volta, il metano archaea, utilizzando sostanze prodotte da anaerobio primario, determina il tasso di reazioni effettuate da questi batteri. Il ruolo chiave nella degradazione anaerobica delle sostanze organiche rispetto al metano è svolto dagli archivi di metano dei generi Methanosarcina, Methanosaeta (Methanothrix), Methanomicrobium e altri. In loro assenza o mancanza di decomposizione anaerobica termina allo stadio di fermentazione acida e acetogenica, che porta all'accumulo di acidi grassi volatili, principalmente a olio, propionico e acetico, a pH inferiore e interrompe il processo.

Va notato che non è solo tecnicamente impossibile, ma anche economicamente poco pratico, purificare le acque reflue utilizzando i metodi esistenti al 100%. Dopo un certo limite, il costo di ogni ulteriore percentuale di purificazione aumenta esponenzialmente. Pertanto, di solito lo fanno - purificare l'acqua fino a un certo limite economicamente giustificato, quindi diluirlo con acqua pulita in modo che il contenuto di impurità non superi determinati valori massimi ammissibili [4].

Attualmente, ci sono molti prodotti biologici usati per il trattamento delle acque reflue. Si tratta di consorzi di microrganismi, isolati dal metodo delle colture di arricchimento, solitamente dal fango attivo di aerotank degli impianti di trattamento delle acque reflue urbane. Sono utilizzati per il trattamento delle acque reflue di importanza locale, ad esempio in villaggi, insediamenti di cottage e cottage, piccoli insediamenti di tipo urbano, mini-piante, ecc. I preparati biologici contenenti un numero organico di specie microbiche sono inferiori ai fanghi attivi freschi nello spettro delle sostanze decomposte. Tuttavia, contengono ceppi a rapida crescita che iniziano la decomposizione di inquinanti organici. In un processo non sterile vengono anche sviluppati microrganismi contenenti rifiuti e i collegamenti mancanti sono inclusi nella comunità microbica.

L'effetto dei microrganismi dei prodotti biologici è che durante la loro vita producono enzimi in grado di abbattere i grassi, le proteine ​​e altre sostanze complesse di origine organica in sostanze organiche più semplici che facilmente si decompongono in anidride carbonica e semplici composti dell'azoto. Dopo aver aggiunto il farmaco aumenta la concentrazione di microrganismi e quindi il grado di purificazione. Le cellule microbiche sono talvolta immobilizzate su un veicolo solido disperso, che può fungere da fonte aggiuntiva di azoto e fosforo [5]. I preparati contengono associazioni di 6-12 ceppi di microrganismi aerobici e facoltativamente anaerobici, che forniscono una purificazione completa delle acque reflue da contaminanti organici: grassi, proteine, carboidrati complessi e persino (specializzati) dai prodotti petroliferi. Come nutrienti, le biopreparazioni contengono sali di azoto e fosforo, che stimolano la crescita di microrganismi e la produzione di lipolitici, amilazolitici, carboidrasi e altri enzimi da parte di microrganismi, che facilitano il più possibile la decomposizione della materia organica. Bioattivatori simili, ma con una composizione leggermente diversa, sono anche usati nella produzione di compost, in bio-toilette, ecc.

4. Applicazione pratica industriale degli sviluppi

Lo sviluppo progressivo di metodi di trattamento biologico naturale sono costruzioni bioingegneristiche come il bioplato. Per la pulizia e il trattamento terziario delle acque reflue delle aree popolate, possono essere utilizzate costruzioni come infiltrazioni e bioplastiche superficiali.

Una bioplastica di infiltrazione è una struttura ingegneristica, che di solito è collocata in un pozzo con una profondità fino a 2 m, in fondo alla quale è fissato uno schermo impermeabile di pellicola di plastica. Un drenaggio orizzontale e uno strato di macerie, sabbia, argilla espansa o altro materiale filtrante sono posti sulla parte superiore della gru. La superficie della struttura è piantata con canne, canne, tife e altre specie locali di vegetazione acquatica superiore al ritmo di almeno 10-12 steli per 1 - 2 m.

Secondo la tecnologia del bioplato, le comunità di microrganismi acquatici (sulla superficie del blocco) e del suolo (nello strato filtrante), la più alta vegetazione acquatica e lo strato filtrante prendono parte al trattamento delle acque.

Fig. 1 - Impianti di trattamento di tipo bioplato: A - bioplato di infiltrazione; B - bioplato superficiale: 1 - riserva idrica per la pulizia; 2 - sump; 3 - sedimento; 4 - condotta di distribuzione; 5 - schermo impermeabile; 6 - terreno vegetale; 7 - sabbia; 8 - pietrisco; 9 - drenaggio; 10 - maggiore vegetazione acquatica; 11 - pietra da taglio; 12 - acqua purificata

Il bioplato di superficie è anche posto nella fossa e ha uno schermo impervio. Il ruolo del drenaggio è svolto dalla brutta copia di pietra, al posto dello strato filtrante, viene posato il terreno dello scavo, la cui superficie è piantata con una vegetazione acquatica più elevata. Una maggiore vegetazione acquatica, oltre alla funzione di pulizia, fornisce una maggiore traspirazione (evaporazione) del fluido purificato nel periodo estivo di circa il 10-15%. Le proprietà di traspirazione di una vegetazione acquatica più elevata possono anche essere utilizzate per accelerare l'essiccazione dei letti dei fanghi, aumentando il rendimento e l'efficienza di pulizia dei campi di filtrazione [6].

Gli impianti di trattamento secondo la tecnologia del bioplato consistono, di regola, in diversi blocchi situati in una cascata, con il blocco del bioplato di superficie che è terminale. Un'area paludosa (bioplato di superficie naturale) con la presenza di sufficienti boschetti di vegetazione acquatica più elevata può essere inclusa come parte della struttura della struttura del bioplato. Il blocco iniziale della struttura è un serbatoio di sedimentazione, dove vengono rimosse grandi inclusioni e sostanze sospese.

Secondo la tecnologia del bioplato, il trattamento delle acque reflue domestiche secondo BOD è fino a 5-10 mg / l, e fino a 8-12 mg / l per le sostanze sospese e la presenza di sostanze sospese è principalmente associata alla loro rimozione dallo strato filtrante. Il contenuto di composti di azoto e fosforo diminuisce significativamente (del 40-70%). Convenientemente posizionati sul terreno, le strutture bioplatiche non richiedono l'uso di elettricità, prodotti chimici e garantiscono un funzionamento affidabile sia in estate che in inverno. Per il trattamento delle acque reflue industriali che utilizzano la tecnologia del bioplato, è necessario pretrattarle in base alle caratteristiche della loro composizione e proprietà.

5. Prospettive per lo sviluppo di tecnologie e attrezzature per il trattamento delle acque reflue

La questione dell'adozione di misure per il trattamento delle acque reflue è sorto in tempi relativamente recenti, se consideriamo il tempo trascorso nella storia della formazione dell'industria nello sviluppo dell'umanità. Da quando la manifattura industriale ha iniziato ad apparire, le persone sono state più preoccupate per l'aumento della produzione, l'aggiornamento della gamma di prodotti, il miglioramento della qualità del prodotto, ecc. Nell'era della crescita attiva dell'industria cominciò a svilupparsi e lo scarico di acque reflue e vari scarichi industriali. Di norma, in una fase iniziale dello sviluppo industriale, il principale problema dello scarico delle acque reflue era di allontanare le acque reflue dall'azienda.

Solo nei nostri tempi moderni i problemi ambientali ci hanno costretto a prestare attenzione all'inquinamento ambientale delle imprese industriali. Per combattere lo scolo, hanno prima cercato di localizzare le emissioni e di deviare i loro territori con persone scarsamente popolate. Ma i problemi di inquinamento ambientale da acque reflue industriali e rifiuti industriali non sono stati risolti.

Per risolvere il problema con gli scarichi, è stato deciso di trovare dei modi per pulirli. Ora il trattamento delle acque reflue industriali è uno dei compiti più difficili del settore. Per il trattamento delle acque reflue, gli impianti di trattamento delle acque reflue sono stati costruiti presso le imprese. Ma le prime opzioni, di regola, non hanno funzionato in modo efficace. Ora vengono migliorate le strutture di trattamento e vengono sviluppate nuove tecnologie per il trattamento delle acque reflue, tenendo conto delle norme e delle regole per gli effluenti trattati.

Semplici impianti di trattamento delle acque reflue sono serbatoi di grande volume. In questi impianti di trattamento, di norma, viene utilizzato il metodo di sedimentazione. Le sostanze pesanti sospese si depositano sul fondo dell'impianto di trattamento e l'acqua chiarificata viene scaricata sul rilievo. Questo metodo di trattamento delle acque reflue non è sufficientemente efficace, ma consente di separare grandi particelle pesanti nelle acque reflue prima del trattamento principale.

La prossima generazione di impianti di trattamento delle acque reflue si basa su apparecchiature più sofisticate ed efficienti. Di norma, come base si utilizzano gli impianti biologici di trattamento delle acque reflue. Tali impianti di trattamento delle acque reflue nel passato recente sono stati installati su tutte le imprese senza restrizioni. Ma in realtà, i metodi biologici per pulire gli effluenti delle imprese industriali non sono un modo universale per risolvere i problemi. Gli impianti di trattamento biologico, di regola, funzionano bene sulle acque reflue delle acque reflue municipali. Nell'industria, il trattamento biologico delle acque reflue non è ampiamente utilizzato. Il trattamento biologico delle acque reflue può essere utilizzato per il trattamento dei rifiuti industriali come una delle fasi di una complessa linea di processo.

I soliti impianti biologici di trattamento delle acque reflue sono stati sostituiti da nuovi metodi fisico-chimici altamente efficienti. I metodi principali possono essere suddivisi in:

· Uso di forze centrifughe

Per la sedimentazione, i serbatoi fognari vengono solitamente utilizzati per il trattamento delle acque reflue. Vengono in disegni semplici e complessi. Nel trattamento delle acque reflue industriali, il ruolo delle vasche di decantazione viene a volte eseguito dai ricercatori.

Per l'assorbimento dell'inquinamento nel trattamento delle acque vengono utilizzati vari sorbenti. La maggior parte degli assorbenti sono vari carboni attivati.

I filtri che vengono utilizzati nel trattamento delle acque, di regola, non vengono utilizzati nel trattamento delle acque reflue. Con la parola filtrazione nel trattamento delle acque reflue si intende la precipitazione e il rilascio di particelle sospese sul materiale di filtrazione. I filtri sono disponibili in vari design e modifiche e variano nel grado di automazione.

I metodi di flottazione sono ampiamente utilizzati per il trattamento di tutti i tipi di acque reflue. Sono anche usati per addensare il sedimento prima della disidratazione. I galleggianti sono anche molto efficaci per separare le sospensioni, il che non è privo di importanza per la pulizia e il riciclaggio delle acque reflue. L'uso della flottazione per il trattamento delle acque reflue provenienti dalle industrie metallurgiche e minerarie e di trasformazione consente di estrarre componenti importanti dall'effluente.

Il trattamento dei reagenti per il trattamento delle acque reflue è principalmente la coagulazione e la flocculazione. I coagulanti in combinazione con i flocculanti possono aumentare l'efficienza della cella di flottazione o dei serbatoi di sedimentazione. Se è necessario effettuare trasformazioni chimiche, vengono installati reattori speciali per rimuovere i contaminanti nell'effluente.

Gli apparati che utilizzano forze centrifughe saranno ampiamente utilizzati per rimuovere le particelle sospese dalle acque reflue, nonché per separare le sospensioni. Principalmente idrocicloni, centrifughe e vari separatori sono usati nel trattamento delle acque reflue. Il moderno trattamento delle acque reflue non può fare a meno dell'uso di questi tipi di apparecchiature.

I metodi di scambio ionico sono principalmente utilizzati per il trattamento delle acque. Ma sono anche usati nel trattamento delle acque reflue. L'uso di metodi di scambio ionico nella fase finale del trattamento delle acque reflue consente di ottenere risultati elevati.

L'obiettivo finale del trattamento delle acque reflue è la produzione di acqua depurata e rifiuti solidi. Per la disidratazione dei sedimenti pre-addensati, vengono utilizzati dispositivi speciali - disidratatori. Le modifiche dei dispositivi sono diverse a seconda delle attività. Pratica ogni linea tecnologica di impianti di trattamento si conclude con questo tipo di attrezzatura.

I metodi a membrana, che hanno trovato relativamente recente la loro applicazione per il trattamento delle acque, hanno iniziato a essere introdotti nel trattamento delle acque reflue. Attualmente, questi metodi ti consentono di risolvere problemi che in precedenza non potevano essere risolti. Ci sono sempre più impianti di trattamento delle acque reflue che utilizzano metodi a membrana.

La principale prospettiva per lo sviluppo del trattamento delle acque reflue, comprese le acque reflue industriali, è l'uso reciproco di metodi fisico-chimici e biologici. Solo un approccio competente e altamente qualificato può risolvere problemi come il trattamento delle acque reflue. Le nuove imprese industriali vengono progettate con le attrezzature per il trattamento delle acque reflue. La tendenza dell'emergere di nuove regole e regolamenti per le imprese nel settore dello scarico delle acque reflue è strettamente correlata all'emergere di nuove soluzioni e attrezzature tecnologiche. Questo collegamento aiuterà in futuro a organizzare correttamente lo smaltimento e il trattamento delle acque reflue industriali.

La protezione delle risorse idriche dall'esaurimento e dall'inquinamento e il loro uso razionale per i bisogni dell'economia nazionale è uno dei problemi più importanti che richiedono soluzioni urgenti. Le misure di protezione ambientale vengono ampiamente applicate in Russia, in particolare nel trattamento delle acque reflue industriali.

Una delle principali aree di lavoro per la protezione delle risorse idriche è l'introduzione di nuovi processi tecnologici di produzione, il passaggio a cicli chiusi (senza scarico) di approvvigionamento idrico, dove le acque reflue trattate non vengono scaricate, ma riutilizzate nei processi tecnologici. I cicli chiusi di approvvigionamento idrico industriale consentiranno di eliminare completamente i liquami scaricati nei corpi idrici superficiali e di utilizzare acqua fresca per ricostituire le perdite irrecuperabili.

Nell'industria chimica è prevista una più ampia introduzione di processi tecnologici a basso spreco e non rifiuti con il massimo effetto ecologico.

Molta attenzione è dedicata al miglioramento dell'efficienza del trattamento delle acque reflue industriali. È possibile ridurre significativamente la contaminazione delle acque scaricate da un'impresa estraendo preziose impurità dalle acque reflue, la complessità di risolvere questi problemi nell'industria chimica consiste nella diversità dei processi tecnologici e dei prodotti ottenuti.

Va anche notato che la principale quantità di acqua nel settore è spesa per il raffreddamento. La transizione dal raffreddamento ad acqua al raffreddamento ad aria ridurrà del 70-90% il consumo di acqua in vari settori. A questo proposito, lo sviluppo e l'implementazione delle attrezzature più recenti che utilizzano la quantità minima di acqua per il raffreddamento sono estremamente importanti.

L'introduzione di metodi di trattamento delle acque reflue altamente efficienti, in particolare di quelli fisico-chimici, tra cui uno dei più efficaci è l'uso di reagenti, può avere un impatto significativo sull'aumento della circolazione dell'acqua. L'uso di un metodo di reagente per la depurazione delle acque reflue industriali non dipende dalla tossicità delle impurità presenti, che è significativa rispetto al metodo di trattamento biochimico. Una più ampia introduzione di questo metodo, sia in combinazione con il trattamento biochimico, sia separatamente, può in una certa misura risolvere una serie di problemi associati al trattamento delle acque reflue industriali.

1. Roy G.A. Impianto di depurazione Protezione ambientale - M.: Nedra, 1993.

2. Trocheshnikov N.S., Rodionov A.I., Keltsev I.V., "Tecnica di protezione ambientale", libro di testo per le università. - M.: Chimica, 1981.

3. Yuriev B.T. "Trattamento delle acque reflue di piccoli oggetti". Riga, Avots, 1983.

4. Uso integrato e protezione delle risorse idriche. A cura di O.A. Yushmanova M.: Agropromizdat 1985.

5. Evilovich A.Z. Utilizzo dei fanghi di depurazione. M.: Stroyizdat 1989.

6. Protezione delle acque reflue industriali e smaltimento dei fanghi. A cura di V.N. Sokolova M.: Stroiizdat 1992.